Come Scegliere un'Arte Marziale

Scritto in collaborazione con: Herb Perez

A meno che tu non sia Daniel LaRusso di Karate Kid e che il tuo vicino di casa non sia un maestro di karate come il Signor Miyagi, probabilmente dovrai fare qualche ricerca prima di decidere qual è la scuola di arti marziali che fa per te. Dovrai comprendere quali sono i tuoi obiettivi, scegliere uno stile di arti marziali che risponda alle tue necessità e infine trovare una scuola e un maestro. Ricorda che non esiste un'arte marziale migliore delle altre: esistono solamente dei praticanti che raggiungono i più alti livelli di maestria. Tutte le forme di arti marziali hanno dei pro e dei contro – scegli quella più affine al tuo modo di essere.

Parte 1 di 2:
Scegliere uno Stile

  1. 1
    Se ti interessa l'autodifesa, scegli il jiu jitsu. Spesso si sceglie un'arte marziale per questioni di autodifesa, come nel caso di Daniel LaRusso. Lui è stato molestato da un bullo, è successo anche a te? Oppure sei preoccupato che possa succedere in futuro? Tutte le arti marziali insegnano a proteggere la propria persona, ma alcune di esse si concentrano maggiormente su quest'aspetto insegnando a difendersi dagli attacchi e a liberarsi dalle prese.[1] Il jiu jitsu sfrutta la forza e l'impeto dell'avversario per sconfiggerlo, permettendo a una persona più debole di avere la meglio su un aggressore più forte.
    • Quando si è in una situazione di pericolo, il jiu jitsu insegna a schivare gli attacchi frontali, liberarsi dalle prese e guadagnare una posizione di vantaggio sull'avversario. Ricorda che tutte le arti marziali hanno come ultimo scopo l'autodifesa. Alcune sono più votate allo scontro fisico rispetto ad altre (e in questo senso il jiu jitsu è un'arte equilibrata).
  2. 2
    Mantieniti in forma con il kung fu. Il secondo motivo per il quale le persone scelgono di praticare un'arte marziale è per mantenersi in allenamento, trasformare il grasso in muscoli e migliorare la coordinazione. Tutte le arti marziali si occupano di quest'aspetto, ma alcune si concentrano maggiormente sull'aspetto atletico.[2] Con le sue posizioni basse e le parate potenti, il kung fu allena la totalità del corpo. Inoltre, è un'arte marziale molto ben codificata.[3]
    • Mentre il kung fu allena tutti i muscoli, ci sono arti marziali che si concentrano sul rinforzo della parte superiore o di quella inferiore del corpo. Se vuoi potenziare il tronco e gli arti superiori, scegli il pugilato o il karate Shotokan giapponese. Se ti interessa avere gambe agili e forti, rivolgiti a un'arte marziale come il taekwondo.[4]
  3. 3
    Aumenta l'autostima con il naginata. Il naginata moderno è un'arte marziale che insegna l'etichetta, il rispetto e l'autostima. Le arti marziali come il naginata aumentano la fiducia in se stessi facendo venire alla luce il potenziale di ognuno, allenando il fisico e insegnando nuove tecniche di lotta. Talvolta, chi entra per la prima volta in un dojo ha poca fiducia in se stesso. Forse è il tuo caso, e proprio per questo motivo hai deciso di praticare un'arte marziale. Se sei una persona insicura, scegli una scuola e un maestro che tirino fuori il meglio di te invece di demoralizzarti.[5] I maestri di naginata cercano di trasmettere sensazioni positive. Il desiderio di migliorarsi caratterialmente è una motivazione importante ed è un aspetto da tenere in considerazione nella scelta di una scuola di arti marziali.[6]
  4. 4
    Prova il taekwondo per allenare la disciplina e l'autocontrollo. Il taekwondo è l'arte marziale più famosa al mondo (in questo senso deve molto al fatto di essere stata inserita tra le discipline olimpiche nel 1988). In molti considerano il taekwondo come una forma di espressione artistica e, come tale, richiede una buona dose di autocontrollo. Bisogna avere un buon dominio sul proprio corpo per rendere ogni movimento fluido, elegante e preciso. [7] Per questa serie di motivi, in molti considerano il taekwondo come il mezzo ideale per insegnare la disciplina e l'autocontrollo, ai bambini come agli adulti.[8]
    • Le arti marziali richiedono disciplina e autocontrollo: il rispetto delle regole e dell'insegnante è d'obbligo. Durante l'allenamento potresti renderti conto che il modo di insegnare del tuo maestro va contro le tue aspettative. “Dai la cera, togli la cera” dice Miyagi in Karate Kid; il suo allievo è confuso perché non capisce come dare o togliere la cera possa farlo diventare un buon praticante di arti marziali, ma in seguito capisce che il maestro è nel giusto. Segui gli insegnamenti del tuo maestro e allenati con costanza. La disciplina necessaria per progredire nelle arti marziali ti sarà utile anche nella vita di tutti i giorni.[9]
  5. 5
    Preparati a salire sul ring con la kickboxing. Negli anni settanta, alcuni praticanti di arti marziali americani, sentendosi limitati dalle regole da seguire in occasione dei tornei, crearono la kickboxing. Questi atleti volevano che i loro colpi non fossero simulati e, per prepararsi alle gare, usavano lo sparring e allenavano i pugni, i calci e le parate. Date le sue origini, profondamente legate alla competizione e al desiderio di combattere, la kickboxing è particolarmente adatta a chi vuole salire sul ring.[10]
    • Certe arti marziali non contemplano il combattimento sul ring. Gli stili di kung fu tradizionale, come il Wing Chun o l'Hung Gar, non sono stati studiati per questo scopo. Queste arti marziali sono eccellenti quando si tratta di difendersi, ma richiedono anni di studio prima di dare risultati apprezzabili in situazioni di combattimento reale.
  6. 6
    Valuta i tuoi interessi culturali. Se provi ammirazione verso una determinata cultura, conoscerla meglio tramite un'arte marziale può diventare un'esperienza davvero interessante. Studia il krav maga se ti interessa la cultura israeliana, il taekwondo se ti interessa quella coreana o il sumo se sei un appassionato della cultura giapponese.
    • Se il tuo scopo è approfondire certi aspetti culturali, scegli una scuola in cui insegni un professore nativo o qualcuno che si sia formato seguendo gli insegnamenti di un maestro proveniente dal Oaese di origine dell'arte marziale che ti interessa. I suoi insegnamenti risulteranno più “autentici” e faranno risaltare aspetti linguistici, filosofici e storici propri della cultura in questione.[11]
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Scegliere la Scuola e l'Insegnante

  1. 1
    Cerca una scuola vicina a casa. La scelta dell'arte marziale che andrai a praticare sarà inevitabilmente influenzata dalla disponibilità di insegnanti e scuole sul territorio. Se raggiungere la scuola diventa faticoso, potresti stancarti di viaggiare e smettere di seguire il corso. Fai una ricerca online o consulta la guida telefonica per scoprire quali arti marziali sono praticate nella tua zona.
  2. 2
    Scegli una scuola che ti puoi permettere. Di solito, le scuole di arti marziali non fanno presente il prezzo dei loro corsi sulla guida telefonica. Le tariffe possono essere determinate su base mensile, trimestrale, annuale o a seconda di quante volte alla settimana frequenti gli allenamenti. In certi casi, il costo di iscrizione è negoziabile a seconda di quanti studenti hanno intenzione di frequentare il corso. Certi insegnanti chiedono 40 euro al mese, altri ne chiedono 40 a lezione; spetta a te decidere quanto sei disposto a spendere. Dopo avere fatto qualche ricerca, imparerai a capire quali scuole chiedono troppo.
    • Se vuoi risparmiare denaro, rivolgiti a un corso organizzato al di fuori del circolo delle palestre. Certi enti benefici e centri ricreativi organizzano corsi di sport. Solo perché una scuola non si appoggia a un centro sportivo, non significa che la qualità dell'insegnamento sia inferiore.[12] Fai una ricerca sul territorio e informati sui costi, l'abbigliamento richiesto e se è possibile partecipare a una lezione di prova. Informati che non ci siano dei costi aggiuntivi. In certi posti il costo dell'abbonamento sale, in un secondo tempo.[13]
  3. 3
    Assisti a una lezione. Per comprendere meglio le caratteristiche di una determinata arte marziale e il metodo di insegnamento di un particolare maestro, assisti a un paio di allenamenti. In questo modo avrai la possibilità di visitare il luogo in cui ci si allena, conoscere i futuri compagni di corso e parlare con l'istruttore.
    • Parla con gli altri studenti. Interessati su cosa gli piace e cosa non gli piace del corso. I praticanti più esperti possono conoscere altri posti in cui si praticano arti marziali diverse, e ascoltare le loro opinioni può aiutarti a decidere a quale corso iscriverti.
  4. 4
    Decidi se lo stile di insegnamento si adatta o meno ai tuoi bisogni. Se vuoi imparare un'arte marziale "pratica", le cui tecniche possano essere imparate in breve tempo e applicabili in ogni situazione, valuta se i dilettanti vengono incoraggiati a partecipare attivamente al combattimento o tutto questo è riservato agli studenti esperti (o a chi frequenta il dojo da più tempo e ha speso più soldi in tasse di iscrizione). Vuoi un maestro che ti spinga a dare il massimo? Oppure ne vuoi uno che migliori la tua autostima? Vuoi un insegnante personale o un istruttore abituato a lavorare con molti allievi contemporaneamente? Lo stile di insegnamento di un maestro di arti marziali dovrebbe variare a seconda dell'allievo.[14]
    • In ogni caso, sii consapevole del fatto che i combattimenti tra dilettanti (che vanno comunque incoraggiati) dovrebbero seguire regole più limitanti: un principiante non ha abbastanza controllo sulla tecnica e non sa valutare a dovere la potenza dei suoi colpi.
  5. 5
    Valuta l'ambiente. Osserva gli allievi della scuola, guarda come interagiscono tra loro e come si comportano con gli studenti più esperti. Sono amichevoli e disponibili? Sono rispettosi? Potreste diventare amici? Trascorrerai molto tempo con loro, quindi è importante capire qual è il loro carattere. Inoltre, durante gli allenamenti, metterai la tua sicurezza nelle loro mani. Se ti trovi a disagio, cambia scuola.[15]
  6. 6
    Informati sulle qualifiche del tuo insegnante. Non preoccuparti troppo dei certificati o dei gradi che possiede: nelle arti marziali non esiste un ente a capo delle varie scuole né un sistema di certificazione universale. Ciò che è davvero importante è:
    • Da chi ha imparato?
    • Per quanto tempo è stato allievo di questa persona?
    • Da quanto tempo pratica l'arte marziale che insegna?
    • Ha esperienza come insegnante o è solo un esperto? Come nel calcio, esistono grandi calciatori che diventano pessimi allenatori (e giocatori mediocri che diventano grandi allenatori): esistono campioni di arti marziali che non hanno le qualità per insegnare. Tienilo presente.
    • Fai attenzione durante la ricerca. Molti istruttori affermano che la propria scuola e il proprio sistema di insegnamento sono i migliori in circolazione. Esistono dei maestri talmente fedeli alla disciplina cui si sono votati, che finiscono per esprimere pareri negativi nei confronti delle altre arti marziali. Spesso queste persone non sono dei buoni insegnanti, in quanto, facendo così, mancano di rispetto nei confronti degli altri.[16]
  7. 7
    Scegli una scuola i cui orari coincidano con i tuoi. Dovrai dedicare molto tempo agli allenamenti. La maggior parte delle arti marziali contempla l'uso di forme che potrai ripetere a casa. Se ti alleni solamente a lezione, progredirai più lentamente.[17]
    • Dedica il tempo necessario agli allenamenti, a lezione e a casa. Ricorda che le arti marziali significano disciplina: se non lo accetti, non è neanche il caso di iniziare, finiresti per non seguire le lezioni.
  8. 8
    Unisciti ai tuoi nuovi compagni e inizia. Meglio prima che dopo, come si suol dire. Hai fatto tutte le ricerche necessarie, hai scelto un'arte marziale piuttosto che un'altra e ora sai che cosa aspettarti. Adesso divertiti!
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Gran Maestro di Taekwondo
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Herb Perez. Herb Perez ha vinto la medaglia d'oro nel taekwondo alle Olimpiadi del 1992. Ha creato un percorso di sviluppo mirato per allenatori e atleti di taekwondo statunitensi ed è attualmente Presidente del Consiglio di Amministrazione del Comitato di Educazione della federazione World Taekwondo.
Categorie: Sport & Fitness

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità