Come Nutrire i Pesci

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

È semplice nutrire i pesci una volta che sai come fare. Basta assicurarsi che il mangime secco da utilizzare sia adatto alla specie che possiedi, come è spiegato di seguito. Quando avrai trovato il nutrimento adeguato da somministrare nella giusta quantità, inizia a integrare l'alimentazione con insetti, verdure o altri cibi nutrienti a seconda del tipo di pesci che hai.

Metodo 1 di 3:
Scegliere il Mangime Secco

  1. 1
    Fai ricerche sulle specie che possiedi. Le persone del negozio dove hai acquistato i pesci dovrebbero essere in grado di aiutarti a scegliere il mangime, se in Internet non riesci a trovare informazioni specifiche sulla specie. Scopri se si tratta di erbivori, carnivori od onnivori e l'esatta percentuale di proteine che la loro specie ittica richiede per essere nutriti in condizioni ideali. Alcune specie esotiche richiedono una particolare alimentazione, ma la maggior parte dei pesci possono essere nutriti con i classici mangimi in fiocchi o pellet. Tuttavia, non precipitarti ancora nel negozio di animali.
  2. 2
    Trova un mangime specifico per i pesci, se puoi. Molti pesci d'acquario vengono nutriti con mangimi "universali" o con cibi destinati a una vasta categoria, come quella dei "pesci tropicali". Se leggi attentamente questa sezione, puoi nutrire adeguatamente i tuoi pesci usando il giusto tipo di mangime universale. Tuttavia, se riesci a trovarne uno specifico adatto alla specie o al gruppo al quale appartengono, molto probabilmente i tuoi pesci saranno più sani e felici. Questi mangimi dovrebbero essere etichettati in modo chiaro come "mangime per ciclidi", "mangime per pesci combattenti", ecc.
    • È comunque una buona idea seguire gli altri passaggi di questa sezione per verificare l'idoneità di un mangime per pesci prima di acquistarlo.
  3. 3
    Scegli mangime che galleggia, affonda o si immerge lentamente a seconda della forma della bocca del pesce. Puoi chiedere un consiglio al personale del negozio di acquariofilia, se necessario, ma spesso sarà sufficiente osservare il comportamento o la forma della bocca del pesce per scoprire che tipo di mangime devi comprare. I pesci di fondo, come il pesce gatto, trascorrono il tempo nella parte bassa dell'acquario con la bocca rivolta verso il basso o di lato in cerca di cibo. I pesci di mezz'acqua hanno la bocca che punta dritto al centro della vasca, cercando il cibo in questa zona. I pesci di superficie hanno la bocca diretta verso l'alto e si raggruppano a pelo d'acqua quando vengono nutriti. Se non sei sicuro a che tipo appartengono i tuoi pesci, prova un tipo di mangime e osserva se sono capaci di trovare e mangiarlo. Certi pesci non si limitano esclusivamente a una parte dei settori descritti.
    • Fiocchi: tendono a galleggiare e sono adatti solo per i pesci di superficie.
    • Granuli o pellet: possono galleggiare, cadere lentamente o affondare rapidamente. Leggi le informazioni sull'etichetta prima di acquistarli.
    • Wafer: affonda e, di solito, è troppo grande per essere "rubato" dai pesci di superficie.
    • Compresse: si depositano direttamente sul fondo o, a volte, si attaccano alla parete interna della vasca per nutrire i pesci di mezz'acqua.
  4. 4
    Controlla il contenuto proteico del mangime. Utilizza i risultati delle tue ricerche per restringere la scelta dei mangimi che non corrispondono all'alimentazione della specie che possiedi. Gli erbivori e gli onnivori hanno bisogno di cibo contenente per lo più sostanze vegetali, come la spirulina. A seconda della specie, il mangime deve contenere dal 5% al 40% di proteine, perciò fai una ricerca approfondita sulla specie per circoscrivere le opzioni. I carnivori, d'altro canto, hanno bisogno di un'alimentazione contenente tra il 45% e il 70% di proteine, a seconda della specie. Assicurati che il cibo che compri soddisfi le esigenze dei tuoi pesci.
    • I pesci combattenti (betta splendens) sono carnivori e vivono in superficie. Il loro mangime deve contenere almeno il 45% di proteine, galleggiare ed essere abbastanza piccolo da stare in bocca. Per questo genere di pesci viene spesso venduto sotto forma di piccoli pellet.
    • I pesciolini rossi sono onnivori e necessitano del 30% di proteine, quando sono adulti, o del 45%, quando sono piccoli. Per loro le proteine vegetali acquatiche sono più facili da digerire. Sono pesci di superficie, perciò i fiocchi sono un'ottima scelta.
  5. 5
    Assicurati che il cibo sia abbastanza piccolo per essere mangiato dai pesci. Molti di loro lo ingoiano intero, il che significa che non sono in grado di spezzare i fiocchi o il pellet di grandi dimensioni, perciò si tratta di un cibo poco adatto alla loro bocca. Se il mangime che dai ai tuoi pesci è intatto o se sembra troppo grande per la loro bocca, schiaccialo in piccoli pezzi prima di somministrarlo oppure trovane un tipo più piccolo.
  6. 6
    Cerca in Internet le aziende che producono mangimi per pesci. Prima di acquistare un mangime secco, cerca il nome del marchio e le recensioni. È più probabile che le aziende che hanno una buona reputazione e ottime critiche da parte degli acquariofili producano cibo per pesci di alta qualità.
    Advertisement

Metodo 2 di 3:
Somministrare il Mangime Secco

  1. 1
    Dai il mangime in piccole porzioni. Anche se molte persone sanno che i pesci hanno bisogno di un "pizzico" di mangime in fiocchi ogni volta che devono nutrirli, rischiano di far venire ai pesci problemi digestivi e rendono l'acquario un ambiente sporco e malsano se ne gettano una manciata troppo grande. Qualunque sia il tipo di mangime che stai utilizzando, versa solo quello che i pesci riescono a mangiare nel giro di 3-5 minuti. Se ne metti troppo, raccoglilo con un retino piccolo.
    • Attenzione: I pesci combattenti vanno nutriti molto meno delle quantità che riescono a mangiare in 5 minuti. Un porzione di due o tre pellet per ognuno è sufficiente.
  2. 2
    Metti a bagno il mangime in pellet prima di somministrarlo. Poiché molti pesci d'acquario hanno lo stomaco piccolo, il cibo in pellet che assorbe acqua e cresce di dimensioni può causare problemi digestivi o gonfiore. Pertanto, è consigliabile bagnarlo nell'acqua per 10 minuti prima di versarlo in modo che aumenti prima di essere ingerito dai pesci invece che nel loro stomaco.
  3. 3
    Nutrili una o due volte al giorno. Poiché si tende a nutrire i pesci in quantità eccessive piuttosto che in piccole dosi, può essere più sicuro farlo una volta al giorno. Tuttavia, se fai attenzione a somministrarlo in piccole quantità – come descritto precedentemente – puoi nutrirli due volte al giorno. Alcuni proprietari di acquari preferiscono quest'ultimo modo, perché i pesci diventano più attivi e interessanti da guardare al momento in cui devono mangiare.
  4. 4
    Cerca i sintomi della sovralimentazione. Se dal pesce pende una scia di feci, è probabile che il suo intestino sia parzialmente bloccato a causa di un'eventuale sovralimentazione o del tipo sbagliato di mangime. Se l'acqua si sporca tanto da dover essere cambiata più di una volta a settimana, forse starai sovralimentando i pesci oppure vuol dire che l'acquario è sovraffollato. Riduci la quantità di cibo o il numero di porzioni al giorno per vedere se il problema si risolve nel giro di pochi giorni. Chiedi consigli presso il negozio di zootecnia o a un acquariofilo se la situazione non migliora.
  5. 5
    Spargi il mangime, così ogni pesce ne avrà un po'. Anche all'interno della stessa specie, il pesce più grande o più aggressivo potrebbe non lasciare abbastanza cibo agli altri. Per fare in modo che non accada, dividi il mangime e versalo in differenti zone dell'acquario o spargilo uniformemente su tutta la superficie dell'acqua.
  6. 6
    Fai attenzione a non avere problemi se hai più tipi di pesce. Se hai pesci che si nutrono in diverse zone dell'acquario o che necessitano di diversi tipi di cibo, è probabile che sia indispensabile acquistare più di un mangime. Osserva bene l'acquario quando nutri i pesci con un nuovo tipo di mangime. Probabilmente dovrai trovare diverse combinazioni di cibo o di tempi per alimentarli, nel caso in cui i pesci di superficie dovessero mangiare tutto il cibo destinato a quelli di fondo. Se alcuni sono attivi durante il giorno e altri di notte, puoi nutrirli in due momenti diversi affinché ciascuno abbia cibo a sufficienza.
  7. 7
    Considera le varie alternative quando vai in vacanza. Non è un problema lasciare i pesci adulti senza cibo per un paio di giorni. Se fai qualche ricerca online sulle specie che possiedi, puoi scoprire che riescono a sopravvivere senza correre gravi rischi per una o due settimane. Se le tue vacanze sono più lunghe o se i pesci giovani hanno esigenze alimentari più urgenti, dovrai trovare una soluzione per dar loro da mangiare in tua assenza. Scegline una tra le seguenti:
    • Utilizza un distributore automatico di mangime per distribuire il cibo a intervalli regolari. Assicurati di metterne abbastanza per tutto il tempo che sarai via e imposta il dispenser affinché rilasci il cibo una o due volte al giorno.
    • Prova il mangime in blocco o in gel prima di partire. Entrambe le soluzioni si lasciano nell'acquario e il cibo viene mangiato lentamente. Tuttavia, la prima può causare cambiamenti chimici pericolosi, mentre la seconda a volte viene trascurata dai pesci. Prova entrambe le varietà per un paio di giorni prima di partire in modo da essere sicuro che non ci saranno problemi.
    • Fai in modo che un amico o un vicino dia il mangime in fiocchi una volta ogni due o tre giorni. Dal momento che chi è inesperto dà spesso troppo cibo, è meglio mettere ogni pizzico di mangime in portapillole o in un altro contenitore sul quale annoterai con attenzione i giorni della settimana. Chiarisci alla persona che si prenderà cura dei tuoi pesci che la sovralimentazione potrebbe ucciderli.
    Advertisement

Metodo 3 di 3:
Integrare il Mangime Secco per una Dieta Completa

  1. 1
    Procurati questi integratori da fonti sicure. È più sicuro procurarsi insetti, vermi e altro cibo per animali in un negozio di zootecnia o acquariofilia. Le sostanze vegetali, invece, dovrebbero essere coltivate organicamente lontano dai gas di scarico della strada. Se un esperto acquariofilo delle tue parti ti dice che ti puoi fidare degli animali o delle piante presenti in zona, allora puoi seguire il suo consiglio. In caso contrario, renditi conto che raccogliere questi elementi può esporre i tuoi pesci al rischio di malattie, parassiti o sostanze chimiche nocive.
  2. 2
    Nutri i pesci carnivori con pesci vivi o animali congelati. Da una a tre volte alla settimana, dai ai tuoi pesci insetti congelati o vivi e altri alimenti di origine animale, invece del loro solito mangime. Fai sempre una ricerca sulle esigenze relative alle specie che possiedi o domanda a un esperto prima di scegliere un alimento, perché alcuni possono trasmettere malattie o causare problemi digestivi se somministrati a determinate specie. Gli alimenti comuni disponibili presso i negozi di zootecnia sono sanguisughe, vermi tubifex, dafnie e artemie. Come fai ogni volta che li nutri, versa solo piccole quantità di cibo. Per alcune specie saranno sufficienti porzioni che si divorano entro 30 secondi.
    • Attenzione: I mangimi liofilizzati sono un'altra soluzione, ma andrebbero utilizzati solo occasionalmente a causa dei problemi digestivi che rischiano di provocare se dati in grandi quantità ad alcune specie, come quella dei pesci combattenti.
    • Evita i vermi tubifex vivi, anche quelli venduti nei negozi di animali e allevati in allevamenti ittici. Hanno la fama di provocare malattie in molte specie, anche se normalmente la varietà congelata è sicura.
  3. 3
    Nutri la maggior parte dei pesci con verdure o alghe. Gli erbivori e gli onnivori saranno probabilmente più sani e colorati se ogni tanto aggiungerai alla loro alimentazione sostanze vegetali. Anche molte specie carnivore possono mangiare i vegetali da cui estraggono i nutrienti necessari. Come sempre, fai una ricerca in Internet sulle specie ittiche, prima di somministrare un nuovo tipo di cibo. Puoi attaccare un pezzo di verdura all'interno dell'acquario con una pinza o tagliarlo in piccoli pezzi da dare ai pesci. Assicurati di rimuovere le verdure non consumate entro 48 ore, altrimenti cominceranno a marcire nella vasca.
    • Carote, zucchine, cetrioli, lattuga e piselli sono solo alcune delle verdure che i tuoi pesci potrebbero apprezzare. Dagliele una volta ogni pochi giorni o come viene consigliato per le tue specie.
    • Un'altra soluzione consiste nell'utilizzare la polvere di spirulina, infusori, alghe o altri elementi vegetali venduti nei negozi di acquariofilia e necessari anche per i pesci piccoli e giovani che non possono mangiare grosse porzioni di verdura. Se non ricoprirai di alghe la superficie e le pareti dell'acquario, puoi aggiungerle seguendo le istruzioni una o due volte al giorno.
  4. 4
    Nutri i pesci usando una varietà di questi integratori per garantire un’ottima salute. Ogni tipo di animale e vegetale fornisce diverse vitamine, minerali e altri nutrienti. Alterna tra due o tre tipi di animali o carne (per i pesci carnivori) o verdure (per gli altri pesci) per avere più probabilità di dare ai tuoi pesci tutto quello di cui hanno bisogno.
  5. 5
    Somministra direttamente vitamine o minerali se noti dei problemi. Se la colorazione vivace dei tuoi pesci si sbiadisce, la loro attività si riduce o noti altri segni di cattiva salute, è probabile che manchino alcune sostanze nutritive. È meglio chiedere il parere di un esperto per avere un'idea più chiara di quali vitamine o minerali necessitano i tuoi pesci o per individuare altri problemi. Potrebbero aver bisogno di questi integratori durante i periodi di stress, come succede quando si introducono nell'acquario nuovi pesci.
    • Se allevi animali per darli vivi ai pesci o acquisti alimenti vivi presso i negozi di zootecnia, puoi nutrirli con integratori minerali o vitaminici, che a loro volta saranno assimilati dal pesce predatore. Questa tecnica è chiamata "gut load".
  6. 6
    Cerca consigli specifici per crescere i neonati. I pesci appena nati, o avannotti, sono spesso troppo piccoli per poter mangiare il mangime di quelli normali. Poiché i loro bisogni alimentari sono spesso diversi da quelli dei pesci adulti e molte volte necessitano di essere nutriti ogni poche ore, è fondamentale chiedere una consulenza specifica in base alla specie che possiedi. Come sempre, cerca informazioni in Internet per assicurarti che gli avannotti abbiano migliori possibilità di sopravvivenza.
    Advertisement


Consigli

  • Se il tuo acquario è grande, può essere una buona idea acquistare vari pesci gatto o pesci pulitori di fondo. Se accidentalmente metti troppo mangime, di solito vanno a pulire il fondo dell'acquario, eliminando il cibo in eccesso e mantenendo pulita la vasca.
  • In caso di sovralimentazione, per cui i pesci sembrano gonfi, lasciali senza cibo per uno o due giorni. Se sono ancora gonfi, dai loro qualche pezzo estratto dall'interno di un pisello per aiutare la digestione.
  • Se hai intenzione di nutrirli manualmente, metti il mangime in mano e lascia che i pesci nuotino e prendano il cibo dalla mano. Non continuare a provare se sembrano timidi e hanno difficoltà a mangiare, perché rischi di stressarli.
Advertisement

Avvertenze

  • Fai attenzione a non dare troppo mangime, altrimenti possono morire!
  • Se nutri i pesci con cibo vivo, devi assicurarti che sia sano e privo di parassiti.
  • Certi alimenti, come il cuore del manzo, sono ricchi di grassi. I tuoi pesci li adoreranno, ma dovresti darli solo di tanto in tanto o durante la crescita.
  • Non nutrire i pesci con un nuovo tipo di cibo (come insetti o verdura) senza controllare se è adatto alla loro specie. Alcune possono contrarre malattie ingerendo certi cibi o avere altri problemi di salute.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Pesci
In altre lingue

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement