Come Prendersi Cura delle Farfalle

Le farfalle e i loro colori rendono il mondo un luogo più bello, non credi? C'è qualcosa di magico nell'osservare il loro ciclo vitale; per questo, vederle crescere a partire dallo stadio di bruco è un esperimento che viene fatto spesso nelle classi. Inizi con i bruchi piccoli, li sfami con moltissime foglie e ti predi cura delle crisalidi in cui si racchiudono per proteggersi mentre si trasformano in farfalle. Quando le giovani farfalle emergono, mesi dopo, hanno bisogno di spazio per distendere le ali e imparare a volare. Infine, le farfalle adulte possono essere messe in libertà a godersi il sole, i fiori e l'aria fresca. Leggi questo articolo per imparare ad allevare, nutrire e curare le farfalle.

Parte 1 di 3:
Iniziare dai Bruchi

  1. 1
    Inizia con i bruchi. Se questa è la prima volta che allevi i piccoli bruchi, potresti decidere di procurati un kit per farlo. Puoi ordinarne uno online e scegliere tra diverse specie di farfalle. Il kit conterrà tutto ciò di cui avrai bisogno per far crescere i bruchi fino alla loro metamorfosi in farfalle. Se preferisci, invece, puoi trovare i bruchi in natura e occupartene, dando loro tutto il necessario per farli diventare farfalle sane. È un po' più complicato, perché dovrai trovare cibo fresco per loro ogni giorno, ma imparerai molto sulle specie native della tua zona.
    • Se vuoi acquistare un kit per farfalle, prendi una specie che sia in grado di sopravvivere nella zona in cui vivi una volta che le avrai liberate. Fai una ricerca per scoprire quali popolazioni di farfalle possono trovare sostentamento nell'area in cui vivi.[1]
    • Se vuoi cercare i bruchi per conto tuo, esci e guardati intorno. Cerca le seguenti piante ospite per trovare diverse specie di bruchi:[2]
      Specie di Bruchi/Farfalle Pianta ospite
      Monarca Asclepiade
      Papilio troilus Lindera
      Protographium marcellus Asimina triloba (paw-paw)
      Papilio polyxenes Aneto, finocchio e prezzemolo
  2. 2
    Tieni i bruchi in un contenitore di vetro da 5 litri foderato di stamigna. Così eviterai che i scappino e fornirai loro anche un ambiente sicuro e ben aerato. Puoi fissare la stamigna sull'apertura del contenitore con una stringa di gomma per tenerla ferma. Se ordini il kit, esso includerà un contenitore adatto e un coperchio che consente il passaggio dell'aria.
    • Non mettere più di 2-3 bruchi nello stesso contenitore. Se tutti si trasformeranno in farfalle, avranno bisogno di molto spazio quando usciranno dalla crisalide.
    • Il contenitore che ospita i bruchi dev'essere pulito ogni giorno, perché loro producono molta sporcizia. Se lo lasci sporco si formerà la muffa, che è dannosa per i bruchi. Rivesti il contenitore con carta igienica, che potrai sostituire con facilità.
    • Metti dei bastoncini nel contenitore, in modo che i bruchi abbiano qualcosa su cui arrampicarsi. Quando cambi la carta igienica, stai molto attento a non fare del male ai bruchi. Aspetta che si siano arrampicati sui bastoncini, poi sollevali con delicatezza e cambia la carta. Può essere utile avere un secondo contenitore foderato di carta: in questo modo potrai semplicemente spostarli dall'uno all'altro.
  3. 3
    Dai foglie fresche ai bruchi ogni giorno. Ciò non sarà necessario se usi il kit, che include cibo specifico per i bruchi. Invece, i bruchi presi in natura avranno bisogno di foglie fresche ogni giorno. I bruchi sono esigenti in fatto di cibo e mangeranno solo le foglie della loro pianta ospite. Ricorda su che tipo di pianta li hai trovati e dai loro foglie fresche di quella pianta.
    • I bruchi non mangeranno foglie vecchie o secche, quindi è importante accertarsi che abbiano sempre cibo fresco a disposizione. Potresti coltivare la pianta ospite in vaso, in modo da avere sempre foglie fresche pronte all'uso.
    • I bruchi assumono l'acqua di cui hanno bisogno dalle foglie che mangiano, quindi non sarà necessario aggiungere acqua nel loro contenitore.
    • Se non sai con certezza quale tipo di bruchi possiedi, consulta una guida per capirlo. Se non riesci a capirlo, devi liberare i bruchi perché moriranno se dai loro il cibo sbagliato.[3]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Aiutare le Farfalline a Volare

  1. 1
    Prenditi cura delle crisalidi. Una crisalide è un bruco che è passato allo stadio di pupa, durante il quale subisce una metamorfosi e si trasforma in farfalla. Di solito le crisalidi sono attaccate a un bastoncino, perché la farfalla deve potersi aggrappare quando emerge dalla crisalide. Durante questo stadio, il tuo compito è mantenere l'ambiente nel contenitore accogliente e umido, in modo che la crisalide non si secchi. Usa un vaporizzatore per spruzzare acqua nel contenitore di tanto in tanto.
    • Lo stadio di pupa dura vari mesi, durante i quali non vedrai molta attività; ma il riposo assicura che la pupa sopravviva e infine emerga. Se prendi i bruchi in autunno, dovrebbero uscire dalla crisalide in primavera.
  2. 2
    Accertati che le crisalidi si trovino in un luogo adatto. Se le crisalidi non sono attaccate a un sostegno o non sono appese a qualcosa a cui la farfalla potrà appoggiarsi per uscire, dovrai spostarle in un luogo più adatto. Se le farfalle escono dalla crisalide troppo vicino al fondo del contenitore o in uno spazio troppo stretto dove non riescono ad aggrapparsi e a distendere le ali, queste non si formeranno correttamente e non saranno in grado di volare.
    • Se una crisalide è su un bastoncino troppo vicino al fondo del contenitore, puoi spostare il bastoncino in modo da posizionarlo meglio. Puoi anche fissare le estremità di due bastoncini con il nastro adesivo per crearne uno più lungo, se necessario. La crisalide deve trovarsi vicino alla cima del contenitore, appesa alla parte inferiore del bastoncino.
    • Se la crisalide si trova sul fondo del contenitore, devi appenderla a un bastoncino. Usa una punta di colla a caldo raffreddata per attaccare un lato della crisalide al bastoncino, che poi posizionerai in un luogo adatto.
  3. 3
    Guarda la farfalla uscire dalla crisalide. Dopo diversi mesi, le crisalidi inizieranno a scurirsi o a schiarirsi, indicando che è giunto il momento di uscire per le giovani farfalle. Ci impiegano solo pochi secondi a uscire e iniziare a distendere le ali. Si attaccheranno al lato inferiore del bastoncino e muoveranno lentamente le ali, dando loro il tempo di irrigidirsi. Di nuovo, se non hanno spazio a sufficienza per questo processo fondamentale, le loro ali non si formeranno completamente e non saranno in grado di volare.[4]
    • Quando sembra che manchi poco all'uscita delle farfalle dalla crisalide, accertati bene che l'ambiente nel contenitore sia accogliente e umido.
    • Se una farfalla cade sul fondo del contenitore, non preoccuparti! Dovrebbe riuscire ad arrampicarsi sul bastoncino e trovare un posto adatto per appendersi.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Nutrire e Liberare le Farfalle Adulte

  1. 1
    Libera le farfalle quando iniziano a volare. Quando cominciano a librarsi nel contenitore, è il momento! Porta il contenitore all'aperto e mettilo vicino alla pianta ospite. Apri il contenitore e lascia libere le farfalle. Apprezza il fatto di aver contribuito al tuo ecosistema locale aiutando la popolazione locale di farfalle a prosperare.
    • Le farfalle hanno maggiori probabilità di sopravvivere se le lasci libere, piuttosto che cercare di tenerle al chiuso. Se fuori fa freddo o semplicemente vuoi osservarle per qualche giorno, puoi tenerle per un pochino. Mettile in un contenitore molto grande con numerosi bastoncini e nutrile con la soluzione zuccherina illustrata nel prossimo passaggio.
  2. 2
    Nutri le farfalle con una soluzione zuccherina. Se devi nutrire le farfalle, o perché fa troppo freddo per liberarle o perché vuoi osservarle per un po', puoi preparare una spugnetta immersa in una soluzione composta da 1 parte di zucchero e 4 parti di acqua. Le farfalle atterreranno sull'acqua zuccherata e la assaggeranno con i loro piedini.[5]
    • Non mettere l'acqua zuccherata in un piattino o una pozza, perché le farfalle potrebbero bagnarsi e restare appiccicose e volare diventerebbe molto difficile.
    • Puoi anche fornire loro bevande energetiche o succo di frutta al posto dell'acqua zuccherata.
  3. 3
    Salva le farfalle malate. Se vedi una farfalla che sembra muoversi lentamente o inciampare, o una con un'ala strappata, ci sono alcune cose che puoi fare per salvarla! Ricorda sempre di toccare la farfalla con molta delicatezza se provi uno di questi trattamenti di soccorso:
    • Se una farfalla sembra debole o affamata, puoi salvarla aiutandola a mangiare. Prepara l'acqua zuccherata e immergici un piccolo pezzo di spugna. Prendi delicatamente le ali della farfalla fra il pollice e l'indice, stando attento a non stringere troppo. Metti la farfalla sulla spugna. Le farfalle si nutrono tramite una specie di proboscide ricurva, detta spirotromba. Se questa non si srotola, puoi aiutare la farfalla a estenderla verso il cibo usando uno stuzzicadenti. Quando la farfalla si sentirà meglio, volerà via.[6]
    • Se una farfalla ha un'ala strappata, puoi fissare l'ala con un pochino di nastro adesivo per aiutarla a guarire. Usa un pezzo di nastro adesivo pulito e molto leggero. Tieni la farfalla in una mano e con l'altra metti un pezzettino di nastro adesivo sul bordo dell'ala. Ciò terrà insieme l'ala e aiuterà la farfalla a tornare a volare.
  4. 4
    Allestisci un giardino per farfalle per poterle tenere anche da adulte. Se vuoi che il tuo giardino sia un paradiso per le farfalle, puoi coltivare le piante che le ospitano e altre piante che le attirano. Puoi considerare di coltivare le seguenti specie di piante (e varie altre) per far vivere le farfalle in buona salute:[7]
    • Asclepiade
    • Aneto
    • Finocchio
    • Prezzemolo
    • Monarda
    • Menta
    • Lavanda
    • Lillà
    • Ligustro
    • Salvia
    • Zinnia
    Pubblicità

Consigli

  • Ricetta per il nettare: prendi un pentolino e mescola 1 parte di zucchero e 4 parti d'acqua. fai bollire la soluzione e lasciala raffreddare.
  • Alcune farfalle mangiano frutta. Cerca di identificare le tue e scopri cosa mangiano.
  • Non lasciar ammuffire la frutta! Se non la mangiano tutta, toglila e mettine altra o inizierà a puzzare.
Pubblicità

Avvertenze

  • Le ali delle farfalle e delle tarme sono molto fragili, quindi fai molta attenzione quando le tocchi.
  • Non forare il coperchio del contenitore in cui tieni i bruchi: rischieresti di far loro del male. Usa invece la stamigna per coprire il contenitore.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 24 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Animali

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità