Come Ottenere e Mantenere un Prato Sano

Per ottenere un bel prato non è necessario usare un'infinità di prodotti chimici. Una irrigazione, una falciatura e una concimazione accurate permettono di coltivare un prato abbastanza resistente da affrontare da solo malattie, erbacce e siccità. Se nonostante tutto questo hai ancora dei problemi, puoi riportare il prato in perfette condizioni di salute modificando la composizione del terreno o le tecniche con cui ti prendi cura del giardino.

Parte 1 di 3:
Prendersi Cura di un Nuovo Prato

  1. 1
    Prepara la zona per la coltivazione. Se non hai ancora posato il prato, leggi questa guida dettagliata o segui le istruzioni basilari descritte di seguito per iniziare:
    • Togli la vecchia erba e gli infestanti usando una zappa o un tagliazolle. Non applicare diserbanti.
    • Crea una pendenza dell'1-2% circa in direzione opposta rispetto agli edifici.[1]
    • Migliora il terreno, se necessario, e con un rastrello distribuisci delicatamente del fertilizzante di avviamento.
    • Innaffia il suolo e aspetta una settimana che si stabilizzi.[2]
    • Riempi un rullo da giardino per un terzo della sua capienza con acqua e percorri lentamente tutto il terreno.
  2. 2
    Scegli il tipo di erba. Prenditi tutto il tempo necessario per trovare il tipo adatto di erba. Sarà più facile prenderti cura del prato, se trovi quella appropriata per il clima in cui vivi, il tipo di terreno e per l'uso che vuoi farne. Fai delle ricerche in merito alle diverse specie, non limitarti all'erba per "climi freddi" e a quella per "climi caldi".
    • Devi anche decidere se preferisci coltivare il prato partendo dai semi o dalle zolle erbose. È più facile e più economico partire dai semi, ma bisogna aspettare diversi mesi prima di poter usufruire del prato. Se desideri ottenere il prato il prima possibile, dovrai investire tempo e fatica.
    • Le zolle devono essere umide senza zone asciutte o crepate.
  3. 3
    Posa il nuovo prato. Suddividi la superficie in sezioni, in modo da rendere il lavoro più semplice. Attieniti alle seguenti istruzioni:
    • Per piantare i semi: usa una seminatrice e distribuisci metà dei semi che hai a disposizione in file parallele; spargi l'altra metà in file perpendicolari alle prime. Con il rastrello smuovi leggermente 3 mm di terreno sopra i semi.[3]
    • Per posare le zolle: disponile da un'estremità all'altra in maniera sfalsata, come se dovessi posare dei mattoni. Taglia i bordi per adeguare le zolle allo spazio a disposizione usando un coltello multiuso.
  4. 4
    Innaffia il nuovo prato. Segui le indicazioni qui descritte per mantenerlo sano:
    • Semi: bagnali subito dopo averli interrati, ma con grande delicatezza, per evitare di lavarli via. Ripeti questa operazione a giorni alterni finché non vedi spuntare i primi fili d'erba; ci vorranno circa 10-14 giorni dalla semina.
    • Zolle: innaffiale abbondantemente il mattino presto per 10 giorni, finché il terreno sottostante non sarà ben impregnato.
  5. 5
    Non calpestare il nuovo prato. Evita di camminare sulle nuove zolle durante la prima settimana e sii delicato durante tutto il primo mese. Le zolle impiegano molto tempo per stabilizzarsi. Stai lontano finché non vedi spuntare la prima erbetta; in seguito, cerca di usare il prato nella maniera più delicata possibile per circa sei mesi.
    • Una volta che l'erba è cresciuta di circa 5-8 cm, percorri tutto il prato con un rullo da giardino.
    • Non tagliarla finché non ha raggiunto i 7,5-10 cm; a quel punto, non falciarla più di 1,3 cm ogni pochi giorni, finché il prato non avrà un aspetto sano e ben stabilizzato.[4]
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Prendersi Cura di un Prato Stabilizzato

  1. 1
    Bagnalo di rado ma con abbondante acqua. Le radici profonde mantengono il prato sano e rigoglioso. Devi favorire la crescita delle radici innaffiando molto, quindi aspetta che il primo strato di terreno (profondo circa 5 cm) torni asciutto prima di irrigare ancora. L'esatto dosaggio settimanale di acqua dipende dalle condizioni climatiche e dalla varietà di erba. Una buona regola generale da rispettare è di fornire 2,5-3 cm di acqua a settimana, durante la stagione di crescita, e di aumentare a 5 cm quando il clima è secco e torrido.[5][6]
    • Innaffia durante il tardo pomeriggio o al mattino presto per ridurre l'evaporazione dell'acqua.
    • Per capire quanti centimetri di acqua rilasciano gli irrigatori, disponi dei contenitori aperti in vari punti del giardino. Avvia l'impianto di irrigazione per 20 minuti e misura la profondità dell'acqua raccolta nei vari recipienti. Moltiplica la profondità media per tre e otterrai i centimetri d'acqua all'ora.
  2. 2
    Lascia il prato in uno stato dormiente (facoltativo). Molte varietà di erba sopravvivono al clima estivo caldo e secco entrando in uno stato dormiente. I fili d'erba diventano marroni, ma la parte sotto terra continua a vivere per mesi. Se il prato appassisce e diventa marrone, pur innaffiandolo spesso, è meglio lasciarlo in questo stato, invece di tentare tutti i rimedi possibili.
    • La maggior parte dei prati dormienti non ha bisogno di acqua. Se il suolo è estremamente secco o la varietà d'erba che hai scelto non cresce bene nei climi caldi, bagna il prato con 6-12 mm di acqua ogni 2-4 settimane.[7]
  3. 3
    Imposta il tagliaerba all'altezza maggiore possibile. Ciò significa in genere tagliare l'erba a 9-10 cm di altezza. In questo modo, i fili d'erba fanno ombra sul terreno, bloccando la crescita delle erbacce e favorendo i microbi benefici. Tenendo l'erba più alta, inoltre, le radici hanno la possibilità di crescere meglio, rendendo così il prato più resistente alle malattie. Al termine, lascia l'erba tagliata sul prato, affinché restituisca al terreno tutti i nutrienti.
    • Non tagliare mai l'erba quando è bagnata. Se è scivolosa potrebbe provocare degli incidenti, oltre al fatto che non sempre la falciatrice lavora correttamente in queste condizioni.
    • Affila la lama del tagliaerba dopo circa 10 ore di falciatura o se l'erba tagliata da poco appare sfilacciata con le punte marroni.
    • Se non ti piace l'aspetto dell'erba così tagliata, riducine l'altezza a 5 cm. Alcune varietà si adattano meglio di altre a questo taglio, ma tutte sono generalmente più sane a un'altezza di circa 7,5 cm o più.
    • Non tagliare mai l'erba a più di un terzo della sua altezza alla volta. In primavera probabilmente dovrai falciarla anche ogni due o tre giorni per mantenerla della misura corretta.
  4. 4
    Scegli il fertilizzante. I tre numeri che vedi sulle confezioni dei prodotti indicano la percentuale presente di azoto, fosforo e potassio, in quest'ordine. L'azoto è l'elemento più importante per il prato e dovrebbe essere presente in quantità maggiore rispetto agli altri due (l'ideale è un rapporto 3:1:2).[8] Evita i concimi con valori maggiori di 10, perché possono bruciare facilmente l'erba.
    • In teoria, dovresti scegliere una miscela composta per il 30-50% di fertilizzante a lento rilascio e per il restante 70-50% di prodotto a rilascio rapido. In questo modo, il terreno ottiene una spinta immediata, ma nello stesso tempo vengono aggiunte delle sostanze nutritive ulteriori durante le successive settimane.
    • Il concime organico è migliore di quello sintetico, dato che mantiene il terreno in condizioni più salutari.
  5. 5
    Concima il prato. Se non hai uno spandiconcime, puoi affittarne uno presso un'azienda che noleggia attrezzatura agricola. Un diffusore a goccia è più efficace per un prato piccolo. Il concimatore rotante ti permette di risparmiare tempo se devi utilizzarlo per un prato grande, ma deve essere tenuto lontano dai bordi del prato, dalle fonti d'acqua e dagli orti o giardini fioriti per evitare di inquinare.[9] Segui le indicazioni per quanto riguarda l'utilizzo del macchinario e quelle riportate sulla confezione del fertilizzante, applicando 0,5 kg di azoto ogni 100 m2. Ripeti il trattamento una volta all'anno, meglio se nell'autunno avanzato, quando il clima più freddo favorisce la crescita delle radici anziché quella dei fili d'erba.
    • Per evitare una distribuzione non uniforme del concime, imposta il diffusore a metà della potenza consigliata e percorri il prato due volte, in direzioni perpendicolari l'una all'altra.
    • Se vuoi un prato perfetto, devi concimare due o tre volte durante la stagione di crescita. Purtroppo è fin troppo facile bruciare il terreno o causare uno sviluppo troppo rapido sbagliando la strategia di concimazione. Per ottenere degli ottimi risultati, contatta il dipartimento d'agricoltura della tua zona per avere dei consigli in merito.
  6. 6
    Arieggia il giardino in primavera o autunno. Rimuovi pezzi di terreno una volta l'anno usando un arieggiatore con punte da 13 mm di diametro. Rimuovi i pezzi di terreno fino a una profondità di 7-8 cm muovendo l'attrezzo su tutto il prato finché non avrai smosso 88 zolle per metro quadrato.[10] Questa operazione impedisce al terreno di compattarsi, previene le malattie e l'accumulo del feltro.
    • Arieggia il terreno quando è piuttosto asciutto, ma non troppo da impedire la penetrazione delle punte dello strumento.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Risolvere i Problemi di un Prato Malato

  1. 1
    Gestisci il drenaggio dell'acqua. Se l'acqua si accumula in un punto del giardino, il terreno potrebbe essere argilloso oppure la pendenza potrebbe essere eccessiva. Innaffia il prato con la solita quantità di acqua, ma suddividendola in due sessioni. Bagna il terreno con metà dell'acqua, aspetta un'ora per consentire il drenaggio e poi cospargi la seconda metà. Attieniti a questa tecnica per tutte quelle zone dove l'accumulo è un problema.
    • I terreni argillosi e pesanti hanno bisogno di irrigazioni ancora più abbondanti ma meno frequenti rispetto ai prati normali.
    • Arieggia il prato per ridurre questo problema, se hai la sensazione che il terreno sia compatto e denso.
  2. 2
    Gestisci la siccità. Se l'erba appassisce, diventa grigia, viola, blu o non ritorna alla sua posizione normale dopo essere stata calpestata, significa che sta soffrendo di scarsità d'acqua. Aumenta l'irrigazione a ogni sessione.
    • I prati possono diventare secchi anche a causa del terreno sabbioso che drena l'acqua troppo in fretta, prima che le radici dell'erba possano assorbirla. Innaffia le zone sabbiose con maggiore frequenza diminuendo però la quantità d'acqua di ogni irrigazione.
  3. 3
    Combatti le erbe infestanti. Ogni volta che ti è possibile, sbarazzati delle erbacce senza usare prodotti chimici, per evitare l'inquinamento o danni alle piante circostanti. Strappale a mano ogni volta che le vedi. Se hai una grave infestazione, cerca di individuare la specie d'erba indesiderata e chiedi consiglio ai giardinieri locali o al dipartimento d'agricoltura del tuo Comune. La maggior parte degli infestanti può essere eliminata cambiando la maniera in cui ti prendi cura del prato, ad esempio tagliando l'erba a un'altezza maggiore o modificando il programma di irrigazioni.[11]
    • Se decidi di usare un diserbante, segui sempre alla lettera le istruzioni che trovi sulla confezione. Rispetta i consigli specifici in base al tipo di erbaccia presente per ottenere i risultati migliori. Quando scegli un erbicida per trattare un'infestazione presente, prendine uno post-emergenza. I prodotti selettivi uccidono solo un certo tipo di erbacce, mentre quelli aspecifici attaccano anche l'erba del tuo prato; per questa ragione, devono essere applicati con precisione.
    • Se usi uno spargisemi o un altro attrezzo simile per diffondere il diserbante, ricorda che resteranno dei residui all'interno dello strumento e che il prodotto potrebbe raggiungere zone che non fanno parte del prato.[12]
  4. 4
    Combatti gli insetti e i parassiti. Se le larve Phyllophaga, gli scarafaggi o altri parassiti stanno decimando il tuo prato, la cosa migliore da fare è cambiare il modo in cui ti prendi cura dell'erba. Un giardiniere esperto o il dipartimento di agricoltura dell'ASL può darti ottimi consigli per combattere i parassiti locali e fornirti ulteriori informazioni su quelli che stanno rovinando il giardino. I pesticidi e gli insetticidi dovrebbero essere la tua ultima risorsa, dato che uccidono anche i microbi e i lombrichi benefici. Se hai comunque deciso di usarli, segui scrupolosamente le istruzioni del produttore.
    • I pesticidi possono essere tossici anche per la persona che li cosparge. Indossa delle protezioni come indicato sulla confezione. Dopo avere applicato il prodotto, lava accuratamente la pelle e gli abiti prima di mangiare, bere o fumare.[13]
  5. 5
    Previeni l'accumulo del feltro. Si tratta di uno strato spugnoso di materiale organico marrone che si deposita sopra il prato; diventa un problema quando il suo spessore supera i 12-13 mm. Noleggia uno scarificatore per spezzare il feltro e poi lascia che si decomponga sul terreno. Una volta decomposto, spargi sul prato uno sottile strato di terriccio, ma abbi cura di utilizzare lo stesso tipo di terra in cui hai piantato l'erba.[14]
    • Togli il feltro solo all'inizio dell'autunno o nei primissimi giorni della primavera. Non rimuoverlo se non supera lo spessore di 12-13 mm.
    • L'accumulo di questa sostanza può essere causa di un cattivo drenaggio del suolo. Se arieggi il terreno come descritto nella sezione precedente, puoi risolvere il problema.[15]
    • Diversamente da quanto si crede, l'erba tagliata non contribuisce alla formazione del feltro.
  6. 6
    Regola il pH e i nutrienti del terreno. In molte zone, il terreno è troppo acido e deve essere cosparso annualmente con del carbonato di calcio in pellet. Se vuoi essere più preciso, esegui un test del pH del suolo e applica il prodotto corretto per portarlo tra 6,0 e 7,0. Il kit per il test può anche essere in grado di rilevare eventuali carenze di nutrienti, come una bassa concentrazione di fosforo o ferro, che possono essere invertite utilizzando fertilizzanti o additivi opportuni.
    • Puoi usare il carbonato di calcio in ogni periodo dell'anno.
    • Se il terreno è troppo alcalino, abbassane il pH con dei prodotti da giardino a base di zolfo.
  7. 7
    Tratta le malattie del prato. Le istruzioni fin qui descritte ti permettono di avere un'erba sana e resistente alle malattie. Tuttavia, se noti che il prato si macchia o mostra altri segni, devi riuscire a identificare la malattia specifica e chiedere qualche consiglio ai giardinieri esperti in merito a quelle più diffuse nella tua zona. Qui di seguito sono elencate un paio di tattiche per sbarazzarti dei problemi più comuni:
    • Evita di innaffiare troppo l'erba. Il prato non dovrebbe mai essere impregnato con zone paludose.
    • Elimina le gocce di rugiada con un rapido spruzzo di acqua oppure smuovendo il tubo da giardino sull'erba. In certi casi, potrebbe trattarsi di un liquido zuccherino secreto dalle piante che però può favorire la proliferazione batterica.[16]
  8. 8
    Non calpestare l'erba durante l'inverno o quando il prato è sofferente. Ogni volta che il giardino appare danneggiato, cerca di ridurre il passaggio su di esso (sia delle persone sia dei macchinari) finché non tornerà in condizioni ottimali. Lo stesso vale durante le gelate invernali che rendono l'erba particolarmente vulnerabile.
    Advertisement

Consigli

  • Invece di raccogliere le foglie cadute in autunno con un rastrello, passaci sopra con il tagliaerba. Proprio come l'erba tagliata, anche le foglie triturate si compatteranno sul terreno diventando compost.
  • I tagliaerba con tecnologia mulching sono i migliori. Infatti non spingono l'erba tagliata ai lati, ma la trattengono sotto il piano della macchina; in questo modo, i fili d'erba vengono sminuzzati finemente finché le lame non riescono più a catturarli e rimangono sul terreno come pacciame o compost.
  • Il carbonato di calcio in pellet costa di più, ma è molto più semplice da applicare.
  • In primavera cospargi del diserbante per prevenire la crescita della sanguinella sottile senza usare il fertilizzante.
  • Rastrella il prato per raccogliere l'erba morta. Non usare una pala e non abbassare le lame del tagliaerba, altrimenti strappi le radici vive.
Advertisement

Avvertenze

  • Smetti di irrigare, fertilizzare e tagliare il prato quando l'erba ha smesso di crescere.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 30 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Giardinaggio

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement