Come Preparare un Omogeneizzato di Pollo per un Neonato

Il pollo è, solitamente, la prima carne che si dà a un neonato. Dato che durante lo svezzamento i bimbi non sono in grado di gestire dei pezzi solidi di carne, comincia facendone una purea. Anche se puoi trovare gli omogeneizzati già confezionati, puoi facilmente prepararli da te! Continua a leggere per saperne di più.

Parte 1 di 2:
Preparare la Purea

  1. 1
    Acquista gli ingredienti necessari. Avrai bisogno della carne di pollo (il petto o le cosce vanno bene) e della frutta o verdura a tua scelta. Assicurati di avere anche un frullatore o robot da cucina a disposizione, oltre a un pentolino.
    • Procurati il pollo più fresco che riesci a trovare. Solitamente presso i macellai del tuo quartiere puoi trovare la carne più fresca (e spesso più economica) rispetto ai supermercati. Fai qualche ricerca online e trova un fornitore affidabile nella tua zona. Ovunque tu decida di acquistare la carne, assicurati che provenga da un allevamento certificato e che non sia stato sottoposto a trattamenti ormonali e antibiotici.
  2. 2
    Prepara il pollo per la cottura. Toglilo dalla confezione (un intero petto o due cosce sono più che sufficienti). Taglia la carne in piccoli pezzetti di circa 2,5 cm, usa un coltello da cucina affilato.
    • Se hai comprato le cosce, separa la carne dalle ossa e dalla pelle. Potrebbe essere più semplice prima cucinare la carne e poi disossarla perché si staccherà meglio. Quando hai finito, taglia la carne e continua la preparazione.
  3. 3
    Metti il pollo in un pentolino e ricoprilo con acqua. In base alle dimensioni del pentolino, saranno necessari 220 ml o più di liquido. Ricorda che la carne deve essere completamente immersa.
    • In alternativa puoi cucinare la carne al forno. Si tratta di una tecnica più adatta alle cosce che sono più ricche di grasso; per il petto è meglio la bollitura. Se desideri usare il forno, scaldalo a 190-200°C, ricopri la carne con un sottile strato di olio di oliva e cucinala per 20 minuti. Successivamente segui le istruzioni qui riportate.
  4. 4
    Aggiungi le verdure o la frutta. Le carote e le patate vanno benissimo; tagliale a fettine o a cubetti e mettile nell’acqua con il pollo. Puoi anche scegliere della frutta, come le mele, le albicocche o le pesche: tagliala a piccoli pezzetti e aggiungila all’acqua.
    • In genere una carota o due patate di medie dimensioni sono sufficienti. Tuttavia puoi sperimentare varie combinazioni e proporzioni.
  5. 5
    Cuoci il tutto. La carne, le verdure e la frutta avranno bisogno di almeno 20 minuti di cottura a fuoco medio (o anche di più, se credi che la carne sia ancora un po’ cruda).
  6. 6
    Controlla che il pollo sia cotto. La carne deve essere completamente cucinata per essere sicura da mangiare. Dovrebbe essere bianca, non rosa, all’interno e morbida e succosa.
  7. 7
    Assicurati che la frutta e la verdura siano ben cotte. Punzecchiale con una forchetta: se penetra senza difficoltà allora sono pronte, in caso contrario cuoci un altro po’.
  8. 8
    Scola gli ingredienti. Quando tutto è ben cucinato, toglilo dal pentolino e lascialo raffreddare un po'. Non gettare il liquido di cottura.
  9. 9
    Frulla la carne e le verdure. Metti il pollo, le verdure e la frutta in un frullatore o in un robot da cucina. Aggiungi un cucchiaio di acqua di cottura e frulla il tutto finché non ottieni una purea.
    • Se il bimbo è molto piccolo, aggiungi più acqua e frulla per un periodo di tempo maggiore. L’omogeneizzato deve essere liscio e facile da ingerire. Se il bambino è più grandicello, puoi preparare un omogeneizzato più denso.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Conservare la Purea

  1. 1
    Conserva in frigo poche porzioni. Metti dell’omogeneizzato in un contenitore ermetico nel quale si conserverà, in frigo, per circa 3 giorni. Quindi non preparare più omogeneizzato di quanto il bambino non possa consumare in questo lasso di tempo.
  2. 2
    Congela il resto in uno stampo per cubetti di ghiaccio. Riempi le formine con un cucchiaio e riponi in freezer fino a quando la purea sarà solida.
  3. 3
    Trasferisci i cubetti congelati in un sacchetto per freezer.
  4. 4
    Metti un’etichetta sul sacchetto. Scrivi la data e gli ingredienti, così saprai cosa c’è all’interno e per quanto tempo potrai conservarlo in modo sicuro. L’omogeneizzato di pollo può restare congelato 3 mesi.
  5. 5
    Scongela delle porzioni singole. Quando vuoi dare della purea al tuo bambino, scongela solo una piccola porzione e scaldala fino a quando sarà tiepida.
    Pubblicità

Consigli

  • Consultati con il pediatra prima di dare della carne al bimbo. La maggior parte dei medici concorda sull’introduzione del pollo a circa 32 settimane di vita del bambino, ma è meglio accertarsene direttamente. Un buon pediatra è un’eccellente fonte di informazioni in merito allo svezzamento.
  • Fai una ricerca online per scovare le ricette più adatte ai neonati e trovare nuove idee.
  • Se il tuo bambino non ha ancora assaggiato la carne, è probabile che la gradisca maggiormente se rendi la purea dolce aggiungendo della frutta.
  • Man mano che il bimbo cresce, puoi espandere la gamma di ingredienti e aggiungere i broccoli, i legumi, il cavolfiore e dei cereali come il riso o la pasta. Introduci i nuovi alimenti gradatamente.
  • È meglio servire la purea quando è tiepida. Se vuoi darla al bimbo dopo averla cucinata, aspetta che si raffreddi a una temperatura accettabile; se invece è fredda riscaldala un po'.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non ricongelare un alimento che è stato decongelato. Potresti causare un’intossicazione alimentare al tuo bambino.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Petto o cosce di pollo
  • 220 ml (o più) di acqua o brodo di pollo fatto in casa
  • Verdura e frutta a scelta (patate, carote, mele, albicocche, e così via)
  • Pentolino
  • Frullatore o robot da cucina

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità