Come Installare un Punto Luce

Scritto in collaborazione con: Jeff Huynh

Installare un nuovo punto luce richiede un'attenta progettazione e una grande precisione nei dettagli. Non c'è margine di errore quando si tratta di cablaggi elettrici, il che significa che devi organizzare minuziosamente il lavoro e conoscere i regolamenti edili in merito, così che il tuo impianto sia sempre a norma. Puoi imparare a pianificare l'installazione e a metterla in opera a casa tua, continua a leggere.

Parte 1 di 2:
Progettazione

  1. 1
    Verifica le leggi in merito agli impianti elettrici in vigore nel tuo Comune e fissa una ispezione con i periti. Quando si tratta di progetti edili ad uso residenziale, sono richiesti molti permessi e diverse ispezioni, soprattutto quando si lavora sull'impianto elettrico. Per essere certo di rispettare le norme, devi rivolgerti all'Ufficio Tecnico del Comune e richiedere:
    • Un'ispezione preventiva per ottenere i permessi.
    • Un'ispezione in corso d'opera.
    • Un'ispezione e collaudo finale.
    • Anche se non stai facendo tutto da solo e ti stai affidando a un elettricista, sappi che sono sempre necessarie delle ispezioni, per lo meno quelle in corso d'opera e il collaudo finale (per esempio per le pompe del pozzo o delle caldaie esterne).
  2. 2
    Decidi quale tipo di punto luce è più adatto alla stanza che vuoi illuminare. Ovviamente non vorrai che la camera da letto dei bambini abbia le stesse luci di una officina o che il salotto sia illuminato come la cucina. Pensa all'utilizzo che farai della stanza per capire come intervenire. Sarà dedicata al relax e alla lettura? Allora un'applique o un altro tipo di punto luce da parete dovrebbe essere appropriato.
    • Nella maggior parte dei casi, la scelta del punto di installazione è limitata a pochi posti. Solitamente si pensa al soffitto, alle pareti o a una piantana.
  3. 3
    Decidi che tipo di lampadina verrà installata nel punto luce. Le più comuni sono quelle a incandescenza, fluorescenti o alogene; ognuna di esse ha il proprio colore o tono. I toni delle lampadine sono espressi come la temperatura, in gradi Kelvin. I toni caldi hanno una bassa temperatura (2000 K) mentre quelli più freddi hanno una temperatura alta (8300 K).
    • Se vuoi conferire un'atmosfera calda e intima alla stanza, scegli un tono caldo e bianco. Una lampadina intorno ai 2700 K dovrebbe essere appropriata.
    • Se la stanza è ad uso lavorativo, allora è meglio una lampada bianca fredda oppure a luce naturale. La temperatura in tal caso si aggira intorno ai 4000 K.
    • Quando devi cambiare la lampadina, accertati di procurarti un ricambio con la stessa temperatura, altrimenti la stanza sembrerà più calda o più fredda. La differenza si noterà ancora di più se nell'ambiente sono presenti altri punti luce.
  4. 4
    Scegli il voltaggio e il fabbisogno energetico del punto luce. Questo deve funzionare con un voltaggio disponibile (o che si può ottenere) nel punto di installazione. Quasi tutti i punti luce che si trovano in vendita nei negozi specializzati sono a 230 volt, o prevedono la possibilità di scegliere tra due o più voltaggi collegando due o più fili elettrici e lasciando staccati gli altri.
    • Il fabbisogno energetico (ampere o amperaggio) di un punto luce a 120 volt a incandescenza (includendo quindi le lampadine al tungsteno, al quarzo e quelle alogene) è pari a 0,83 ampere ogni 100 watt. Di solito si può aggiungere un punto luce da 100 watt a un impianto preesistente senza causare danni. La maggior parte dei punti luce riporta sulla confezione la potenza elettrica o l'amperaggio necessario per evitare sovraccarichi al circuito.
  5. 5
    Individua una fonte di corrente elettrica adeguata. Trova nelle vicinanze una presa o una scatola elettrica di un altro punto luce dal quale puoi tracciare una derivazione. Se non c'è alcuna fonte adatta, dovrai tendere un nuovo cavo dal quadro elettrico.
    • È importante trovare una fonte nelle vicinanze. È molto improbabile che tu possa utilizzare come origine una presa del seminterrato per alimentare un interruttore al terzo piano che a sua volta gestisce il punto luce sul vialetto. Richiederebbe un sacco di cavi.
  6. 6
    Progetta il percorso dei cavi elettrici. Esistono almeno 3 possibili modi di cablare questo tipo di circuito: alimentazione all'interruttore, al punto luce e al punto di carico dello stesso interruttore. I tre punti, sorgente, interruttore e punto luce, quando c'è un solo interruttore che comanda il punto luce, devono essere collegati tra loro con un semplice cavo Romex a due vie.
    • Se devi cablare diversi interruttori a diversi punti luce, è importante separare i sistemi. I punti luce devono essere collegati tra loro con un cavo a due vie, gli interruttori devono essere collegati tra loro con un cavo a tre vie.
    • L'alimentazione elettrica può essere portata con un cavo a due vie sia alle scatole degli interruttori a tre vie, che a una qualsiasi delle scatole dei punti luce. Anche il cavo tra l'interruttore e il punto luce dovrà essere a due vie, ma potrà derivare anche da una scatola a tre vie e diretto alla scatola del punto luce. Non discostarti da queste indicazioni.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Installazione

  1. 1
    Ricava le tracce sulle pareti e sul soffitto per potere inserire le scatole degli interruttori e del punto luce. Fai attenzione a montare la scatola dell'interruttore alla stessa altezza degli altri interruttori già presenti.
    • Se il punto luce va installato al soffitto, la relativa scatola dovrà essere di tipo ottagonale da 10 cm. È importante notare che anche se hai in mente di installare un punto luce più piccolo, è preferibile montare una scatola omologata per ventilatore, dal momento che in futuro potresti voler installare anche un ventilatore a pale.
    • Se installi dei punti luce da incasso non è necessaria la scatola, dal momento che con la lampada viene fornito anche un alloggiamento per il cablaggio.Per tracciare il foro da praticare sul soffitto si usa la mascherina che gran parte dei produttori fornisce con la lampada, o altrimenti tracciando a grandi linee la sagoma dell'apertura dell'alloggiamento.
    Jeff Huynh

    Jeff Huynh

    General Manager di Handyman Rescue Team
    Jeff Huynh è il General Manager di Handyman Rescue Team, che offre soluzioni di servizio complete per lavori in casa, ristrutturazioni e riparazioni nell'area metropolitana di Seattle. Lavora come tuttofare da più di 5 anni e possiede certificazioni in tecnologia elettronica.
    Jeff Huynh
    Jeff Huynh
    General Manager di Handyman Rescue Team

    Non correre rischi quando stai lavorando con l'elettricità. Jeff Huynh, direttore generale di Handyman Rescue Team, afferma: "La prima cosa da fare quando si installa una luce è eliminare l'alimentazione. Spegni l'interruttore ma anche il commando generale nel pannello. Se non sei sicuro di quale interruttore spenga l'alimentazione a quella stanza, spegni l'intero pannello".

  2. 2
    Installa i cavi elettrici. Fai passare il cavo Romex (o un altro cavo che sia adeguato all'uso) dall'alimentazione elettrica alle scatole che hai montato alle pareti e sul soffitto aiutandoti con una sonda passacavi. Dopo esserti accertato che il circuito abbia un adeguato amperaggio per poter sostenere il carico aggiuntivo, con un cavo delle stesse dimensioni collega l'alimentazione elettrica all'interruttore e ai punti luce. Se colleghi un nuovo circuito direttamente al quadro generale, i cavi nuovi dovranno avere le dimensioni richieste dal relativo fusibile interruttore magnetotermico.
  3. 3
    Accertati che il tuo cablaggio rispetti le normative vigenti. Ricordati che è assolutamente necessario seguire alla lettera ogni legge quando si installano nuovi punti luce. Quando scegli i cavi per il tuo lavoro, segui queste regole:
    • Un cavo di rame con un diametro inferiore a 14 non è ammesso per l'alimentazione elettrica. I cavi di diametri inferiori (da 28 a 16) sono ammessi solo per impieghi con bassi voltaggi come per esempio i termostati, le elettrovalvole nei sistemi di riscaldamento alimentati a gas o gpl, i campanelli, i sistemi di allarme, le reti telefoniche, ecc. Questo tipo di cavi non arriva mai a un quadro elettrico.
    • A un interruttore magnetotermico o a un fusibile da 15 ampere deve essere collegato un cavo di rame con un diametro minimo di 14. Infatti un circuito a 15 ampere è progettato per sopportare continuativamente un carico fino a 12 ampere su un cavo di rame da 14. Carichi intermittenti fino a 15 ampere possono essere sopportati al massimo per alcune ore. Se il carico di un qualsiasi apparecchio o elettrodomestico è superiore a 12 ampere, è necessario un interruttore magnetotermico e i relativi cavi con una maggiore capacità.
    • A un interruttore magnetotermico o fusibile da 20 ampere andrebbe collegato un cavo di rame con diametro non inferiore a 12. Infatti un circuito a 20 ampere è progettato per sopportare continuativamente un carico fino a 16 ampere su un cavo di rame da 12. Carichi intermittenti fino a 20 ampere possono essere sopportati al massimo per alcune ore. Se il carico di un qualsiasi apparecchio o elettrodomestico è superiore a 16 ampere, è necessario un interruttore magnetotermico e i relativi cavi con una maggiore capacità.
  4. 4
    Collega tutti i terminali come mostrato nello schema che meglio rappresenta le tue necessità. Se preferisci seguire delle istruzioni dettagliate per cablare il punto luce con due interruttori a tre vie, vedi l'articolo Interruttore a Tre Vie.
    Pubblicità

Consigli

  • Fatti aiutare da un assistente.
  • Prima di aprire qualsiasi scatola elettrica o iniziare qualunque tipo di lavoro sull'impianto, ricordati sempre di staccare la corrente.
Pubblicità

Avvertenze

  • Prima di collegare i nuovi cavi a un circuito esistente, stacca l'alimentazione elettrica.


Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Una scala
  • Un seghetto da cartongesso
  • Un paio di pinze
  • Alcuni cacciaviti di diversi tipi
  • Diversi tipi di morsetti
  • Un cavo elettrico tipo "Romex"
  • Una sonda passacavi
  • Una o più scatole elettriche da incasso
  • Uno o più interruttori
  • Il punto luce
  • Delle graffette o fascette
  • Un po' di stucco o altro materiale per fare i rattoppi
  • Una rasiera/spatola da stucco
  • Un trapano e le relative punte

Informazioni su questo wikiHow

General Manager di Handyman Rescue Team
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Jeff Huynh. Jeff Huynh è il General Manager di Handyman Rescue Team, che offre soluzioni di servizio complete per lavori in casa, ristrutturazioni e riparazioni nell'area metropolitana di Seattle. Lavora come tuttofare da più di 5 anni e possiede certificazioni in tecnologia elettronica.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità