Come Prepararsi per un'Ecografia Transvaginale

Scritto in collaborazione con: Lacy Windham, MD

L'ecografia è un esame diagnostico non invasivo utilizzato dai medici per visualizzare le strutture e gli organi interni. L'ecografia transvaginale è un esame particolarmente utile che serve al ginecologo per ottenere informazioni precise sullo stato di salute degli organi riproduttivi femminili.[1]

Parte 1 di 3:
Conoscere l'Ecografia Transvaginale

  1. 1
    Informati in merito all'ecografia transvaginale. Questo esame serve per visualizzare gli organi interni dell'area pelvica. Viene eseguito per diagnosticare eventuali disturbi ginecologici (come il dolore pelvico e un insolito sanguinamento) o per osservare le prime fasi della gravidanza.[2]
    • Durante la procedura il ginecologo inserisce in vagina un trasduttore dalle dimensioni simili a uno speculum. Il dispositivo emette quindi delle onde sonore che permettono al medico di visualizzare gli organi interni.[3]
    • L'ecografia non è dolorosa, ma potresti provare una sensazione di pressione e disagio durante la procedura.[4]
  2. 2
    Sappi se è necessario sottoporsi all'esame. Questo tipo di ecografia viene eseguito quando il ginecologo deve osservare attentamente e da vicino gli organi riproduttivi, come la cervice, le ovaie e l'utero. Serve anche per monitorare le fasi della gravidanza e la crescita del feto.[5]
    • Il ginecologo può ritenerla utile e prescrivertela se provi dolore, manifesti sanguinamento o gonfiore inspiegabile.
    • Per esempio, la procedura può rivelare i cambiamenti nell'aspetto e nella densità dei tessuti riproduttivi, oltre a visualizzare l'apporto sanguigno agli organi pelvici.[6]
    • Permette di monitorare eventuali fibromi, cisti ovariche e crescite tumorali, oltre a diagnosticare le cause delle emorragie vaginali e dei crampi.
    • Può inoltre aiutare a individuare possibili problemi di infertilità o anomalie nei reni, vescica e cavità pelvica.
    • Viene eseguita dal medico durante la gravidanza per esaminare le prime fasi, monitorare lo sviluppo del feto, rilevare la presenza di eventuali gemelli ed escludere una gravidanza ectopica (extrauterina).[7]
  3. 3
    Programma l'appuntamento per l'ecografia. Il momento giusto per eseguirla dipende dal motivo per cui devi farla.
    • Se sei incinta, è possibile fare l'ecografia transvaginale già a 6 settimane dal concepimento, ma viene in genere eseguita tra l'ottava e la dodicesima settimana.[8]
    • Se il medico vuole capire il motivo del tuo insolito sanguinamento o dolore, dovresti sottoporti subito alla procedura.
    • Se devi eseguire l'ecografia perché hai dei problemi di infertilità, il medico potrebbe decidere di procedere durante il periodo dell'ovulazione.
    • L'ecografia transvaginale può essere fatta in qualunque momento del mese, anche se il periodo migliore è subito dopo le mestruazioni, tra il quinto e dodicesimo giorno del ciclo mestruale. In questi giorni, l'endometrio è più sottile e permette di ottenere immagini migliori dell'utero.[9]
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Prepararsi per l'Ecografia

  1. 1
    Prenditi cura dell'igiene personale prima di uscire di casa. Dovresti fare un bagno o una doccia prima di recarti all'appuntamento per l'ecografia.
    • Se hai le mestruazioni e hai inserito un tampone interno, dovrai toglierlo prima della procedura. Assicurati di portarne un altro (o qualche assorbente) da poter mettere una volta conclusa la visita.[10]
  2. 2
    Indossa abiti comodi per poterli togliere facilmente. Ti verrà fornito un camice da ospedale da mettere durante l'esame, è quindi utile avere indumenti pratici da togliere con facilità.[11]
    • Assicurati di mettere inoltre scarpe altrettanto comode, dato che dovrai toglierle per spogliarti dalla vita in giù.
    • A volte, è possibile tenere gli indumenti della parte superiore del corpo, non indossare perciò un unico abito, ma scegli capi d'abbigliamento separati.
  3. 3
    Chiedi al ginecologo se devi svuotare la vescica. Generalmente, deve essere vuota per poter eseguire correttamente l'ecografia. Vai in bagno appena prima di sottoporti alla procedura e non bere nulla nella mezz'ora che precede l'esame.[12]
    • Il ginecologo esegue a volte un'ecografia transaddominale prima di quella transvaginale. In questo caso, può essere utile avere la vescica parzialmente piena, perché solleva l'intestino e permette al medico di vedere gli organi pelvici in maniera più chiara.[13]
    • Se il medico ti chiede di non svuotare completamente la vescica, devi bere un po' d'acqua prima di sottoporti all'esame e non devi andare in bagno.
    • Dovresti iniziare a berla mezz'ora o un'ora prima della procedura.
    • Potrebbe in seguito rendersi necessario svuotare la vescica, prima di procedere con l'ecografia transvaginale.
  4. 4
    Compila tutti i documenti necessari. Una volta raggiunto l'ospedale o la clinica, dovrai firmare il modulo di consenso, nel quale dichiari che permetti al medico di eseguire l'ecografia transvaginale.
    • Informa inoltre il ginecologo se sei allergica al lattice. La sonda che entra in vagina viene preventivamente ricoperta da una pellicola in lattice o plastica.[14]
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Sottoporsi all'Ecografia

  1. 1
    Indossa il camice che ti viene fornito. Una volta entrata nello spogliatoio o nell'ambulatorio per l'ecografia, togli gli abiti e metti il camice d'ospedale.[15]
    • A volte, è sufficiente togliere solo gli abiti della parte inferiore del corpo. In questo caso, viene in genere consegnato un lenzuolino da usare per coprirsi durante la procedura.[16]
  2. 2
    Sdraiati sul lettino. Quando ti sei spogliata, mettiti sul lettino ginecologico e sdraiati. L'ecografia transvaginale viene eseguita in questa posizione, esattamente come quando viene fatta una normale visita ginecologica.[17]
    • Piega le ginocchia e appoggia le piante dei piedi sulle staffe fissate al lettino, in modo che il ginecologo possa accedere meglio alla vagina.[18]
  3. 3
    Lascia che il medico inserisca il trasduttore. Prima però, metterà sulla punta una copertura in plastica o lattice lubrificata con un gel, per farla scivolare con maggiore facilità.[19]
    • A questo punto, il ginecologo inserirà delicatamente la sonda in vagina per iniziare a visualizzare le immagini.
    • Lo strumento è leggermente più grande di un tampone ed è stato ideato specificatamente per adattarsi alla vagina senza creare disagio.[20]
  4. 4
    Sappi cosa aspettarti durante la procedura. Il medico terrà il trasduttore all'interno della vagina e lo ruoterà leggermente per ottenere delle immagini nitide degli organi pelvici.[21]
    • La sonda è collegata a un computer; una volta inserita, iniziano ad apparire le immagini sul monitor. Il medico osserverà quindi lo schermo del computer per assicurarsi che si veda tutto nel dettaglio. Potrà anche scattare qualche foto e/o fare qualche breve video.
    • Se l'ecografia viene eseguita durante la gravidanza per controllare il feto, solitamente il medico stampa delle foto che poi ti lascia.
  5. 5
    Pulisciti e rivestiti. Solitamente, la procedura non dura più di 15 minuti. Al termine, il medico estrae la sonda e ti concederà l'intimità necessaria per rimettere i vestiti.[22]
    • Ti verranno dati degli asciugamani o dei teli di carta per rimuovere il gel rimasto nell'area pelvica e/o nell'interno cosce.
    • Puoi anche decidere di andare in bagno per pulire l'eccesso di lubrificante rimasto in vagina e inserire un nuovo tampone.
  6. 6
    Informati circa i risultati dell'esame. Se ti sei rivolta direttamente al tuo ginecologo di fiducia, probabilmente ti informa dell'esito della procedura nel momento stesso in cui osserva le immagini sul monitor. Se invece ti sei rivolta a un'altra clinica, solitamente devi aspettare un po' prima che il medico riceva i risultati degli esami per iscritto.[23]
    • I tempi per ottenere i risultati potrebbero dipendere dalla complessità e urgenza della tua situazione. Se l'esame è stato eseguito come procedura di routine e di controllo, è probabile che dovrai aspettare alcuni giorni o una settimana prima di ottenere l'esito.
    Advertisement

Avvertenze

  • Se non ti sei mai sottoposta a un esame pelvico in precedenza o sei molto giovane, l'ecografia transvaginale potrebbe risultare invasiva per te. In questo caso, chiedi al medico se è possibile eseguire un'ecografia pelvica transaddominale – si tratta di un esame simile, ma che offre immagini meno dettagliate con la vescica piena.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Ostetrica e Ginecologa
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Lacy Windham, MD. La Dottoressa Windham lavora come Ostetrica e Ginecologa Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Tennessee. Ha completato l’internato alla Eastern Virginia Medical School nel 2010, dove ha ricevuto un premio per il suo eccezionale operato come medico interno.
Categorie: Salute Donna

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement