Come Motivare gli Adolescenti a Fare i Compiti

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Moltissimi adolescenti odiano fare i compiti. Preferiscono uscire con gli amici o giocare alla PlayStation, e questo può essere molto frustrante per un genitore. Fortunatamente, ci sono alcune cose che puoi fare per aiutare tuo figlio a essere più motivato e persino entusiasta di fare i compiti.

Parte 1 di 3:
Creare le Condizioni Giuste

  1. 1
    Crea l'ambiente giusto. Individua una parte della casa da riservare allo svolgimento dei compiti. Quella zona deve essere priva di distrazioni, quindi la camera da letto non è la scelta migliore. Assicurati che tutti i dispositivi elettronici siano spenti e che tutti i familiari, inclusi i fratelli più piccoli, concedano a tuo figlio adolescente il tempo di cui ha bisogno.[1]
    • Facendo i compiti sul tavolo della cucina o su una scrivania dello studio, avrà spazio sufficiente per svolgere il proprio lavoro.
  2. 2
    Imponi un orario fisso per i compiti. I ragazzi rendono di più quando seguono una routine. Scegli un momento della giornata in cui tuo figlio deve pensare alla scuola. Puoi far partecipare anche lui a questa decisione. Stima il tempo necessario a occuparsi dei compiti e assicurati di considerare i suoi impegni, come gli allenamenti di calcio.[2]
    • Ad esempio, supponiamo che abbia gli allenamenti di basket subito dopo la scuola e che non torni a casa prima delle 17:00. Se cenate alle 20:00, il momento migliore per fare i compiti è alle 18:00.
  3. 3
    Forniscigli gli strumenti che gli servono per essere organizzato. Se tuo figlio non riesce a ricordare tutto quello che deve fare, assicurati che abbia gli strumenti necessari per non dimenticare i compiti. Compragli un'agenda e post-it, evidenziatori o altri oggetti di cartoleria simili. Tutto questo lo aiuterà a gestire meglio il proprio tempo e a completare i suoi doveri entro la scadenza.
  4. 4
    Trova un tutor. I genitori spesso aiutano i loro figli con i compiti. Tuttavia, con il passare del tempo, potresti accorgerti che non hai le conoscenze adeguate per farlo. Se ti senti a disagio o incapace di assistere tuo figlio su un particolare argomento, puoi assumere un tutor. Un esperto può dargli lezioni private, aiutandolo a comprendere meglio una materia e a prendere voti migliori. Può anche insegnargli diverse tecniche che forse il professore non ha descritto in classe.[3]
    • Chiedi una raccomandazione su un tutor all'insegnante di tuo figlio.
  5. 5
    Rendi lo studio divertente. Impegnati ad aiutare tuo figlio a studiare e a fare i compiti. Cerca di inventare dei metodi per rendere l'apprendimento divertente e godibile. Studiare in modi diversi aiuta a ricordare meglio i concetti da imparare.[4]
    • Ad esempio, se non riesce a capire la geometria ma ama il basket, puoi fargli lezione sul campo. Aiutalo a comprendere i diversi tipi di triangoli sfruttando i vostri corpi e il canestro, in modo da rappresentare i vari angoli dei triangoli. Che cosa accade se il triangolo è un passo più lontano da canestro?
    • Guardate un film storico o un documentario interessante su un argomento che sta studiando a storia.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Essere Presente a Scuola

  1. 1
    Fai sentire la tua presenza a scuola. Fai la conoscenza del preside e dei professori di tuo figlio. Spiega chiaramente loro che possono sempre rivolgersi a te se hanno delle domande o delle preoccupazioni in merito all'istruzione di tuo figlio. Fai volontariato alla scuola o presentati agli eventi organizzati da essa. Tuo figlio potrebbe sentirsi più motivato a fare i compiti se sa che partecipi attivamente alla comunità scolastica.[5]
    • Partecipa agli incontri tra genitori e professori.
    • Se il tuo lavoro o i tuoi impegni non ti permettono di partecipare attivamente, assicurati di presentarti almeno a un incontro all'anno e di tenerti aggiornato con la newsletter della scuola.
  2. 2
    Collabora con tuo figlio. Invece di litigare e creare un ambiente teso riguardo all'istruzione e alle prestazioni accademiche, lavora insieme a lui per sviluppare un piano d'azione. Offrigli i tuoi consigli e lascia che sia lui a creare un programma adatto alle sue esigenze. Invece di sgridarlo quando non ottiene buoni risultati, fagli delle critiche costruttive e permettigli di risolvere da solo i suoi problemi. Questo lo farà sentire adulto e rispettato.[6]
    • Ad esempio, se tuo figlio ha appena ricevuto il pagellino di metà quadrimestre e ha un'insufficienza in matematica, ha due mesi per recuperare quel voto prima delle pagelle. Parla con lui chiedendogli che cosa deve fare per ottenere un risultato migliore. Se risponde che deve studiare di più, suggeriscigli di dedicare almeno 30 minuti al giorno al ripasso degli argomenti affrontati in classe.
    • Chiedigli se ci sono ancora compiti o test che non ha ancora potuto fare.
  3. 3
    Scrivigli dei promemoria. Gli adolescenti devono spesso essere spronati o messi di fronte alle loro responsabilità, soprattutto in merito alle cose che non vogliono fare. Non devono essere seguiti come bambini delle elementari, ma di tanto in tanto hanno comunque bisogno di qualche parola che li faccia tornare sulla retta via. Cerca di ricordare che sei tu l'adulto e tuo figlio è solo un ragazzino.
    • Utilizza la tecnologia per scrivergli dei promemoria. Imposta delle note sul calendario del tuo telefono e sincronizzale sul suo. Puoi utilizzare anche molte app di gestione familiare.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Raggiungere gli Obiettivi

  1. 1
    Aiuta tuo figlio a porsi degli obiettivi. Per riuscire ad avere successo a scuola e nel lavoro è importante sapersi dare degli obiettivi a breve e lungo termine. Chiedigli di stabilire obiettivi giornalieri, settimanali e quadrimestrali che lo guidino nello svolgimento dei compiti.[7]
    • Ad esempio, un obiettivo accademico a breve termine è migliorare il voto di storia da 6 a 8. Uno a lungo termine è riuscire a prendere tutti 8 entro la fine dell'anno.
    • Chiedigli di scrivere e rivalutare i propri obiettivi con il passare del tempo.
  2. 2
    Offrigli degli incentivi. Gli adolescenti spesso sono motivati dalle ricompense. Trova delle idee su possibili premi giornalieri, mensili o quadrimestrali che aiutino tuo figlio a fare i compiti con regolarità.[8]
    • Dagli dei soldi in base alla pagella. Premialo per ogni 8.
    • Offrigli una paghetta settimanale come ricompensa per aver fatto tutti i compiti. Considerali come un vero lavoro – se svolgerà il suo dovere, sarà pagato.
    • Considera di lasciarlo stare alzato fino a tardi come premio per aver migliorato i propri voti in pagella.
  3. 3
    Aiuta tuo figlio ad adottare un punto di vista più maturo. Per gli adolescenti è difficile capire perché devono sforzarsi di imparare tutte le materie della scuola secondaria. Molti di loro non capiscono come l'algebra possa aiutarli una volta terminato il liceo o l'università. Il tuo compito è mettere in risalto le connessioni tra l'impegno accademico e il successo nel mondo del lavoro.[9]
    • Preparati a rispondere a domande come: "Perché devo imparare l'algebra? Non voglio diventare un professore di matematica e nessuno usa l'algebra tutti i giorni". Mostragli degli esempi delle attività in cui sfrutti la matematica tutti i giorni, come pagare le bollette o calcolare il bilancio familiare.
  4. 4
    Incoraggialo. È naturale per un genitore elogiare l'impegno e i miglioramenti del proprio figlio. Tuttavia, gli incoraggiamenti sono più efficaci delle lodi nel mantenere la motivazione. Spronalo in merito alle cose che ha fatto bene e a quelle su cui deve ancora migliorare.[10]
    • Invece di dire: "Ottimo lavoro nel progetto di scienze!", puoi dire "Guarda quel progetto di scienze! Si capisce che ci hai dedicato molto tempo per renderlo così bello. Non ti senti orgoglioso di aver preso il massimo dei voti?".
    Pubblicità

Consigli

  • Lasciagli lo spazio di cui ha bisogno per raggiungere il successo.
  • Sostienilo per tutta la sua carriera scolastica.
Pubblicità

Avvertenze

  • Tuo figlio potrebbe prendere dei debiti o persino farsi bocciare. Lascia che impari da queste difficoltà.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità