Come Installare un Acquario d'Acqua Dolce Tropicale

Gli acquari rappresentano una deliziosa aggiunta per qualsiasi ambiente in quanto creano un vivace punto focale e una fonte di colore e intrattenimento. Leggi di seguito per conoscere i passaggi necessari per installare un acquario tropicale. Sarai entusiasta sia della procedura che del risultato finale e avrai un “mondo acquatico” tutto per te.

PassaggiModifica

  1. 1
    Prima di acquistare un acquario, scegli il luogo in cui collocarlo. Ricorda che qualsiasi collocazione scelga, dovrà essere adatta a sopportare il peso dell’acquario.
  2. 2
    Considera sempre la temperatura del luogo.
  3. 3
    Installa il tuo acquario. Posizionalo saldamente nella sua nuova casa e, se possibile, verifica che sia a livello. Ricorda che, salvo non si tratti di una vasca molto piccola, una volta che sarà piena non dovrai mai e poi mai tentare di spostarla. Spostare un acquario pieno d’acqua può comportare dei veri disastri.
  4. 4
    Risciacqua la ghiaia/strato di base. Se intendi utilizzare piante vere, ricordati di scegliere lo strato di base migliore. Tieni a mente che alcuni pesci necessitano determinati tipi di ghiaia/strato di base. Ti serviranno all’incirca 250 g di ghiaia per ogni litro della vasca (secondo la sistemazione). È importante avere una quantità di ghiaia abbondante in quanto è lì che si formano colonie di batteri. Prima di predisporla nella vasca, dovrai risciacquare bene la ghiaia al fine di rimuovere la polvere e la sporcizia che si saranno accumulate per via dello spostamento. Se utilizzi un sistema di filtrazione sotto-ghiaia, installalo ora. Dosa lentamente la ghiaia nella vasca in modo da non danneggiare o graffiare il vetro. In genere è meglio creare con la ghiaia una lieve pendenza: più profonda sul retro e più superficiale nella parte anteriore.
  5. 5
    È l’ora dell’acqua! Colloca un piattino pulito sul fondo di ghiaia dell’acquario e versa l’acqua su di esso per evitare di smuoverla. Se sei un appassionato di acquari neofita, sarà più facile utilizzare l’acqua del rubinetto.
  6. 6
    Aggiungi il declorinatore. (Un liquido che renderà l’acqua del rubinetto adatta alla vita dei pesci, rimuovendone il cloro. Le marche migliori vantano la capacità di rimuovere cloro, ammonica e nitriti.) Assicurati di seguire le istruzioni sulla confezione.
  7. 7
    Aggiungi le decorazioni. Ricorda di usare solo decorazioni adeguate per acquari di acqua dolce. Infatti, non tutte i tipi di pietre/sassi sono adatti per questo tipo di acquario; fai una ricerca o chiedi consiglio al tuo rivenditore di acquari di fiducia. Tieni in considerazione le specie che andrai a inserire; le decorazioni per un acquario con ciclidi dei laghi africani saranno differenti da quelle per un acquario in cui saranno inseriti dei pesci rossi, ad esempio.
  8. 8
    Colloca il filtro. I filtri sono tutti diversi tra loro quindi assicurati di seguire le istruzioni. Una volta che sarà agganciato adeguatamente, puoi collegarlo a una presa di corrente per verificare che funzioni correttamente. Se stai usando un filtro a contenitore, considera la possibilità di allegare la “barra irroratrice” in modo che agiti (creando increspature) la superficie dell’acqua. Tale dispositivo sarà utile per disciogliere l’ossigeno per i tuoi pesci. Tutti gli altri tipi di filtri invece, agitano normalmente l’acqua.
  9. 9
    Posiziona il riscaldatore nella vasca. Segui le istruzioni con attenzione! Alcuni riscaldatori sono completamente immergibili, altri invece no. Attendi almeno 30 minuti prima di attaccare la presa al riscaldatore! Se non lo fai, rischi di danneggiare il riscaldatore per via dello sbalzo termico. Imposta il riscaldatore alla temperatura adeguata. Quest’operazione potrebbe richiedere un po’ di attenzione secondo il modello di riscaldatore.
  10. 10
    Posiziona il termometro dentro o sulla vasca. Idealmente, gran parte dei pesci tropicali di acqua dolce gradisce una temperatura costante compresa tra i 24°C ed i 28°C. Effettua delle ricerche sulle specie che vuoi inserire per saperne di più sui requisiti di temperatura specifici.
  11. 11
    Posiziona il coperchio e l’illuminazione sulla vasca. Nota che gran parte delle illuminazioni è funzionale per qualsiasi specie deciderai di inserire, tuttavia dovresti fare delle ulteriori ricerche per quanto riguarda le piante. Le piante naturali spesso richiedono un’illuminazione più che standard. Alcuni esperti di acquari ritengono che collegare la luce a un timer abbia effetti benefici.
  12. 12
    Assicurati che tutti i cavi siano dotati di circuito di gocciolamento. Un circuito di gocciolamento consiste nel formare una sorta di U con il cavo per far sì che le gocce d’acqua cadano sul pavimento invece di entrare nella presa elettrica!
  13. 13
    Controlla l’acqua. Effettua il test del pH, della durezza carbonatica (KH), della durezza totale (GH), dei nitriti, dei nitrati e dell’ammoniaca. Non deve esserci alcuna traccia di ammoniaca, nitriti o nitrati, a meno che l’acqua del tuo rubinetto non ne contenga. Il carbonato di calcio (durezza) è collegato al pH. Se hai un’acqua dolce (in questo caso è il contrario di dura), il pH della tua vasca può diventare instabile. In tal caso aggiungi un sale stabilizzante e del KH in polvere alla vasca, per evitare una precipitazione del pH. Gran parte dei pesci d’acqua dolce è in grado di vivere a pH che vanno da 6,5 a 8,0. Il pH neutro è pari a 7,0 ed è quello preferito dalla maggioranza dei pesci. Chiedi al tuo rivenditore di fiducia di testare il pH dell’acqua del tuo rubinetto. Se i valori ottenuti sono superiori o inferiori a quelli opportuni, chiedi consiglio allo staff del negozio del punto vendita specializzato in cui ti rechi di solito.
  14. 14
    Siediti e rilassati. Prendi un libro o naviga su Internet per decidere quale tipo di pesci preferisci. Dovrai aspettare almeno 48 ore prima di inserire il tuo primo pesce. Introdurre troppi pesci tutti insieme è di solito l’errore peggiore commesso dai principianti e spesso conduce a un totale fallimento.
  15. 15
    Aggiungi i pesci e comprendi il tuo nuovo acquario. Aggiungere i pesci è la parte più emozionante nell’installazione di un acquario! Purtroppo però, è anche la parte in cui si commettono più errori. Seguendo questi passaggi, eviterai il colpo al cuore che potresti avere trovando tutti i tuoi pesci morti:
    • Avvia il tuo acquario per 48 ore senza che vi sia nulla all’interno. In questo modo favorirai la stabilizzazione della temperatura e ti assicurerai che i parametri siani sicuri, apportando le ultime migliorie all’installazione.
    • Se hai intenzione di usare delle piante vere, inseriscile pure. Favoriranno l’avvio del processo biologico necessario per la vita dei pesci nella vasca.
    • Cerca di comprendere che il tuo acquario non è soltanto una gabbia “d’oro” per i tuoi pesci ma rappresenta un intero ecosistema. Il pesce produce molta ammoniaca al momento dell’eliminazione delle sostanze di rifiuto e con la respirazione. Ecco a cosa serve il filtro, ci sei? Beh, sì e no. Il filtro funziona adeguatamente solo quando è ricco di batteri nitrificanti. Si tratta dei batteri “buoni” necessari per la vita dei pesci. Senza tali batteri, l’ammoniaca prodotta dai pesci resta nell’acqua e li avvelena. Il tuo nuovo acquario, essendo pulito e appena assemblato, non contiene questi batteri. Se inserisci un gruppo di pesci senza che i batteri prolifichino nella vasca, li stai condannando a morte. Questi batteri impiegano dalle 2 alle 6 settimane per stabilirsi! Quindi cosa fare? Ci sono diversi metodi per far riprodurre i batteri in un acquario... quindi, avvia il sistema.
    • Se conosci qualcuno che possiede un acquario con pesci sani da più di due mesi, puoi prendere in prestito qualche mezzo filtrante usato. Mantieni il mezzo filtrante bagnato e aggiungilo alla vasca (terrà in vita quei batteri buoni!). I batteri buoni avranno una spinta per iniziare a popolare la tua vasca. Se non hai amici che posseggono un acquario puoi acquistare batteri vivi in diverse forme dal tue rivenditore di fiducia.
  16. 16
    Aggiungi i pesci lentamente. Se possibile, non aggiungere più di 1 o 2 piccoli pesci ogni 40 litri. Per la prima settimana nutrili con moderazione (e a piccole dosi) ogni giorno. Non è una questione di crudeltà: ricorda che una sovra nutrizione potrebbe ucciderli in questa fase. Se possiedi il tuo kit per testare l’acqua, fallo giornalmente, facendo attenzione soprattutto ai livelli dell’ammoniaca e dei nitriti. Se noti che in un qualsiasi momento l’ammonica o i nitriti aumentano a livelli di pericolo, effettua una cambio del 20-30% dell’acqua. In questa fase, non rimuovere mai più del 30% dell’acqua o rischierai di uccidere i tuoi batteri e rimpiazzala sempre con acqua declorata. Dopo una settimana le condizioni dovrebbero essere adatte per aggiungere qualche altro pesce e ripetere il processo. Se non si presentano problemi, dovresti avere un acquario stabile nel giro di 4-6 settimane. Una volta che la tua vasca è pronta, puoi nutrire i pesci regolarmente e aggiungerne altri. Ricorda: aggiunge una gran quantità di pesci in una sola volta può creare uno squilibrio temporaneo nel tuo acquario, quindi fai attenzione. Ricorda inoltre che la tua vasca può ospitare un numero di pesci limitato secondo il suo litraggio. Tale numero dipende dalle dimensioni dei pesci e dalle loro abitudini alimentari.
    Advertisement

ConsigliModifica

  • Prima di acquistare i pesci – EFFETTUA una ricerca sulle specie che desideri inserire nel tuo acquario. Non agire mai d’impulso ma fai sempre delle ricerche adeguate così da evitare di acquistare un animale che non è adatto per te.
  • Quando acquisti i pesci, devi fornire loro una vasca che sarà abbastanza grande anche quando diventeranno adulti.
  • Non dimenticare di continuare ad aggiungere settimanalmente i batteri all’acquario.
  • Più la vasca è grande, più sarà semplice mantenerne la stabilità. Ti renderai conto che le condizioni chimiche dell’acqua in una vasca grande sono più semplici da creare che non in una vasca più piccola. Le vasche con capacità inferiore ai 40 litri risultano più complicate da mantenere, soprattutto per i principianti. Se sei un neofita considera di procurarti una vasca di almeno 20 litri, a meno che non intenda collocarvi un pesce siamese combattente.
  • Non dimenticare che stai portando a casa tua degli animali e che è ingiusto fare economia sulle loro necessità. Assicurati di possedere le finanze, e il tempo, da dedicare a un acquario.
  • Prima di inserire nell’acquario elementi ornamentali come ghiaia e legno, assicurati di averli lavati minuziosamente.
  • I pesci siamesi combattenti possono vivere anche in comunità ma devi effettuare delle ricerche in merito alle specie che possono convivere.
  • Quando aggiungi un pesce come il pesce combattente (betta splendens) evita di inserirlo in una comunità perché gli altri pesci possono mordere le loro pinne e combattono con i ciclidi e con gli altri labirintidi.
  • I classici acquari con i pesci rossi possono essere considerati crudeli. Il pesce rosso raggiunge una lunghezza minima di 20 centimetri e può vivere fino a quindici anni. Per questo, anche loro hanno bisogno di un acquario filtrato. I pesci rossi non sono del tutto adatti per i principianti! Per un pesce rosso ci vuole una vasca da 80 litri circa e dovrai aggiungere 40 litri per ogni pesce rosso aggiuntivo.
Advertisement

AvvertenzeModifica

  • Non credere a tutto quel che ti dicono i rivenditori di pesci. Negli Stati Uniti puoi ritenerti fortunato se hai un rivenditore di acquari vicino casa che conosci, perché in molti casi è difficile da trovare. Nel Regno Unito la situazione è leggermente migliore ma sebbene ti trovi in un negozio con una buona reputazione, fai comunque attenzione e non dimenticare di fare sempre le tue ricerche!
Advertisement

Cose che ti ServirannoModifica

  • Un acquario
  • Un riscaldatore (o più di uno, a seconda delle dimensioni della vasca).
  • Un filtro (o più di uno, a seconda delle dimensioni della vasca).
  • Circa 250 g di strato di base (ghiaia) per litro d’acqua.
  • Un termometro da vasca
  • Un kit per il test dell’acqua (ammoniaca, pH, durezza, nitriti e nitrati)
  • Coperchio vasca e luce
  • Declorinatore per acqua/stabilizzatore
  • Pazienza

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 28 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Hobby & Fai da Te | Pesci

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement