Come Pulire la Pelliccia

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Prendendoti accuratamente cura di un cappotto di pelliccia, puoi farlo durare per intere generazioni. Sebbene la scelta migliore sia quella di rivolgersi a uno specialista in pellicce, ci sono alcune procedure che puoi eseguire per assicurarti che il tuo capo di abbigliamento conservi la propria lucentezza originale. Questo significa pulirlo, eliminare i cattivi odori e trattarlo.

Metodo 1 di 3:
Pulire la Pelliccia

  1. 1
    Scuotila per eliminare la polvere o i residui che si sono fissati fra le fibre. Afferrala per le spalle e agitala davanti a te, proprio come quando cambi un copriletto.
    • Dovresti eseguire questa operazione all'aperto o in una zona della casa che puoi spazzare facilmente; quando inizi a scuotere il cappotto, i residui volano in tutte le direzioni.
  2. 2
    Appendila correttamente. La pelliccia dovrebbe essere sempre sostenuta da un appendiabiti ampio e imbottito, per evitare che perda la forma; data la sua natura, questo materiale può infatti allungarsi e deformarsi.[1]
    • Non piegarla mai.
  3. 3
    Spazzola la pelliccia mentre è appesa. Usa la spazzola corretta e inizia a pulire il capo di abbigliamento dall'alto verso il basso. Ricorda di seguire la direzione del pelo ed esegui piccoli movimenti uniformi, trattando una sezione ridotta alla volta. Le spazzole per le pellicce sono dotate di denti molto distanziati e di bordi morbidi per evitare di danneggiare il materiale.
    • Se non possiedi lo strumento giusto, puoi far scorrere le dita fra i peli per sbarazzarti della polvere o dei residui.
    • Non utilizzare mai una spazzola "normale", perché i denti troppo fitti danneggerebbero il cappotto.[2]
    • Non fare movimenti ampi per tutta la lunghezza del capo di abbigliamento, altrimenti corri il rischio di distenderlo.
  4. 4
    Elimina ogni macchia chiara usando una soluzione detergente casalinga. Miscela una parte di alcol isopropilico con una d'acqua e applicala sulla zona da trattare. Dato che la pelliccia è molto delicata, non devi mai usare alcun tipo di sapone o solvente.
  5. 5
    Strofina delicatamente la macchia con un panno bianco e aspetta che si asciughi. Non risciacquare via la soluzione, metti invece il cappotto in una stanza ben ventilata e lascia che si asciughi completamente. L'alcol impedisce che si formino macchie d'acqua sul materiale.
    • Non applicare mai del calore, perché danneggia sia la pelliccia sia la fodera.[3]
    • Sii delicato mentre strofini e fai attenzione a non allungare la pelle.
    • Ricorda di usare un panno o uno straccio bianco, altrimenti corri il rischio di trasferire il colore sul cappotto.
  6. 6
    Spazzola l'intera pelliccia usando l'apposito strumento quando è asciutta. Anche in questo caso, ricorda di seguire la direzione del pelo e lavora su piccole sezioni alla volta.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Trattare la Pelliccia

  1. 1
    Prepara una soluzione emolliente. Unisci una parte di aceto con due di olio di oliva mescolando accuratamente. L'olio nutre la pelle del cappotto, evitando che si secchi e che diventi fragile.[4]
    • In alternativa, puoi usare l'olio di semi di lino.
  2. 2
    Rimuovi la fodera. Devi applicare la soluzione emolliente direttamente sulla pelle animale, è necessario quindi togliere ogni rivestimento che si trova all'interno del cappotto.[5] Le fodere sono generalmente fatte di cuoio.
  3. 3
    Tratta il cappotto. Usa un panno pulito e tampona la soluzione sulla parte interna dell'indumento, direttamente sulla pelle animale, lavorando su una sezione alla volta. Le pellicce secche o screpolate hanno bisogno di diversi trattamenti; se lo stato del cappotto non è troppo compromesso, potresti riuscire a ripristinare la sua consistenza morbida.
    • Non applicare la soluzione sul pelo.
    • Accertati di avere tolto la fodera.
  4. 4
    Massaggia delicatamente la pelle. Continua a usare il panno pulito per strofinare la soluzione emolliente sul cappotto; in questo modo, permetti al materiale di assorbire l'olio. Non frizionare troppo le aree particolarmente secche, ma applica una seconda mano di emolliente quando la prima si è asciugata.
    • I cappotti che non vengono trattati diventano rigidi e fragili.
  5. 5
    Appendi correttamente la pelliccia e aspetta che si asciughi. Sono necessari alcuni giorni prima che l'aceto evapori completamente e l'olio venga assorbito dal materiale.[6] Quando non percepisci più l'odore di aceto, la pelliccia è pronta per essere indossata nuovamente.
    • Ricorda che questo capo di abbigliamento dovrebbe essere sempre appeso a una gruccia ampia e imbottita, per evitare che le spalle si deformino.[7]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Eliminare gli Odori

  1. 1
    Appendi la pelliccia in una sacca per abiti in vinile. Fai in modo di usare una sacca che può essere chiusa completamente, per renderla ermetica il più possibile.
    • Non riporre mai la pelliccia in questo contenitore per lunghi periodi, dato che impedisce al materiale di respirare.[8]
    • Se la pelle del cappotto non può respirare, si sviluppano delle muffe.
    • Ricorda che la pelliccia dovrebbe essere sempre appesa su una gruccia ampia e imbottita, per evitare che le spalle perdano la loro forma.[9]
  2. 2
    Riempi un piccolo contenitore con del caffè macinato.[10] Il recipiente dovrebbe essere abbastanza piccolo da poter rimanere sul fondo della sacca per abiti ma, allo stesso tempo, abbastanza capiente da contenere 100 g di caffè. Non chiudere il contenitore.
  3. 3
    Sigilla il recipiente con il caffè all'interno della sacca con la pelliccia. Dato che questo tipo di sacca è stato realizzato specificamente per contenere degli abiti piatti, è probabile che si verifichino degli sversamenti; fai del tuo meglio per minimizzare questo fenomeno.
    • Puoi versare il caffè in polvere in un sacchetto di carta e piegare quest'ultimo; tuttavia, ci vorrà parecchio tempo prima che l'odore venga assorbito.
  4. 4
    Controlla la situazione dopo un giorno. In base al tipo di puzza di cui ti devi sbarazzare – fumo, muffa e via dicendo – potrebbero essere sufficienti anche 24 ore.[11]
  5. 5
    Mescola il caffè. Se l'odore non è sparito dopo un giorno, mescola semplicemente il caffè e lascialo insieme alla pelliccia nella sacca per abiti per altre 24 ore.[12]
    • Ricorda di esaminare la situazione ogni giorno.
  6. 6
    Togli il cappotto dalla sacca e riponilo correttamente. Una volta che i cattivi odori sono scomparsi, estrai la pelliccia dal contenitore, in modo che possa respirare e poi conservala adeguatamente.
    • La temperatura ottimale per riporre una pelliccia è di 7 °C.[13]
    • Non usare gli armadi o i cassettoni di cedro, perché l'olio di questo legno può danneggiare la pelliccia.[14]
    • Stai lontano dal calore, in quanto secca la pelle del capo di abbigliamento.[15]
    • Non piegare mai la pelliccia.
    Pubblicità

Consigli

  • Pulisci tutte le pellicce almeno due volte all'anno, per preservarne l'aspetto uniforme, ordinato e mantenerne il buon odore.
  • Se ritieni che la pelliccia abbia bisogno di una maggiore pulizia, puoi ripetere il procedimento il giorno successivo.
Pubblicità

Avvertenze

  • A causa della natura del materiale, non spazzolare la pelliccia di astrakan, ma utilizza un tampone specifico per non rovinarla.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Spazzola per pelliccia
  • Appendiabiti imbottito
  • Alcol isopropilico
  • Olio d'oliva
  • Aceto

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Accessori

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità