Come Sapere se Soffri di Calvizie Maschile

Scritto in collaborazione con: Carolyn Messere, MD

La calvizie maschile, chiamata anche alopecia androgenetica, colpisce più dell'80% della popolazione maschile sopra i 50 anni d'età.[1] Questo disturbo è associato a fattori genetici, ma è causato anche da una sovrapproduzione di ormoni sessuali maschili, gli androgeni (soprattutto il diidrotestosterone), che aiutano a regolare la crescita dei capelli. La perdita dei capelli può essere improvvisa o graduale, ma di solito segue uno schema di diradamento che parte dall'attaccatura sulla fronte e procede verso la sommità della testa. Se conosci il processo dello sviluppo della calvizie e alcuni fattori di rischio, puoi capire con maggiore precisione se soffri di questo disturbo.

Parte 1 di 2:
Conoscere i Fattori di Rischio

  1. 1
    Considera l'età. L'incidenza della calvizie aumenta in maniera significativa con il passare degli anni. L'età è uno dei tre principali fattori che influiscono su questo disturbo (oltre al fattore ereditario e lo squilibrio ormonale).[2] Nel mondo occidentale, fino a due terzi degli uomini intorno ai 35 anni inizia a manifestare segni di calvizie, ma questa percentuale aumenta oltre l'80% tra gli uomini che hanno più di 50 anni.[3] Pertanto, devi tenere in considerazione la tua età e correlarla alla perdita di capelli. Anche se l'alopecia androgenetica può iniziare fin dai primi anni dell'età adulta (seppure raramente), in realtà nella maggioranza dei casi si sviluppa con l'avanzare degli anni. Una perdita di capelli improvvisa in giovane età o durante l'adolescenza in genere è associata a qualche malattia, trattamento medico o anche tossicità (come verrà descritto in seguito).
    • L'alopecia androgenetica è il tipo più comune di perdita di capelli negli uomini e corrisponde al 95% dei casi totali di calvizie.
    • Circa il 25% degli uomini che soffrono di questo disturbo inizia il processo prima dei 21 anni.[4]
  2. 2
    Osserva i parenti maschi di entrambi i tuoi genitori. È una credenza popolare errata quella che sostiene che la calvizie si eredita per parte di madre e che se il nonno materno era calvo, lo sarà anche il nipote. In questo disturbo il fattore genetico ha un'incidenza dell'80%,[5] ma hai le stesse probabilità di perdere i capelli nel caso tuo padre o tuo nonno paterno siano calvi.[6] Per questo motivo, controlla anche tuo padre, tuo nonno, gli zii e i cugini (di primo e secondo grado) da parte di tuo padre, per capire se hanno ancora una capigliatura folta. In caso contrario, prendi nota del grado di perdita di capelli e chiedi loro quando hanno notato i primi segni di calvizie. Maggiore è il numero di parenti senza capelli, maggiori sono le probabilità che anche tu sia affetto da tale disturbo.
    • Un gene che innesca diversi tipi di calvizie viene trasmesso da madre a figlio, ma altri hanno una trasmissione ereditaria che rispetta criteri generici; per questa ragione, un padre calvo può avere un figlio maschio con lo stesso problema.
    • L'alopecia androgenetica si verifica quando i follicoli piliferi del cuoio capelluto si restringono con il tempo, portando di conseguenza a capelli più corti e sottili. Alla fine, il follicolo atrofizzato non produce più nuovi capelli, sebbene in genere rimanga vivo.
  3. 3
    Conosci l'impatto dell'assunzione di steroidi. Gli ormoni maschili chiamati androgeni sono un altro fattore di calvizie maschile. I principali responsabili sono il testosterone e il diidrotestosterone (DHT).[7] Il testosterone si converte in DHT con l'aiuto di un enzima presente nelle ghiandole sebacee dei follicoli piliferi. Quando il DHT è presente in quantità eccessiva restringe i follicoli, rendendo impossibile una crescita sana di capelli resistenti. Questo problema è causato sia dall'eccessiva quantità di testosterone in circolazione, sia da un legame troppo forte del DHT con i recettori dei follicoli presenti sul cuoio capelluto. L'eccessivo legame o sensibilità al DHT è un fattore soprattutto genetico, ma un'altra causa di elevati livelli di questo ormone è l'uso di steroidi, in particolare tra gli uomini giovani che vogliono guadagnare massa muscolare per scopi atletici o per il bodybuilding.[8] Pertanto, un'assunzione considerevole e prolungata di steroidi anabolizzanti aumenta il rischio di calvizie fin quasi del 100%.
    • È del tutto normale perdere circa 50-100 capelli ogni giorno, a seconda dello stile di vita, ma se ne cadono molti di più, si tratta di un segno di calvizie maschile o di altri disturbi che colpiscono i follicoli piliferi o il cuoio capelluto.[9]
    • I farmaci che vengono usati per trattare l'alopecia androgenetica, come la finasteride (Propecia, Proscar), agiscono prevenendo la conversione del testosterone in DHT.
  4. 4
    Tieni presente la correlazione con la crescita della prostata. Un altro fattore che indica la presenza di questo disturbo o il rischio di esserne colpito è la crescita della ghiandola prostatica.[10] Una crescita benigna della prostata è una caratteristica molto diffusa con il passare degli anni ed è correlata ai livelli di DHT. Pertanto, se noti i segni o i sintomi di un ingrossamento prostatico e sospetti di soffrire di calvizie, probabilmente riscontri un fatto vero, perché entrambi sono causati da un elevato livello di DHT.
    • I sintomi che indicano un ingrossamento della prostata sono un aumento della frequenza e urgenza di urinare, difficoltà a iniziare o interrompere il flusso di urina, dolore durante la minzione, incontinenza.[11]
    • Altri disturbi medici correlati o associati alla calvizie maschile sono il cancro alla prostata, malattie coronariche, diabete e pressione alta cronica (ipertensione).[12]
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Riconoscere i Segni della Calvizie Maschile

  1. 1
    Tieni monitorata l'attaccatura dei capelli. La calvizie maschile solitamente inizia nella zona frontale del cuoio capelluto, chiamata attaccatura frontale dei capelli. Questa inizia gradualmente a retrocedere e quasi tutte le persone che soffrono di questo disturbo assumono la capigliatura a forma di "M", con i capelli che iniziano a scomparire dalle tempie fino oltre la parte centrale della testa.[13] Inoltre, i capelli iniziano anche a diventare più sottili, più corti e assumono una disposizione a ferro di cavallo attorno ai lati della testa. Questo è un segno che indica un'alopecia androgenetica in fase avanzata, ma in alcuni uomini progredisce finché la testa diventa completamente calva.
    • Per controllare con maggiore facilità l'attaccatura dei capelli, guardati allo specchio e confronta l'immagine con quella delle foto di quando eri più giovane.
    • L'attaccatura dei capelli a forma di "M" è una tipica caratteristica della calvizie maschile, perché i capelli alle tempie (e sulla corona) sono quelli più sensibili ai livelli di DHT.
    • Tuttavia, alcuni uomini non presentano questa disposizione, bensì mostrano una mezzaluna, dove tutta l'attaccatura frontale si ritira in modo uniforme e non lascia il "picco della vedova".
  2. 2
    Controlla l'area centrale della testa. Oltre a un assottigliamento e ritiro dei capelli dall'attaccatura frontale, lo stesso processo può verificarsi sulla cima (corona) del cranio.[14] In alcuni casi, la calvizie in quest'area precede quella sull'attaccatura, altre volte avviene dopo, mentre in altri soggetti si manifesta contemporaneamente alla recessione frontale. Come già descritto in precedenza, i follicoli piliferi dell'area centrale della testa sembrano essere più sensibili ai livelli di DHT – molto di più di quelli sopra le orecchie o sul retro della testa.
    • Per controllare quest'area della testa, devi afferrare uno specchio manuale e portarlo sopra la testa mentre osservi l'immagine riflessa in uno specchio a parete. In alternativa, chiedi a un amico o alla tua partner di fare una foto alla corona dei capelli. Confronta le foto nel tempo e cerca di capire se la calvizie si è estesa.
    • Un segno nella parte anteriore che può indicare diradamento e perdita di capelli sulla corona è un ampliamento dello spazio sulle tempie o una fronte più "alta" al centro.
  3. 3
    Cerca eventuali capelli sul cuscino o sulla spazzola o il pettine che sei solito usare. Come già indicato prima, è normale perdere dei capelli ogni giorno, che infatti ricrescono, ma quando l'alopecia androgenetica è grave, la caduta è abbondante e definitiva.[15] Tieni pulita la federa e presta attenzione a quanti capelli perdi mentre dormi (fai una foto per documentarlo). Se sono più di 10-15 a notte, potrebbe esserci qualche problema. Se usi una spazzola, assicurati che sia pulita e senza capelli prima di usarla, in modo da poterla esaminare con cura al termine. L'uso della spazzola tende a far cadere più capelli in modo naturale (soprattutto se sono lunghi), ma se ne perdi più di qualche decina non è normale ed è indicativo di calvizie maschile.
    • Se hai i capelli scuri, usa una federa di colore chiaro per vedere con chiarezza i capelli caduti. All'opposto, metti una federa di colore scuro se sei biondo.
    • Applica un balsamo quando lavi i capelli; in questo modo si creano meno nodi e grovigli, che a loro volta possono causare una maggiore perdita di capelli quando tenti di districarli con spazzola e pettine.
    • Se, in genere, fai la coda di cavallo, dovresti valutare di scioglierla quando dormi. Tenere i capelli stretti in un elastico può indurre una maggiore perdita quando ti giri da un lato all'altro durante la notte.
    • Ricorda che nella prima fase della calvizie potresti notare che i capelli diventano più corti e sottili, non necessariamente che cadono.
  4. 4
    Individua altre possibili cause. Sebbene l'alopecia androgenetica sia indubbiamente il fattore predominante della calvizie negli uomini, ci sono altre cause che possono provocarla e che dovresti conoscere, tra cui: disturbi delle ghiandole endocrine (pituitaria, tiroide), malnutrizione (soprattutto carenza di proteine), infezioni micotiche, carenza di ferro, assunzione eccessiva di vitamina A o selenio, abuso di farmaci (soprattutto retinoidi e anticoagulanti), trattamenti per il cancro (chemioterapia, radiazioni).[16]
    • Se manifesti una grave perdita di capelli su tutto il cuoio capelluto nell'arco di un breve periodo, non si tratta di alopecia androgenetica. È molto più probabile che la causa sia dovuta a un livello di tossicità ambientale (come avvelenamento da piombo), abuso di farmaci, alte dosi di radiazioni o un trauma emotivo estremamente intenso (shock o paura).
    • Se i capelli cadono a ciocche, la cute appare squamosa e queste macchie si diffondono su tutta la testa, probabilmente sei affetto dalla tigna, un'infezione del cuoio capelluto.[17] Altri sintomi sono capelli che si spezzano, gonfiore della pelle, arrossamento e trasudamento di fluidi.
    • Alcuni trattamenti per capelli, come l'applicazione di olio caldo, tinte o prodotti chimici usati per lisciare i capelli, possono provocare danni al cuoio capelluto e la perdita permanente dei capelli.
  5. 5
    Rivolgiti a uno specialista. Per essere assolutamente certo che il tuo problema sia proprio l'alopecia androgenetica, fissa un appuntamento presso uno specialista dei capelli, come un dermatologo o un medico istruito e formato in questo settore. In genere, il disturbo viene diagnosticato basandosi sull'aspetto della calvizie e sulla distribuzione delle aree di alopecia.[18] Tuttavia, lo specialista potrà chiederti informazioni circa la tua famiglia (soprattutto quella materna) ed esaminerà con attenzione il cuoio capelluto al microscopio (con un dispositivo chiamato densitometro), per valutare il grado di miniaturizzazione dei follicoli piliferi.
    • Non è necessario eseguire un'analisi del capello o una biopsia del cuoio capelluto per diagnosticare correttamente la calvizie.
    • Il medico ti informerà in merito a tutti i possibili trattamenti per questo problema, non solo sui farmaci o sulla chirurgia di trapianto di capelli.
    Pubblicità

Consigli

  • Quando si riesce a individuare precocemente la calvizie e si interviene tempestivamente con delle cure, è possibile rallentare la caduta dei capelli in molte persone, ma tieni presente che i farmaci provocano effetti collaterali e non curano il problema.
  • Gli uomini con una calvizie leggera o moderata riescono spesso a nascondere le aree senza capelli con un'acconciatura o pettinatura adeguata. Chiedi consigli al tuo parrucchiere per far apparire più voluminosi i tuoi capelli radi (evita solo l'effetto "riporto"!).
  • Quando l'alopecia androgenetica è in fase avanzata, puoi valutare di fare un trapianto di capelli, dei trattamenti laser, ricorrere ai toupet parziali, alle extension o alle parrucche intere.
  • Alcuni uomini preferiscono radere completamente la testa anziché avere una capigliatura "a ferro di cavallo". Per fortuna, al giorno d'oggi la calvizie non ha più una connotazione negativa come un tempo.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Dottoressa in Medicina
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Carolyn Messere, MD. La Dottoressa Messere lavora come Medico in Florida. Ha conseguito la laurea presso la University of Massachusetts Medical School nel 1999.
Categorie: Salute Uomo

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità