Come Scrivere in Codice

Scrivere in codice può essere un ottimo metodo per tenerti occupato durante i momenti di noia che possono caratterizzare alcune giornate scolastiche o semplicemente per inviare un messaggio segreto a un amico. Esistono diversi modi per scrivere in codice, puoi quindi imparare a personalizzare i tuoi messaggi con un'ampia varietà di stili. Ad esempio, puoi utilizzare un codice diverso per ogni persona oppure per ogni giorno della settimana. In ogni caso, una volta apprese le meccaniche, scrivere in codice risulterà estremamente semplice.

Metodo 1 di 4:
Modificare l'Ordine delle Lettere
Modifica

  1. 1
    Scrivi il tuo messaggio come faresti normalmente. Prima di codificarlo per renderlo illeggibile ai più, è necessario che tu abbia ben chiaro il contenuto che desideri inserire nel messaggio. In base al livello di segretezza che desideri raggiungere, potresti non voler condividere le tue informazioni con chi ti circonda. Questo significa che dovrai assicurarti che nessuno ti osservi mentre crei il messaggio cifrato, altrimenti il meccanismo che sta alla base potrebbe essere facilmente violato.
    • Se non sei certo di riuscire a scrivere il tuo messaggio senza che venga visto da qualcuno, puoi scegliere di visualizzarlo nella tua mente. Questo passaggio risulta sicuramente più complesso, ma garantisce che nessuno possa mai scoprire cosa stai facendo.
  2. 2
    Riscrivi il testo del messaggio al contrario. Si tratta di uno dei metodi più semplici per codificare un testo, soprattutto se questo è il primo messaggio cifrato che componi in vita tua.[1] Prendi come soggetto il messaggio che hai scritto nel primo passaggio, quindi riscrivilo al contrario, procedendo una lettera per volta. Parti dalla fine, cioè dall'ultima parola presente nell'angolo inferiore destro della pagina, per spostarti a ritroso verso quello superiore sinistro, ovvero fai esattamente il contrario di quello che fai quando scrivi normalmente. Dopo aver terminato di riscrivere il messaggio, concludilo inserendo la punteggiatura corretta, in questo modo il destinatario del tuo testo capirà dove inizia e finisce il messaggio in codice.
    • Assicurati di separare correttamente ogni parola, anche se in apparenza può sembrare una cosa bizzarra. Altrimenti il testo risulterà difficile da leggere e quindi da comprendere.
  3. 3
    Separa ogni lettera del tuo messaggio scritto al contrario con un numero e una vocale o una consonante. Se non vuoi suscitare sospetti, scrivi il testo del messaggio su un semplice foglio di carta, quindi procedi come visto in precedenza, riscrivendolo al contrario iniziando dall'ultima parola posta nell'angolo inferiore destro della pagina e muovendoti a ritroso verso la parte superiore sinistra del foglio. Dopo aver ricopiato ogni lettera del messaggio originale, inserisci un numero seguito da una vocale o da una consonante qualsiasi.
    • Non esiste una regola per scegliere i caratteri da inserire come separatori, quindi non scervellarti troppo a lungo in questo passaggio. Ad esempio, il messaggio "Ciao, come stai?" potrebbe diventare: "Ia5A8lT1sS5h E2fMr3Of2Ca7 Oq2Ac7Id2Co2" (le lettere del testo originale sono state riportate maiuscole per chiarire meglio il meccanismo, nella realtà possono essere scritte minuscole per proteggere ulteriormente le tue informazioni).
  4. 4
    Scrivi le lettere al contrario. Un'altra divertente strategia di codifica consiste nello scrivere le lettere che compongono il messaggio al contrario. In questo modo il testo assumerà un aspetto strano e bizzarro.[2] Prima di prendere confidenza con questa metodologia di scrittura, è probabile che dovrai esercitarti un po'. Scrivi il testo del messaggio come faresti normalmente, quindi osservane la struttura originale. Devi iniziare a scrivere dal lato destro della pagina muovendoti verso quello sinistro, usando la mano sinistra. Ogni lettera andrà scritta in senso inverso, in questo modo riscrivendo il testo da destra a sinistra tutte le vocali e le consonanti del messaggio appariranno come scritte allo specchio.
    • Quando hai finito di scrivere il messaggio, posizionalo di fronte a uno specchio. Dovresti vederlo scritto in modo normale. Si tratta di un meccanismo di scrittura avanzato, quindi per padroneggiarlo potrebbe essere necessario del tempo.
    • Se sei mancino, questo tipo di codifica potrebbe risultare ancora più complessa, ma dovrai comunque scrivere ogni singola lettera al contrario partendo da destra e muovendoti verso sinistra.
    Advertisement

Metodo 2 di 4:
Invertire l'Alfabeto
Modifica

  1. 1
    Scrivi le lettere che compongono l'alfabeto. Per prima cosa elenca tutte le consonanti e le vocali presenti nell'alfabeto lasciando un ampio spazio sotto alle lettere per riscriverle in chiave codificata. È importante organizzare correttamente il tuo sistema di codifica, in modo che occupi una singola pagina per risultare di facile consultazione. Per ottenere un risultato ottimale, dovresti riuscire a scrivere l'intero alfabeto su un'unica riga del foglio.
  2. 2
    Metti in correlazione ogni lettera dell'alfabeto con quella che si trova nella stessa posizione, ma in ordine inverso.[3] Dopo aver scritto l'alfabeto nella sua forma normale, riscrivilo in ordine inverso. Questo significa che la lettera A dovrà essere associata alla lettera Z, la B alla V, la C alla U e così via. Scrivere il codice su carta per intero ti darà la possibilità di visualizzarlo e consultarlo in ogni momento.
    • Inizia a memorizzare il sistema di codifica. In questo modo risparmierai tempo quando dovrai usarlo in futuro. Come sempre la pratica rende perfetti, quindi più ne farai uso, più ti sentirai a tuo agio nello scrivere con il "nuovo" alfabeto.
  3. 3
    Componi il tuo messaggio utilizzando il nuovo alfabeto. Utilizza il codice che hai creato nel passaggio precedente come guida per procedere alla stesura del messaggio. Come sempre, inizia scrivendo il testo in italiano, come faresti normalmente, quindi utilizza il tuo nuovo alfabeto per riscriverlo codificato. Ad esempio la parola "Ciao" diventerà "Uozi".
    • Se hai la necessità di decodificare il messaggio che hai creato, utilizza la seconda riga del tuo codice (quella relativa all'alfabeto scritto in senso inverso), quindi procedi a sostituire ogni lettera con quella corrispondente dell'alfabeto italiano.
  4. 4
    Apprendi il metodo dell'alfabeto semi-invertito.[4] Si tratta di un meccanismo di codifica molto simile al precedente, che però ti farà risparmiare tempo sia nella fase di codifica sia di decodifica. Anche scrivere il nuovo alfabeto codificato risulterà più veloce. Inizia scrivendo su un'unica riga le lettere dalla A alla M, quindi prosegui scrivendo le restanti lettere, dalla N alla Z, allineandole sotto alle precedenti.
    • Per codificare il testo del messaggio non devi fare altro che utilizzare questo nuovo alfabeto, in cui la lettera A diventerà la lettera N e la N si trasformerà in A. Si tratta di un alfabeto a doppia correlazione; alcune persone ritengono che, rispetto a quello completo, sia più semplice e veloce da utilizzare.
    Advertisement

Metodo 3 di 4:
Sostituire le Lettere con i Simboli
Modifica

  1. 1
    Correla ogni lettera con la sua posizione numerale. Si tratta di un sistema di codifica molto intuitivo, che offre un metodo semplice e veloce per associare le lettere dell'alfabeto con dei simboli.[5] Inizia scrivendo l'intero alfabeto italiano nel suo ordine naturale. Al termine, riscrivilo sostituendo ogni lettera con il numero corrispondente alla sua posizione all'interno dell'alfabeto. In questo modo otterrai le seguenti associazioni: A=1, B=2, C=3 e così via.
    • Data la semplicità di questo sistema di codifica, individuarne la chiave di lettura risulterà altrettanto semplice. Per renderlo un po' più robusto, puoi provare a invertire l'ordine dei numeri (A=21, B=20, C=19, eccetera). In alternativa puoi numerare la prima metà delle lettere con l'ordine posizionale corretto e la seconda metà con l'ordine invertito, ottenendo N=21, O=20 e così via.
  2. 2
    Utilizza il codice Morse. La maggior parte delle persone è convinta che il codice Morse consista semplicemente in una serie di suoni o di segnali luminosi, ignorando la sua associazione con la scrittura. Ciononostante esiste anche un alfabeto Morse, che fornisce un sistema di codifica per ogni lettera.[6] Il codice Morse prende il nome dal suo inventore Samuel Morse e venne largamente utilizzato negli anni '30 del 1800, per inviare rapidamente i messaggi di testo tramite il telegrafo. Ogni lettera viene codificata come una serie di punti e linee. Procedi creando numerose correlazioni fra lettere e simboli, quindi utilizzale per cifrare i tuoi messaggi.
    • Le persone con più esperienza nel settore potranno avvalersi anche dei simboli del codice Morse relativi alla codifica di tutte le forme di punteggiatura. Prova a vivacizzare i tuoi messaggi scrivendo delle frasi complete che includano i caratteri della punteggiatura, virgole, punti e punti esclamativi, ovviamente opportunamente codificati tramite codice Morse.
  3. 3
    Impara a utilizzare i geroglifici. Questa tipologia di scrittura è stata inventata dagli antichi egizi, combinando i simboli alfabetici tradizionali con i simboli grafici.[7] La difficoltà di apprendere questo tipo di scrittura è data dal fatto che i simboli grafici codificano anche il suono relativo alla pronuncia delle diverse lettere. Ad esempio della lettera A dovrai memorizzare entrambi i simboli relativi al suono vocalico lungo e breve, utilizzando quello corretto in relazione a ciò che desideri scrivere.
    • Scrivi una chiave di codifica che includa non solo le lettere dell'alfabeto italiano, ma anche i suoni relativi alla pronuncia dei relativi simboli geroglifici. Ti accorgerai che le lettere in comune hanno spesso lo stesso disegno grafico di base, con l'aggiunta di piccole modifiche relative alla pronuncia singola o in combinazione con altre lettere.
  4. 4
    Inventa il tuo codice personalizzato. Per quanto sia possibile utilizzare uno dei sistemi di codifica descritti in questo articolo o uno dei tanti altri presenti nel mondo, può essere molto divertente provare a creare il proprio. Raduna un gruppo di amici con cui provare ad assegnare un simbolo a ogni lettera dell'alfabeto. L'obiettivo è quello di individuare simboli semplici e mnemonici, in modo da facilitare l'utilizzo del codice e poterlo padroneggiare rapidamente. Per poter usare questo metodo, sarà molto importante avere sempre a portata di mano la tua "stele di rosetta", in modo da non dimenticarti il funzionamento del tuo sistema di codifica.
    Advertisement

Metodo 4 di 4:
Utilizzare Sistemi di Codifica Avanzati
Modifica

  1. 1
    Altera il tuo linguaggio utilizzando un cifrario indicizzato. Questo sistema, conosciuto come "cifrario monoalfabetico" in crittografia, prevede l'utilizzo di una permutazione dell'alfabeto tradizionale, ovvero esorta a traslare l'ordine di ciascuna lettera in una direzione, in modo che ogni elemento assuma il simbolo di quello successivo o precedente, in base al numero di posizioni permutate (tale numero rappresenta la "chiave" del cifrario).[8] Il modo più semplice per mettere in pratica questo sistema consiste nel traslare l'intero alfabeto verso sinistra di una posizione. Ciò significa che la lettera A sarà rappresentata dalla B, quest'ultima dalla C e così via, fino ad arrivare alla Z che corrisponderà alla A.
    • Nel nostro esempio abbiamo traslato le lettere dell'alfabeto di una singola posizione, ma non c'è limite a tale numero. Questo accorgimento renderà il tuo codice molto complesso, mentre quello del nostro esempio risulta piuttosto semplice da decifrare.
    • È possibile traslare l'alfabeto anche verso destra. Questa tecnica richiede però una pianificazione un po' più accurata, dato che si dovrà lavorare sulla parte finale dell'alfabeto spostandosi verso la Z per poi arrivare fino alla A.
    • Questo sistema in realtà ha delle basi molto antiche, è infatti conosciuto come "Cifrario di Cesare" o "Cifrario a scorrimento". Questo tipo di codifica è nota anche come "ROT1" (dall'inglese "rotate by 1 place"). Se lo desideri, puoi applicare una chiave di cifratura a tua scelta. Ad esempio, il "ROT2" utilizza una permutazione dell'alfabeto di due posizioni.
  2. 2
    Usa un metodo di cifratura a blocchi. Inizia a scrivere il tuo messaggio normalmente, riga dopo riga, con l'obiettivo di creare un unico blocco uniforme di testo.[9] In questa fase di stesura del messaggio servono un po' di ordine e precisione, dato che lo scopo è quello di ottenere un testo composto da righe della lunghezza più simile possibile (ovviamente non è richiesta una precisione perfetta). Dopo aver composto il messaggio, dovresti poter notare che si sono formate delle colonne composte dalle singole parole di ogni riga (se sarai stato preciso nello stendere il testo del messaggio, ogni colonna dovrebbe essere composta da parole di lunghezza simile). A questo punto fai scorrere verso il basso il contenuto di ogni colonna di parole.
    • Quando devi decodificare questo tipo di messaggi, riscrivi le parole chiave in colonna rispettando l'ordine originale. In questo modo dovresti essere in grado di leggere e di comprendere perfettamente il contenuto di ogni riga.
  3. 3
    Impara a padroneggiare il "Cifrario pigpen". Si tratta di un cifrario a cui ci si riferisce spesso anche con il nome di "cifrario massone" ed è uno dei sistemi di codifica più avanzati per cifrare i tuoi messaggi. Assicurati di creare il tuo cifrario in modo chiaro e ordinato, dato che dovrai usarlo sia per codificare i tuoi messaggi sia nella fase di decodifica.[10] Inizia disegnando due griglie principali. Una è identica a quella che si utilizza normalmente per giocare a "tris", mentre la seconda è rappresentata da una grande "X". Adesso devi riempire le 13 caselle delle due griglie (9 nella prima e 4 nella seconda) con due lettere ciascuna.
    • Confronta il codice relativo alla lettera A e B. Entrambe si trovano all'interno della stessa cella della griglia, quindi saranno rappresentate dallo stesso simbolo grafico; dato che la B è la seconda lettera, il suo simbolo grafico avrà però un punto aggiuntivo al suo interno ("."). Tutte le caselle condivise da due lettere dovranno avere questo simbolo grafico distintivo. In altre parole il simbolo riferito alla prima lettera della cella sarà rappresentato dai bordi di quest'ultima, mentre quello riferito alla seconda sarà identico al primo, ma con l'aggiunta di un punto all'interno. Potrebbe essere utile scrivere l'alfabeto codificato completo, in modo da poter confrontare il simbolo grafico di ogni lettera con gli altri, velocizzando il processo di apprendimento.
    Advertisement

Hai trovato utile questo articolo?

No