Come Leggere Una Mappa

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Se vuoi sapere come arrivare da un punto all’altro senza perderti (e il tuo GPS è rotto), non hai bisogno di chiedere la direzione: tira fuori la tua fidata (e probabilmente impolverata) mappa! Non è difficile saper leggere una mappa. I simboli, la topografia, e le direzioni richiedono un po’ di conoscenza, ma le risposte sono tutte lì! Ti mostreremo come trovare la chiave di lettura per trovare la strada!

Metodo 1 di 3:
Scegliere la Mappa giusta

  1. 1
    Scegli la mappa giusta. C'è una grande varietà di mappe disponibile, per una grande varietà d’usi.
    • Per esempio ci sono mappe stradali per chi guida su autostrade e strade provinciali.
    • Mappe turistiche per visitare un posto, con i luoghi storici più famosi o i monumenti più importanti.
    • Le mappe topografiche per gli escursionisti o le zone remote, che mostrano i percorsi e i luoghi dove campeggiare.
    • Settoriali, come le mappe per piloti, che hanno le rotte aeree; più i punti di riferimento e in evidenza gli edifici alti, che gli aeroplani dovrebbero evitare.
    • Una mappa generale online e gratuita, per alcune parti del mondo, è Google Maps. Ad ogni modo potrebbe non essere disponibile quando ne hai bisogno, perciò è importante imparare a leggere anche le mappe su carta.
    Advertisement

Metodo 2 di 3:
Capire una Mappa

  1. 1
    Controlla l’orientamento della mappa. La maggior parte delle mappe sono disegnate con il nord localizzato in alto.
    • A volte questo può essere rappresentato con una bussola. Oppure può essere semplicemente una supposizione della mappa. Se non c’è nessuna indicazione contraria, supponi che il nord sia in alto.
  2. 2
    Cerca di capire la scala della mappa. La scala mostra la proporzione tra la distanza della mappa e quella reale. Queste distanze discostano da mappa a mappa. Di solito si trova in basso e di lato nella mappa. È qualcosa del tipo 1:100,000, che denota che 1 unità della mappa equivale a 100,000 unità nella vita reale. In generale, le seguenti scale funzionano meglio nelle situazioni elencate:
    • Prendi una mappa con scala 1:25,000 per camminare.
    • 1:190,000 per guidare.
    • 1:24,000,000 per vedere il mondo intero.
    • Per calcolare quanto è distante la tua destinazione, utilizza un righello e la scala per misurare quanti km ci vogliono per andare dal punto A al punto B.
    • Per esempio se la scala della tua mappa è 1:250,000, e la distanza dal punto A al punto B è 15 cm, la distanza totale è data da 15 * 250.000 = 3.810,000 cm. Un km sono 1.609344 centimetri, perciò la distanza dal punto A al punto B è 3.810,000 ÷ 1.609,344 = 2.36 km.
  3. 3
    Presta attenzione alla latitudine e la longitudine. Se stai viaggiando nella città accanto, non è importante. Ma se vai in barca a vela, in aereo, o in tour, questa informazione può esserti utile.
    • La latitudine fa riferimento alla distanza in gradi nord o sud dall’equatore.
    • La longitudine fa riferimento alla distanza in gradi est od ovest dalla linea del Meridiano di Greenwich.
    • Ogni grado è diviso in 60 minuti, di cui ogni minuto rappresenta un miglio/km nautico (oppure 1.15 miglia terrestri/1.85 km). Questo significa che un grado equivale a 60 miglia nautiche o 69 miglia terrestri/111km.
    • La latitudine è rappresentata dai numeri al lato della mappa.
    • La longitudine è rappresentata dai numeri in cima e al fondo della mappa.
      • Il punto in cui la latitudine e la longitudine si incontrano nella tua posizione, è il tuo punto di riferimento.
      • I punti di latitudine e longitudine sono spesso usati quando non ci sono altri punti di riferimento o strade che aiutano a determinare la tua posizione.
    • Consiglio: se hai difficoltà a ricordare cosa è cosa, ricordati che le linee della longitudine sono lunghe. Il diametro delle linee longitudinali è grosso modo costante, mentre quando le linee della latitudine diventano man mano più piccole, significa che si allontanano sempre di più dall’equatore.
  4. 4
    Impara a leggere le linee di contorno. Le linee di contorno rappresentano sulla mappa, di quanto il terreno è inclinato o pianeggiante. Ogni linea rappresenta un’altezza standard dal livello del mare.
    • Quando le linee di contorno sono entrambe vicine, questo significa che la pendenza è maggiore (più sono vicine perciò, più la pendenza è ripida).
    • Quando le linee di contorno sono lontane le une dalle altre, la pendenza è ridotta; perciò più si trovano distanti, più è pianeggiante il terreno sulla mappa.
  5. 5
    Esamina la legenda. La maggior parte delle mappe hanno una legenda, o una chiave di lettura dei simboli, sulla mappa stessa. Prendi dimestichezza su come la mappa rappresenta questi simboli, perché questa è la chiave per leggere il resto della mappa. In generale le mappe si presentano così:
    • Le linee di diverse dimensioni, colore, e tipo (se interrotte o continue) disegnano le strade; dalle corsie alle autostrade, e tutto ciò che si trova all’interno.
    • Le montagne sono di colore marrone o verde, che varia a seconda dell’altezza: più scuro in basso, più chiaro o bianco in cima.
    • Fiumi, laghi, oceani, o altri corpi d’acqua, di solito sono rappresentati col colore blu.
    • Foreste, boschi, parchi, campi da golf, o grandi distese di alberi o spazi verdi, sono di solito rappresentati col colore verde.
    • I confini tra città e villaggi sono disegnati con un giallo o rosa pastello, e la forma e la nitidezza dei nomi indica la relativa popolazione e importanza.
    • Gli edifici tendono ad essere indicati col colore grigio o nero.
    Advertisement

Metodo 3 di 3:
Usare la mappa per andare da un punto all’altro

  1. 1
    Cerca di capire dove ti trovi. Hai la mappa e sei pronto a usarla. Adesso hai bisogno di capire innanzitutto dove ti trovi, prima di stabilire dove stai andando.
    • Puoi farlo comparando quello che vedi nel mondo reale, con quello che c’è sulla mappa. Le caratteristiche più comuni che ti aiutano a identificare la tua posizione sulla mappa includono: nomi delle strade, punti di riferimento, e le peculiarità naturali più evidenti, come i fiumi.
    • Se hai una bussola, allinea la mappa con la direzione mostrata dalla bussola. Oppure usa il sole o altri punti di riferimento per orientarti.
    • Un buon metodo per capire dove ti trovi, se non ne sei sicuro, è quella di trovare due punti di riferimento. Per esempio se riesci ad individuare una torre di fronte a te, e una città a 45 gradi alla tua sinistra. Cerca questi due punti sulla mappa. Allinea la mappa di modo che il punto di fronte a te è in cima alla mappa, e disegna una linea dritta, che va da quel punto in giù. Poi disegna una linea in diagonale da un punto, fino a quando questo non si interseca con il tuo primo punto di riferimento. Il punto in cui le due linee si incontrano, è più o meno la posizione in cui ti trovi. Cerca punti di riferimento più vicini per individuare la tua posizione.
  2. 2
    Trova la tua meta. Adesso è il momento di sapere dove vuoi andare.
    • Se vuoi tornare a casa da un punto all’altro, tutto ciò di cui hai bisogno è pianificare quale strada fare.
    • Se ci sono diversi posti dove vuoi andare, magari vuoi pianificare la strada in modo da visitare tutti i posti nel minore tempo possibile. Puoi farlo andando prima nei posti più vicini, e poi in quelli più lontani.
  3. 3
    Usa l’indice della mappa. Alcune mappe, come quelle della serie Thomas Guide, hanno gli indici che indicano la posizione di alcuni luoghi sulla mappa. Questa posizione può essere una griglia di numeri o pagine.
    • Prendi nota della scala della mappa, così da poter stimare la lunghezza del viaggio. Se ci metti più tempo del previsto, puoi fermarti a ricontrollare la mappa.
    • Non dimenticare di controllare la legenda della mappa, in modo da sapere cosa stai guardando.
  4. 4
    Pianifica il tragitto. Ora che sai dove andare, pianifica la strada per il primo tratto del tuo viaggio.
    • Puoi utilizzare anche una matita, se non vuoi segnare a penna la mappa.
    • Viaggia verso il punto desiderato. Segna i posti di controllo lungo la strada; se perdi una curva, potresti essere andato fuori strada senza accorgertene.
    Advertisement

Consigli

  • Cerca di rimanere sulla strada o percorso segnato. Anche se tagliando per spazi apparentemente verdi, sembra la strada più corta da percorrere, può essere altrettanto piena di ostacoli, come: recinti, muri, terreni fangosi, o vegetazione intensa.
  • Una serie di caratteristiche simili rendono difficile il percorso. Per esempio sarebbe difficile girare a New York basandosi sul nome degli edifici; o in una palude facendo riferimento ai corsi d’acqua. Cerca di fare mente locale a qualcosa di non troppo comune nella zona, per poterti orientare lungo la strada.
Advertisement

Cose Che Ti Serviranno

  • Una mappa
  • Lenti di ingrandimento (opzionali)
  • Lenti o lenti a contatto (opzionali)
  • Goniometro o bussola (opzionali)
  • Piccola corda (opzionale)

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Viaggiare
In altre lingue

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement