Come Prendersi Cura delle Rane

Le rane sono delle creaturine molto carine, cosa che le rende degli animali domestici molto insoliti, ma che danno molte gratificazioni. Tuttavia, ne esistono moltissime specie, e ognuna necessita di cure appropriate. Considera le informazioni contenute in questo articolo come semplici linee guida su come scegliere e prenderti cura della tua rana domestica, ma preparati a fare ulteriori ricerche più dettagliate in merito alla razza a cui appartiene.

Parte 1 di 3:
Scegliere la Rana Perfetta

  1. 1
    Familiarizza con alcune specie più adatte ai principianti. Quando si parla di rane la prima cosa da comprendere è che sono presenti in un'enorme varietà di specie; alcune sono più semplici da accudire, mentre altre richiedono molto tempo e delle conoscenze specifiche. Se è la tua prima rana domestica, dovresti considerare l'idea di scegliere tra le specie per principianti, come una tra quelle elencate di seguito:
    • La rana nana africana: è un'ottima scelta per un principiante, poiché è piccola, attiva e semplice da accudire. Non richiede cibo vivo ed è totalmente acquatica.
    • L'ulolone dal ventre rosso: questa rana è perfetta per i principianti che preferiscono avere una rana terrestre. Questa specie è molto attiva e non cresce troppo.
    • La raganella di White: detta anche “raganella verde australiana”, è la più semplice in assoluto da accudire. Ha la sua maniera di essere attiva, è molto semplice da nutrire e tollera il fatto di essere toccata di tanto in tanto (una cosa inusuale per le rane).
    • La rana cornuta: è una rana terrestre molto grossa, ed è molto semplice prendersene cura. Gli esemplari della sua specie tendono ad essere un po' sedentari, e ciò riduce il loro bisogno di spazio, ma possono risultare animali domestici noiosi per i bambini.
    • Da principiante, dovresti evitare di acquistare rane velenose o molto costose. Le rane velenose tendono ad essere molto fragili e hanno bisogno di cure particolari, mentre quelle costose possono essere un investimento rischioso per uno che non ne ha mai avuto una. Meglio cominciare con qualcosa di economico e di semplice da accudire, e fare esperienza strada facendo.
  2. 2
    Evita di scegliere una rana selvatica come animale domestico. Non è la scelta migliore, ci sono diversi fattori da considerare:
    • Per prima cosa può essere difficile identificare la specie della rana catturata. A seconda della specie, infatti, le rane hanno bisogni diversi in termini di alimentazione, temperatura e habitat, perciò se vengono tenute nelle condizioni sbagliate rischiano la morte.
    • Se hai intenzione di tenere una rana selvatica, devi assicurarti di annotare l'habitat da cui la prelevi. Devi riuscire a replicare gli elementi ambientali della rana, come il letto della foresta, lo stagno o una grossa pietra.
    • In ogni caso, è sempre meglio conoscere l'esatta specie a cui appartiene, cercando delle immagini su internet, consultando dei libri sulle rane o chiedendo a un esperto di fauna locale. Ciò ti permetterà di identificare le esigenze specifiche del tuo animaletto domestico.
    • Secondo, molte delle specie che si trovano in natura stanno affrontando declini demografici arrivando persino all'estinzione. Prelevare una rana dal suo habitat naturale può mettere a rischio tutta la comunità di rane selvatiche, soprattutto se fanno parte di una specie in via d'estinzione.
    • In alcune aree è illegale prelevare animali selvatici dal proprio habitat, quindi assicurati di conoscere bene le leggi regionali e statali in materia prima di portare a casa una rana.
  3. 3
    Considera le dimensioni della rana e le sue esigenze di spazio. Le prime cose da tenere in considerazione quando si sceglie una rana domestica sono le sue dimensioni (in età matura) e quelle del terrario che la conterrà.
    • Solitamente le ranocchiette più carine che si trovano nei negozi di animali diventano mostri giganti crescendo. Le rane toro africane, ad esempio, in età giovane misurano pochi centimetri, ma possono raggiungere i 20 cm.
    • Le rane più grandi richiedono molto spazio. Ad esempio una rana toro matura richiede un terrario da almeno 300 litri. Se vengono messi in terrari più piccoli potrebbero sentirsi infelici e ammalarsi.
    • I terrari più grandi prendono molto spazio in casa e sono abbastanza difficili da pulire. Le rane che li abitano richiedono naturalmente molto cibo e ciò le rende più costose delle varietà più piccole.
    • Questo è uno degli altri motivi per cui dovresti fare una ricerca sulla specie a cui sei interessato, prima di comprarla.
  4. 4
    Considera il fabbisogno alimentare della rana. Prima di precipitarti nell'acquisto della rana più carina (o più brutta, a seconda della tua scelta) del negozio, devi prenderti un attimo di tempo per cercare di capire cosa mangia.
    • La maggior parte delle specie è felice di mangiare grilli, vermi (come i lombrichi) e altri animaletti del genere. È importante tenere a mente che le rane di solito preferiscono il cibo vivo, soprattutto se queste cose ti fanno senso.
    • Spesso le rane più grosse hanno bisogno di più cibo, tra cui topolini, pesci rossi o guppy. Può essere difficile nutrire la propria rana con questi animaletti, e non è sicuramente per cuori deboli!
    • Inoltre dovrai considerare la provenienza del mangime. È probabile che al supermercato non ci sia il reparto “grilli vivi”! Abiti vicino a un buon negozio di animali che si occupa di creature esotiche?
    • Certo, si può sempre trovare del buon mangime nel proprio giardino di casa, ma non è un metodo affidabile e richiede molto tempo. Inoltre i pesticidi che vengono utilizzati nei giardini possono esporre la rana ad agenti chimici intossicanti, mettendo a rischio la sua salute.
  5. 5
    Cerca di capire quanto è attiva la sua specie. Questa è una seconda considerazione da fare, ed è importante soprattutto se la rana diventerà l'animaletto domestico di un bambino, visto che loro preferiscono quelli divertenti e interessanti.
    • Spesso le rane più popolari tra i principianti sono quelle molto grosse, buffe o dai colori bizzarri; tuttavia, spesso queste rane sono le meno attive. Rimangono ferme come statue o dormono tutto il giorno. Possono annoiare molto facilmente.
    • Se cerchi una rana più attiva devi scegliere tra quelle più piccole, rane acquatiche e alcune specie di raganelle. Queste nuotano o saltellano spesso, perciò sono più piacevoli da vedere.
    • Devi anche tenere a mente che persino le rane più attive non fanno nient'altro che saltellare e mangiare qualche grillo. Non puoi portare una rana a passeggio, non puoi insegnargli trucchetti e devi maneggiarla poco. È una questione molto importante da considerare, soprattutto se hai intenzione di tenerla o regalarla a tuo figlio.
  6. 6
    Avere una rana come animale domestico è un impegno serio. È importante capire che il livello di cura che richiede una rana non è lo stesso di quello relativo a un pesce rosso. Alcune rane, infatti, possono vivere per più di venticinque anni!
    • Di conseguenza dovrai essere pronto a prenderti cura della tua rana per molti anni a venire, nutrendola, mantenendo pulito il suo habitat e curandola in caso di malattie.
    • Devi anche pensare a come organizzarti in caso volessi partire per le vacanze, perché qualcuno dovrà prendersi cura della rana mentre sei via. Può essere difficile trovare qualcuno disposto a farlo, soprattutto se la tua rana mangia solo criceti vivi, o persino topolini!
    • Se vuoi liberarti della rana perché ti accorgi di non riuscire a gestirla o scopri che mantenerla è troppo costoso, dovrai farlo nel modo giusto.
    • Se hai prelevato una rana selvatica da un parco locale o da una zona vicina dovresti essere in grado di rilasciarla nello stesso posto in cui l'hai trovata. Cerca di metterla il più vicino possibile all'esatto punto in cui l'hai trovata, anche se stava sotto le foglie o vicino a un fiume.
    • Tuttavia, se la tua rana è stata acquistata in un negozio di animali, non è possibile rilasciarla nella natura. Dovrai riportarla al negozio, oppure puoi decidere di rivenderla o di donarla a una scuola locale come animaletto di classe. Potresti anche contattare una organizzazione locale per la protezione degli animali.
  7. 7
    Cerca di capire se hai bisogno di una licenza. In alcuni posti è necessario possedere una licenza per poter tenere in casa alcuni tipi di rana come animali domestici, soprattutto se sono pericolosi o velenosi.
    • Lo xenopo liscio, ad esempio, è illegale in due degli Stati Uniti d'America, la California e l'Oregon, perché potrebbe mettere a rischio la fauna locale se fosse rilasciato in natura.
    • Contatta gli uffici di competenza locale per maggiori informazioni sulle licenze nella tua zona.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Ospitare una Rana

  1. 1
    Cerca di capire di che tipo di terrario ha bisogno la tua rana. Ogni specie ha i suoi bisogni specifici quando si parla di terrari, perciò informati bene prima di acquistarne uno.
    • Terrario: è il recipiente più semplice, ma dovrebbe essere utilizzato solo per le specie che provengono da climi asciutti.
    • Acquario: viene utilizzato solo per le specie acquatiche.
    • Anfibio: è il tipo più diffuso, metà del recipiente è riempita d'acqua, mentre l'altra è all'asciutto. Molte rane vivono bene in questo habitat.
    • Terrario arboreo: è fatto apposta per le raganelle che preferiscono passare il tempo arrampicandosi sui rami. Questi terrari sono spesso più alti e stretti degli altri.
    • Stagno: in alcune situazioni è possibile mantenere le rane selvatiche in uno stagno in giardino. A volte basta costruire uno stagno per attrarre le rane locali nel proprio giardino, così non c'è neanche bisogno di andare a catturarle! In ogni caso, non bisognerebbe mai lasciare le rane nate in cattività all'esterno, perché potrebbero turbare l'ecosistema locale nutrendosi di rane locali o di insetti a rischio di estinzione.
  2. 2
    Ora che hai il terrario devi solo scegliere dove posizionarlo.
    • Deve essere tenuto lontano dalla luce diretta del sole, perché potrebbe aumentare la temperatura rendendo l'habitat troppo caldo e provocando disagio alla rana.
    • Il terrario deve anche essere tenuto lontano dalla cucina, perché il fumo e gli altri vapori di cottura possono essere pericolosi per la rana.
    • Ricorda inoltre di non esporlo a nessun tipo di spray (come le bombolette di vernice o la lacca) perché la pelle delle rane assorbe ogni sostanza con cui viene a contatto, e queste possono causargli molti danni.
  3. 3
    Usa il substrato corretto per il tuo terrario. Il substrato è il materiale che viene utilizzato per ricoprirne il fondo. Per scegliere correttamente bisogna sapere che tipo di habitat si vuole creare, umido o secco, e quanto è difficile pulire il materiale.
    • La ghiaia è la scelta migliore per le specie di rane più comuni, è semplice da pulire ed è disponibile in varie dimensioni e colori. Tra altre ottime scelte ci sono il terriccio, la corteccia di pino, i trucioli di cedro e quelli di pino.
    • Quando avrai posizionato i materiali di substrato nel terrario potrai decorarlo in base ai gusti della tua rana! Puoi coprire il substrato di ghiaia con uno strato di muschio, in modo da dare un aspetto più naturale all'habitat. Assicurati che il muschio sia sempre umido spruzzandogli sopra dell'acqua distillata di tanto in tanto e ricordati di stare attento alla muffa.
    • Aggiungi delle rocce o delle pietre all'interno del terrario, in questo modo la rana avrà qualcosa su cui arrampicarsi. Fai attenzione che le rocce non abbiano lati taglienti, altrimenti potrebbe ferirsi.
    • Puoi decorarlo anche aggiungendo dei rami di plastica o delle piantine vive, Inoltre un tronco vuoto fornisce sempre un buon nascondiglio. Compra o realizza un bello sfondo per il tuo terrario, tipo un bel paesaggio della foresta pluviale. Farà sentire la rana a suo agio.
  4. 4
    Cerca di capire qual è condizione migliore di luce e temperatura per la tua rana. Questi parametri variano in maniera sostanziale da una specie all'altra, quindi informati bene prima di fare qualsiasi acquisto.
    • A differenza di lucertole, serpenti e tartarughe, molte rane non hanno bisogno di illuminazione particolare, visto che assumono la vitamina D dagli alimenti che consumano.
    • In ogni caso è necessario fornirle una fonte luminosa per almeno 12 ore al giorno, soprattutto se il terrario non è esposto alla luce naturale.
    • L'illuminazione fluorescente è l'opzione migliore per le rane, perché mantiene una temperatura mite. Le luci calde potrebbero essere pericolose se la rana decidesse di saltarci sopra.
    • In termini di calore la temperatura ideale per la rana dipende dalla specie a cui appartiene. Il modo migliore per cambiare temperatura nel terrario è quello di modificarla in tutta la stanza.
    • In alternativa si possono acquistare delle lampadine riscaldanti (che stanno sopra il terrario, anziché dentro) o dei supporti riscaldanti (che si avvolgono nella parte esterna del terrario) per aumentare la temperatura.
    • Se hai intenzione di riscaldare l'acqua nell'acquario o nell'anfibio dovrai comprare un tubo di vetro o uno scalda acqua a immersione.
    • Prova ogni riscaldatore un paio di giorni prima di mettere la rana nel terrario. In questo modo potrai monitorarne la temperatura e assicurarti che vada bene per la rana.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Nutrire e Prendersi Cura della Rana

  1. 1
    Nutri la rana con dei grilli (e altri animaletti del genere). Come già detto, la maggior parte delle specie comuni di rane mangia grilli, vermi e altri insetti, mentre quelle più grosse possono arrivare a nutrirsi occasionalmente di topi e pesci rossi.
    • La quantità e la frequenza di cibo dipendono dal tipo specifico di rana e potrebbe richiedere un processo per tentativi ed errori, all'inizio.
    • Puoi iniziare con tre grilli al giorno. Fai passare alcuni giorni, se li mangia velocemente e poi appare affamata puoi aumentarne il numero. Se invece ne mangia solo uno o due e ignora il resto, puoi ridurlo.
    • Puoi anche sperimentare con diversi tipi di cibo, come tarme della farina e della cera, o cavallette per vedere quale preferisce. A quelle acquatiche di solito piace il chironomus congelato o i gamberetti in salamoia.
  2. 2
    Mantieni la rana pulita e idratata. È molto importante fornire alla rana acqua fresca tutti i giorni, sia da bere sia per lavarsi.
    • Le rane assorbono l'acqua dalla loro pelle, anziché berla con la bocca. Per questo motivo tendono a passare molto tempo sedute negli stagni o nelle vaschette d'acqua. Ricorda che l'acqua non deve contenere cloro.
    • Dovrai inoltre pulire il terrario almeno una volta alla settimana per eliminare feci, pulire i vetri con un panno, cercare tracce di muffa o di alghe e in generale mantenere un ambiente sano per la rana.
  3. 3
    Evita di maneggiare la rana. Alle rane non piace essere sollevate, non c'è modo più chiaro per dirlo. Devi cercare di lasciarla nel terrario il più a lungo possibile e accontentarti di guardarla.
    • Se non riesci a resistere al desiderio di prenderla, ricordati di lavare e asciugare bene le mani ed evita di mettere creme o lozioni perché le rane assorbono le sostanze dalla pelle e possono essere nocive.
    • Potrebbe cercare di divincolarsi quando la sollevi e farti uno schizzetto di pipì addosso. Questa reazione è un sintomo dello stress della rana, dovresti rimetterla nel terrario prima possibile.
    • Fai attenzione a non fare cadere la rana mentre la tieni in mano, anche se si divincola. Le cadute da altezze elevate potrebbero ferirla gravemente.
  4. 4
    Tieni d'occhio la sua salute. Quando una rana si ammala è molto difficile curarla, e la prognosi è raramente positiva. Per questo è meglio prevenire ogni tipo di malattia.
    • Se la rana inizia a sembrarti esile o malnutrita ripensa alla sua alimentazione. Una rana non può sopravvivere con una dieta a base di grilli e vermi. Per esempio, le rane soffrono spesso di deficit di calcio, perciò a volte è necessario cospargere il suo mangime con degli integratori di calcio in polvere.
    • Tieni d'occhio eventuali sintomi di red-leg, gamba rossa, una forma di setticemia batterica che colpisce solitamente le rane in cattività. La sindrome si manifesta con un arrossamento della pelle nella parte inferiore delle zampe posteriori della rana e nello stomaco. Durante il corso della malattia l'animale diventa pigro e apatico. Se pensi che la tua rana sia affetta da questo disturbo devi subito prendere il terrario e pulirlo per rimuovere il parassita; poi devi fare dei bagni giornalieri alla rana nella sulfadimidina per un periodo di due settimane.
    • Fai anche attenzione alle infezioni micotiche e alle malattie come l'edema e il batterio ranicida. In questi casi dovrai consultare un veterinario in grado di prescriverti un antibiotico appropriato per la tua rana.
    Pubblicità

Consigli

  • MAI (o meglio, quasi mai) fidarsi delle linee guida dei negozi di animali! Potrebbero essere sbagliate! Alcun negozi sono particolarmente attenti, ma fai lo stesso le tue ricerche.
  • Non lasciare bambini piccoli vicino alla rana, potrebbero strizzarla o farle del male!
  • Non strizzare la rana!
  • Anche le mosche secche surgelate sono un ottimo cibo per le rane, puoi trovarle in molti negozi di animali.
Pubblicità

Avvertenze

  • Questo articolo parla di rane in generale. Fai delle ricerche più approfondite sulla specie che possiedi.
  • Usa sempre acqua priva di cloro! L'acqua del rubinetto può uccidere la rana, a meno che non sia priva di cloro.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 18 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Animali

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità