Come Protestare

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Quando non riesci a rimanere muto di fronte a certi argomenti, esprimere il tuo punto di vista attraverso una protesta civile è un buon modo per fare la differenza. Radunare altre persone per affermare collettivamente il proprio dissenso nei confronti delle ingiustizie è un diritto fondamentale. La protesta è uno strumento potente per dare luogo al cambiamento. Continua a leggere per imparare a organizzare e portare avanti una protesta pacifica in tutta sicurezza.

Parte 1 di 3:
Organizzare una Protesta

  1. 1
    Poni degli obiettivi. Le proteste possono servire a portare alla luce determinate questioni facendole conoscere al pubblico o per fare pressione su chi sta al potere in modo da fargli attuare un cambiamento. Cosa speri di realizzare con la tua protesta? Cerca di immaginare chi potrebbe aderire alla tua iniziativa e organizza una strategia efficace in base a ciò. Sarà molto più semplice ottenere dei risultati se si decide in anticipo quali sono i propri obiettivi.
    • Facciamo un esempio. Diciamo che vuoi organizzare una protesta in un’azienda agricola locale per sensibilizzare la gente sul trattamento degli animali e fargli smettere di comprare quei prodotti. In questo caso il tuo interlocutore è il pubblico.
    • Probabilmente hai un obiettivo preciso, per esempio quello di impedire che venga aperto un sexy shop nel tuo quartiere. In questo caso l’obiettivo della protesta deve essere quello di fare pressione sul sindaco per impedire che il proprietario del sexy shop riceva i permessi necessari.
    • Talvolta gli obiettivi sono molto ampi, come quando si protesta contro la guerra o contro la politica del governo. In questo caso la protesta può essere usata come strumento per mostrare ai leader politici che i propri elettori vogliono vedere un cambiamento sostanziale nel loro operato.
  2. 2
    Scegli il posto. Trova uno spazio pratico, simbolico e conveniente. Per portare avanti una manifestazione efficace, il luogo che scegli deve permetterti di raggiungere il tuo pubblico di riferimento. Può essere il marciapiede di fronte a un edificio, l’angolo di una strada, il palazzo della regione, il parlamento o un parco che di solito si utilizza per le manifestazioni locali. Ricorda che la protesta deve svolgersi su suolo pubblico, altrimenti cessa di essere legale (a meno che non sia “privato con servitù di pubblico passaggio”).
  3. 3
    Scegli la data in cui si svolgerà la protesta. Scegli un orario in cui hai la certezza di radunare più persone possibili e di avere un forte impatto sul tuo pubblico. Ad esempio, se protesti contro le pratiche di marketing di una compagnia, dovrai organizzarla quando sei sicuro che l’amministratore delegato sia presente, quindi nelle ore d’ufficio. Se, invece, l’obiettivo della tua protesta è quello di radunare una gran massa di persone, allora dovrai organizzarla nel weekend, quando la gente ha abbastanza tempo libero a disposizione per partecipare.
  4. 4
    Procurati i permessi necessari. Vai al municipio e al commissariato di polizia per ottenere i permessi necessari per manifestare nel luogo che hai scelto. In Italia la regolamentazione è comune, tuttavia alcune città possono avere delle direttive particolari. Fai il tuo dovere e procurati tutti i permessi, altrimenti la tua protesta verrà interrotta prima ancora di riuscire a lanciare un messaggio efficace.
    • In alcuni casi i permessi fissano un limite al numero di persone che possono partecipare, indicano i percorsi in cui si possono muovere i manifestanti e impongono alcune regole. Puoi contattare un avvocato per aiutarti a modificare alcuni dei termini dell’accordo, se non lo ritieni soddisfacente.
    • In alcune città non è necessario rilasciare permessi. Tuttavia dovresti avvisare lo stesso la polizia se prevedi la partecipazione di una gran folla. Se sanno cosa aspettarsi possono mettere a disposizione i propri mezzi per contenere la protesta e impedire eventuali conflitti.
  5. 5
    Pianifica le fasi della protesta. Cosa può aiutarti a realizzare il tuo obiettivo? È importante avere un programma in mente per sapere cosa fare nel momento in cui sono tutti radunati per la manifestazione. Fai una ricerca e informati su altre proteste efficaci, poi elabora un programma che ti permetta di raggiungere i tuoi obiettivi. Eccoti qualche idea[1]:
    • Fai in modo che siano i capi della comunità a presentare la protesta, invitali a fare dei discorsi sul vostro tema portante.
    • Trova un animatore in grado di capeggiare i canti e gli inni di protesta, contatta qualche gruppo e fagli suonare canzoni a tema.
    • Organizza un corteo. Una forma di protesta classica che permette di infondere una maggiore consapevolezza su determinate questioni.
    • Affianca alla protesta delle rappresentazioni artistiche per far comprendere il tuo punto di vista.[2]
    • Proietta un documentario o un video informativo sul soggetto della manifestazione.
    • Considera l’idea di fare un sit-in o di accamparti fino a quando le vostre richieste non verranno ascoltate.
  6. 6
    Pubblicizza la protesta. È l’unico modo per assicurarsi che la propria manifestazione riceva tutta l’attenzione possibile. L’obiettivo non è solo quello di incoraggiare le persone a partecipare, ma anche di catturare l’attenzione dei media. Spargi la voce ai quattro venti a partire da qualche settimana prima della protesta.
    • Pubblica i dettagli della tua protesta sui social network.
    • Stampa dei volantini e affiggili per tutta la città. I tuoi obiettivi sono le università e tutti gli altri posti in cui si trovano persone disposte a manifestare collettivamente per la tua causa.
    • Contatta le redazioni e le stazioni radio locali, chiedi loro di promuovere la protesta e di pubblicarne tutte le informazioni.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Prepararsi alla Protesta

  1. 1
    Porta tutto l’occorrente. Realizza dei cartelloni, stampa dei volantini o dei libretti per diffondere il tuo messaggio e comunicare agli altri le tue preoccupazioni.
    • Metti il nome del gruppo a cui sei affiliato sui cartelloni e i volantini. In questo modo le persone sapranno chi contattare per ottenere maggiori informazioni.
    • Elabora un bello slogan, qualcosa che si possa memorizzare e diffondere facilmente.
  2. 2
    Indossa delle protezioni. Per sentirti al sicuro durante la manifestazione dovrai vestirti in maniera appropriata. Metti degli abiti comodi e sicuri, perché probabilmente camminerai o starai in piedi per molto tempo. Potresti venire schiacciato dagli altri manifestanti o trovarti nel bel mezzo di un conflitto.
    • Indossa scarpe da tennis comode.
    • Vestiti a strati, in questo modo avrai un rivestimento imbottito a protezione del corpo.
    • Se hai intenzione di stare a capo della protesta, ricordati che quella zona è quasi sempre a rischio conflitto, perciò indossa delle protezioni per gli occhi.
  3. 3
    Portati appresso delle scorte d’emergenza. Portati uno zaino con alcune cose di cui potresti avere bisogno. Meglio avere a portata di mano qualcosa da bere e da mangiare, soprattutto se la protesta dura a lungo. Ricorda anche di portare:
    • Una copia del permesso rilasciato per la protesta.
    • Un documento di identità.
    • Un kit di pronto soccorso.
    • Una bandana inumidita con aceto di mele, all’interno di una bustina di plastica. Serve a contrastare gli effetti debilitanti del gas lacrimogeni per un breve periodo, sufficiente per mettersi al riparo.[3]
  4. 4
    Le proteste sono imprevedibili. Non importa per cosa protesti, ci sarà sempre qualcuno che dissentirà dalle tue opinioni. Potresti persino incontrare gruppi di manifestanti il cui obiettivo è esattamente opposto al vostro. Nelle proteste molto grandi spesso è presente la polizia, il cui compito è quello di controllare la folla e assicurarsi che la situazione non vada fuori controllo. Con tutte queste teste diverse, non puoi mai prevedere cosa accadrà.
    • Fai delle ricerche sul gruppo con il quale protesti. Dovresti conoscerne la storia prima di partecipare alla manifestazione, se non sei uno degli organizzatori. Se in passato hanno utilizzato tattiche illegali o hanno causato violenza durante una protesta, forse dovresti riconsiderare l’idea di partecipare a questa manifestazione.
    • La maggior parte delle proteste si conclude pacificamente, ma a volte non è così. Quando le persone sono infervorate da una causa si comportano in maniera imprevedibile. Rimani sempre vigile e fai attenzione all’ambiente che ti circonda, quando manifesti.
  5. 5
    Impara a interagire con la polizia. Impara i tuoi diritti di manifestante e come parlare a un agente in caso venissi fermato. Se non infrangi nessuno dei termini elencati nel permesso non dovresti avere problemi, ma non puoi mai sapere cosa potrebbe accadere.
    • Fai del tuo meglio per seguire le istruzioni fornite dagli organizzatori della protesta e dalla polizia.
    • Se credi che il tuo diritto di espressione sia messo a rischio, parlane con l’organizzatore della protesta o contatta un avvocato.
    • Informati sui tuoi diritti.[4]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Protestare in Maniera Efficace e Sicura

  1. 1
    Sii sempre rispettoso. Una protesta può essere un modo molto efficace per esercitare la propria libertà di parola, farsi ascoltare e proporre un cambiamento. Tuttavia, mancare di rispetto alle persone contro cui si protesta può mettere in serio pericolo la reputazione del gruppo e la causa che portate avanti. Nessuno prenderà sul serio le vostre argomentazioni se offendete i vostri bersagli. Evita di fare quanto segue (e incoraggia i manifestanti a fare altrettanto):
    • Gridare insulti alle persone che non sono d’accordo con quello che dici.
    • Vandalizzare la proprietà pubblica e privata.
    • Sputare o lanciare acqua.
    • Ricorrere a manifestazioni di violenza di qualunque genere.
  2. 2
    Decidi fino a dove vuoi spingerti. Se hai deciso di utilizzare la disobbedienza civile come parte della tua strategia di protesta, pensa attentamente a quello che fai prima di agire. La disobbedienza civile può essere una strategia coraggiosa e nonviolenta per affermare un’idea, ma può avere delle conseguenze spiacevoli, come l’arresto. Prima di infrangere deliberatamente la legge in nome della tua causa devi sapere cosa ti aspetta.
  3. 3
    Testa l’efficacia della tua protesta. Quando è tutto finito, rifletti su ciò che è accaduto e valuta cosa ha funzionato e cosa no. Cerca di capire se sei riuscito a raggiungere il tuo obiettivo, o se è necessario cambiare approccio nelle proteste successive per renderle più incisive. In ogni caso sii orgoglioso di essere rimasto fedele a ciò in cui credi e di aver esercitato il tuo diritto di essere ascoltato. Anche se la tua protesta non ha portato il cambiamento che speravi di vedere, hai lo stesso compiuto un passo nella direzione giusta per essere ascoltato.
    • È molto difficile che una singola protesta cambi qualcosa. Sicuramente dovrai organizzarne diverse. Considera l’idea di affrontare il problema da punti di vista diversi. Per iniziare scrivi una lettera alla compagnia verso cui protesti, organizza un boicottaggio, scrivi un blog per dare voce alle tue opinioni e porta avanti altre iniziative per sensibilizzare le persone e raggiungere i tuoi obiettivi. Non mollare!
    Pubblicità

Consigli

  • Evita la violenza a tutti i costi! Gli atti di violenza mettono a repentaglio la credibilità delle proteste e danno ai poliziotti il diritto legale di interromperle.
  • Accetta il fatto che quello per cui protesti non interessa a tutti. Se organizzi una protesta informativa silenziosa, non obbligare le persone ad ascoltare, se non ne hanno voglia. Se una persona ti dice di no, ringraziala lo stesso e non importunarla ulteriormente, potrebbe chiamare un poliziotto e accusarti di molestia.
  • Assicurati di dire solo la verità. Se qualcuno si accorge che stai inventando un fatto, perdi tutta la tua credibilità. Non devi manipolare la realtà per legittimare la tua protesta.
  • Preparati a rispondere alle domande dei passanti. Informati bene. Se non riesci neanche a rispondere alle domande sulla tua protesta, non ci fai una bella figura.
  • Considera l’idea di arruolare e addestrare dei volontari pacifisti per mantenere la calma durante le manifestazioni.
  • Prima o poi arriverà qualcuno che ti farà delle domande solo per farti perdere tempo. Parlaci, ma se diventa ridondante faglielo notare, digli che hai fatto del tuo meglio e congedalo.
  • Evita lunghi dibattiti, discussioni e litigi durante la protesta. Possono trasformarsi facilmente in conflitti e distraggono dall’obiettivo della protesta. Cerca di offrire dei volantini informativi ai passanti e dagli un modo per contattarti e continuare la conversazione.
Pubblicità

Avvertenze

  • In alcune città è necessario avere un permesso per poter manifestare. Mettiti in contatto con il commissario di polizia locale per maggiori informazioni.
  • Preparati alle teste calde e agli oppositori. Possono mettere a repentaglio la tua protesta pacifica e la tua credibilità, oltre a distrarre l’attenzione dalla causa che portate avanti. Considera l’idea di arruolare persone in grado di mantenere la calma, se hai paura che si possano presentare questi oppositori.
  • Fai attenzione a non protestare sulla proprietà privata! Probabilmente ne hai diritto legale (ad esempio, la proprietà è “privata con servitù di pubblico passaggio”), ma non esserne sicuro. Informati al comune se è possibile sostare su quel marciapiede fuori dal palazzo. Altrimenti chiedi al proprietario di un terreno il permesso di usare la sua proprietà, oppure porta avanti la protesta su suolo pubblico, come la piazza del municipio o le vie del paese.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Attivismo Sociale
In altre lingue

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità