Come Scrivere una Bozza

Una bozza è un ottimo modo per organizzare pensieri e ricerche, se stai preparando un discorso, un saggio, un romanzo o anche una guida allo studio. Continua a leggere l'articolo per iniziare a scrivere la tua bozza!

Diapositive di Bozze CampioneModifica

Parte 1 di 2:
Organizzare la Bozza
Modifica

  1. 1
    Scegli un argomento. Una bozza ti consente di organizzare i tuoi pensieri prima di cominciare a scrivere. Qual è l'argomento del tuo elaborato o del progetto che devi sviluppare? È necessario scegliere un argomento di carattere generale, a questo punto. La stesura della bozza potrebbe aiutarti a scremare la scelta fino a farti individuare un tema ben preciso.
    • Ad esempio, il tema di una relazione di storia potrebbe riguardare la vita dei francesi durante l'occupazione tedesca nella Seconda Guerra Mondiale. Man mano che elabori la tua bozza, potresti restringere la trattazione ai combattenti della resistenza, ovvero i partigiani.
    • Quando elabori la bozza di un progetto creativo, ad esempio un romanzo, non dovrai sviluppare una teoria o trattare un settore tematico. Piuttosto, la bozza ti aiuterà a strutturare il lavoro.
  2. 2
    Decidi l'obiettivo principale. Un elaborato può cercare di convincere il lettore della bontà delle argomentazioni proposte dall'autore, informarlo su un tema o riportare un'esperienza personale. Scegli uno di questi obiettivi, insieme con le argomentazioni, il tema o l'esperienza su cui verte l'elaborato. Se devi redigere una relazione convincente e analitica, sviluppa una tesi in modo da strutturare il tuo lavoro. Di seguito troverai tre tipi di approccio:
    • Metti a confronto e in contrapposizione due libri, due avvenimenti o due persone. Questo lavoro richiede una potente capacità di analisi critica.[1]
    • Presenta la causa e l'effetto di un avvenimento storico. Descrivi il modo in cui è occorso, considerando sia l'esposizione dei fatti operata dalle correnti principali sia le argomentazioni alternative più convincenti. A questo scopo, dovrai effettuare molte ricerche.
    • Descrivi come ti ha cambiato un'esperienza, mettendo a frutto le tue capacità comunicative.
  3. 3
    Procurati il materiale informativo da utilizzare. Dovrai inserirlo perlopiù nella parte finale dell'elaborato, non nella bozza. Tuttavia, rivedendo questa documentazione, avrai un ulteriore aiuto per organizzare il saggio. Annota quali sotto-argomenti contengono un gran numero di citazioni, statistiche o concetti: saranno le parti principali della bozza. Se ce ne sono altri che conosci molto poco, elencali in una sezione separata dedicata ai sotto-argomenti di minore importanza.
    • Ignora questo passaggio se stai strutturando un progetto creativo. Le ricerche saranno utili per aggiungere dettagli credibili, ma non figureranno nella bozza.
    • Annota il numero delle pagine in cui reperisci i dati che ti servono.
  4. 4
    Scegli quel tipologia di bozza sviluppare. Sei quasi pronto per iniziare a scrivere. Ti basta scegliere una di questi due strutture:[2]
    • Una bozza strutturata per argomenti utilizza frasi brevi contenenti ciascuna poche parole. In caso di dubbi, ricorri a questa opzione.
    • Una bozza strutturata per frasi adopera proposizioni di senso compiuto. Sfrutta questa soluzione se l'elaborato si basa su molti dettagli che occuperebbero molte pagine se fossero elencati in punti.
    Advertisement

Parte 2 di 2:
Scrivere la Bozza
Modifica

  1. 1
    Ordina i sotto-argomenti principali. Se devi scrivere una storia o presentare un argomento storico, ha senso organizzare le informazioni in ordine cronologico. In caso contrario, scegli il sotto-argomento che presenta più materiale informativo e comincia a svilupparlo. Dopodiché metti in ordine i sotto-argomenti principali in modo che ognuno confluisca naturalmente nel successivo.[3] Distingui ogni sotto-argomento con un numero romano. Ecco un esempio di bozza per un breve elaborato:
    • Tema: Storia dell'automobile
    • I. Primordi: prima del XX secolo
    • II. Automobili vintage e classiche: dal 1900 alla Seconda Guerra Mondiale
    • III. Automobili moderne: dopo la Seconda Guerra Mondiale
  2. 2
    Pensa ad almeno due punti per ciascuna categoria. Si tratta di sotto-punti che dovrai selezionare sia in base all'obiettivo del tuo elaborato sia in base alle informazioni che hai raccolto. Formeranno il secondo livello della struttura, che tradizionalmente è rientrante rispetto al corpo principale dell'elenco e viene distinto con le lettere dell'alfabeto latino (A, B, C, D, ecc.).
    • I. Primordi: prima del XX secolo
    •    A. Energia a Vapore
    •    B. Motore a combustione
    • II. Automobili vintage e classiche: dal 1900 alla Seconda Guerra Mondiale
    •    A. Il modello T
    •    B. Standardizzazione della tecnologia
    • (continua con ogni sezione)
  3. 3
    Espandi i punti con i sotto-punti, se necessario. Se uno dei sotto-punti introdotti dalle lettere rappresenta un argomento troppo vasto, oppure hai bisogno di inserire altre informazioni per spiegarle più chiaramente, aggiungi sotto un altro livello. Crea un terzo livello, rientrante e introdotto dai numeri cardinali (1, 2, 3, 4, ecc.).
    • I. Primordi: prima del XX secolo
    •    A. Energia a Vapore
    •       1. Invenzione del motore a combustione
    •       2. Sviluppi del XIX secolo
    •    B. Motore a combustione
    •       1. Prime automobili a benzina
    •       2. Automobili come beni di lusso
    • (ecc.)
  4. 4
    Inserisci altri livelli, se necessario. Se devi aggiungere ulteriori sotto-livelli, utilizza i numeri romani minuscoli (i, ii, iii, iv, ecc.), quindi le lettere minuscole (a, b, c, d, ecc.) e infine ritorna ai numeri (1, 2, 3, 4, ecc.). Nella maggior parte dei casi bastano tre o quattro livelli. Prova a combinare i punti prima di aggiungerne un quinto.
  5. 5
    Rifletti sulla conclusione. Non devi ancora scriverla, ma esamina la bozza e pensa se corrisponde all'obiettivo che ti sei prefissato. Se non hai prove sufficienti a sostegno delle tue conclusioni, aggiungi altri sotto-argomenti. Se uno dei sotto-argomenti non ha attinenza con la parte conclusiva, eliminalo dalla bozza.
    Advertisement

ConsigliModifica

  • Sii conciso e diretto quando elabori una bozza. Non deve essere scritta con una perfetta proprietà di linguaggio: ti serve solo per andare dritto al punto.
  • Non temere di eliminare informazioni irrilevanti man mano che approfondisci le tue ricerche e restringi il raggio di azione su cui desideri concentrare il tuo elaborato.
  • Utilizza la bozza come uno strumento di memorizzazione. Scegli parole brevi per rappresentare un concetto.
  • Puoi usare software specializzati o un editor di testi per strutturare automaticamente una bozza. Ad esempio, Microsoft Word ti consente di distribuire il testo o strutturarlo a modo tuo.
  • Fai rientrare ogni livello della bozza di 1,3-2,5 cm rispetto a quello precedente.
  • Se reperisci qualche prova che confuta il tuo ragionamento, non ignorarla. Includila nella bozza e utilizza dei sotto-passaggi per riassumere la tua contro-argomentazione.
Advertisement

AvvertenzeModifica

  • La bozza non dovrebbe essere il saggio presentato sotto una forma diversa. Riporta solo i concetti principali, annota ogni singolo dettaglio.
  • Dovresti evitare di inserire solo un punto o sotto-punto sotto qualsiasi livello. Se c'è una A, continua con una B o adatta il concetto contenuto in A nel livello successivo.
Advertisement

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement