Come Sapere Quando Consultare un Medico per il Bruciore di Stomaco

Quasi tutte le persone soffrono di bruciore di stomaco nella loro vita. Nella maggior parte dei casi si tratta di una condizione temporanea che si risolve da sola. Non è necessario alcun trattamento, salvo alcuni metodi che possono ridurre il disagio che provoca. Ci sono però delle occasioni in cui il bruciore di stomaco è un precursore di una malattia o un problema più gravi. Per questo è importante riconoscere quando l'acidità di stomaco non è solamente il classico fastidio passeggero. Ecco alcuni passaggi che possono aiutarti a capire quando è il momento di consultare un medico per il tuo bruciore.

Passaggi

  1. 1
    Confronta la gravità del bruciore attuale con quelli che hai avuto in precedenza. Cerca di descriverlo. Il dolore è acuto o lieve? E' costante o intermittente? Il dolore si concentra in un punto o si diffonde ad altre parti del corpo, come le spalle o la mandibola? L'intensità e la gravita del dolore possono essere segnali che si tratta di qualcosa di più preoccupante di un bruciore di stomaco. Un attacco cardiaco ad esempio, può dare la sensazione di un bruciore di stomaco molto grave.
    • Se ti manca il fiato, hai le vertigini e sudi, e se il dolore si diffonde a spalle, braccia, schiena, collo o mandibola, dirigiti all'ospedale più vicino. Potresti avere un attacco cardiaco.
    • Informati su come riconoscere un attacco cardiaco, così da poter distinguere i sintomi di queste due condizioni.
  2. 2
    Ricorda che alcuni farmaci per problemi cardiaci possono provocare reflusso acido o bruciore di stomaco. Se soffri di bruciori continui e frequenti come risultato dell'assunzione dei farmaci, parla con il tuo medico e chiedi se è possibile sostituirli.
    • I farmaci che possono provocare bruciore includono i Bloccanti dei canali del Calcio come l'amlodipina e la nifedipina, e anche farmaci a base di azoto come la nitroglicerina, che viene comunemente usata per calmare i dolori al petto.
  3. 3
    Fai attenzione alla tosse persistente, che può significare bruciore di stomaco e reflusso gastroesofageo. Se hai una tosse che dura per più di due settimane, è il momento di andare dal dottore. Potresti anche farti visitare prima, soprattutto se noti sintomi come la mancanza di respiro e l'ansimare.
  4. 4
    Se sei incinta, ricorda che il bruciore di stomaco è un problema comune. Questo può accadere perché i cibi non vengono digeriti altrettanto velocemente e parte della soluzione può essere fare pasti più piccoli e non sdraiarti né piegarti nelle ore successive al pasto.[1] Puoi prendere degli antiacidi, ma evita di usare del bicarbonato di sodio se i tuoi livelli di sale sono troppo alti. Se però temi che il bruciore di cui soffri durante la gravidanza sia troppo doloroso o ti impedisca di agire normalmente, consulta il tuo medico.

    [[Image:Know when to Seek Medical Attention for Heartburn Step 4.jpg|center|550px]
  5. 5
    Controlla la durata e la frequenza dei sintomi del bruciore. Un bruciore occasionale che guarisce da solo in breve tempo non richiede una visita dal dottore. Se però soffri di bruciore diverse volte a settimana per più di due settimane è una buona idea sottoporti a un controllo medico, per escludere tutte le possibile cause e per essere curato in modo efficace. Ci sono molte patologie che possono provocare bruciore di stomaco costante e che dovresti escludere o curare:[2]
    • Infiammazione dell'esofago: conosciuta anche come esofagite, può provocare la presenza di sangue nell'espettorato, nel vomito e nelle feci.
    • Ulcere dell'esofago: si tratta di ferite aperte sul rivestimento dell'esofago. Un reflusso ripetuto può provocarle e causano un dolore simile a quello del bruciore.
    • Restrizione dell'esofago: questa condizione rende difficile inghiottire i cibi, e può provocare mancanza di respiro e affanno. In questo caso potresti soffrire anche di dolori al petto, mal di gola, raucedine, salivazione eccessiva, sinusite e la costante sensazione di avere qualcosa in gola.
    • Esofago di Barrett: il bruciore costante di espone al rischio di sviluppare l'esofago di Barrett. Si tratta dello sviluppo di cellule anormali precancerose che possono evolvere in un cancro all'esofago. Se il tuo medico le scopre, dovrai sottoporti a un esame dell'esofago ogni 2 o 3 anni per controllare che non abbiano dato vita a un cancro.
  6. 6
    Prendi nota di eventuali difficoltà a inghiottire. Se improvvisamente ha dei problemi a inghiottire i cibi, questo potrebbe essere un sintomo che il tuo esofago ha subito dei danni (probabilmente a causa del reflusso di acidi gastrici al suo interno) e dovresti consultare un medico. Delle difficoltà a inghiottire ti espongono al rischio di soffocamento.
    Advertisement

Consigli

  • Visita un medico se hai curato da solo i bruciori di stomaco con degli antiacidi per lungo tempo. Potresti aver bisogno di farmaci più potenti con ricetta ed è prudente scoprire perché la tua condizione non guarisce.
  • Aumenta il consumo di calcio quando usi dei farmaci per il bruciore a lungo termine. Questi farmaci riducono i tuoi acidi gastrici e di conseguenza la capacità del corpo di assorbire calcio. Mangia più latticini e assumi degli integratori d calcio (se necessario) per contrastare questo effetto collaterale.
  • Quando consulti il tuo medico, fagli delle domande per informarti bene riguardo al bruciore di stomaco.
Advertisement

Avvertenze

  • L'uso prolungato di antiacidi con alluminio può provocare un indebolimento delle ossa e causare una deficienza di fosforo e calcio.[3]
  • La dose massima di antiacidi a base di carbonato di calcio non dovrebbe superare i 2000 mg a meno di un'esplicita prescrizione medica.[4]
  • L'alto contenuto di sodio del bicarbonato di sodio usato come antiacido può provocare problemi per le persone con problemi al cuore o ipertensione.[5]
Advertisement

Cose che ti Serviranno

  • Antiacidi
  • Registro della durata del bruciore se continuo
  • Medico

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 12 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Riferimenti

  1. The Merck Manual of Medical Information, Antacids and Indigestion Remedies, p. 1440, (2003), ISBN 978-0-7434-7733-8
  2. The Merck Manual of Medical Information, Antacids and Indigestion Remedies, p. 717, (2003), ISBN 978-0-7434-7733-8
  3. The Merck Manual of Medical Information, Antacids and Indigestion Remedies, p. 99, (2003), ISBN 978-0-7434-7733-8
  4. The Merck Manual of Medical Information, Antacids and Indigestion Remedies, p. 99, (2003), ISBN 978-0-7434-7733-8
  5. The Merck Manual of Medical Information, Antacids and Indigestion Remedies, p. 99, (2003), ISBN 978-0-7434-7733-8

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement