Come Riconoscere ed Evitare le Infezioni Vaginali

Le infezioni vaginali sono molto frequenti e la maggior parte delle donne ne ha avuta almeno una nella vita. Sebbene creino disagio e siano irritanti, quasi tutte sono curabili. La cosa importante è prestare attenzione alla vagina ed essere consapevole dei sintomi insoliti.

Metodo 1 di 2:
Riconoscere i Sintomi

  1. 1
    Sappi cos'è normale. È assolutamente normale avere delle perdite, che dovrebbero essere trasparenti o leggermente torbide. La vagina è in grado di pulirsi da sola e la fuoriuscita di secrezioni è parte di questo processo di pulizia. Le perdite però non devono avere un cattivo odore o essere pruriginose.[1]
    • La quantità e la consistenza delle secrezioni cambia in base alla fase del ciclo mestruale. Possono essere liquide e acquose o dense; a volte si presentano in quantità ridotta, mentre in altri casi possono essere più abbondanti.
    • Il corpo di ciascuna donna è differente. Quella che è una quantità normale di perdite per una donna potrebbe essere insolita per un'altra. Presta attenzione alle tue secrezioni, in modo da valutare cosa è consueto per te.[2]
  2. 2
    Informati sulle cause comuni di infezioni. Le due principali infezioni vaginali sono la vaginosi batterica e quella da lievito.[3] Entrambe sono causate da organismi naturalmente presenti in vagina. Le infezioni da lievito sorgono quando vi è una proliferazione di questi funghi, mentre la vaginosi batterica si verifica quando si rompe il corretto equilibrio batterico della vagina.
    • Altre infezioni piuttosto diffuse sono la vaginite non infettiva (causata da qualche reazione allergica o dall'irritazione da determinati prodotti) e le infezioni sessualmente trasmissibili come la clamidia [4], la gonorrea [5], il virus dell'herpes simplex [6] e la tricomoniasi [7].
  3. 3
    Osserva la presenza di secrezioni insolite. Questo è uno dei sintomi più comuni delle infezioni vaginali. Se le secrezioni cambiano colore, consistenza o quantità, potresti aver contratto un'infezione.[8]
    • Se senti un odore di pesce provenire dalla vagina, probabilmente si tratta di vaginosi batterica. Se le secrezioni hanno l'aspetto della ricotta, probabilmente hai un'infezione da lievito.
    • Le perdite anomale però possono anche indicare la clamidia o la gonorrea.[9][10]
  4. 4
    Prendi nota del prurito e della sensazione di bruciore. Questi sintomi non sono normali e se fossero presenti potrebbero indicare un'infezione vaginale.[11] Anche lo stimolo urgente di urinare o la sensazione di bruciore durante la minzione potrebbero essere segni di questo disturbo.
  5. 5
    Presta attenzione al dolore o gonfiore. Se provi dolore nel basso addome e nell'area pelvica, gonfiore, dolenzia e arrossamento attorno all'area genitale, potresti avere qualche forma di infezione vaginale.[12]
    • Anche il dolore durante i rapporti sessuali potrebbe indicare una possibile infezione.[13]
  6. 6
    Contatta il ginecologo. Non dovresti mai tentare di diagnosticare o trattare da sola un'infezione vaginale. Se riscontri qualche segno insolito, devi rivolgerti al medico. Molte infezioni presentano sintomi simili ma richiedono cure differenti; quindi è molto importante ottenere una diagnosi accurata.[14]
    • Devi essere pronta a comunicare al ginecologo il colore, l'odore e la consistenza delle tue perdite, da quanto tempo mostri i sintomi e l'eventuale uso di prodotti (detergenti, profumi, spray vaginali, spermicidi o lavande).[15] Ogni dettaglio può rivelarsi utile per formulare una diagnosi precisa.
    • Dopo il colloquio iniziale e l'anamnesi, il ginecologo ti sottoporrà a una visita ginecologica. Potrebbe anche prelevare un campione di secrezioni, urina o sangue per eseguire dei test di laboratorio e individuare l'infezione.[16]
    • Circa il 90% delle infezioni vaginali si risolve nel giro di due settimane o anche meno, mentre quelle che non vengono curate si trascinano per anni [17], causando anche infertilità e la malattia infiammatoria pelvica.[18]
    • Esistono dei farmaci da banco che sono in grado di sconfiggere la vaginosi batterica e le infezioni da lievito. Tuttavia, dovresti sempre recarti dal ginecologo prima di tentare l'automedicazione. Per esempio, se assumi un farmaco contro le infezioni da lievito, ma in verità soffri di vaginosi batterica, non noterai un miglioramento della situazione.
    Advertisement

Metodo 2 di 2:
Prevenire le Infezioni Vaginali

  1. 1
    Sottoponiti a controlli regolari. Le donne dovrebbero eseguire un controllo pelvico almeno ogni anno. Il ginecologo è in grado di verificare la presenza di sintomi e segni di malattia durante il check-up annuale. Questo è anche il momento adatto per discutere con lui di ogni tua preoccupazione o dei sintomi che potresti avere.[19]
    • Non fare delle lavande vaginali, non usare gli assorbenti interni, non fare sesso e non usare alcun farmaco o pomata vaginale nei due giorni precedenti la visita.[20]
    • L'esame in genere non dura più di 10 minuti.
    • Se sei sessualmente attiva, dovresti chiedere al medico di sottoporti ai test per le infezioni sessualmente trasmissibili. Molte persone malate sono del tutto asintomatiche pur avendo la clamidia, la gonorrea o il papilloma virus.[21][22][23] Un test annuale aiuta a identificare e trattare queste infezioni prima che possano causare problemi permanenti.
    • Se sei sessualmente attiva, dovresti usare i preservativi. Questo contraccettivo di barriera ti protegge dalle possibili infezioni dei tuoi partner. A prescindere da ciò, dovresti comunque sottoporti agli esami ogni anno.
  2. 2
    Indossa la biancheria intima corretta. Dovresti usare delle mutandine che ti permettano di mantenere l'area genitale asciutta, senza umidità in eccesso. Il cotone è la fibra migliore. Inoltre non dovresti indossare abiti troppo aderenti, perché intrappolano il calore e l'umidità nella zona genitale. Se devi allenarti o nuotare, cambia gli abiti bagnati il prima possibile.[24]
    • Quando hai le mestruazioni, devi cambiare gli assorbenti (interni o esterni) con regolarità.
    • Accertati che tutta la biancheria che non è di cotone, i leggings, gli indumenti per l'allenamento e le calze abbiano un tassello di cotone.[25]
  3. 3
    Pulisci la vagina nel modo giusto. Questa parte del corpo è "autopulente" quindi non dovresti fare nulla che ne alteri il naturale equilibrio, altrimenti potresti soffrire di infezioni.[26]
    • Lava la zona circostante la vagina con sapone neutro, non profumato e risciacqua con molta acqua.[27]
    • Non fare le lavande vaginali, non usare gli spray intimi femminili e gli assorbenti interni profumati. Tutto ciò altera l'equilibrio della flora batterica vaginale e genera irritazione. Ricorda che la vagina si pulisce da sé.
  4. 4
    Mangia lo yogurt con fermenti vivi. I cibi fermentati e le colture attive aiutano a mantenere il giusto pH della vagina. "Probiotici" è un altro termine per indicare queste colture. Per assumere i probiotici mangia lo yogurt, il miso, il kimchi e i crauti fermentati. Verifica che lo yogurt riporti sulla confezione la dicitura "con fermenti lattici vivi".[28] Cerca di mangiare una confezione di yogurt ogni giorno.
  5. 5
    Pulisciti correttamente quando vai in bagno. Ricorda di strofinarti dalla zona anteriore verso quella posteriore; in caso contrario potresti diffondere i lieviti e i batteri dalla zona anale a quella vaginale e urinaria.[29] La diffusione dei batteri a causa di abitudini scorrette di pulizia causa la vaginosi batterica e l'infezione da lieviti.
    Advertisement

Consigli

  • Mantieniti adeguatamente idratata ogni giorno. La vagina si disidrata esattamente come il resto del corpo e potrebbe presentare odori e secrezioni diverse. Se ti disidrati, sei più suscettibile alle infezioni urinarie che possono causare malattie da lieviti e viceversa.
  • Lava sempre la biancheria intima in acqua molto calda per uccidere i batteri. Dovresti anche evitare gli ammorbidenti, perché possono scatenare reazioni allergiche, irritazione e, in ultima analisi, anche l'infezione.
  • Dormi senza mutandine per consentire alla vagina di "respirare".
  • Alcune donne soffrono maggiormente di infezioni vaginali quando usano l'idromassaggio, sia a causa dell'elevata temperatura dell'acqua sia per i batteri presenti in essa.
  • Ricorda che alcune donne hanno delle secrezioni vaginali più abbondanti rispetto ad altre ed è del tutto normale. Se si tratta di una caratteristica che ti crea molto disagio, cambiati spesso la biancheria o usa un salvaslip e cambialo spesso per restare asciutta durante la giornata.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 32 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute Donna

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement