Come Riconoscere i Segni dell'Atrofia Muscolare nei Cani

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

Con la definizione "atrofia muscolare" si intende un indebolimento e una riduzione della massa dei muscoli nel corpo del cane; si manifesta soprattutto nel modo in cui puoi effettivamente immaginare, come dimagrimento o debolezza da parte dell'animale. Tale disturbo può indicare un'ampia varietà di problemi di salute e malattie; pertanto, se noti una certa perdita della massa muscolare nel tuo amico fedele, devi rivolgerti al veterinario per analizzare la situazione.

Parte 1 di 3:
Cercare i Sintomi

  1. 1
    Presta attenzione alla debolezza. Nelle persone, la perdita muscolare si manifesta come mancanza di vigore;[1] nel cane i sintomi sono analoghi, devi quindi cercare un certo indebolimento anomalo e maggiore del solito. Potresti accorgerti che l'animale è meno "tonico".
  2. 2
    Osserva se i muscoli sono più sottili. Quando un cane perde la massa muscolare, dovresti vedere che dimagrisce. Potresti anche accorgerti che la muscolatura è diversa dal solito al tatto; per esempio, potresti improvvisamente riuscire ad avvolgere tutta una sua zampa con la mano, mentre prima non era possibile. A volte, questo tipo di calo muscolare colpisce solo determinate zone; per esempio, se l'animale soffre di artrite o ha subito una lesione alle zampe posteriori, potresti notare che queste diventano più magre, mentre quelle anteriori ingrossano come meccanismo di compensazione.[2]
  3. 3
    Presta attenzione al calo ponderale. I cani che perdono massa muscolare diventano anche più magri, sebbene non sia una conseguenza costante per tutti; puoi pesare il tuo amico fedele per vedere se ha effettivamente perso dei chili.[3]
  4. 4
    Controlla se è debole. Se soffre di questo disturbo, è probabile che sia debilitato, soprattutto se ha perso muscolatura in una zona specifica del corpo. Per esempio, se si sono atrofizzate in particolare le zampe posteriori, puoi notare che tende a utilizzare soprattutto quelle anteriori.[4]
  5. 5
    Prendi nota se è letargico. Quando soffre di atrofia, il cane non desidera muoversi molto; questo è dovuto al fatto che la mancanza di muscolatura rende più difficile il movimento, portando a sua volta a un maggiore indebolimento. Pertanto, se vedi che il cane non mostra alcuna voglia di muoversi, potrebbe essere indizio di una perdita di fibre muscolari.[5]
    • Confronta una zampa con l'altra. Se sospetti che il tuo amico scodinzolante soffra di questo disturbo a una sola zampa, devi paragonarla a quella controlaterale.
  6. 6
    Presta attenzione ai cambiamenti della postura. Nelle persone i muscoli aderiscono alle ossa, aiutando il corpo a restare eretto; pertanto, una perdita muscolare fa spesso cambiare anche postura.[6] La stessa cosa può avvenire nei cani, incluso anche un certo abbassamento dei quarti posteriori, devi quindi osservare con attenzione eventuali cambiamenti di questo genere.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Conoscere i Fattori di Rischio

  1. 1
    Osserva la perdita muscolare quando il cane invecchia. Non tutti i cani anziani soffrono di tale disturbo, ma molti sì; proprio come avviene nelle persone, anche questi animali possono diventare meno attivi con il passare degli anni per diversi motivi, come un calo di energie o la presenza di più acciacchi e malesseri generali. La mancanza di attività può in effetti provocare l'atrofia dei muscoli.[7]
    • Per ridurre quanto più possibile tale fenomeno, dovresti incoraggiare il tuo amico fedele a essere più dinamico.
  2. 2
    Osservalo con attenzione dopo un trauma o altre cause di zoppia. Se l'animale ha subito una lesione, come un impatto contro un'auto, potrebbe perdere la normale motilità in una determinata parte del corpo; di conseguenza, dato che non è più attivo come prima o non usa più un determinato muscolo, può iniziare a perdere massa muscolare.[8]
    • I cani possono diventare zoppi anche per altri disturbi, per esempio infezioni, lussazioni di una spalla o degenerazione ossea o muscolare.
  3. 3
    Presta attenzione se un cane di taglia grande soffre di artrite. Gli esemplari di grandi dimensioni, come il cane da pastore tedesco o il Labrador, tendono ad avere maggiori problemi articolari rispetto a quelli di taglia più piccola e sono quindi maggiormente soggetti a sviluppare l'artrite. Questa malattia è responsabile di una certa atrofia muscolare, dato che il cane diventa restio a muoversi.[9]
  4. 4
    Prendi nota di determinati disturbi a cui alcune razze sono particolarmente predisposte. Per esempio, il Labrador Retriever è soggetto a soffrire della carenza di fibre muscolari di tipo 2, che si manifesta prima che l'animale compia un anno proprio attraverso la perdita di massa muscolare. Diversamente, il cane da pastore tedesco è più soggetto a soffrire di miopatia fibrotica, che si nota principalmente nella muscolatura delle cosce. Altri cani, come il levriero, possono sviluppare una miopatia da sforzo se sono costretti a usare eccessivamente i muscoli.[10]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Parlare con il Veterinario

  1. 1
    Prendi nota dei sintomi. Prima di recarti dal veterinario, devi annotare qualsiasi anomalia che vedi nel cane, indipendentemente da quanto sia marcata. Con questa accortezza, il medico è in grado di formulare in maniera più semplice la diagnosi del disturbo che affligge il tuo amico fedele; annotando quindi ogni segno fuori dal comune non appena lo riscontri, può essere più facile ricordarlo quando ti rivolgi al veterinario.
  2. 2
    Porta il cane dal medico. L'atrofia muscolare è spesso un sintomo di qualche altro disturbo di fondo, sebbene possa a volte indicare semplicemente l'invecchiamento dell'animale. In entrambi i casi, se noti dei cambiamenti nel suo corpo e nel suo comportamento, è comunque importante sottoporlo a un controllo.
    • Le malattie che colpiscono i muscoli possono essere varie, dalla miopatia fibrotica a quella da sforzo, fino a qualche trauma muscolare;[11] quelle di fondo possono essere piuttosto comuni, come l'artrite.
    • Puoi dire al veterinario che hai notato che ultimamente il cane è diventato più restio ad alzarsi, che la sua postura è cambiata e che tiene i quarti posteriori più in basso del solito, così come che ti sei accorto che è dimagrito e che tutti questi sintomi hanno iniziato a preoccuparti.
  3. 3
    Preparati a sottoporre l'animale a degli esami diagnostici. Per prima cosa, il veterinario vorrà eseguire un controllo fisico del cane; se li ritiene giustificati per il problema che affligge l'animale, potrà anche eseguire altri accertamenti più approfonditi, come un prelievo del sangue o dell'urina, delle radiografie, una risonanza magnetica e/o una tomografia computerizzata, a seconda della possibile eziologia.[12]
    Pubblicità

Consigli

  • Se l'animale ha difficoltà a muoversi e camminare, devi trovare il modo di semplificargli la vita; per esempio, se non riesce a fare le scale in maniera confortevole, potresti installare una rampa, soprattutto se ci sono solo due o tre scalini sparsi per casa. Con questa precauzione, il cane può ancora muoversi e spostarsi nelle varie stanze, ma non ha troppa difficoltà a passare da un piano all'altro.[13]
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Veterinaria
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale.
Categorie: Cani

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità