Come Prendere la Glutammina

La glutammina è un aminoacido che viene usato per formare le proteine. È un elemento essenziale per la forza, la resistenza e il recupero muscolare. Sebbene la glutammina venga sintetizzata dall'organismo e sia facilmente disponibile in alcuni alimenti, quando il corpo è sotto tensione a causa di un esercizio intenso, malattie o lesioni potrebbe non essere in grado di produrne una quantità sufficiente. Segui i pochi passaggi di questo tutorial per imparare ad assumerla sotto forma di integratore.

Parte 1 di 2:
Conoscerne le Proprietà

  1. 1
    Informati sulla glutammina. Si tratta di un aminoacido presente naturalmente nel corpo. Gli aminoacidi sono i "mattoni" che costituiscono le proteine, molto importanti per regolare la crescita e la funzione delle cellule. In particolare, la glutammina aiuta a eliminare dal corpo le tossine e gli scarti, noti anche come ammoniaca. Inoltre rafforza il sistema immunitario e aiuta l'apparato digestivo.
    • All'interno del corpo la glutammina viene immagazzinata nei muscoli e polmoni.
  2. 2
    Trova delle fonti naturali di glutammina. La maggior parte del fabbisogno di questo aminoacido viene soddisfatta grazie al corpo stesso, che lo produce rielaborando determinati alimenti. Tuttavia, quando il corpo è sotto stress per un infortunio o perché affetto da un'infezione, non è in grado di produrne a sufficienza. Quando ciò accade, ci sono due modi per assumere la glutammina sotto forma di integratore.
    • Puoi ottenerla in modo naturale cambiando la dieta e incrementando i cibi che ne sono ricchi. La glutammina è presente negli alimenti ricchi di proteine, come il latte, il pesce, la carne e i fagioli. Si trova anche in alcune verdure come gli spinaci, i cavoli e il prezzemolo. Sebbene questi alimenti siano una fonte di glutammina, tuttavia non sono in grado di fornirne tanta quanta gli integratori.
  3. 3
    Informati presso il medico in merito ai supplementi alimentari di glutammina. Se non riesci ad assumerne una quantità sufficiente attraverso il cibo o se hai bisogno di prenderne in quantità maggiore a causa di un aumento dello stress fisico, devi rivolgerti al medico, così che possa prescriverti il dosaggio corretto. La posologia e la tipologia del complemento alimentare che devi prendere può variare notevolmente, a seconda della problematica che presenti. Il medico saprà indicarti se questa soluzione è adatta per il tuo caso specifico e quanta glutammina devi assumere.
    • Generalmente, il dosaggio consigliato è di 5-10 g al giorno, suddiviso in tre assunzioni giornaliere. Tuttavia, il medico può anche valutare la necessità di aumentare la dose fino a 14 g. Tieni presente che possono esserci alcune patologie o disturbi che richiedono un dosaggio ancora più alto. Non aumentare però la posologia di tua iniziativa, a meno che non ti venga consigliato specificamente dal medico.
    • Gli integratori di glutammina vengono somministrati per varie questioni differenti; tuttavia, non sempre sono stati fatti degli studi accurati in merito.
  4. 4
    Valuta diverse forme di integratori. Nonostante sia sempre doveroso rivolgersi al medico quando si desidera assumere degli integratori, spesso però questi complementi sono facilmente disponibili nelle farmacie e nei negozi di prodotti naturali senza necessità di prescrizione. Il più delle volte si trovano in commercio come integratori di L-glutammina e possono essere parte integrante di vari supplementi proteici. Controlla la confezione, perché deve indicare se l'aminoacido è di provenienza naturale o di sintesi. Molti integratori spesso derivano da fonti vegetali e quindi sono di origine naturale, ma dovresti sempre controllare l'etichetta.
    • La glutammina è disponibile in capsule, in polvere, in forma liquida e in compresse. Quella in polvere e liquida può essere più indicata per coloro che hanno difficoltà a deglutire o che devono assumere l'integratore per la stomatite.
  5. 5
    Prendi l'integratore in maniera appropriata. Ci sono alcune regole che devi seguire attentamente quando assumi la glutammina. Puoi prenderla durante o lontano dai pasti, ma assicurati di non assumerla con il cibo o le bevande bollenti. Questo perché la glutammina è un aminoacido sensibile alla temperatura; pertanto devi assumerla solo con liquidi freddi o a temperatura ambiente.
    • Quando è in polvere o liquida può essere miscelata con acqua o con i succhi di frutta a basso livello di acidità, come quello di mela o di carota. Non mescolarla con succhi di agrumi, come arancia e pompelmo, dato che sono più acidi. Inoltre non unire la glutammina in polvere o liquida con bevande calde, perché il calore la degrada.
  6. 6
    Documentati sugli effetti collaterali e le avvertenze. Dato che la glutammina è presente naturalmente nel corpo, raramente provoca effetti collaterali negativi. Tuttavia, dovresti evitare di consumarne in quantità eccessive, perché può scatenare mal di stomaco. Inoltre, se soffri di malattie epatiche o renali, se sei una donna incinta o stai allattando, dovresti rivolgerti al medico prima di assumere questo complemento, dato che potrebbe rendersi necessaria una dose ridotta o l'interruzione dell'assunzione.
    • Sii ben consapevole che la glutammina è completamente diversa dal glutammato, dall'acido glutammico, dal glutammato monosodico e dal glutine. Pertanto, le persone che soffrono di intolleranza al glutine non devono preoccuparsi di avere una reazione avversa alla glutammina.
    • Tuttavia, in alcuni rari casi, le persone possono riscontrare una brutta reazione a questo aminoacido. Tra i sintomi ci sono mal di stomaco, vomito, mal di testa, sudorazione e dolori articolari. Se questo è il tuo caso, devi interromperne immediatamente l'uso.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Assumere la Glutammina in Situazioni Specifiche

  1. 1
    Prendi la glutammina per curare le ferite. Gli integratori spesso vengono assunti per trattare alcuni stati di stress dovuti a una ferita. Il cortisolo, che è un ormone rilasciato dal corpo quando è sotto stress a causa di lesioni, ustioni e infezioni, provoca una diminuzione della glutammina. Alcune ricerche hanno rilevato che questo supplemento aiuta il sistema immunitario che, a sua volta, combatte gli effetti negativi delle ferite.
    • La glutammina aiuta anche a ridurre le infezioni. La sua capacità di innescare il recupero della forza muscolare la rende particolarmente preziosa per le vittime di ustioni o per i pazienti che devono sottoporsi a degli interventi chirurgici.
  2. 2
    Assumi la glutammina, se sei un bodybuilder. Questo supplemento è molto diffuso tra gli amanti del culturismo perché, durante l'allenamento con i pesi, il corpo va incontro a stress e affaticamento, proprio come accade quando ci si infortuna. Per tale ragione si ritiene che la glutammina sia in grado di ricaricare e rigenerare la forza muscolare quando l'organismo viene sovraccaricato con esercizi faticosi.
    • Nonostante sia un'usanza molto comune, non esistono prove conclusive a sostegno dell'efficacia di tale aminoacido nella pratica del bodybuilding.
  3. 3
    Ripristina i livelli di glutammina, se si sono abbassati a causa del cancro. I pazienti oncologici spesso sono carenti di questo aminoacido; per tale ragione sono in corso delle ricerche per capire come gli integratori possano aiutare questi malati. Attualmente la glutammina viene somministrata alle persone malnutrite che sono sottoposte a chemioterapia e ai pazienti che hanno ricevuto un trapianto di midollo osseo.
    • Alcuni studi sembrano dimostrare una certa efficacia nei casi di stomatite, un'infiammazione della mucosa orale, e di diarrea, entrambe associate alla chemioterapia.
  4. 4
    Utilizzala per curare altri problemi. Ci sono alcune altre patologie che sembrano rispondere bene a un trattamento con glutammina. Ad esempio i pazienti che soffrono di malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), tra cui la colite ulcerativa e la malattia di Crohn, traggono alcuni benefici dall'assunzione di tale integratore. Questo perché la glutammina gioca un ruolo fondamentale nella protezione delle mucose che rivestono il tratto gastrointestinale. Prendi per bocca una compressa da 5 g, sei volte al giorno, fino a 16 settimane. In questo caso la durata della terapia ha un tempo limitato, perché il dosaggio è maggiore del normale.
    • Sebbene ci siano alcune prove che la glutammina sia d'aiuto contro la diarrea e l'infiammazione delle mucose della bocca, gli studi non sono ancora conclusivi per quanto riguarda le malattie gastrointestinali come quella di Crohn.
    • Questo aminoacido è utile anche per i pazienti sieropositivi o con AIDS conclamato. Esistono alcuni studi a conferma del fatto che la glutammina, in congiunzione con altri integratori, possa aiutare a recuperare un po' di peso e massa muscolare. Questo aspetto è molto importante per i malati di HIV/AIDS, perché questa patologia si accompagna spesso a un grave deperimento. Inoltre consente un migliore assorbimento dei nutrienti, che è un altro problema di questa malattia.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità