Come Non Avere Paura dei Bovini

Scritto in collaborazione con: Karin Lindquist

La paura dei bovini, o bovinofobia, è un tipo di paura che provoca estrema ansia quando ci si avvicina a questo tipo di animali, o anche solo pensando di trovarsi vicino a loro in una fattoria o in un allevamento. È probabile che, come la maggior parte delle fobie, questa paura derivi dalla mancanza di comprensione e conoscenza del comportamento bovino. Con l’aumento della vita all’interno delle città, di gran lunga superiore alla popolazione rurale (oltre l’80-90% delle persone vive infatti all’interno delle città in molte nazioni industrializzate)[1] molte persone non hanno mai avuto la possibilità di interagire con la vita dei campi e, di conseguenza, non hanno esperienza su come si comportano i bovini vicino alle persone. Altre, invece, sono fin troppo pronte a estrapolare i rari racconti dei media a proposito di incidenti in cui son coinvolti dei bovini e si auto convincono che il pericolo sia molto più alto di quanto non sia. [2][3]

Ovviamente le dimensioni e il peso di un bovino lo rendono più minaccioso rispetto a un cane o un gatto, quindi ha senso stare attenti in loro presenza, soprattutto con tori e mucche con i vitellini. Quello che è assurdo, invece, è la credenza che, se si vede un gruppo di mucche che si avvicina, si verrà sicuramente schiacciati a morte sotto i loro zoccoli perché la mandria sta chiaramente “caricando” di proposito. La gente non capisce che una mandria di bovini ha spesso imparato che, se qualcuno si avvicina qualcuno al loro recinto, è per dar loro qualcosa da mangiare. Che tu voglia imparare a fare amicizia con una mandria di mucche, imparare a comportarti n mezzo a loro o semplicemente superare la tua paura di questi animali, i consigli seguenti sono un buon punto di partenza per liberarti delle tue fobie.

Passaggi

  1. 1
    Ricorda che le fobie sono comuni e facili da curare.[4] Evita di visitare una fattoria, di avvicinarti agli animali o farti venire gli incubi su di loro: non è necessario, dato che la tua ansia può essere curata. Valuta se seguire un trattamento presso un professionista della salute mentale, oltre a prendere sul serio i passaggi suggeriti in quest’articolo. Alcune delle terapie che si sono dimostrate di successo nella cura delle fobie includono la terapia cognitivo-comportamentale e la terapia dell’esposizione alla realtà virtuale; altre persone, invece, rispondono meglio a una combinazione di terapie e anti depressivi o ansiolitici.[5] Oltre all’aiuto professionale, comunque, si tratta soprattutto di affrontare le tue paure: il resto di quest’articolo ti aiuterà a farlo.
  2. 2
    Impara a conoscere il comportamento e il linguaggio del corpo dei bovini. La conoscenza è il modo migliore per abbandonare le tue paure. La maggior parte delle volte in cui un bovino si avvicina è solo curioso, o pensa che gli stai per dare qualcosa da mangiare, (come ad esempio, una manciata di erba).
    • Se un bovino grugnisce, ringhia, gratta il terreno con la zampa o spinge la testa verso di te, o ti guarda con delle occhiatacce, allontanati dalla staccionata ed evita il contatto visivo. Nel mondo animale, quando si mantiene il contato oculare con un altro animale che ti sta visibilmente sfidando, questo gesto viene percepito come una minaccia. Se non ci si allontana o, peggio, se si assume un atteggiamento aggressivo nei confronti dell’animale, molto probabilmente seguirà un attacco.
    • La situazione in cui bisogna stare più attenti è in presenza di mucche che proteggono i vitellini o di tori che ringhiano verso di te. Inclinare la testa, colpire il terreno, mostrare i fianchi, ringhiare, etc., sono tutti segnali d’avvertimento: se non ti toglierai di mezzo o dal loro spazio, ti caricheranno. Se un animale non mostra nessuno di questi comportamenti, non c’è da preoccuparsi. Spesso anche i pensieri negativi potrebbero portare ad un comportamento corrispondente da parte dell’animale.
  3. 3
    Immagina di trovarti vicino ad una mucca in diverse situazioni, contate dall’uno al dieci. [6] Il dieci rappresenta la tua peggiore paura, mentre l’uno la situazione che ti rende il meno ansioso possibile. Immagina la seguente possibile gerarchia di situazioni graduali:
    1. Chiamare un contadino o un allevatore e chiedergli di visitare la sua fattoria.
    2. Arrivare alla fattoria e vedere le mucche nei recinti o nei pascoli.
    3. Entrare in un fienile dove si trovano delle mucche nelle stalle, o nei pascoli dove i bovini stanno brucando l’erba.
    4. Guardare il contadino nutrire e interagire con gli animali, mentre ti racconta di loro.
    5. Guardare i bovini venire spostati dal fienile ai campi, o da un pascolo all’altro.
    6. Avvicinarsi al recinto in cui le mucche sanno brucando.
    7. Richiamare l’attenzione della mandria sporgendo qualche leccornia attraverso la staccionata.
    8. Guardare la mandria che si avvicina.
    9. Permettere ai bovini di prendere il cibo dalle tue mani.
    10. Toccare o accarezzare una mucca che il contadino ti ha spiegato essere amichevole verso gli esseri umani.
    • Ricorda che si tratta solo di un esercizio dell’immaginazione, ma ti premetterà di lavorare attraverso diversi livelli di paura, soprattutto in unione con il pensiero di immagini rilassanti o pacifiche, per poi pensare all’immagine che ti fa paura e così via, di visualizzazione in visualizzazione, fino a quando non ti sentirai a tuo agio con tutte le fasi del processo.
  4. 4
    Visita una fattoria o un allevamento con dei bovini con cui potrai iniziare a lavorare per liberarti di questa paura. Nulla funziona meglio dell’affrontare le proprie paura. Farlo ti renderà una persona più forte e sicura di te! Chiama una fattoria o un allevamento locale e fai sapere al proprietario quali sono i tuoi obiettivi; sii cortese e spiegati con chiarezza, in modo da non lasciargli dubbi sulle tue reali intenzioni. Accordati per una visita alla fattoria o scegli un agriturismo in cui ci sia un allevamento e passa lì qualche giorno di vacanza. Assicurati di chiedere al produttore se può passare qualche momento con te mentre osservi i bovini; potrebbe raccontarti e insegnarti qualcosa sul comportamento di questi animali, in modo da aiutare a rilassarti.
    • Le visite alla fattoria o all’allevamento dovrebbero durare almeno 40 minuti.[7] Più a lungo sarebbe ancora meglio.
    • Se non riesci ad affrontare una fattoria o un allevamento, aspetta che nella tua zona o in una zona vicina si tenga una fiera agricola e visita le mucche nelle loro stalle.
  5. 5
    Rilassati e stai calmo. Ci sono due strategie per rimanere calmo. Innanzitutto qualsiasi terapia anti fobia ti insegna a rilassarti e a respirare. Usare tecniche di rilassamento e di respirazione ti permetterà di respirare a comando in modo e rilassarti in modo più efficace. [8] Gli animali, inoltre, sono molto più sensibili agli stati d’animo di quanto pensi! Devi essere calmo e rilassanti quando lavori e ti trovi in mezzo a loro.
    • Se sei nervoso, teso, eccitato, ansioso, arrabbiato, frustrato, depresso etc., gli animali risponderanno al tuo comportamento. Un animale ti farà capire subito cosa provi perché lo riprodurrà nel suo comportamento, dato che vivono nel presente e mai nel passato o nel futuro.
      • Gli esseri umani sono gli unici animali in grado di vivere nel futuro o nel passato. La maggior parte delle fobie sono potenziate dalle preoccupazioni di una persona relative al suo futuro, che causano così tensione, ansia e paura. Se imparerai a non anticipare quello che succederà in futuro, né a pensare solo pensieri negativi, le cose funzioneranno meglio di quanto ti saresti aspettato.
        • La chiave per rilassarsi, quindi, è non aspettarsi cose negative. Cerca di avere sempre pensieri allegri o di non pensare affatto e vivere nel momento.
  6. 6
    Respira. Come già osservato prima, una respirazione corretta è una parte importante del controllo delle proprie paure. Se inizi a sentirti teso o ansioso, fai un respiro profondo. Fermati per un momento e cerca di rilassarti.
    • Fai esercizio con le pratiche di respirazione profonda, ti aiuteranno a rimanere calmo.
  7. 7
    Osserva i bovini e i loro movimenti. Hai imparato qualcosa sul loro comportamento: questa è l’opportunità perfetta per mettere alla prova le tue conoscenze. Stanno in piedi e ti fissano o stanno ruminando? Vedi un esemplare vicino al recinto che si comporta in modo aggressivo (i segni di questo tipo di comportamento sono stati elencati prima) o ce ne sono diversi che non ti minacciano e ti seguono tranquillamente mentre cammini vicino alla staccionata?
    • Se vedi una mandria di mucche che sta vicina alla staccionata e ti segue quando ti allontani, ricorda che non si stanno comportando in modo pericoloso. Vogliono solo che tu gli dia qualcosa di buono da mangiare!
      • Una mandria del genere, di solito, oscillerà tranquillamente il capo per scacciare le mosche o si leccherà, muovendo la coda con nonchalance, grattandosi contro una staccionata o, se sono abbastanza rilassate, inizieranno addirittura a ruminare. Dopo 15-20 minuti, se non gli avrai dato nulla di interessante, inizieranno ad allontanarsi e riprenderanno quello che stavano facendo.
    • Se vedi che c’è un solo animale (come un toro o una singola mucca) che si comporta come se fosse agitato dalla tua presenza, ignoralo e allontanati dalla staccionata. Una volta che ti sarai spostato ad una distanza di sicurezza (sia per loro che per te), si gireranno e ritorneranno alla posizione di “partenza”.
      • Ricorda che è più probabile che un animale di questo tipo ti faccia del male se ti trovi nel loro stesso pascolo o recinto. Stando dal lato opposto della staccionata rispetto all’animale minaccioso e mettendo in pratica le tecniche di elusione, alla fine ti lasceranno in pace.
  8. 8
    Cerca di dar loro (almeno, agli animali che si comportano bene) qualcosa di buono da mangiare, come ad esempio una manciata di erba fresca che cresce dall’altro lato del recinto. È improbabile che mangino subito dalle tue mani, ma potrebbero anche farlo se solo sarai abbastanza paziente. In caso contrario, butta l’erba a terra dove la possano vedere e spostati un poco per lasciarli mangiare.
    • Non porgere loro l’erba come faresti per un cavallo. Le mucche afferrano l’erba con la lingua, non con le guance, quindi sporgi la mano tenendo il pugno sulle radici del mazzetto, dato che in questo modo renderai possibile all’animale afferrare comodamente l’erba ed eviterai di essere morso. Ricorda di lasciar andare la presa non appena penserai che il bovino l’abbia afferrata.
  9. 9
    Prova ad accarezzare uno degli animali che si sono avvicinati per farsi dare da mangiare. Grattali sotto il mento o sotto la mascella, sulle guance o addirittura sul collo. Altri posti in cui gradiscono farsi grattare sono la parte inferiore delle orecchie o dietro all’attaccatura delle corna. Se si allontanano vedendo la tua mano o sobbalzano al tuo tocco, puoi smettere o riprovarci. Se succede lo stesso anche al secondo tentativo, non provarci più.
  10. 10
    Allontanati fiero dei tuoi progressi. Potresti anche pensare di tornare e riprovarci! In tal caso ripeti l’esperimento con la stessa mandria, o anche con una mandria differente, fino a quando non avrai più paura (ma, si spera, un gran rispetto) per i bovini.
    Pubblicità

Consigli

  • Conoscere il comportamento dei bovini ti aiuterà, alla lunga. Tanto più comprenderai il loro linguaggio del corpo, tanto meno dovrai avere paura.
  • Non farti spaventare dalle corna. Molto spesso le mucche con le corna possono essere tranquille tanto quelle che non le hanno.
  • Ricorda che il tuo stato d’animo è importante. Se sei calmo, anche gli animali saranno calmi.
  • I bovini si stuferanno se non farai qualcosa che attirerà la loro attenzione o non darai loro qualcosa da mangiare. In genere dopo 10-15 minuti si allontaneranno e riprenderanno a fare quello che stavano facendo prima che ti avvicinassi.
  • Un punto fondamentale del superamento graduale delle proprie paure è fare un passo alla volta. Affronta i diversi livelli della tua paura, fino a quando non potrai gestirla senza cadere nel panico.
    • Un passaggio più facile di chiamare un allevatore per prendere un appuntamento (che comporta anche una data da temere) è iniziare a osservare foto che ritraggano delle mucche. Inizia con immagini che siano chiaramente dei dipinti, come quadri impressionisti o cartoni animati. Quindi passa a dipinti più realisti e a fotografie.
  • Non farti intimorire se ti guardano. Gli animali che per natura sono prede fissano sempre gli esseri umani o i predatori, indipendentemente da quello che fai. Fai una gara di contatto visivo con loro, solo per passare il tempo, e controlla chi distoglie lo sguardo per primo. Se sarai sicuro di te, vincerai sempre!
Pubblicità

Avvertenze

  • Non confondere l’atto della carica con un semplice avvicinarsi. Un animale che carica avrà la testa abbassata, pronta a colpire all’impatto. Un animale che si avvicina avrà la testa alzata e si fermerà prima di averti raggiunto.
  • Non provocare i bovini. Li renderai solo agitati e nervosi e, se ti spingi troppo oltre, uno di loro potrebbe semplicemente avvicinarsi e tirarti una cornata.
  • I tori sono pericolosi. Se ne vedi uno alla staccionata che ti minaccia, spostati e non guardarlo negli occhi. Alla lunga si stuferà e se ne andrà.
    • Se sei abbastanza sfortunato da trovarti in un campo con un toro che carica, devi sapere come comportarti. Cerca su internet informazioni su come scappare da un toro infuriato, come parte delle tue ricerche.
    • Anche se la tua potrebbe essere una semplice paura, sii intelligente ed evita di entrare in un recinto in cui si trovano anche dei tori, o dove si trovano delle mucche che non conosci e non sai gestire. La cosa migliore da fare quando si entra in un recinto o in un pascolo è chiedere al proprietario prima di avvicinarsi.
      • Se per qualsiasi motivo fossi costretto a rimanere chiuso in un recinto con dei bovini, cerca di non attirare l’attenzione attraversando il campo, tieniti lontano dalla mandria ed evita di stabilire un contatto visivo.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Giornali e fogli per gli appunti per scrivere
  • Informazioni sui bovini (siti internet, libri, ecc.)
  • Fattorie o allevamenti locali da visitali; al massimo anche uno zoo per bambini


Community Tested By:

Karin Lindquist
Laurea di Primo Livello in Scienze Agrarie e Tecnologie Animali
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Karin Lindquist, un membro fidato della comunità wikiHow. Karin Lindquist ha conseguito una Laurea di Primo Livello in Scienze Agrarie e Tecnologie Animali alla University of Alberta, in Canada. Ha oltre 20 anni di esperienza lavorativa con bestiame e coltivazione. Ha lavorato per un veterinario di medicina mista, ma anche come rappresentante commerciale in un negozio di prodotti agricoli e assistente di ricerca specializzata in pascolo, suolo e coltivazione. Attualmente lavora come specialista in consulenze agricole in merito a foraggio e carne bovina, offrendo assistenza agli agricoltori su varie questioni riguardanti l'allevamento del bestiame e la coltura foraggera.
Categorie: Sviluppo Personale

Riferimenti

  1. Diarmuid O'Donovan, The Atlas of Health, p. 72, (2008), ISBN 978-1-84407-465-5
  2. Diarmuid O'Donovan, The Atlas of Health, p. 72, (2008), ISBN 978-1-84407-465-5
  3. http://www.salisburyjournal.co.uk/blogs/bate_in_the_wood/8870682.The_terror_of_a_roaring_herd/
  4. Pamela Stephenson Connolly, Head case: treat yourself to better mental health, p. 49, (2007), ISBN 978-0-7553-1721-9
  5. Pamela Stephenson Connolly, Head case: treat yourself to better mental health, p. 52, (2007), ISBN 978-0-7553-1721-9
  6. Pamela Stephenson Connolly, Head case: treat yourself to better mental health, p. 52, (2007), ISBN 978-0-7553-1721-9
  7. Pamela Stephenson Connolly, Head case: treat yourself to better mental health, p. 53, (2007), ISBN 978-0-7553-1721-9
  8. Pamela Stephenson Connolly, Head case: treat yourself to better mental health, p. 53, (2007), ISBN 978-0-7553-1721-9

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità