Come Insegnare al Tuo Gatto a Usare il WC

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

Insegnare al micio a usare il WC comporta molti benefici. Ti permette di eliminare i cattivi odori della lettiera e riduce il tuo carico di lavoro. Il processo di addestramento richiede tempo, educazione e pazienza. Segui le istruzioni alla lettera e sii pronto a gestire eventuali battute d'arresto.

Parte 1 di 3:
Preparare il Processo di Transizione

  1. 1
    Allestisci il bagno dedicato al micio. Se hai deciso di insegnargli a usare il water, allora per prima cosa devi preparare un bagno per lui. Scegli quello della tua abitazione che offre al gatto un facile accesso. Sposta la sua lettiera in quella stanza e mettila vicino al WC.
  2. 2
    Riunisci tutto l'occorrente. Avrai bisogno di diverso materiale per addestrare il micio. Il tuo scopo è quello di portarlo gradatamente ad abbandonare la lettiera per usare un vasino e infine il WC.
    • Un vasino per gatti in realtà è un "riduttore" che si mette sopra la tazza del water. Al centro c'è una depressione in cui devi mettere della lettiera che potrà essere scaricata nel water. Man mano che l'addestramento progredisce, taglierai dei fori sempre più grandi nel vasino finché il gatto non si sarà abituato a fare i bisognini direttamente nel WC piuttosto che nella lettiera. Puoi realizzare questo dispositivo in modo artigianale oppure comprarne uno.
    • Esistono diversi produttori di vasini per gatti. Alcuni modelli sono dotati di diversi vassoi di vari colori che devono essere usati in fasi differenti del processo di addestramento. Man mano che il micio fa progressi, puoi passare al vassoio di dimensioni minori. Alla fine il tuo amico peloso sarà capace di evacuare direttamente nella tazza e potrai togliere il vassoio. Questo genere di vasini è molto comodo ma piuttosto costoso, in genere viene venduto a 35-45 euro.
    • Se preferisci risparmiare del denaro, allora puoi realizzarne uno tu stesso. Avrai bisogno di nastro adesivo resistente, un telo di plastica o pellicola trasparente da cucina e una teglia monouso di alluminio di 32 x 25 x 7,5 cm.
  3. 3
    Impara a realizzare la struttura. Se hai deciso di costruire da solo il vasino, sappi che il processo è piuttosto semplice. Prima di iniziare l'addestramento per passare dalla lettiera al WC, devi sapere come costruire questo dispositivo.
    • Metti la teglia di alluminio sopra il bordo del WC e fissala con del nastro adesivo.
    • Se la teglia non è abbastanza grande per incastrarsi nella tazza, riempi le fessure con della pellicola trasparente.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Iniziare l'Addestramento

  1. 1
    Solleva gradatamente la lettiera nell'arco di una settimana. Per insegnare al gatto a passare dalla sua cassetta al water, devi sollevarla fino al livello della seduta del WC. Alla fine il micio imparerà a saltare sulla tazza quando dovrà fare i propri bisogni. Usa una pila di giornali, di cartone o di vecchie riviste per sollevare la lettiera di 7,5 cm al giorno, finché non arriva all'altezza della seduta del sanitario.
  2. 2
    Metti la lettiera sopra il WC. Quando l'hai portata a questa altezza, trasferiscila direttamente sulla tazza e lasciala lì per qualche giorno. Questo è il tempo necessario affinché il gatto si senta a proprio agio per evacuare nel water.
  3. 3
    Sostituisci la lettiera con il vasino per gatti riempito di lettiera che può essere scaricata nel WC. Quando il micio ha imparato a usare la lettiera sopra la tazza senza alcun incidente, allora puoi passare al vasino. Bloccalo in modo sicuro al sanitario.
    • Se hai deciso di usare un vasino con diversi vassoi, allora inizia da quello più piccolo. Questo non ha fori e devi solo riempirlo con la sabbia per mici.
    • Se stai usando la teglia monouso di alluminio, inseriscila semplicemente nel WC e riempila di sabbia. Non praticare alcun foro per il momento.
  4. 4
    Insegna lentamente al gatto a fare i suoi bisogni nella tazza. Concedigli qualche giorno per abituarsi a usare il vasino; quando riesce a farlo senza "incidenti", allora è giunto il momento di passare alla fase successiva.
    • Se stai usando un vasino commerciale, sostituisci il vassoio con quello via via più grande. I vassoio hanno dei piccoli fori sul fondo che diventano più grandi man mano che il micio fa progressi.
    • Se stai usando la teglia di alluminio, fai un buco sul fondo con un cacciavite e allargalo ogni giorno sempre di più.
    • Con il tempo, diminuisci anche la quantità di lettiera. Ogni volta che il gatto usa il vasino, sostituisci la lettiera riducendone la quantità.
  5. 5
    Togli il vasino. Dopo circa due settimane, durante le quali hai aumentato gradatamente il foro del vasino, puoi provare a togliere del tutto il dispositivo. A questo punto il micio dovrebbe essere in grado e a suo agio nell'usare il water al posto della lettiera.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prendere delle Precauzioni

  1. 1
    Valuta se questo genere di addestramento è adatto al tuo amico peloso. Si tratta di un'abilità che non tutti i mici riescono ad acquisire. Se tu e l'animale non avete la giusta mentalità, allora vale la pena limitarsi alla tradizionale lettiera.
    • Se il micio è molto giovane, ha meno di sei mesi, oppure ha dei problemi con la lettiera, allora non è il caso di addestrarlo al WC. Gli esemplari adulti che sanno utilizzare perfettamente la lettiera sono i migliori canditati a questo tipo di addestramento.
    • I gatti molto vivaci potrebbero avere qualche problema. Quelli più timidi preferiscono nascondere le proprie feci e urina per proteggersi dai potenziali predatori.
    • Per addestrare un felino a usare il WC serve tempo, organizzazione e impegno. Se, in genere, non sei una persona organizzata o sei molto occupato, allora continua a fargli usare la lettiera.
  2. 2
    Tieni in considerazione gli svantaggi di questo tipo di addestramento. Molti veterinari lo sconsigliano; devi informarti sugli aspetti negativi, in modo da prendere una decisione consapevole su ciò che è meglio per te e per il tuo amico felino.
    • Per prima cosa, l'uso del WC va contro gli istinti naturali del gatto. I mici hanno la tendenza a scavare e nascondere i loro escrementi. L'utilizzo di un water impedisce loro di comportarsi in questo modo e potrebbe stressarli. Non dovresti far usare il bagno al gatto, se questo gli crea disagio, perché potrebbero esserci ripercussioni sul suo comportamento e sulla sua salute.
    • Il coperchio del WC deve essere costantemente sollevato. Se tu o un tuo ospite lo chiudete inavvertitamente, allora il gatto farà i suoi bisogni da qualche altra parte.
    • I mici anziani o con problemi articolari hanno difficoltà a raggiungere la tazza del water e a mantenersi in equilibrio sul bordo. In questo caso c'è un grave rischio di infortunio.
  3. 3
    Preparati a degli intoppi lungo il percorso di addestramento. Durante questo processo, anche se condotto nel migliore dei modi, si manifestano spesso delle battute d'arresto. L'animale potrebbe non fare progressi, rifiutarsi di passare alla fase successiva o fare i propri bisogni altrove. Se questo dovesse accadere, fai un passo indietro nel programma di addestramento e osserva se questa soluzione è d'aiuto. Dovresti anche avere molti prodotti e strumenti di pulizia a portata di mano mentre insegni al micio a usare il WC. Con ogni probabilità ci sarà almeno un incidente di percorso.
    Pubblicità

Consigli

  • Non rimproverare mai il gatto per avere sporcato fuori dalla lettiera o dal WC. I gatti non imparano dai rimproveri e potrebbero comportarsi male quando vengono sgridati.
  • Informa gli amici che vengono spesso a casa tua che stai addestrando il micio a usare il WC. Ricordati di dire loro di lasciare il coperchio del water sollevato.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non cercare mai di addestrare un cucciolo a usare il WC, potrebbe affogare se cadesse nella tazza.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Veterinaria
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale.
Categorie: Gatti

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità