Come Migliorare la Funzione Renale con Metodi Naturali

Scritto in collaborazione con: Zora Degrandpre, ND

I reni possono subire danni per vari motivi differenti e alcuni di questi sono fuori dal tuo controllo, come l'età e la genetica. Se temi di sviluppare qualche malattia renale, ci sono alcune cose che puoi fare per aiutare questi organi ed evitare di danneggiarli, come dimagrire, cambiare l'alimentazione e bere delle tisane che ne favoriscano la salute (purché siano approvate dal medico). Sappi che dovresti anche continuare a seguire le indicazioni del dottore per quanto riguarda la dieta, i farmaci e l'assunzione di liquidi.

Metodo 1 di 3:
Apportare Cambiamenti nello Stile di Vita

  1. 1
    Smetti di fumare. Il fumo aumenta il rischio di disturbi renali, oltre ad altri gravi problemi di salute. Se sei un fumatore, dovresti smettere quanto prima per ridurre le probabilità di soffrire di nefropatie.[1] Chiedi al medico di indicarti dei farmaci e dei programmi di disintossicazione che possano aiutarti.
  2. 2
    Riduci il consumo di alcolici. Uno o due drink un paio di volte a settimana rappresentano una quantità accettabile, ma se bevi di più, puoi danneggiare i reni; esagerare con l'alcol aumenta il rischio di soffrire di disturbi renali. È considerata una dose eccessiva per le donne quando supera i tre drink al giorno (o più di sette a settimana), mentre per gli uomini è eccessiva quando supera i quattro drink al giorno (o quattordici a settimana).[2]
    • Se non riesci a limitarne il consumo, chiedi aiuto al medico.
  3. 3
    Dimagrisci. Se sei in sovrappeso, la funzione renale può indebolirsi perché questi organi devono lavorare più intensamente.[3] In questo caso, perdere peso diventa una questione cruciale e devi anche impegnarti a mantenere un peso nella norma; se non riesci a farlo da solo, rivolgiti al medico. Alcune tecniche per aumentare le probabilità di riuscire nel tuo intento sono:
    • Tenere un diario alimentare;
    • Bere più acqua;
    • Fare più attività fisica;
    • Mangiare più frutta e verdura.
  4. 4
    Aumenta l'esercizio. L'attività fisica offre benefici per la salute in generale e può contribuire a migliorare anche la funzione renale; impegnati quindi ad allenarti un po' ogni giorno.[4] Anche una semplice passeggiata quotidiana di mezz'ora è salutare per il benessere complessivo.
    • Se non riesci a dedicare un'intera mezz'ora, suddividi le sessioni di esercizio durante l'arco della giornata; per esempio, puoi trovare due momenti da 15 minuti ciascuno o tre da 10 minuti.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Cambiare Alimentazione

  1. 1
    Bevi più acqua. È fondamentale per evitare i calcoli, ma anche per migliorare la funzione renale; se sei preoccupato di sviluppare qualche malattia, dovresti consumare più acqua. Prefiggiti di berne tra 6 e 8 bicchieri da 250 ml (circa 1,5-2 litri) ogni giorno; se sei a rischio di calcolosi, dovresti incrementare la dose.[5]
    • Se il medico ti consiglia un determinato apporto giornaliero di liquidi per le tue esigenze, segui le sue raccomandazioni.
  2. 2
    Mangia una quantità moderata di proteine. Un'alimentazione troppo ricca di questi nutrienti può "affaticare" i reni; devi pertanto limitarne il consumo, se vuoi mantenerli sani. Fai in modo che solo il 20-30% delle calorie giornaliere provenga dalle proteine;[6] per esempio, se la tua dieta prevede un apporto quotidiano di 2000 calorie, quelle che derivano dalle proteine non dovrebbero essere più di 400-600.
    • Puoi capire se stai rispettando o meno tale obiettivo tenendo traccia di quello che mangi e prestando attenzione soprattutto alle calorie che provengono dagli alimenti molto proteici, come carne, uova, pesce e latticini.
  3. 3
    Riduci il consumo di sodio. Può contribuire ai disturbi renali, dovresti quindi evitare gli alimenti con un alto contenuto di sale e limitarne l'apporto quanto più possibile; un modo per farlo è occuparti personalmente della preparazione dei piatti, oltre a minimizzare la quantità di prodotti lavorati industrialmente.
    • Se sei abituato a mangiare cibi processati, leggi con attenzione l'etichetta sulla confezione ed evita quelli che annoverano il sale tra gli ingredienti.
    • Prendi nota di quanto ne assumi ogni giorno; dovresti limitarti a una quantità massima di 2300 mg se hai meno di 51 anni e non più di 1500 mg se hai superato questa soglia d'età.[7]
  4. 4
    Scegli gli alimenti poveri di grassi. Possono aiutarti a proteggere i reni, così come il cuore e le arterie. Evita quelli che ne sono particolarmente ricchi, come i fritti, i prodotti da forno e le pietanze unte; opta invece per quelli più magri come:[8]
    • Tagli magri di carne;
    • Formaggi magri;
    • Latte scremato;
    • Pollame senza pelle;
    • Frutta;
    • Verdura;
    • Legumi.
  5. 5
    Limita l'apporto di fosforo, se ti è stato raccomandato di farlo. Se la disfunzione renale è più grave e il medico ti ha consigliato di assumerne poco, dovresti seguire i suoi consigli e ridurre la quantità di questo elemento chimico dalla dieta. Tra gli alimenti che lo contengono in quantità significativa ci sono:[9]
    • Salumi;
    • Carne con l'aggiunta di fosforo;
    • Prodotti lattiero-caseari;
    • Bibite;
    • Alimenti raffinati.
  6. 6
    Presta attenzione all'apporto di potassio, se ti è stato suggerito di farlo. È importante mantenere un apporto equilibrato di questo elemento; se ti è stato detto di seguire un'alimentazione povera di potassio, devi evitare o ridurre alcuni cibi che ne sono particolarmente ricchi. Tra questi considera:[10]
    • Sostituti del sale;
    • Arance;
    • Banane;
    • Patate;
    • Pomodori;
    • Riso integrale o selvatico;
    • Crusca;
    • Latticini;
    • Pane e pasta di farine integrali;
    • Legumi;
    • Frutta a guscio.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Usare Rimedi Erboristici

  1. 1
    Consulta il medico prima di iniziare ad assumere gli integratori di erbe. Possono migliorare la salute di diversi apparati dell'organismo, ma non dovresti prenderli se soffri di nefropatie. Se vuoi usarli con lo scopo di migliorare la salute renale, devi prima parlarne con il dottore. Molte piante contengono infatti una quantità significativa di elettroliti, come potassio, magnesio, fosforo e sodio, che possono aggravare eventuali problemi già esistenti; inoltre, alcune possono interagire con la terapia farmacologica.[11]
  2. 2
    Bevi delle tisane benefiche per i reni. Se ti sei fatto visitare dal medico e ha riconosciuto che i tuoi reni sono sani, puoi assumere alcuni rimedi erboristici per sostenerne la funzionalità. Per preparare una tazza di infuso, usa una bustina di pianta medicinale oppure un cucchiaino di foglie essiccate per ogni 250 ml di acqua bollente. Versa l'acqua sulle foglie e lascia in infusione per circa 10 minuti; puoi berne due o tre tazze al giorno. Alcune tra le erbe più usate per migliorare la funzione renale sono:
  3. 3
    Interrompi l'uso dei rimedi erboristici se manifesti effetti avversi. Alcune tisane possono provocare reazioni negative in alcune persone, anche se generalmente sono di lieve entità. Se ti accorgi che il corpo reagisce a una delle erbe che stai assumendo, smetti di prenderla e contatta il medico.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non smettere mai di prendere i farmaci senza prima averne discusso con il medico. È importante informarlo circa i rimedi naturali o le medicine alternative che stai assumendo con lo scopo di migliorare le funzioni renali.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Medico Naturopata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Zora Degrandpre, ND. La Dottoressa Degrandpre lavora come Medico Naturopata Registrato a Washington. Ha conseguito la Laurea in Naturopatia presso il National College of Natural Medicine nel 2007.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità