Come Scovare Dipinti di Valore

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Collezionare opere d’arte è un hobby costoso, tuttavia alcuni appassionati dall’occhio attento riescono ad aggiudicarsi opere di valore a prezzi vantaggiosi. Che tu sia alla ricerca di occasioni in un negozio di articoli usati o stia valutando un’opera a una mostra d’arte, sapere come stabilire l’autenticità e il valore di un pezzo ti aiuterà a scovare quelli di valore in mezzo a molte imitazioni e ristampe.

Metodo 1 di 2:
Cercare Opere di Grande Valore

  1. 1
    Cerca dipinti realizzati da artisti famosi. Molte persone vanno in cerca di opere d’arte per trovarne qualcuna dell’artista che amano. Anche se con ogni probabilità non riuscirai a trovare nulla di Monet o Vermeer, potresti incappare in un tesoro nascosto realizzato da un artista meno famoso o di fama locale.[1]
    • Tra gli artisti le cui opere sono finite in negozi di articoli usati vi sono Ben Nicholson, Ilya Bolotowsky, Giovanni Battista Torriglia, Alexander Calder e perfino Pablo Picasso.
    • Per sapere quali dipinti ricercare, informati riguardo ai diversi artisti presso le gallerie d’arte locali, i musei e i database online come la Web Gallery of Art.
  2. 2
    Cerca i dipinti sul tuo cellulare per vedere se trovi qualcosa di interessante. Se ti imbatti in un’opera che pensi possa avere un certo valore, prova a cercarla su Google o su un altro motore di ricerca: se trovi qualcosa a riguardo, significa che hai scovato un pezzo di valore.[2]
    • Se non conosci il nome di un dipinto, cercalo usando alcune parole chiave. Per esempio puoi trovare il dipinto di Thomas Gainsborough “Ragazzo in blu” usando le parole “dipinto”, “ragazzo” e “blu”.
    • Se hai la possibilità di scattare una foto ad alta qualità dell’opera, prova a caricarla sul motore Reverse Image Search di Google a questo indirizzo: https://reverse.photos. Renderà la ricerca più facile.
  3. 3
    Acquista le edizioni limitate e le stampe firmate. Sebbene la maggior parte delle stampe artistiche abbia un valore economico insignificante o nullo, esistono alcune eccezioni. Cerca stampe dalla tiratura limitata, ovvero di cui l’artista ha fatto soltanto poche copie, e quelle che presentano la firma autografa dell’artista sul fronte o sul retro.[3]
    • La maggior parte delle stampe a tiratura limitata riporta un numero indicativo della copia in tuo possesso e di quante copie ne sono state fatte.
  4. 4
    Evita di acquistare dipinti piccoli e concettuali se hai intenzione di rivenderli. A meno che tu non ti sia imbattuto in un’opera originale di un artista famoso, evita dipinti di dimensioni molto ridotte o rappresentazioni indefinibili al punto da essere quadri astratti. Nonostante possano essere di ottima fattura, non esercitano la stessa attrazione di un dipinto grande e tradizionale e sono pertanto più difficili da rivendere.
    • Ciò è particolarmente importante qualora tu avessi intenzione di rivendere un'opera online, dal momento che le più piccole e astratte sono difficili da mettere in risalto con le fotografie digitali.
  5. 5
    Scegli dipinti con cornici di alta qualità. Anche se hai appurato che un dipinto non è di valore, assicurati di esaminarne la cornice prima di scartarlo. Le cornici sono esse stesse opere d’arte, pertanto una di tipo vintage o di ottima fattura potrebbe valere molto indipendentemente dal dipinto al suo interno. Cerca cornici che presentino:[4]
    • motivi intagliati a mano;
    • fantasie intricate o uniche;
    • modanature dorate;
    • lievi segni di usura o invecchiamento.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Stabilire l’Autenticità di un Dipinto

  1. 1
    Cerca la firma originale dell’artista. Spesso il modo più facile per stabilire se un dipinto sia autentico o no è controllare se è presente la firma del pittore sul fronte o sul retro. In particolare, cerca una firma realizzata a mano o aggiunta con la vernice; se un dipinto non ce l’ha, oppure questa sembra piatta e artificiale, ci sono ottime probabilità che si tratti di una riproduzione o di un falso.[5]
    • Se conosci il nome dell’artista, cercalo online e controlla che la firma corrisponda a quella presente sul dipinto.
    • È facile falsificare una firma, pertanto non basarti soltanto su questo elemento come prova di autenticità.
  2. 2
    Usa una lente d’ingrandimento per verificare la presenza di puntini. Prima di acquistare un dipinto, osservalo con una lente per vedere se è composto da piccoli punti perfettamente rotondi disposti a griglia: se li vedi, si tratta di una riproduzione realizzata con una stampante laser.[6]
    • Sebbene questo metodo possa aiutarti a identificare le stampe comuni, fai attenzione perché potrebbe non funzionare per le riproduzioni giclée di alta qualità.
    • A differenza delle stampe laser, i dipinti realizzati con la tecnica puntinista presenteranno puntini di forme e misure diverse.
  3. 3
    Ispeziona i dipinti a olio per verificare se presentano una superficie ruvida. Se stai cercando di stabilire l’autenticità di un dipinto a olio, controlla che la superficie presenti rigonfiamenti o tracce di stesura del colore. Se è significativamente ruvida, ci sono ottime probabilità che sia autentico; se è completamente piatta, significa che si tratta di una riproduzione.[7]
    • Se presenta soltanto uno o due punti ruvidi, potrebbe trattarsi di un falso mascherato da originale.
  4. 4
    Esamina le opere ad acquarello per verificare che abbiano la superficie ruvida. Per stabilire se un dipinto di tale tecnica sia autentico, tienilo in mano di traverso e osserva attentamente le pennellate. Se la carta appare ruvida intorno alle pennellate più larghe, potrebbe trattarsi di un originale; se ti sembra uniformemente levigata, è probabilmente una riproduzione.[8]
  5. 5
    Controlla che i dipinti su tela abbiano i bordi irregolari. Molto spesso gli artisti che lavorano sulla tela stendono pennellate disomogenee o irregolari lungo i bordi del dipinto, dopodiché non si curano di ritoccarle, in quanto raramente chi guarda il quadro vi presta attenzione. Pertanto, se un dipinto su tela presenta i bordi perfettamente regolari, potrebbe trattarsi di una riproduzione di fabbrica.[9]
  6. 6
    Controlla il retro della cornice alla ricerca di segni di invecchiamento. Spesso il retro può darci più informazioni riguardo a un dipinto dell’opera in sé. Cerca cornici di colore scuro e che presentano chiari segni di invecchiamento, come lo smalto che si sfalda e tratti di legno consumato. Più antica è una cornice, maggiori probabilità ci sono che l’opera all’interno sia autentica.[10]
    • Se il retro di una cornice è prevalentemente nero ma presenta alcune strisce più chiare, ci sono buone probabilità che il dipinto sia autentico e che a un certo punto abbia dovuto essere incorniciato nuovamente.
    • Molte cornici antiche presentano un telaio a forma di X o H sul retro, il che è meno comune nelle cornici moderne.
  7. 7
    Controlla come è stata incorniciata l’opera per verificarne l’età. Se è fissata con chiodi oppure noti dei fori di chiodo tutto intorno alla cornice, probabilmente si tratta di un’opera originale anteriore al 1940. Se è fissata con punti metallici, ci sono ottime probabilità che sia una riproduzione, specialmente se si tratta di un pezzo antico che non presenta segni di una precedente incorniciatura.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità