Come Prendersi Cura di una Pianta di Ibisco

Scritto in collaborazione con: Lauren Kurtz, Orticoltrice

Le piante di ibisco sono arbusti tropicali conosciuti soprattutto per le loro fioriture grandi e colorate. Amano le temperature calde e di solito non sopravvivono al gelo: se il clima a casa tua è freddo, è necessario far crescere le piante di ibisco in casa, dentro dei vasi. Quando crescono all’aperto, le loro fioriture catturano l’occhio e attraggono colibrì e farfalle. Assicurati che le tue piante godano dei raggi diretti del sole per molte ore al giorno, così da garantire la loro fioritura dalla primavera fino all’autunno.

Metodo 1 di 2:
Prendersi Cura delle Piante di Ibisco in Casa

  1. 1
    Coltiva le piante di ibisco in vaso in un terreno argilloso e leggero. Le piante di Ibisco non sono così pretenziose riguardo al tipo di mix del loro terreno, ma preferiscono un terriccio leggero argilloso o di muschio di torba. Un terriccio standard di solito può andare comunque bene. Puoi ricreare il loro terreno ideale mischiando una parte di terriccio argilloso da giardino, una parte di muschio di torba e una parte di sabbia fine o corteccia.[1]
    • Un mix creato con una parte di torba grezza, una parte di corteccia concimata e una parte di letame concimato e mischiato con una piccola quantità di leca e vermiculite è un altro esempio di terriccio ottimo per l’ibisco.[2]
  2. 2
    Assicurati che la fioriera o il vaso abbiano un buon sistema di drenaggio. Il terreno argilloso garantisce un buon drenaggio, ma è anche importante coltivare le piante di ibisco in fioriere o vasi che abbiano una buona quantità di buchi per drenare. Dopo aver innaffiato, il terreno dovrebbe poter drenare completamente per evitare che le radici marciscano. Dai da bere alla tua pianta, poi controlla se l’acqua fuoriesce dai buchi di drenaggio. Lascia che l’acqua esca nel sottovaso.[3]
    • Fornisci alle radici il tempo necessario per assorbire l’acqua rimasta, ma se dopo 12 ore c’è ancora acqua nel sottovaso, rimuovila.[4]
  3. 3
    Mantieni il terreno umido ma mai inzuppato. Queste piante hanno bisogno di tantissima acqua, specialmente durante i mesi più caldi, quando sbocciano. Controlla la consistenza del terriccio ogni giorno tastandolo in superficie. Se ti sembra asciutto, la tua pianta ha bisogno di essere innaffiata. Se lo senti umido e abbastanza spugnoso, allora il suolo è bagnato a sufficienza.[5]
    • Innaffiare troppo può causare la macerazione delle radici, quindi ricordati di tastare sempre il suolo prima di procedere con l’innaffiatura.
  4. 4
    Dai acqua calda alle tue piante di ibisco. Non usare mai acqua fredda. Gli ibisco amano che l’acqua sia attorno ai 35 °C. Usa un termometro o senti direttamente con un dito la temperatura dell’acqua prima di innaffiare. Evita anche di usare acqua molto più calda di 35 °C, perché come non amano l’acqua fredda non amano nemmeno quella eccessivamente calda.[6]
  5. 5
    Posiziona gli ibisco in un luogo in cui riescano a godere della luce diretta del sole per molte ore al giorno. Gli ibisco possono crescere anche senza luce diretta del sole, ma non sbocciano senza almeno una o due ore di luce solare ogni giorno. Metti le tue piante di ibisco davanti a una finestra soleggiata. Mantieni le piante distanti 3-5 cm rispetto al vetro della finestra, dal momento che il vetro caldo potrebbe danneggiare le loro foglie e i loro fiori.[7]
    • Con la giusta quantità di sole, le piante di ibisco fioriranno dalla primavera fino all’autunno.
  6. 6
    Fertilizza ogni settimana le piante di ibisco durante il loro periodo di crescita. Fioriscono dalla primavera all’autunno, e fertilizzandole settimanalmente produrranno più fiori. Applica un fertilizzante a lento rilascio (come 20-20-20 o 10-10-10), oppure uno specificatamente formulato per l’ibisco, attorno alla base della pianta. Cerca un fertilizzante con tracce di ferro e magnesio, che supportano la crescita e la fioritura.[8]
    • Puoi anche mischiare una soluzione debole di fertilizzante solubile in acqua (potenza media o ancora meno) e dare così alla tua pianta una piccola quantità di fertilizzante ogni volta che la innaffi.[9]
    • Evita di eccedere col fertilizzante, perché troppo fosforo può uccidere l'ibisco.[10]
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Far Crescere le Piante di Ibisco all'Aperto

  1. 1
    Pianta gli ibisco dopo che ogni pericolo legato al gelo è passato. La temperatura ideale per permettere alle piante di ibisco di fiorire è di 24 °C, benché possano stare bene anche con temperature più calde. Dopo che hai piantato gli ibisco non dovrebbe essere presente alcun pericolo di gelo. Se la temperatura scende sotto i 7 °C, la pianta potrebbe non riprendersi.[11]
    • Gli ibisco non riescono a sopravvivere al gelo e a temperature glaciali.
  2. 2
    Pianta l’ibisco in un luogo dove ci sia luce naturale del sole. Puoi piantare gli ibisco all’aperto in primavera, estate o autunno, se la temperatura è mite. Sono piante tropicali, per cui preferiscono l’umidità, temperature calde e da 8 a 10 ore di luce del sole diretta al giorno. Le piante possono crescere anche con un po’ di ombra, ma in queste condizioni cresceranno meno sane e fioriranno con molta meno frequenza.[12]
  3. 3
    Assicurati che il terreno dreni in maniera adeguata prima di piantare l’ibisco. Le piante di ibisco hanno bisogno di un terreno che dreni bene, dal momento che uno che non drena porterà alla macerazione delle radici. Per verificare il drenaggio del terreno, fai un buco che sia circa 30 cm di ampiezza e altrettanto di profondità. Riempilo d'acqua: se drena in 10 minuti o meno, il tuo terreno ha un drenaggio adeguato. Se invece impiega un’ora o più, il drenaggio è troppo lento.[13]
    • Per migliorare il drenaggio, mischia del materiale organico come del letame ben macerato, terricciato e muschio di torba.
    • Se il terreno drena bene non hai bisogno di aggiungere nulla di più.[14]
  4. 4
    Scava un buco che sia delle stessa profondità dei bulbi delle radici. Controlla la misura dei bulbi delle radici, poi scava un buco che sia circa della stessa misura. Fallo al massimo 2-3 volte più largo dei bulbi. Solleva la pianta gentilmente dal suo vaso e posala nella cavità. Aggiungi terreno attorno alla pianta fino a che la buca non è riempita fino almeno a metà. Innaffia bene, lascia drenare e aggiungi il resto del terriccio.[15]
    • Annaffia le piante con cura dopo averle piantate.
    • Pianta gli ibisco separati gli uni dagli altri da 90 a 180 cm.
  5. 5
    Innaffia le piante 3 o 4 volte a settimana con acqua calda. L’ibisco necessita di molta acqua e il suo terreno deve essere umido, ma mai zuppo. Puoi controllare lo stato del terreno tastandolo: se è asciutto e incrostato, la pianta ha bisogno di acqua; se al tatto risulta morbido e umido, quel giorno non avrai bisogno di innaffiare la pianta.[16]
    • Controlla la temperatura dell’acqua prima di innaffiare la pianta. Gli ibisco non gradiscono l’acqua fredda, quindi usa acqua calda, ma mai bollente.
    • Gli ibisco hanno bisogno di un minimo di 2-3 cm di acqua ogni settimana.[17]
    • Queste piante preferiscono l’acqua piovana, ma andrà bene anche quella del rubinetto.
  6. 6
    Fertilizza i tuoi ibisco ogni due settimane durante il periodo di fioritura. Usa un fertilizzante solubile in acqua o uno liquido per risultati migliori. Un fertilizzante bilanciato 10-10-10 andrà più che bene. Opta per un mix organico che contenga elementi come potassio, ferro e magnesio. Applica il fertilizzante alla base di ogni pianta ogni due settimane.[18]
    • Non usare fertilizzanti chimici sulle piante di ibisco.
    • Se trovi un fertilizzante con percentuali molto basse di fosforo, come 10-4-12 o 9-3-13, scegli questo.
    • Evita di eccedere con il fertilizzante, perché troppo fosforo può uccidere le piante.[19]
  7. 7
    Controlla settimanalmente gli ibisco per evitare afidi, tarme e piccoli ragni. Questi insetti possono essere un problema per gli ibisco piantati all’aperto. Controlla le piante una volta a settimana per notare subito segni di infestazione. Se noti qualche segno, utilizza un olio specifico per l’orticoltura o un detergente insetticida nell’area interessata, per far fronte al problema.[20]
    • Evita insetticidi che contengano Imidacloprid, un ingrediente che può peggiorare l’infestazione da parte dei piccoli ragni.
  8. 8
    Pota l’ibisco in autunno. La potatura renderà le tue piante più sane e ne stimolerà la fioritura. Pota una volta sola, in autunno; diversamente puoi effettuare la potatura in primavera, se necessario, con risultati comunque soddisfacenti. Mantieni da 3 a 4 rami abbastanza robusti per ogni pianta, e taglia via circa un terzo dei rami rimanenti. Rimuovi tutta la ricrescita più debole e ogni ramo che cresce lateralmente.[21]
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Orticoltrice
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una Naturalista e Specialista in Orticoltura nella città di Aurora, in Colorado. Gestisce attualmente il Water-Wise Garden presso il Centro Comunale di Aurora per il Dipartimento di Conservazione dell’Acqua.
Categorie: Casa & Giardino

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità