Come Potare la Buddleia

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

La buddleia (Buddleja davidii) è un arbusto con molti rami che tende a crescere e fiorire rapidamente; è una delle piante favorite dai giardinieri per il suo profumo fragrante. Poiché cresce tanto in fretta, devi potarla a ogni primavera prima che inizi a svilupparsi.

Metodo 1 di 2:
Potare la Buddleia

  1. 1
    Taglia i rami all'inizio della primavera. Il momento in cui decidi di potare è molto importante per la salute della pianta. Dovresti procedere sempre non appena inizia la primavera, in genere a marzo;[1] tuttavia, il momento esatto dipende dalla regione in cui vivi. In alcune zone possono esserci delle gelate intense anche in tarda primavera, eventi che potrebbero danneggiare l'arbusto.[2]
    • La decisione in merito al periodo della potatura dipende ampiamente dal clima della zona. Come già accennato in precedenza, se procedi troppo presto quando possono esserci ancora delle gelate, la pianta potrebbe soffrirne parecchio; tuttavia, attendere fino all'estate o magari all'autunno potrebbe essere fatale per la buddleia. Se le nuove crescite non si irrobustiscono prima dell'inverno, verranno uccise dal freddo; questo significa che l'intera pianta morirà alla primavera successiva.[3]
    • Monitora le previsioni del tempo, soprattutto se vivi in una regione fredda o con un clima imprevedibile. Se sono previste delle temperature sotto lo zero o delle nevicate nei dieci giorni successivi, rimanda la potatura; aspetta che le temperature siano costantemente miti e sopra il punto di congelamento.
  2. 2
    Procedi a un taglio drastico. La buddleia fiorisce nuovamente; anche se non ci sono segni evidenti di danni o marciume sui rami esistenti, tagliali fino a terra all'inizio della primavera; in questo modo, stimoli la fioritura e la crescita della pianta durante la stagione calda.[4]
    • La buddleia si sviluppa in mazzi di steli che spuntano dalla stessa zolla; potala tagliando questi steli fino a terra.
    • I rami dovrebbero essere lunghi circa 30 cm; interrompi la potatura quando raggiungi tale lunghezza; se esageri, puoi danneggiare la pianta.[5]
    • Al termine del lavoro, l'arbusto dovrebbe assomigliare alle corna di un cervo. Non preoccuparti di quanto l'hai "ridotto ai minimi termini" perché un taglio deciso lo aiuta a sviluppare nuovi fiori alla fine del periodo delle piogge.
  3. 3
    Togli i rami vecchi. Questa pianta può diventare molto fitta se crescono parecchi steli; se hai la sensazione che sia troppo compatta, rimuovi completamente i rami più vecchi invece di limitarti ad accorciarli.[6]
    • È facile riconoscere gli steli vecchi da quelli giovani; questi ultimi sono di colore verde, gli altri assumono invece tonalità più scure e hanno una corteccia simile a una buccia grigia-marrone.[7]
    • Dovresti sradicare i rami vecchi, in modo che non possano rifiorire durante la stagione successiva.[8]
  4. 4
    Pota i fiori morti al termine della stagione di fioritura. Sebbene sia necessario eseguire i tagli principali durante la primavera, aspetta che la pianta fiorisca. Dovresti poi potarla ancora una volta quando i fiori sono appassiti; taglia via tutti quelli morti o morenti per mantenere la buddleia in buona salute e forte.[9]
    • I fiori si sviluppano in molti punti dell'arbusto, sia lungo i rami principali sia su quelli laterali che si sviluppano dagli steli centrali; quando cerchi i fiori appassiti, osserva queste zone.[10]
    • Ispeziona attentamente la pianta per accertarti che tutte le gemme siano fiorite prima di ripetere la potatura; non dovresti tagliare via i fiori, neppure quelli appassiti, prima che la fioritura non sia esaurita.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Prendersi Cura della Pianta dopo la Potatura

  1. 1
    Cospargi il pacciame all'inizio della primavera. Se vivi in una regione fredda, devi impegnarti parecchio per tenere sotto controllo le erbacce e mantenere la buddleia in buona salute. Diffondi del pacciame o del compost attorno alla base dell'arbusto per trattenere l'umidità e impedire la crescita di erbe infestanti; distribuisci il materiale sul terreno in un raggio di 15 cm dalla pianta.[11]
  2. 2
    Interra le nuove piante a 1,5-3 metri da quelle esistenti. Se decidi di aumentare il numero di esemplari in tuo possesso, distanziali di almeno 1,5-3 metri gli uni dagli altri per garantire loro lo spazio sufficiente per svilupparsi.[12]
    • La buddleia si allarga mentre cresce formando nuovi steli che si diffondono in orizzontale; per questa ragione, è indispensabile assicurarsi che abbia tutto lo spazio necessario.
  3. 3
    Innaffia in maniera corretta. Questo arbusto deve essere irrigato, ma la quantità d'acqua varia in base alla stagione; gli esemplari giovani che sono ancora in fase di crescita dovrebbero essere bagnati abbondantemente.
    • Questa pianta tollera la siccità, ma il terreno asciutto potrebbe rappresentare un problema; è quindi molto importante innaffiarla regolarmente nei mesi in cui non piove.[13]
    • Bagna accuratamente il terreno alla base dell'arbusto in modo che sia umido ma non impregnato d'acqua. Prima della fioritura è necessario innaffiare di più;[14] dagli dell'acqua almeno una volta a settimana prima che fiorisca. Se vivi in una regione in cui ci sono periodi di siccità o temperature molto elevate, dovresti prevedere due o più innaffiature settimanali.[15]
    • Una volta che la pianta è completamente sviluppata, ha bisogno di dosi inferiori di acqua.[16] Tuttavia, monitora il terreno alla sua base per accertarti che sia umido; se è asciutto, bagnalo un po'.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Giardinaggio

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità