Come Riconoscere i Minerali Comuni

Collezionare minerali può essere un hobby divertente, anche perché ce ne sono tantissimi da identificare. Ci sono svariati test che puoi condurre – senza un'attrezzatura specifica – per restringere le possibilità, e la descrizione sintetica dei minerali contenuta in questo articolo può aiutarti a controllare i tuoi risultati. Puoi anche passare direttamente alle descrizioni per vedere se una domanda specifica trova una risposta semplice senza effettuare dei test. Per esempio, questo articolo ti insegnerà a distinguere l'oro da altri minerali brillanti e gialli; scopri le differenze fra le strisce lucenti e colorate che vedi sulle rocce; oppure identifica uno strano minerale che si sfoglia quando lo sfreghi.

Parte 1 di 2:
Condurre dei Test

  1. 1
    Fai una distinzione fra minerali e rocce. Un minerale è una combinazione naturale variabile di elementi chimici in una data struttura [1]. Un semplice minerale può avere diverse forme o colori in base ai processi geologici o alle tracce di impurità, ma in genere ogni esemplare ha delle caratteristiche specifiche che possono essere testate. Le rocce, d'altra parte, possono formarsi attraverso la combinazione di minerali e non hanno una struttura cristallina. Non è sempre facile distinguerli, ma se questi test producono risultati diversi su due oggetti distinti, uno di loro è sicuramente una roccia.
    • Puoi anche identificare una roccia, o almeno capire a quale delle tre tipologie appartiene.
  2. 2
    Impara a identificare i minerali. Ci sono migliaia di minerali sulla Terra, ma molti sono rari e si trovano solo nelle profondità del terreno. A volte, basta condurre un paio di test per capire che la sostanza sconosciuta è un minerale comune, la cui lista si trova nella prossima sezione. Se le caratteristiche del tuo minerale non coincidono con le descrizioni, cerca una guida nella tua zona. Se hai condotto molti test ma non riesci a escludere due o più possibilità, cerca delle fotografie online di ogni possibile minerale per ottenere consigli specifici su come distinguerli.
    • Sarebbe meglio includere sempre un test che comporti un'azione, come il test di durezza o quello del colore. I test che implicano la mera osservazione e descrizione del minerale potrebbero essere fini a se stessi, in quanto persone diverse descrivono lo stesso minerale in modo diverso.
  3. 3
    Esamina la forma e la superficie del minerale. La forma di ogni minerale cristallino e la struttura di un gruppo di cristalli è chiamata abito cristallino [2]. Ci sono molti termini tecnici che i geologi usano per descriverlo, ma la descrizione di base di solito è sufficiente. Per esempio, il minerale è liscio o ruvido? È composto da una serie di cristalli rettangolari incastonati fra di loro, oppure sono sottili, appuntiti e rivolti verso l'interno?
  4. 4
    Osserva la brillantezza del tuo minerale, o lucentezza. La lucentezza è il modo in cui il cristallo riflette la luce, e anche se non è un test scientifico, è spesso abbastanza utile da essere incluso nelle descrizioni. Molti minerali hanno una lucentezza sia vetrosa che metallica. Puoi anche descrivere la lucentezza come grassa, perlacea (una lucentezza biancastra), resinosa (opaca, come la ceramica non lucidata) o con una descrizione qualsiasi che abbia senso per te.[3] Usa più aggettivi, se necessario.
  5. 5
    Osserva il colore del minerale. Per la maggior parte delle persone questo è il test più semplice da condurre, ma non sempre torna utile. Piccole tracce di altre sostanze nel minerale possono cambiarne il colore, quindi lo stesso può avere sfumature diverse. Tuttavia, se il minerale ha un colore insolito, come il viola, potrebbe aiutarti a sfrondare le possibilità.
    • Quando descrivi i minerali, evita termini difficili da definire come salmone e pulce. Usane di più semplici, come rosso, nero e verde.
  6. 6
    Conduci un test sullo striscio. È un test semplice e utile, e ti basta avere un pezzo di porcellana non smaltata. Il retro di una piastrella della cucina o del bagno andrà benissimo; comprane una in un negozio di articoli per edilizia. Quando hai la porcellana, ti basterà strofinare il minerale sulla piastrella e vedere che striscio lascia. Spesso, lo striscio è di un colore diverso rispetto al pezzo di minerale.[4]
    • Lo smalto è quello che dona alla porcellana o ad altri oggetti in ceramica l'aspetto lucido. Un pezzo di porcellana non smaltato non riflette la luce.
    • Ricorda che alcuni minerali non lasciano una traccia, soprattutto quelli particolarmente duri (in quanto sono più duri del materiale usato come piatto).
  7. 7
    Testa la durezza del materiale. I geologi spesso usano la scala di Mohs, chiamata così in onore del suo creatore, per stimare rapidamente la durezza di un minerale. Se hai successo con il test 4 ma non con il 5 la durezza del minerale è tra 4 e 5, e puoi interrompere i test. Cerca di lasciare un graffio permanente usando questi materiali comuni (o che puoi trovare nel kit per la misurazione della durezza), partendo dai numeri più bassi e salendo fino a quando il test non ha un esito positivo: [5]
    • 1 – Si rigano con l'unghia, sono grassi e teneri (o si scalfiscono con il talco)
    • 2 – Si rigano con l'unghia (gesso)
    • 3 – Si tagliano con un coltello o una lima, si graffiano con una monetina (calcite)
    • 4 – Si rigano con un coltello (fluorite)
    • 5 – Si rigano con difficoltà con un coltello, facilmente con un pezzo di vetro (apatite)
    • 6 – Si possono rigare con una punta di acciaio, rigano un pezzo di vetro con difficoltà (ortoclasio)
    • 7 – Rigano una punta di acciaio, rigano un pezzo di vetro (quarzo)
    • 8 – Rigano il quarzo (topazio)
    • 9 – Rigano quasi tutto, tagliano il vetro (corindone)
    • 10 – Rigano o tagliano quasi tutto (diamante)
  8. 8
    Rompi il minerale e osserva come si divide. Dal momento che ogni singolo minerale ha una determinata struttura, dovrebbe rompersi in un modo specifico. Se si rompe in una o più superfici piatte, dimostra che possiede proprietà di clivaggio. Se non ci sono superfici piatte, ma solo curve e pezzi irregolari, il minerale spezzato ha una frattura.[6]
    • Il clivaggio può essere descritto più dettagliatamente dal numero di superfici piatte create dalla rottura (di solito fra una e quattro), e se sono perfette (lisce) oppure imperfette (ruvide).
    • Ci sono diversi tipi di fratture. Può essere scheggiosa (o fibrosa) se la superficie è cosparsa di schegge o fibre, scagliosa se è irregolare, tagliente, concoide se ha una superficie liscia e curva oppure nessuna di queste (irregolare) [7].
  9. 9
    Conduci altri test, se ancora non hai identificato il minerale. Ci sono molti altri test che i geologi conducono per riconoscere un minerale. Tuttavia, molti di questi di solito non sono utili per i minerali comuni, oppure potrebbero richiedere attrezzature specifiche o materiali pericolosi. Ecco delle brevi descrizioni di alcuni test che potresti condurre:
    • Se il tuo minerale è attratto da un magnete, probabilmente è una magnetite, l'unico minerale fortemente magnetico. Se l'attrazione è debole, oppure la descrizione della magnetite non coincide con il tuo minerale, potrebbe trattarsi di pirrotina, franklinite oppure ilmenite.
    • Alcuni minerali si sciolgono facilmente se avvicinati a una candela o a un accendino, mentre altri non cambierebbero stato nemmeno avvolti dalle fiamme. I minerali che si sciolgono facilmente hanno una fusione più alta rispetto agli altri.
    • Se il tuo minerale ha un odore particolare, cerca di descriverlo e cerca online i minerali con quell'odore. I minerali con un forte odore non sono comuni, anche se un minerale solforoso giallo acceso può reagire e produrre un odore simile a quello delle uova marce.
    Advertisement

Parte 2 di 2:
Riconoscere i Minerali Comuni

  1. 1
    Fai riferimento alla sezione precedente se non ti è chiara una descrizione. Quelle che verranno fatte qui di seguito usano vari termini per descrivere la forma, la durezza e l'aspetto di un minerale dopo la rottura, oppure altre caratteristiche. Se non sei sicuro di aver capito cosa intendono, fai riferimento alla sezione precedente o conduci dei test per chiarirti le idee.
  2. 2
    I minerali cristallini di solito sono dei quarzi. Il quarzo è un minerale molto comune, e il suo aspetto brillante o cristallino attira l'attenzione di molti collezionisti. Il quarzo ha una durezza 7 nella scala di Mohs, e dimostra ogni tipo di frattura una volta spezzato, e mai la superficie piatta di un clivaggio. Non lascia uno striscio visibile sulla porcellana bianca. Ha una lucidità vetrosa.[8]
    • Il quarzo latteo è traslucido, il quarzo rosa è rosa e l'ametista è viola.
  3. 3
    I minerali duri, lucidi senza cristalli potrebbero essere una tipologia diversa di quarzi, chiamati selce. Tutti i quarzi sono cristallini, ma alcune varietà, chiamate criptocristalline, sono fatti di minuscoli cristalli non visibili all'occhio umano. Se il minerale ha durezza 7, fratture e una lucentezza vetrosa, potrebbe essere una selce. Di solito è marrone o grigia. [9]
    • "La silice" è una varietà della selce, ma è categorizzata in molti modi diversi. [10]. Per esempio, alcuni potrebbero definire ogni selce nera una silice, invece altri potrebbero chiamare silice solo un minerale con una certa lucentezza o rinvenuto solo fra particolari tipi di rocce.
  4. 4
    I minerali con delle strisce di solito sono un tipo di calcedonio. Il calcedonio è composto da un mix di quarzo e un altro minerale, la morganite. Ci sono diverse bellissime varietà di questo minerale, di solito con strisce di diversi colori. Ecco i due più comuni:
    • L'onice è un tipo di calcedonio che tende ad avere strisce parallele. Di solito è bianco o nero, ma può essere di molti colori.
    • L'agata ha delle strisce più curve o serpeggianti, e la si può trovare in un'ampia varietà di colori. Si può formare dal quarzo puro, dal calcedonio o da minerali simili.
  5. 5
    Controlla se il tuo minerale ha le caratteristiche del feldspato. Oltre alle molte varietà di quarzo, il feldspato è uno dei minerali più comuni. Ha una durezza 6, lascia uno striscio bianco e può essere di diversi colori e lucentezze. Forma due clivaggi piatti quando viene spezzato, con superfici piuttosto lisce e vicine alle estremità destre del minerale.
  6. 6
    Se il minerale si sfalda quando viene sfregato, probabilmente è mica. Si può riconoscere facilmente perché si sfalda in sottili fogli se sfregato con un un'unghia o addirittura con un dito. La mica muscovite o mica bianca è di un marrone pallido o incolore, mentre la mica biotite o mica nera è marrone scuro o nera, con uno striscio marrone-grigio. [11]
  7. 7
    Impara a distinguere l'oro dall'oro degli stolti. La pirite, detta anche “oro degli stolti”, ha un aspetto giallo metallico, ma ci sono vari test che la possono distinguere dall'oro. Ha una durezza di 6 oppure più alta, mentre l'oro è molto più morbido, con un indice tra 2 e 3. [12] Lascia uno striscio verdastro-nero, e può essere polverizzata se si applica una pressione sufficiente.
    • La marcasite è un altro minerale comune simile alla pirite. Mentre i cristalli di pirite sono di firma cubica, la marcasite forma degli aghi. [13]
  8. 8
    I minerali blu e verdi spesso sono malachiti o azzurriti. Entrambi contengono rame, fra gli altri minerali. Il rame dà alla malachite il suo colore verde intenso, mentre fa apparire l’azzurrite blu acceso. Di solito si trovano nello stesso giacimento, e hanno una durezza fra 3 e 4. [14][15]
  9. 9
    Usa una guida ai minerali o un sito web per riconoscere le altre tipologie. Una guida ai minerali specifica per la tua area potrebbe coprire tutte le tipologie che potresti trovare nella tua regione. Se fai fatica a riconoscere un minerale, ci sono delle risorse online che possono tornarti utili.
    Advertisement

Consigli

  • Per organizzarti al meglio, fai una lista di tutti i minerali con le caratteristiche di quelli che scopri man mano. Ogni volta che scopri qualcosa di nuovo sul tuo minerale, elimina quelli che non corrispondono. In teoria dovrebbe rimanerne uno solo, il tuo.
Advertisement

Avvertenze

  • I test con l'acido idrocloridrico, non descritti nell'articolo, sono utili in pochi casi. L'acido può danneggiare seriamente pelle e occhi, quindi conduci questo test con l'equipaggiamento di sicurezza adatto e sotto la supervisione di un adulto.
Advertisement

Cose che ti Serviranno

  • Piastrella di porcellana non smaltata (piatto di striatura)
  • Magnete (opzionale)

Per testare la durezza:

  • monetina
  • punta d'acciaio
  • lima di ferro
  • Guida per l'identificazione dei minerali o pagina web (se il tuo minerale non è descritto in questa pagina)

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 22 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Scienze

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement