Come Nascondere Che Hai Pianto

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Nonostante piangere faccia molto bene, non sempre vogliamo che gli altri sappiano che abbiamo pianto. Abbiamo paura di essere giudicati deboli o semplicemente non vogliamo che qualcuno ci chieda se c'è qualcosa che non va. Qualunque sia la ragione, ci sono alcune misure che puoi adottare per essere presentabile in pubblico, e alcune questioni che devi affrontare nel caso in cui tu stia attraversando un momento difficile.

Parte 1 di 3:
Recuperare il proprio Aspetto Naturale

  1. 1
    Smetti di piangere. Potresti dover aspettare qualche minuto prima di smettere, ma alla fine ce la farai. È meglio abbandonarsi alle lacrime piuttosto che sforzarsi di fermarle: le emozioni represse trovano espressione nel pianto che permette al corpo di allentare le tensioni e di curarsi.
    • Se non puoi concederti il tempo per piangere, di' a te stesso: "Devi smettere di piangere e trovare la calma dentro di te" — ripeti questa frase finché non ti calmi.
    • Puoi anche spaventarti di proposito. Darà una svolta repentina alle tue emozioni e contribuirà a farti smettere. Un semplice: "Oh!" può funzionare.
    • Interrompi le tue emozioni dandoti un pizzicotto sul braccio. Ti procurerà una distrazione sufficiente a fermare la tua reazione emotiva.
    • Una volta che hai smesso di piangere, distrai i tuoi pensieri dal motivo del pianto. Per esempio, se hai appena ricevuto la notizia della morte di una persona, concentrati su ciò che devi fare durante la giornata.
    • Il pianto può essere collegato tanto ad alcuni eventi positivi, quanto a episodi tristi o esasperanti. Permettiti di piangere finché non hai finito.
  2. 2
    Bagnati il viso. Durante il pianto si ha una stimolazione dei nervi facciali che causa un aumento della temperatura della pelle. Dell'acqua fresca sul viso diminuirà il calore. Lascia scorrere l'acqua sulle mani e sui polsi e bagnati il viso un po' di volte. Asciugati con un asciugamano o con ciò che hai a portata di mano.
  3. 3
    Soffiati il naso con un fazzoletto, con della carta igienica o con un panno di carta. Avrai bisogno di liberarlo dal muco, ma non soffiarlo troppo o ne aumenterai il rossore. Una volta fatto, guardati allo specchio per accertarti che il naso sia pulito.
  4. 4
    Respira. Fai alcuni respiri profondi per rilasciare le eventuali emozioni residue e riempire i polmoni. Il pianto può soffocare il respiro, pertanto respirare lentamente può ristabilirne il normale funzionamento. Il tuo corpo trarrà giovamento dall'apporto supplementare di ossigeno.
    • Evita una respirazione rapida che può condurre all'iperventilazione e sfociare in un attacco di panico.[1]
  5. 5
    Occupati dell'arrossamento degli occhi, del naso e del viso. Quando una persona piange, si ha un afflusso di sangue verso queste zone. Una volta terminato il pianto, la pelle ritorna lentamente al suo colore naturale.
    • Fai un impacco freddo e applicalo sugli occhi, sul naso e sul viso. Aiuterà a sveltire il processo calmante.
    • Se ti trovi al lavoro, o in un qualsiasi luogo in cui non sia possibile fare un impacco freddo, bagna dei panni di carta e sventolali in aria per raffreddarli. Fungeranno da sostituti.
    • Sventolati il viso usando un foglio di carta o qualsiasi altro oggetto disponibile in grado di farti vento. Così facendo raffredderai il volto e ridurrai il rossore.
  6. 6
    Struccati e riapplica il trucco. Se indossi il trucco, rimuovi eventuali sbavature con una salvietta umida o con un asciugamano. Se sei a casa, usa lo struccante. Applica il correttore per coprire le zone arrossate e completa l'operazione con un tocco di cipria. Riapplica il rossetto e sei pronta.
  7. 7
    Usa il collirio per attenuare l'arrossamento oculare. Se non ne hai un flacone a portata, devi semplicemente aspettare che gli occhi si sfiammino oppure puoi indossare un paio di occhiali da sole per nasconderli.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Ricomporsi e Andare Avanti

  1. 1
    Controllati allo specchio. Per essere sicuro di essere presentabile, guardati allo specchio. Se i capelli, il viso e i vestiti sono a posto, allora sei pronto per tornare in mezzo agli altri.
  2. 2
    Rassicurati dicendoti che va tutto bene. Potresti avere bisogno di un po' di incoraggiamento per sentirti in grado di affrontare le altre persone. Usa delle frasi positive come: "Ok, è passata, puoi farcela a voltare pagina."[2]
  3. 3
    Concentrati su qualcosa di positivo. L'emozione che ti ha fatto piangere potrebbe riemergere. Se senti che succede, contieniti e sostituisci l'emozione con un pensiero positivo.[3] Scegli un argomento che non sia strettamente collegato al motivo del pianto. L'obiettivo è di sviare l'attenzione dal problema in questione.
    • Ripeti mentalmente: "Pensa a qualcosa di positivo; per esempio a quanto ti piace andare al mare. Ora concentrati su questo pensiero."
    • Pensa a un progetto al quale stai lavorando. Fai una lista mentale delle sue diverse fasi di quando le porterai a termine. Immagina la tua felicità quando il progetto sarà completato. In questo modo riuscirai a uscire dal buio emotivo che ti avvolge.
  4. 4
    Fai finta di essere felice finché non passa. Anche se non sei un attore, il tuo corpo non lo sa: il potere della suggestione può essere molto forte.[4] Mentre ti muovi tra la gente, tirati su di morale, sorridi e ripeti a te stesso: "Ti senti bene e sei felice." Svolgi le tue normali occupazioni carico di pensieri positivi.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Affrontare le proprie Emozioni

  1. 1
    Mostra della compassione nei confronti di te stesso. Avevi un motivo per piangere: se stai attraversando un periodo difficile, devi concederti la possibilità di sentire le emozioni che ti hanno fatto piangere. Devi anche stabilire se la frequenza e la durata del pianto sono eccessive.
    • Si tratta di un episodio isolato o di un evento che si ripete più frequentemente?
    • Se ti rendi conto che piangi incontrollatamente da un lungo periodo di tempo, devi rivolgerti a qualcuno in grado di aiutarti.
    • Sii paziente con te stesso in questo arco di tempo. Costringerti a smettere di piangere può essere un'operazione difficile da gestire. Sopprimere i propri sentimenti può produrre risultati negativi.[5]
  2. 2
    Esplicita le tue preoccupazioni. Se il tuo sconvolgimento emotivo è dovuto a una relazione, al lavoro o a un conflitto familiare, devi comunicare le tue preoccupazioni. Per poter risolvere un conflitto devi trovare il modo di farti ascoltare.
    • Prendi nota delle tue preoccupazioni: ti aiuterà a mettere a fuoco il problema.
    • Quindi annota delle possibili soluzioni ai tuoi problemi.
    • Esercitati a elencare le tue preoccupazioni ad alta voce, in modo da essere calmo, preparato e concentrato per la conversazione.[6]
    • Comunica alla persona in questione quali sono le tue preoccupazioni. Inizia dicendo: "Ho pensato molto a ciò che è successo e vorrei risolvere la faccenda. Sei disposto ad ascoltarmi?" Sarà un buon modo per cominciare una discussione sul tema.
  3. 3
    Cerca aiuto se hai delle difficoltà. Chiedere aiuto richiede audacia e coraggio. Se hai difficoltà a scuola, in famiglia o nella vita in generale, rivolgiti a una persona fidata per ottenere aiuto. Esistono specialisti disponibili a scuola o privatamente, come un terapista o un medico. Parlarne con qualcuno ti aiuterà a risolvere le difficoltà e a sviluppare un approccio efficace per gestire qualsiasi situazione.[7]
    • Se non riesci a smettere di piangere e ti scopri a piangere per la maggior parte della giornata, dovresti rivolgerti a un terapista o a un medico. Se hai subito una grave perdita, un pianto prolungato è considerato normale. Un esperto nell'elaborazione del lutto potrebbe fare al caso tuo.[8]
    • L'arteterapia è un'altra risorsa che può rivelarsi estremamente benefica.[9]
    Pubblicità

Consigli

  • Piangere è un'espressione emotiva normale e sana.
  • Le persone piangono per i motivi più disparati, tra cui felicità, tristezza, rabbia, imbarazzo, agitazione, solitudine, esasperazione e paura. Si tratta di una risposta del tutto naturale.
  • Usa un paio di occhiali da sole per nascondere gli occhi arrossati.
  • Porta sempre con te dei fazzoletti a occasioni come matrimoni, funerali, lauree e cerimonie di premiazione, in grado di scatenare il pianto come risposta emotiva.
  • Un bel pianto ti darà un senso di sollievo e una successiva calma.
  • Alcune persone piangono molto, mentre altre molto poco: ognuno di noi è diverso dagli altri.
Pubblicità

Avvertenze

  • A volte la società può diffondere il messaggio che piangere sia inappropriato.
  • Il fatto che una persona non pianga non significa che non provi dei sentimenti.
  • Trattenersi dal piangere nel caso in cui il corpo ne abbia bisogno può essere dannoso.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Sviluppo Personale

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità