Come Liberare il Naso Ostruito nei Neonati

Scritto in collaborazione con: Ronn Callada, RN, MS

I neonati sono in grado di respirare solo attraverso il naso, non con la bocca; per questo motivo, quando hanno il naso chiuso, sono in uno stato davvero pessimo, dato che hanno grossi problemi a mangiare e dormire. Considerato che bimbi così piccoli non sono capaci di starnutire o soffiarsi il naso, devi trovare dei metodi alternativi per eliminare il muco dalle loro narici; ad esempio puoi provare delle gocce di soluzione salina, degli aspiratori nasali o con l'umidità.

Metodo 1 di 5:
Spray o Gocce Nasali di Soluzione Salina

  1. 1
    Scegli il tipo di soluzione salina. Sia le gocce sia gli spray si sono dimostrati efficaci per eliminare il muco, ridurre la congestione e migliorare la respirazione. La scelta deve ricadere sul prodotto che tuo figlio tollera meglio, mentre il tipo di soluzione salina dipende dalla causa originaria del naso chiuso:
    • Le soluzioni isotoniche hanno una concentrazione di sale pari a quella del sangue e delle cellule umane. Sono le migliori per i bimbi con raffreddore o riniti allergiche. Puoi acquistarle in farmacia o prepararne una mescolando 240 ml di acqua calda con 2 g di sale e un pizzico di bicarbonato di sodio.
    • Le soluzioni ipertoniche hanno una concentrazione più alta rispetto a quella media del sangue e delle cellule umane. Sono più indicate per i bimbi con una congestione nasale. Anche in questo caso, puoi recarti in farmacia oppure preparare una soluzione con 240 ml di acqua calda, 6 g di sale e un pizzico di bicarbonato di sodio.
    • Infine, le soluzioni ipotoniche hanno una concentrazione di sale inferiore rispetto a quella del sangue e delle cellule umane e non sono molto efficaci nel donare sollievo ai sintomi correlati al naso chiuso.
  2. 2
    Lavati le mani con acqua e sapone. Dovrai toccare sia il naso del bimbo che la soluzione salina quindi devi essere certo di non introdurre nuovi germi.
    • Lavati le mani con sapone e acqua per almeno 20 secondi, il tempo necessario per cantare due volte "Tanti auguri a te".
    • Se non hai modo di lavarti, puoi usare un igienizzante alcolico (almeno con il 60% di alcol) per disinfettare le mani. Se possibile, però, è sempre meglio il lavaggio.
  3. 3
    Metti il bimbo nella giusta posizione. Puoi cullarlo in braccio oppure appoggiarlo su una superficie piana; ricorda che dovrà restare in questa posizione per 5 minuti dopo aver applicato le gocce, quindi verifica che entrambi siate comodi.
  4. 4
    Somministragli la soluzione salina. Inclinagli la testa all'indietro, delicatamente ma con una certa fermezza, dato che potrebbe opporre resistenza. Mettigli la punta del contagocce o il beccuccio spray appena dentro una narice senza, però, toccare le mucose. Se stai usando un prodotto spray, fai uno o due spruzzi in ogni narice; se stai usando un contagocce, lascia cadere tre gocce in ogni narice.
  5. 5
    Tieni il bimbo in posizione orizzontale per 5 minuti. In questo modo la soluzione salina può scorrere nei passaggi nasali. Se tuo figlio inizia a tossire, aiutalo a mettersi in posizione seduta.
  6. 6
    Pulisci i residui di muco. Dopo avere usato lo spray o le gocce il bimbo potrebbe starnutire espellendo del muco, mentre altre volte questo potrebbe iniziare semplicemente a scorrere dalle narici. In entrambi i casi pulisci il naso del piccolo con un fazzoletto morbido.
  7. 7
    Ripeti la procedura, se necessario. Se non accade nulla, puoi ripetere le operazioni; una seconda applicazione, in genere, innesca una qualche reazione e dona sollievo al bambino.
  8. 8
    Pulisci la punta del contagocce o il beccuccio dello spray. Ricordati di risciacquare il dispositivo con acqua calda di rubinetto per eliminare tutti i germi.
  9. 9
    Limita questa procedura a 4 applicazioni giornaliere. Un abuso di soluzione salina può irritare le mucose nasali di tuo figlio.
    Pubblicità

Metodo 2 di 5:
Aspiratore Nasale

  1. 1
    Usa questo dispositivo in abbinamento alla soluzione salina (gocce o spray). Questa tecnica combinata si è dimostrata più efficace della sola soluzione salina o del solo aspiratore. Il liquido ammorbidisce gli accumuli di muco, mentre l'aspiratore li rimuove fisicamente.
  2. 2
    Scegli il modello di aspiratore. Praticamente ogni tipo è efficace, quindi acquista quello che ti è più comodo da usare e che offre i migliori risultati per tuo figlio.
    • Quelli a bulbo vengono spesso distribuiti ai genitori nei reparti di neonatologia e si sono dimostrati efficaci nel migliorare la respirazione dei piccoli pazienti.
    • Il NoseFrida e il Baby ComfyNose sono dispositivi (non commercializzati in Italia ma acquistabili su internet) composti da tubicini, grazie ai quali i genitori possono risucchiare il muco dal naso dei loro figli. Sebbene gli studi condotti su questi strumenti siano ancora piuttosto limitati, è stato dimostrato però che sviluppano una pressione di suzione maggiore rispetto ai modelli a bulbi e sembrano ugualmente efficaci.
  3. 3
    Usa la soluzione salina (spray o in gocce) per allentare il muco. Quando tenti un qualunque metodo descritto in questo tutorial, vale sempre la pena lasciare cadere prima delle gocce di soluzione nelle narici del bimbo. In questo modo fluidifichi il muco accumulato.
  4. 4
    Metti il neonato nella posizione corretta. Puoi tenerlo in grembo oppure distenderlo supino su una superficie piana. Scegli la soluzione che gli consente il massimo comfort.
  5. 5
    Usa l'aspiratore per estrarre fisicamente il muco dal naso del bambino. La tecnica specifica dipende dal modello di aspiratore che hai comprato.
    • Aspiratore a bulbi: schiaccia il bulbo e poi inseriscine la punta per circa 5-6 mm nella narice del bimbo. Inclinala verso la parete nasale. Rilascia il bulbo per generare una forza di aspirazione ed eliminare il muco che finirà all'interno del bulbo. Togli il dispositivo dal naso del neonato e svuotane il contenuto su un fazzoletto schiacciando il bulbo più volte. Ripeti la procedura con l'altra narice.
    • Dispositivi NoseFrida o Baby ComfyNose: inserisci la punta dell'aspiratore nella narice del bimbo e risucchia il tubo all'altra estremità per eliminare il muco. Metti un fazzoletto nella camera di suzione per evitare che possa entrarti in bocca del muco. Togli il dispositivo dal naso del neonato e soffia per eliminare il contenuto in un fazzoletto. Ripeti con l'altra narice.
  6. 6
    Ricomincia da capo, se necessario. Usa la soluzione salina prima di ogni tentativo con l'aspiratore, se il muco è molto denso.
  7. 7
    Pulisci l'aspiratore dopo ogni uso. A prescindere dal modello, ricordati di lavarlo con acqua saponata molto calda dopo ogni utilizzo.
    • Se devi pulire un aspiratore a bulbo, immergine la punta in acqua saponata e premilo per riempirlo di liquido. Ripeti il processo con acqua calda pulita per risciacquare la parte interna ed eliminare la schiuma.
    • Se devi igienizzare il NoseFrida o il Baby ComfyNose, stacca il tubo di suzione e lavane la punta con acqua saponata molto calda. Infine risciacqua con acqua calda per eliminare i residui di sapone.
    Pubblicità

Metodo 3 di 5:
Umidità

  1. 1
    Riempi di vapore la stanza da bagno. Prima di mettere a letto il bimbo, apri il rubinetto dell'acqua calda della doccia e lascia che l'ambiente si riempia di vapore. Siediti in bagno con tuo figlio per 5 minuti. L'umidità dell'aria scioglie il muco e aiuta il piccolo a respirare. Non portarlo però nella doccia, perché l'acqua molto calda potrebbe scottarlo.
  2. 2
    Inumidisci l'aria della sua cameretta con un umidificatore. Acquista sempre un dispositivo a freddo, perché quelli a caldo potrebbero ustionare il neonato.
    • Appoggia l'umidificatore in prossimità del bambino e fai in modo che il vapore non sia diretto verso la culla, per evitare di bagnarla.
    • Cambia ogni giorno l'acqua e pulisci tutto il dispositivo con candeggina o un igienizzante antimuffa.
  3. 3
    Non tentare di esporre il bambino ai suffumigi con acqua molto calda. Nel passato i medici consigliavano di riempire una ciotola con acqua molto calda, per lasciare che il bambino ne inalasse il vapore; tuttavia diversi studi hanno riscontrato che questo rimedio comporta un alto rischio di ustioni e non viene più indicato per i neonati.
  4. 4
    Non usare i dispositivi che creano vapore bollente. I vaporizzatori non sono più consigliati, a causa del rischio correlato di ustioni. Se vuoi che respiri vapore caldo, porta il bimbo in bagno dopo avere aperto l'acqua calda.
    Pubblicità

Metodo 4 di 5:
Tecniche Alternative: Starnuto, Culla Sollevata e Crema Mentolata

  1. 1
    Fai starnutire il bimbo. Stuzzica la narice chiusa di tuo figlio con un pezzo di materiale soffice, come un fazzoletto o una stringa, oppure soffia con delicatezza al suo interno. Tieni un fazzoletto a portata di mano, nel caso il tuo tentativo abbia successo.
  2. 2
    Solleva il lettino. Sollevando leggermente la testiera della culla del bambino permetti al muco di uscire dai passaggi nasali. Metti dei libri o una tavola sotto le gambe della testiera del lettino per sollevare in sicurezza la struttura. Non aggiungere mai un cuscino nella culla.
  3. 3
    Non usare le creme mentolate (come i vapor-rub) sui bambini sotto i due anni di età. Questi prodotti sono composti da olio di canfora, mentolo e olio di eucalipto e sono potenzialmente tossici per i bambini, sia per ingestione e inalazione che per contatto cutaneo.
    Pubblicità

Metodo 5 di 5:
Trattamenti Medici

  1. 1
    Chiama il pediatra. Se il bimbo ha più di tre mesi e mostra alcuni dei sintomi qui descritti associati al naso chiuso, allora contatta il medico. In questo caso potrebbe avere l'influenza, il raffreddore o un'altra infezione:
    • Febbre oltre i 38 °C.
    • Riduzione della produzione di urina.
    • Otalgia o irritabilità anomala.
    • Occhi arrossati o presenza di una secrezione verde-giallognola dagli occhi.
    • Gonfiore della fronte, occhi, naso o guance.
    • Tosse persistente.
    • Difficoltà respiratorie.
    • Macchie bianche o gialle in gola.
    • Secrezioni nasali maleodoranti e con un colore diverso dal bianco o giallo.
    • Tosse grassa che dura più di 10 giorni.
    • Sintomi che durano più di tre settimane.
  2. 2
    Vai immediatamente in ospedale, se tuo figlio ha meno di tre mesi. Se il neonato non ha raggiunto i tre mesi di età, devi portarlo in ospedale o dal pediatra ai primi sintomi di raffreddore. Nei neonati, un semplice raffreddore può peggiorare rapidamente interferendo con la capacità di succhiare il latte e portandolo alla disidratazione.
  3. 3
    Chiama l'ambulanza, se necessario. In alcuni casi un raffreddore o un'altra infezione possono aggravarsi rapidamente. Se noti uno dei sintomi qui sotto descritti, chiama il 118 o porta il bambino al pronto soccorso:
    • La tosse è tanto forte da indurlo a vomitare.
    • La sua pelle cambia colore.
    • Il bimbo espettora sangue.
    • Mostra difficoltà respiratorie.
    • La cute intorno alle labbra e alla bocca diventa bluastra.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non introdurre nel naso del bambino dei corpi estranei senza il parere del pediatra, se ha subito recentemente dei traumi o se presenta difetti o deformità alla nascita.
  • Sii molto cauto quando usi un aspiratore, per non rischiare di rovinare le delicate cavità nasali del bimbo.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Infermiere Specialista Clinico
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Ronn Callada, RN, MS. Ronn Callada è un Infermiere Specialista Clinico Registrato che lavora presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center, a New York. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla Stony Brook University School of Nursing nel 2013.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità