Come Occuparti di un Graffio di Gatto

Scritto in collaborazione con: Chris M. Matsko, MD

I gatti possono essere giocosi e bizzarri, ma a volte diventano aggressivi. Se trascorri del tempo con il tuo amico a quattro zampe, è piuttosto probabile che prima o poi possa graffiarti su qualche area del corpo. I gatti hanno artigli affilati che usano per difendersi e a volte possono causare qualche graffio profondo. Se anche tu sei stato vittima della loro "esuberanza", devi prenderti cura della ferita in modo appropriato, per evitare possibili complicazioni.

Parte 1 di 5:
Valutare la Gravità del Graffio

  1. 1
    Identifica il gatto. È importante avere delle informazioni sul gatto che ti ha graffiato. Se è il tuo stesso animale, quello di un familiare o di un amico, allora si tratta di un gatto domestico. Puoi curare la ferita da solo, se non è troppo grave e sei certo che:
    • Il gatto è stato vaccinato adeguatamente;
    • Gode di buona salute in generale;
    • Trascorre la maggior parte del tempo in casa.
  2. 2
    Rivolgiti al medico se ti ha graffiato un gatto di cui non conosci la provenienza. In questo caso potrebbe non essere vaccinato e dovresti essere sottoposto a delle cure preventive contro le infezioni batteriche, il tetano o la rabbia. Devi cercare cure mediche soprattutto se hai subito anche dei morsi, perché questo genere di ferite ha circa l'80% di probabilità di infettarsi.
  3. 3
    Medica la ferita. In base alla gravità della lesione causata dal graffio, dovrai trovare le cure adeguate. Tutti i graffi sono dolorosi, ma la loro profondità ne determina la gravità.
    • Una ferita superficiale che coinvolge solo lo strato superiore della pelle e causa una minima perdita di sangue può essere considerata lieve.
    • Una lesione più profonda che taglia diversi strati di pelle e sanguina moderatamente va trattata come una ferita grave.
  4. 4
    Stabilisci le cure appropriate. Una ferita superficiale provocata da un gatto domestico che conosci può essere trattata a casa. Tuttavia, ogni graffio causato da un gatto sconosciuto e tutte le ferite gravi (profonde) generate da gatti domestici devono essere sottoposti a valutazione medica.
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Trattare un Graffio Superficiale

  1. 1
    Lavati le mani. Prima di medicare la lesione, assicurati che le mani siano pulite e disinfettate. Lavale usando acqua calda (non bollente) e sapone per almeno 20 secondi. Non trascurare la zona tra le dita e sotto le unghie. Al termine risciacquale bene con acqua.
  2. 2
    Risciacqua la ferita. Fai scorrere l'acqua corrente dal rubinetto per risciacquare il graffio e tutta la zona circostante. Non usare l'acqua troppo calda, potresti peggiorare l'emorragia già presente.
  3. 3
    Lava la zona del graffio. Puliscila delicatamente con del sapone neutro. Cerca di lavare tutta l'area, oltre al graffio stesso (per esempio, se la ferita si trova su un avambraccio, lava tutto l'arto, non limitarti al graffio). Dopo avere lavato l'area, risciacquala accuratamente con l'acqua corrente.
    • Non strofinare la cute mentre la lavi, potresti fare altri danni (lividi) ai tessuti lesionati.
  4. 4
    Applica una pomata. È importante spalmare un prodotto antisettico. Puoi usare una pomata antibiotica con tre principi attivi, come Neosporin, che contiene neomicina, un antibiotico molto efficace per favorire il processo di guarigione delle lesioni da taglio.
    • Puoi applicarla sulla ferita tre volte al giorno.
    • La bacitracina è una valida alternativa per coloro che sono allergici alle pomate con più principi attivi.
    • Non è necessario prendere degli antibiotici per via orale per curare i graffi superficiali causati da gatti domestici.
  5. 5
    Non coprire la zona lesionata. Se riesci a curarlo a casa, questo tipo di ferita dovrebbe essere abbastanza superficiale da non richiedere la necessità di una fasciatura. Mantieni pulito il graffio durante il processo di guarigione ma lascialo esposto all'aria fresca.
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Trattare un Graffio Profondo

  1. 1
    Rivolgiti al medico. Le ferite più profonde possono anche sanguinare parecchio ed è necessario prendere degli antibiotici per via orale per prevenire possibili infezioni, anche se il gatto è stato vaccinato adeguatamente. Molto spesso il medico può prescrivere l'Augmentin 875/125 mg, da prendere due volte al giorno per 7-10 giorni.
    • Prima di rivolgerti al medico per delle cure professionali, puoi iniziare a curarti a casa.
    • Assicurati di andare dal medico dopo avere messo in atto i seguenti passaggi per trattare la ferita.
  2. 2
    Ferma l'emorragia. Se il graffio sanguina molto, applica una certa pressione sull'area con un panno pulito. Premi il telo in modo deciso finché l'emorragia non inizia a placarsi. A questo scopo puoi anche sollevare la zona interessata a un livello superiore rispetto al cuore.
  3. 3
    Lava l'area del graffio. Dopo esserti lavato accuratamente le mani, pulisci delicatamente la zona ferita con del sapone e risciacqua con l'acqua. Evita di strofinare la cute durante questa operazione, altrimenti il graffio potrebbe ricominciare a sanguinare.
  4. 4
    Asciuga la zona. Prendi un altro asciugamano pulito e asciuga bene la ferita e l'area circostante.
  5. 5
    Copri il graffio. Quando il taglio è profondo deve essere coperto (o chiuso) con una fasciatura adesiva, un cerotto a farfalla o una garza pulita.
    • Se il taglio è esteso, cerca di avvicinare i lembi della ferita in modo che non ci sia dello spazio tra loro e metti un cerotto a farfalla, che dovrebbe in qualche modo "suturare" il taglio. Se necessario, metti più cerotti per far sì che i bordi del taglio restino uniti per tutta la loro lunghezza; questo permette alla ferita di guarire in maniera più semplice e rapida.
    • Se non hai dei cerotti adesivi, puoi usare una garza e fissarla sulla ferita con del nastro medico.
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Valutare i Rischi del Graffio

  1. 1
    Previeni le infezioni. Alcune ferite da graffio e la maggior parte dei morsi dei gatti possono provocare infezioni. Pulisci bene la lesione e applica una pomata antibiotica come Neosporin o la bacitracina, per ridurre in maniera significativa il rischio di contaminazione batterica. Se il graffio è infetto possono essere necessari anche degli antibiotici per via orale. Tra i segni di infezione potresti notare:
    • Maggior dolore, gonfiore, arrossamento o calore nella zona della lesione;
    • Presenza di strisce rosse che si estendono dal graffio;
    • Fuoriuscita di pus dalla ferita;
    • Febbre alta.
  2. 2
    Presta attenzione alla malattia da graffio di gatto (bartonellosi). Questa è la malattia più comune che viene diffusa dai gatti ed è causata dal batterio Bartonella henselae. I gatti fungono da "sorgente" di questa malattia, che è presente soprattutto negli esemplari giovani e con le pulci. Circa il 40% dei gatti è portatore di questo batterio in qualche fase della vita senza mostrare alcun sintomo.
    • Alcuni gatti che soffrono di tale malattia possono sviluppare problemi cardiaci, ulcere nella bocca o infezioni agli occhi.
    • Il primo segno d'infezione negli esseri umani di solito è un piccolo gonfiore nella zona che è stata graffiata o morsa dal gatto, seguito da un ingrossamento dei linfonodi sotto le ascelle, all'inguine o al collo. Successivamente si manifesta febbre, spossatezza, occhi arrossati, dolori articolari e mal di gola.
    • Se non viene trattata, questa malattia può causare gravi danni agli occhi, al cervello, al fegato o alla milza.
    • Le persone con un sistema immunitario indebolito corrono maggiori rischi di sviluppare complicazioni o anche di morire a causa della febbre causata dalla malattia.
    • La diagnosi di solito si ottiene da una sierologia positiva per B. henselae, che può essere verificata attraverso la coltura, l'istopatologia o la reazione a catena della polimerasi. La malattia viene trattata con antibiotici come azitromicina, rifampicina, gentamicina, ciprofloxacina, claritromicina o bactrim.
  3. 3
    Verifica se hai la tigna. Si tratta di un'infezione micotica caratterizzata da macchie tonde, gonfie e squamose sulla pelle.
    • La tigna spesso è accompagnata da un forte prurito.
    • Può essere curata con pomate antifungine come il miconazolo o il clotrimazolo.
  4. 4
    Accertati del rischio di toxoplasmosi. Questo è un parassita presente a volte sul corpo dei gatti che può diffondersi attraverso le loro feci. Tale agente patogeno, il Toxoplasma gondii, può infettare le persone attraverso un graffio del gatto, soprattutto se sugli artigli ci sono tracce di escrementi.
    • L'infezione negli esseri umani provoca febbre, dolori muscolari e ingrossamento dei linfonodi. Nei casi gravi può causare danni al cervello, agli occhi o ai polmoni; si tratta di una malattia particolarmente grave nelle donne incinte, che pertanto devono evitare di avvicinarsi alla lettiera o alle feci del gatto durante la gravidanza.
    • Per curare la toxoplasmosi è necessario prendere dei farmaci antiparassitari come la pirimetamina.
  5. 5
    Cerca i sintomi di altre malattie. I gatti possono essere portatori sani di malattie mortali per gli esseri umani. Contatta immediatamente il medico se sei stato graffiato da un gatto e presenti qualcuno dei seguenti sintomi:
    • Febbre;
    • Gonfiore alla testa o al collo;
    • Macchie sulla pelle rosse, pruriginose o squamose;
    • Forte mal di testa, capogiri o vertigini.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Prevenire i Graffi

  1. 1
    Non punire il gatto, se ti graffia. Questo è il suo normale comportamento di difesa e se lo punisci potrebbe diventare ancora più aggressivo in futuro.
  2. 2
    Taglia gli artigli del gatto. Puoi farlo a casa con un normale tagliaunghie casalingo. Puoi accorciarli una volta alla settimana per ridurre la gravità di graffi futuri.
  3. 3
    Evita i giochi violenti. Non giocare in maniera rude o aggressiva con il gatto o il cucciolo, altrimenti puoi incoraggiarlo a mordere e graffiare te e gli altri esseri umani.
  4. 4
    Adotta un gatto anziano. La maggior parte dei gatti non morde e non graffia più in maniera eccessiva, una volta che ha superato un anno o due di età e quindi è passata dalla fase giovanile a quella adulta. Se sei particolarmente sensibile ai graffi o hai un sistema immunitario compromesso, dovresti valutare di adottare un gatto già adulto anziché prendere un cucciolo.
    Pubblicità

Consigli

  • Sottoponi il micio al trattamento antipulci. Questo non cambierà le sue abitudini con i graffi, ma ridurrà al minimo il rischio di complicazioni dovute a essi. Consulta il veterinario per trovare il trattamento migliore contro le pulci.
  • Prendi in considerazione la possibilità di tagliare o limare le unghie al micio.
Pubblicità

Avvertenze

  • Rivolgiti sempre al medico se vieni graffiato da un gatto sconosciuto, se la ferita è profonda o se sei immunodepresso.
  • Evita il più possibile di toccare gatti selvatici o randagi.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Chris M. Matsko, MD. Il Dottor Matsko è un Medico in pensione che vive in Pennsylvania. Si è laureato presso la Temple University School of Medicine nel 2007.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità