Come Piantare una Palma

Vuoi un angolo di paradiso nel tuo giardino? Le palme sono conosciute come alberi ornamentali e di abbellimento nelle regioni tropicali. Sono resistenti all'assalto dei venti e offrono grande ombra e riparo; sono piante affidabili e non richiedono particolare impegno, una volta interrate. Quindi, se desideri piantare una palma in qualche area della tua proprietà, continua a leggere per avere maggiori dettagli.

Parte 1 di 4:
Scegliere la Varietà, la Dimensione e la Posizione

  1. 1
    Scegli la varietà di palma che desideri piantare. Le palme variano in grandezza, da quelle relativamente piccole come le Windmill e le Sago, a quelle giganti come le Royal e le Queen, che una volta sviluppate possono raggiungere i 15 metri di altezza. Anche la necessità di sole, così come la tolleranza al freddo, variano in base alla specie. Fai una ricerca in internet per trovare un elenco delle palme più comuni usate per arredare i giardini e per valutare le loro esigenze di luce solare e tolleranza al freddo.
    • Palme per climi temperati:
      • Cubana o Florida Royal. Tollerante alle temperature fino a -5 °C; richiede pieno sole o ombra parziale.
      • Sago. Tolleranza al freddo fino a -6 °C; richiede luce del sole filtrata o pieno sole.
      • Dattero delle Canarie. Tolleranza al freddo fino a -7 °C.
      • Queen. Tolleranza al freddo fino a -7 °C; richiede pieno sole.
    • Palme resistenti al freddo:
      • Messicana. Tollerante a temperature fino a -9 ° C.
      • Palmetto. Tollerante al freddo fino a -11 °C; richiede pieno sole.
      • Pindo. Tollerante a temperature fino a -12 °C.
      • Palma Cinese Windmill. Tollerante al freddo fino a -13 °C; richiede pieno sole.
  2. 2
    Opta per una palma piccola, media o grande in base al budget che hai a disposizione, all'estetica e alla capacità di gestirla. Quale tipo sceglierai dipende essenzialmente da tre fattori principali:
    • Budget: le palme piccole ovviamente costano meno, mentre quelle grandi di più. Le piccole mediamente possono aggirarsi intorno ai 100 euro, ma le grandi possono anche raggiungere il costo di qualche migliaio di euro.
    • Estetica: vuoi vedere la palma che cresce o preferisci piantarla già nella sua dimensione finale, in modo da adattarsi già completamente al paesaggio? Tieni presente che gli alberi maturi costano molto di più rispetto a quelli che devono ancora svilupparsi.
    • Facilità di gestione: iniziare da una palma già matura è costoso, a volte può essere talmente grande che è necessario trasportarla su un camion per poterla piantare. Se desideri metterla in un luogo dove è difficile gestirla e manovrarla, dovresti scegliere una palma più piccola.
  3. 3
    Scegli la posizione in cui interrarla. Dato che le palme grandi sono estremamente pesanti e potrebbe essere necessario usare delle attrezzature ingombranti durante il processo di messa a dimora, è meglio cercare una zona che sia facilmente accessibile. Piantare l'albero su una bassa pendenza in giardino sarà molto più facile che volerla mettere su un ripido pendio o sul retro della casa, che spesso è poco praticabile e scomodo.
    Consiglio dell'Esperto
    Maggie Moran

    Maggie Moran

    Orticoltrice
    Maggie Moran lavora come Giardiniera Professionale in Pennsylvania.
    Maggie Moran
    Maggie Moran
    Orticoltrice

    Le palme sono ottime piante paesaggistiche perché le loro radici non sono invasive. Maggie Moran, orticoltrice, spiega: "Le palme hanno radici poco profonde che di solito arrivano a circa 90 cm di profondità. Le loro radici sono relativamente non invasive, il che significa che è possibile piantarle vicino a piscine e altre strutture. Tuttavia, raccomanderei comunque di piantare gli alberi ad almeno 2-3 m dalla piscina".

  4. 4
    Non scavare una buca e non far passare veicoli pesanti dove scorrono le tubature delle diverse utenze, per evitare il rischio di danneggiarle. Controlla attentamente la documentazione della proprietà. Se hai dei dubbi verifica i permessi della tua città, le mappe catastali dei servizi pubblici e informati presso il tuo Comune, per essere certo che non ci sia alcuna tubatura di utilità pubblica che scorre sotto la proprietà nel punto in cui desideri piantare l'albero. Se dovessi danneggiare le condotte sotterranee dell'acqua, del gas, le linee elettriche o telefoniche potresti causare grossi problemi, oltre a dovere sostenere delle spese e provocarti dei mal di testa inutili.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Scavare e Preparare la Buca

  1. 1
    Metti la palma vicino alla zona in cui prevedi di piantarla. In questo modo potrai preparare molto più facilmente il foro alle dimensioni corrette, dato che potrai misurare la zolla dell'albero contenente le radici e la terra e confrontarla con la buca che andrai a scavare. Alcune palme possono essere interrate sopra la propria zolla.
    • Per esempio la palma messicana (Washingtonia robusta) può essere interrata a 1,2-1,5 m di profondità rispetto alla punta superiore delle radici. Questo può essere vantaggioso se stai cercando di allineare tutti gli alberi a una determinata altezza. Inoltre evita la necessità di mettere dei rinforzi.
    • Non sotterrare però la radice principale (parte superiore della zolla) né il tronco delle altre varietà di palma; dovresti consultare un arboricoltore certificato prima di interrare il tuo albero, se hai dei dubbi circa la profondità.
  2. 2
    Scava una buca in modo che sia almeno 15 cm più ampia su tutti i lati e 15 cm più profonda della zolla radicale. Quindi metti 15 cm di sabbia sul fondo del foro. Con un metro a nastro, determina la larghezza e l'altezza della zolla della palma e scava di conseguenza.
    • Fai una prova per verificare se il terreno dove stai scavando ha un drenaggio rapido, se è di argilla poco drenante o se c'è una forte presenza di rocce o pietre sporgenti. Scava una buca di 40 cm di profondità nel terreno normalmente umido, quindi riempila con acqua (se il suolo è troppo arido/secco o umido/fradicio non è in grado di dare un buon risultato). Se noti che l'acqua si ritira nell'arco di un'ora o due, significa che drena in modo ottimale. Se l'acqua viene assorbita entro 12 ore, il drenaggio è accettabile. Ma se dopo 24 ore c'è ancora presenza di acqua, il terreno non è adatto, dovresti trovare un'altra posizione dove piantare il tuo albero oppure modificare prima la composizione della terra.
    • Assicurati che il foro sia abbastanza profondo da coprire bene la parte superiore della zolla radicale, ma non troppo da rischiare che il tronco possa rimanere inzuppato e marcire. Va bene se la parte superiore della zolla rimane esposta, ma livellare il suolo fino a esporre parecchio apparato radicale è decisamente da evitare. La punta delle radici non deve essere esposta, altrimenti la palma è meno stabile. D'altra parte, se viene piantata troppo in profondità si rischia che il tronco possa marcire, con conseguente instabilità della pianta e rischi di malattie e decomposizione.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Piantare la Palma

  1. 1
    Togli l'involucro della zolla (di solito si tratta di una tela grezza o di plastica) per esporre le radici. Non scuotere la terra dalle radici più del necessario, dal momento che le faresti asciugare troppo rischiando di far morire le delicate e sottili ramificazioni che portano nutrimento. Evita inoltre di distendere troppo la zolla prima di piantarla; anche se potresti pensare di farla respirare meglio allargandola, in realtà provocheresti solo dei danni.
  2. 2
    Predisponi la palma per interrarla, assicurandoti che la parte superiore della zolla sia leggermente sotto il livello del terreno. In genere, la parte superiore della zolla dell'albero dovrebbe rimanere solo a 3-5 cm sotto terra quando l'albero è posizionato e la buca viene completamente riempita.
  3. 3
    Raddrizza l'albero. Spesso le palme presentano dei tronchi curvi, pertanto non sempre appaiono perfettamente verticali una volta erette nel terreno.
    • Assicurati anche di individuare il lato anteriore della palma, quello che è stato esposto maggiormente alla luce solare. Probabilmente vorrai fare in modo che il lato soleggiato si affacci in una direzione che tu possa apprezzare e ammirare. Per cui, se hai deciso di piantare la palma nel cortile davanti a casa, devi orientare il lato "bello" verso la strada, mentre se hai optato per il cortile interno, probabilmente è meglio che questo sia rivolto verso l'abitazione.
  4. 4
    Riempi la buca fino a coprire la zolla radicale. Chiudi il foro con della sabbia e innaffia adeguatamente. Il riempimento di sabbia assicura un buon drenaggio, oltre a garantire stabilità alla palma in modo da non richiedere dei rinforzi per sostenerla.
  5. 5
    Crea una barriera nel terreno. Realizza una sorta di fossato o diga intorno ai bordi esterni della buca. Servirà a trattenere l'acqua per il nuovo albero. Una volta terminata la barriera, sarai pronto per annaffiare. Tale barriera garantirà abbastanza umidità in maniera da evitare che le radici della palma si induriscano.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Operazioni Conclusive

  1. 1
    Sostieni la palma con dei pali, se necessario. Le palme non hanno un grande apparato radicale in grado di sostenerle, quindi devono essere temporaneamente rinforzate per restare erette finché le radici si stabilizzano, a meno che tu non abbia della sabbia di riempimento con grana da intonaco. Questa infatti solitamente fornisce sufficiente sostegno per evitare l'uso di supporti.
    • Avvolgi il tronco fino ad almeno 1/4 della sua altezza con un ampio pezzo di tela grezza di 40 cm per evitare che i puntelli grattino il tronco in presenza di venti forti.
    • Metti i puntelli, equidistanti fra loro, su tre lati attorno al tronco e fissali con dei supporti di legno (assi di legno trattato 2x4 vanno bene) ai tasselli sul tronco usando del filo di ferro, appoggiandoli direttamente sopra la tela.
  2. 2
    Annaffia l'albero in modo accurato. Devi creare una piccola diga di terra intorno alla zolla per evitare che l'acqua defluisca troppo lontano dalle radici, soprattutto se la palma si trova su una collinetta o se il suolo non assorbe l'acqua con facilità. Puoi anche mettere del pacciame alla base del tronco per cercare di mantenere il terreno umido. Disponine uno strato di circa 7,5 cm non compatto.
  3. 3
    Evita di concimare per almeno 6-8 settimane dopo l'interramento della palma. Ricordati che già l'operazione di trapianto le ha creato uno shock. Purtroppo, se aggiungi dei fertilizzanti le causi altro stress. Quindi, per ridurle al minimo questo disagio e massimizzare le sue possibilità di svilupparsi in maniera fiorente, non concimarla fino a 6-8 settimane dopo averla piantata.
    • Quando vuoi usare il concime, assicurati di usarne uno a lento rilascio e di non tenerlo troppo vicino al tronco. Applicane solo 30 o 60 cm intorno al tronco per evitare di concimare troppo.
    • Dovresti inoltre pensare a migliorare la qualità del terreno con dei funghi micorrizici. Le palme hanno sviluppato una relazione simbiotica con questi funghi e diventano rigogliose quando sono presenti nel terreno; tali funghi si diffondono nell'apparato radicale della pianta facilitandole l'assorbimento di acqua e nutrienti. Puoi comprare questo tipo di trattamenti online o nei vivai.
  4. 4
    Annaffia la palma con la frequenza necessaria finché non si stabilizza bene nel terreno; se il suolo è di ghiaia e sabbia avrà bisogno di maggiori innaffiature. Il periodo per stabilizzarsi dipende dalla varietà della pianta, dalle dimensioni, se si trovava in un vaso o se aveva l'apparato radicale avvolto. Generalmente, le radici devono essere innaffiate spesso, ma senza eccedere. Bagnale ogni giorno durante le prime settimane, poi ogni settimana nei mesi seguenti, infine è necessario innaffiare sempre meno seguendo una programmazione standard.
    Pubblicità

Consigli

  • Un'attrezzatura professionale può essere di enorme aiuto per gli alberi più grandi che possono pesare anche più di 450 kg.
  • Usa un grosso nylon o una fascia di poliestere per sollevare l'albero se usi un paranco, per evitare di danneggiare la corteccia.
  • Alcune persone inseriscono delle striscioline di PVC di 5 cm o più attorno alla zolla lasciandone emergere un lato per facilitare l'innaffiatura nella zona delle radici .
  • Molti proprietari di case non sanno di poter tenere una palma nel proprio giardino. A seconda della zona in cui vivi (più o meno calda) puoi coltivarne una che non richiede cure particolari. Con un po' di attenzione in più, però, puoi anche riuscire a coltivare delle palme più impegnative.
Pubblicità

Avvertenze

  • Fai molta attenzione a non danneggiare la corteccia dell'albero, dal momento che ogni danno offre agli insetti un'occasione per attaccarlo.
  • Sii molto prudente quando scavi, soprattutto se usi degli attrezzi professionali, in quanto potresti colpire delle tubature o dei cavi sotterranei.
  • Usa la stessa cautela quando sollevi la palma, specialmente se lo fai a mano, perché questa pianta ha un baricentro molto alto e la zolla radicale piuttosto piccola.
  • Le palme possono essere davvero “imprevedibili”. Non scoraggiarti se il primo tentativo fallisce.
  • Prima di piantare una palma accertati di volerla davvero posizionare in quella specifica zona e assicurati anche di volere veramente una palma. Una volta interrata è quasi impossibile toglierla: anche se viene rimossa, le radici ne faranno crescere altre.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Materiale per puntellare la palma
  • Attrezzi per scavare (che sia un badile o un escavatore)
  • Materiali per riempire la buca come vermiculite, mix di terriccio, compost organico e fertilizzante


Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 22 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Giardinaggio

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità