Come Pulire e Cuocere il Salmone

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Tutti siamo d’accordo sul fatto che il salmone è uno dei pesci di mare più gustosi. Ciò che molti non sanno è che si tratta anche di uno dei più sani; è ricco di grassi acidi omega-3 che contribuiscono alla salute del sistema circolatorio e immunitario. Il salmone fa anche bene al cuore e fornisce una quantità relativamente bassa di calorie e grassi, se comparato ad altre fonti di proteine. Quindi, acquista un bel salmone e leggi questo tutorial per imparare a preparalo e cucinarlo.

Parte 1 di 2:
Preparare il Salmone

  1. 1
    Compra del salmone di ottima qualità. Quello venduto al mercato del pesce o al supermercato dovrebbe avere ancora la pelle, in modo che la freschezza e l'umidità siano intatte. Cerca di acquistare un fianco intero del salmone oppure un filetto tagliato dalla parte più spessa del pesce. Chiedi il pezzo centrale. Basteranno 170 g a persona..
    • Evita gli esemplari con un odore forte e pungente. Preferisci i filetti puliti e umidi.
  2. 2
    Riconosci i vari tipi di salmone. Ne esistono diverse specie e ognuna può essere cucinata con tecniche differenti che potrai leggere nella sezione successiva.
    • Il salmone reale è conosciuto per il suo sapore grasso e la consistenza burrosa. Si tratta della specie più grande che contiene la maggior percentuale di omega-3 e olio. Questo è il salmone più costoso.
    • Il salmone rosso è più abbondante del reale. È di colore rosso-arancione molto intenso e le carni sono saporite. Ha un alto contenuto di grassi e omega-3. Si tratta della specie più comune che puoi acquistare al supermercato.
    • Il salmone argentato è disponibile in pescheria fra agosto e settembre. Ha un sapore più delicato rispetto a quelli sopra descritti.
    • Il salmone keta viene spesso utilizzato per i prodotti in scatola. Si tratta di una specie di qualità inferiore anche per ricchezza nutrizionale.
    • Il salmone rosa è la specie più abbondante e viene generalmente affumicato o conservato in scatola. Il sapore è delicato e la carne è di colore più chiaro.
  3. 3
    Valuta se preferisci un esemplare d’allevamento o selvatico. Ci sono molte discussioni in merito agli effetti che gli allevamenti hanno sull’ambiente. Gli attivisti presumono che i salmoni di allevamento possano scappare e diffondere malattie a quelli selvatici. I sostenitori dei pesci selvatici, inoltre, dichiarano che questi seguono una dieta più sana e quindi le carni sono migliori per aspetto o sapore. Parlane con il pescivendolo di fiducia o con gli esperti del mercato ittico per valutare i pro e i contro degli esemplari di allevamento.
    • I salmoni selvatici hanno un colore rosa più brillante rispetto a quelli di allevamento. Infatti alcuni vivaisti iniettano dei coloranti nei pesci per renderli più simili a quelli presenti in natura.
    • Sembra che il salmone selvatico contenga più nutrienti rispetto a quello di allevamento, mentre molti studi hanno confermato che questi ultimi hanno un livello di policlorobifenili maggiore.
  4. 4
    Togli la pelle al pesce, se preferisci consumarlo così. Alcuni invece amano cucinare e mangiare il salmone con la sua pelle.
    • Appoggia il filetto sul tagliere con la pelle rivolta verso il basso. Cospargi un’estremità con del sale grosso per rendere il pesce meno scivoloso. Afferra la parte salata e usa un coltello affilato per praticare un’incisione fra la carne e la pelle, lavora lentamente fino a rimuoverla completamente.
    • Getta la pelle o conservala per altre ricette. Alcuni amano aggiungerla, una volta cotta, alle insalate o al sushi.
  5. 5
    Elimina le lische, nel caso ce ne fossero. Toglile una a una, seguendo le venature del pesce. Usa le mani per farlo.
  6. 6
    Condisci il salmone. Cospargi entrambi i lati con sale e pepe. Aggiungi altre erbe aromatiche in base ai tuoi gusti, ad esempio prezzemolo, aneto, dragoncello e aglio. Versa sul salmone dell'olio d'oliva o vino bianco e aggiungi qualsiasi altro condimento di tuo gusto, come il limone, il burro o persino lo zucchero di canna.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Cuocere il Salmone

  1. 1
    Scegli il metodo di cottura che preferisci. Il salmone è completamente cotto quando la carne è opaca e si sfalda facilmente.
  2. 2
    Lessalo. Si tratta di una tecnica molto semplice che permette la preparazione di un piatto leggero e dal sapore fresco. Accertati però di non stracuocerne le carni.
    • In una pesciera versa un liquido come acqua, vino o fumetto nel quali poi lesserai il salmone. Puoi anche aggiungere altri ingredienti come carote, limone, prezzemolo e così via. Segui la ricetta che preferisci.
    • Porta il liquido a bollore e poi riduci la fiamma. Copri il tegame e lascia sobbollire il contenuto per 8 minuti.
    • Aggiungi il pesce nel liquido, dovrebbe esserne completamente sommerso. Cuocilo finché le carni saranno completamente opache (ci vorranno circa 5 minuti).
    • Con l’aiuto di una grande schiumarola togli il pesce dalla pentola.
  3. 3
    Griglia il salmone. Una cottura lenta sul barbecue è un metodo fantastico per esaltare i sapori di questo pesce. Puoi anche valutare di immergerlo nella tua marinata preferita per renderlo ancora più gustoso.
    • Ungilo per evitare che si appiccichi alla griglia. Puoi anche valutare di oliare la griglia stessa.
    • Se stai usando un barbecue a carbonella, disponi il salmone sulla griglia a media distanza dalle braci. Cuoci senza chiudere il coperchio per 4-6 minuti per ogni centimetro e mezzo di spessore dei filetti oppure finché le carni iniziano a sfaldarsi con una forchetta. Gira i filetti per garantire una cottura uniforme.
    • Se stai usando un barbecue a gas, preriscaldalo a fuoco medio. Appoggia i filetti sulla griglia e chiudi il coperchio del barbecue. Anche in questo caso cuoci il pesce per 4-6 minuti per ogni centimetro e mezzo di spessore. A metà cottura gira i filetti.
  4. 4
    Cuoci il salmone al forno. Si tratta di una preparazione che regala un pesce burroso e delizioso, se segui il metodo corretto. È anche il modo più semplice e rapido per prepararlo.
    • Disponi il salmone condito in una pirofila e cuocilo a 180°C. Se stai cucinando dei filetti, alza la temperatura a 230°C. Lascia il pesce in forno finché le carni sono opache e si sfaldano facilmente.
    • Alcune ricette potrebbero consigliare di avvolgere il pesce in un cartoccio di alluminio insieme a diverse spezie, aromi e verdure. Questa tecnica ti permette di avere un pesce saporito e succoso.
  5. 5
    Cuocilo con il grill. Il pesce sarà più croccante e dorato rispetto a quello cucinato con gli altri metodi. Il grill è consigliato nel caso ti piacesse una pelle cotta e croccante.
    • Metti il salmone sulla teglia da forno con dell’olio e riponilo sotto il grill per 1-2 minuti.
  6. 6
    Finito.
    Pubblicità

Consigli

  • Conserva il salmone in frigorifero, nella confezione originale, finché non dovrai cucinarlo. Puoi tenerlo in frigo fino a un massimo di 2 giorni.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Salmone
  • Un tagliere
  • Sale
  • Un coltello affilato
  • Erbe aromatiche e spezie
  • Marinatura o olio
  • Una padella
  • Il barbecue
  • Una pirofila
  • Una teglia

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità