Come Reagire quando si viene Insultati o Punzecchiati

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Imparare ad affrontare il fatto di essere preso di mira con offese e prese in giro può aiutarti a gestire meglio situazioni sociali infelici come questa. Valutare la situazione, reagire in maniera adeguata e, se necessario, chiedere aiuto a qualcuno ti darà gli strumenti per superare il problema delle molestie verbali di cui sei vittima.

Parte 1 di 4:
Valutare la Situazione

  1. 1
    Renditi conto del fatto che non è un tuo problema. Le persone che prendono in giro gli altri e che li offendono sono sostanzialmente insicure. Il loro bullismo è spesso determinato dalla paura, dal narcisismo e dal bisogno di avere la situazione sotto controllo. Prendersela con gli altri li fa sentire potenti. Riconoscere il fatto che il problema è loro (e non tuo) ti aiuterà ad acquisire sicurezza e a ritrovare la fiducia in te stesso.[1]
  2. 2
    Comprendi le motivazioni del tuo aggressore. Uno sforzo per comprendere il motivo per cui una determinata persona ti offende o ti prende in giro è la chiave per risolvere la situazione. A volte lo fa perché lo fa stare meglio, altre perché gli sfuggono le ragioni del tuo comportamento e, quindi, sente di non avere la situazione sotto controllo.
    • Ad esempio, il collega che ti offende sempre per come ti vesti potrebbe pensare che godi di una stima immeritata da parte del vostro capo. [2]
    • Oppure il tuo aggressore si prende gioco di te perché non capisce neppure che la tua disabilità ti impedisce di fare bene un certo lavoro.
    • Ricorda che qualcuno potrebbe prenderti in giro in maniera giocosa e non con l'intento di ferirti. Per esempio, un parente o un amico potrebbero prenderti in giro per qualcosa, come una tua stranezza che loro trovano divertente.
  3. 3
    Se possibile, predisponi un piano per evitare quella persona o quella situazione. Evitare il tuo aggressore può effettivamente ridimensionare l'entità delle molestie verbali che stai subendo. Pur sapendo che non è sempre possibile, trova il modo di ridurre al minimo il tempo che passi in compagnia del bullo o, meglio ancora, evita del tutto i contatti con lui.
    • Se ti prendono in giro mentre torni a casa da scuola, fai in modo, con l'aiuto dei tuoi genitori, di trovare una strada alternativa, in modo da evitare le occasioni di disturbo.
    • Se sei vittima di bullismo o di molestie online, prendi in considerazione l'idea di rimuovere il bullo dai tuoi contatti o di limitare il tempo che passi su determinate applicazioni.
  4. 4
    Cerca di capire se gli episodi di bullismo che subisci determinano una violazione della legge. A volte le prese in giro e le offese rappresentano un'aperta violazione della legge. Ad esempio, se un collega ti molesta sessualmente sul posto di lavoro facendo commenti sul tuo corpo, si tratta di un crimine da segnalare immediatamente.
    • Se vai a scuola, hai il diritto di sentirti al sicuro e di poter disporre di un ambiente libero da distrazioni, per dare il meglio di te nello studio. Se qualcuno ti prende in giro al punto di farti sentire in pericolo o di distrarti dallo studio, fino a farti passare la voglia di andare a scuola, dovresti parlarne con i tuoi genitori o con i tuoi insegnanti.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Rispondere alle Prese in Giro o alle Offese

  1. 1
    Preparati ad affrontare la situazione. Se devi passare molto tempo con una persona che ti prende in giro o che ti offende ripetutamente, escogita un piano per affrontare la situazione. Rifletti sui possibili modi in cui potresti rispondere e fai pratica con i giochi di ruolo per farti venire delle idee. [3]
    • Fai dei giochi di ruolo con un amico fidato o con un familiare. Ad esempio, se sei una ragazza, la tua migliore amica potrebbe dirti: "Anna, il tuo nuovo taglio di capelli è veramente orribile" e tu potresti ribattere: "Grazie per aver espresso il tuo pensiero, ma a me piace e questo è quello che conta".
    • Se il tuo capo ti offende allo scopo di sminuirti, escogita un piano per reagire. Potresti ad esempio rispondere così: "Marco, le tue prese in giro sono poco professionali, offensive e ostacolano la mia produttività. Se continui così, lo segnalerò alle risorse umane".
  2. 2
    Stai calmo. Se sei vittima di molestie verbali è importante mantenere la calma, anche se il primo impulso ti spingerebbe ad arrabbiarti o a metterti a piangere. Il più delle volte, chi si rende responsabile di un comportamento da bullo è alla ricerca di una reazione. Mantieni la calma e tieni i piedi per terra. [4]
    • Quando qualcuno ti offende, fai dei respiri profondi prima di rispondere.
  3. 3
    Sii assertivo. Cerca di essere sicuro di te con l'aggressore e digli chiaramente come ti fanno sentire le sue offese. Usando un tono di voce calmo, ma allo stesso tempo fermo, spiegagli perché non ti sta bene che ti stia prendendo in giro. [5]
    • A un compagno di classe che ti prende in giro per le scarpe che indossi, ad esempio, potresti dire: "Mi fa arrabbiare che tu mi offenda davanti ai nostri compagni. Quindi, smettila!".
    • Se i tuoi colleghi ti disturbano con osservazioni sessiste, prova a ribattere: "Le vostre prese in giro e le vostre offese sono al limite della molestia sessuale. Se dovesse accadere ancora una volta, lo riferirò immediatamente al nostro supervisore".
  4. 4
    Ignora l'offesa. A volte la miglior risposta a un'offesa è ignorarla. Potresti far finta di non aver sentito, oppure cambiare discorso e metterti a parlare di tutt'altro argomento. Ignorare quello che dice il tuo aggressore eviterà di buttare altra benzina sul fuoco. [6]
    • Se sei vittima di molestie verbali online, non rispondere.
    • Se le offese provengono da un familiare, prova a ignorarlo e ad abbandonare la stanza.
  5. 5
    Reagisci con umorismo. Reagire con umorismo alle offese o alle prese in giro rappresenta una risposta molto efficace. L'umorismo può allentare la tensione, disarmare l'aggressore e addirittura vanificare del tutto l'atto di bullismo. Prova a rispondere con una battuta. [7]
    • Se un tuo collega si permette un giudizio pesante su un manifesto che hai portato in riunione, rispondi così: "Hai ragione, il manifesto fa schifo. Non avrei mai dovuto permettere a mio figlio di cinque anni di disegnarlo al posto mio".
    • Un'altra opzione potrebbe essere quella di fingersi scioccato e fare qualche battuta giocosa con quella persona. Ad esempio, potresti dire qualcosa di simile: "Oh mio Dio! Hai ragione! Grazie per avermi aiutato a vedere la luce!".
  6. 6
    Denuncia le offese e le prese in giro su argomenti sensibili come il genere, la sessualità, la religione o la disabilità. È fondamentale che tu denunci immediatamente questo tipo di molestie verbali, perché violano sia la policy aziendale che la legge dello Stato. Se qualcuno ti infastidisce con molestie di questo genere, rivolgiti direttamente a una figura che rappresenti l'autorità.
  7. 7
    Discuti con il tuo aggressore. Soprattutto se è un genitore o un parente a offenderti ripetutamente, forse è giunto il momento di sedersi a un tavolo e di parlare apertamente di questi maltrattamenti. Parla chiaramente di come ti fanno sentire queste offese e di quanto condizionano la tua vita.
    • Se, ad esempio, tua madre ti offende continuamente per il tuo aspetto, prova a ribattere: "Mamma, mi dici sempre che dovrei vergognarmi di come mi vesto, di come porto i capelli e di come mi trucco. Questo mi fa sentire come se non valessi niente. Apprezzerei molto che tenessi questi tuoi commenti per te".
    • Anche se la presa in giro non è cattiva, se ti dà fastidio puoi comunque dire qualcosa alla persona, come ad esempio: "Mi piace uscire con te ed è divertente prenderci in giro l'un l'altro, a volte, ma alcuni argomenti feriscono i miei sentimenti e vorrei che venissero tagliati fuori dalla conversazione: vestiti, marito, figli ecc.".
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Sentirsi Meglio con Se Stessi

  1. 1
    Lavori sulla tua autostima. Avere una bassa autostima può rendere più difficile gestire le prese in giro, che siano cattive o no. Migliorare la tua autostima richiede tempo, ma è possibile farlo utilizzando semplici attività, come ad esempio:
    • Farsi dei complimenti. Prova a guardarti allo specchio ogni mattina e di' una cosa positiva sul tuo aspetto, come ad esempio: "I tuoi occhi sembrano particolarmente luminosi e belli, oggi".
    • Fai una lista dei tuoi punti di forza, i risultati che hai ottenuto e le cose che ammiri di te. Cercare di elencare almeno 5 cose in ogni colonna. Porta con te l'elenco e leggilo ogni giorno.
  2. 2
    Prenditi cura di te. Prendersi cura di se stessi è importante ed è una buona strategia per affrontare il fatto di essere insultato o preso in giro. Prova a fare un lungo bagno rilassante, una passeggiata tranquilla, o qualcosa di bello tutto per te come una pedicure. Queste strategie di cura di sé ti aiuteranno a migliorare la tua autostima e sentirti meglio con te stesso.
  3. 3
    Sviluppa la tua resilienza. Essere resilienti significa che è più facile recuperare da prese in giro, insulti e altre difficoltà. Prova a lavorare sulla tua resilienza per migliorare la vostra capacità di tollerare prese in giro e insulti. Alcune cose che puoi fare per costruire la tua resilienza includono:
    • Guarda i tuoi errori come opportunità di apprendimento.
    • Ricorda a te stesso che hai il potere di scegliere la tua reazione.
    • Fissa obiettivi realistici per te stesso.
    • Lavora sulla fiducia in te stesso.
  4. 4
    Imparare a essere più assertivo. Essere in grado di esprimersi in modo assertivo può anche aiutare ad affrontare le prese in giro. Per essere assertivo, è importante dire con tranquillità "No" alle persone ed esprimere i propri bisogni in modo chiaro e diretto.
    • Di' quello che ti dà fastidio in modo specifico. Ad esempio: "Spesso mi prendono in giro per i miei capelli, chiamandomi Barboncino o Cespuglio".
    • Esprimi i tuoi sentimenti riguardo alla presa in giro. Ad esempio, potresti dire qualcosa come: "Mi sento arrabbiato quando dici queste cose perché io penso che i miei capelli siano fantastici".
    • Di' quello che vuoi che che accada. Ad esempio: "Voglio che tu smetta di prendermi in giro per i miei capelli. Se lo farai ancora, me ne andrò".
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Chiedere Aiuto

  1. 1
    Parla con i tuoi genitori. Se sei un bambino o un adolescente e subisci molestie verbali, è importante che li informi su cosa sta succedendo. Parla con loro della situazione e chiedi se ti aiutano a risolvere il problema. [8]
    • Prova a dire qualcosa tipo: "Mamma/papà, qualcuno a scuola continua a prendermi in giro, io ho provato a farlo smettere ma non ci riesco".
  2. 2
    Rivolgiti a un insegnante o a qualche altro professionista di cui ti fidi. Se sei vittima di atti di bullismo verbale a scuola, contatta un tuo insegnante o altre eventuali figure come lo psicologo scolastico o il personale dell'infermeria, se esiste. Queste persone sono esperte di questioni educative e possono aiutarti a elaborare una strategia per affrontare la situazione.
    • Prova a dire qualcosa tipo: "C'è qualcuno a scuola che continua a prendermi in giro/insultarmi e io non so bene come comportarmi".
  3. 3
    Al lavoro, segui i canali giusti. Se subisci molestie verbali sul posto di lavoro, è importante che tu riesca a documentarle e a sottoporle ai canali giusti. Discuti della situazione con il tuo capo, oppure rivolgiti direttamente alle risorse umane e denuncia la situazione.
    • Prova a dire qualcosa tipo: "Un collega mi prende in giro/insulta continuamente e questo mi fa stare male. Ho bisogno di aiuto per risolvere questa situazione".
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Gioventù

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità