Come Separare la Sabbia dal Sale

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Separare la sabbia dal sale è un esperimento scientifico divertente che puoi fare a casa. Se sei sempre stato interessato al concetto scientifico della solubilità, la separazione di questi due elementi è una maniera semplice per dimostrarlo. Che tu sia a casa o in classe, sappi che è un procedimento che non comporta alcuna difficoltà e ti dà la possibilità di vedere con i tuoi occhi un fenomeno scientifico.

Parte 1 di 2:
Eseguire l'Esperimento

  1. 1
    Riunisci i materiali. Dato che si tratta di un esperimento semplice ed economico, non hai bisogno di strumentazione o attrezzatura da laboratorio. Ecco cosa ti serve:
    • Sale. In genere, c'è sempre del sale in cucina, ma in caso di emergenza puoi prendere quello in bustina che viene fornito nei fast-food;
    • Sabbia. Solitamente, non è difficile da procurare, sebbene la sua reperibilità dipenda anche dalla zona in cui vivi;
    • Un colino o un filtro per il caffè americano.[1] Quest'ultimo non è indispensabile, ma si rivela utile quando devi filtrare la sabbia dall'acqua salata. Nella maggioranza dei casi, il colino è più facile da usare;
    • Un tegame e un elemento riscaldante. Se ti trovi in un laboratorio di chimica, è ovvio che una beuta e un becco di Bunsen sono anche meglio.[2] Si consiglia di tenere a disposizione un secondo tegame o un piatto in cui versare l'acqua salata filtrata.
  2. 2
    Mescola la sabbia e il sale in parti uguali nella pentola.[3] Misura le dosi con precisione. Agitando un po' il contenitore, le due sostanze dovrebbero amalgamarsi molto bene fra loro; se però questo metodo non funziona, mescolale finché non puoi distinguere l'una dall'altra.
    • Per eseguire un esperimento controllato, fai del tuo meglio per mantenere uguali le proporzioni fra sale e sabbia.
    • Dovresti avere un cucchiaio di sale e altrettanta sabbia,[4] che equivale a circa 15 g di ciascun ingrediente.[5]
    • È meglio usare dosaggi ridotti; l'esperimento porterà comunque allo stesso risultato, ma avrai meno cose da sistemare e da pulire al termine.
  3. 3
    Aggiungi l'acqua al composto sabbioso. Se hai unito circa 10 g di sale con 10 g di sabbia, versa circa 100 ml di liquido o quanto basta per coprire l'intero composto.
    • Se usi troppa acqua, devi aspettare molto tempo prima che evapori completamente.
    • Non è necessario misurare alla perfezione i vari ingredienti, ma in questo modo puoi ottenere risultati costanti quando ripeti l'esperimento.
  4. 4
    Scalda la miscela. Il calore è il fattore attivo che permette di "mescolare" le particelle, oltre a eccitare il sale e farlo sciogliere in acqua. Se il sale che hai versato si è raccolto in grumi, mescola la soluzione; potrebbe essere interessante osservare il processo di scioglimento, tieni quindi gli occhi ben aperti!
    • Un fuoco medio del fornello è più che adatto per questa fase.
    • Se non vuoi intervenire nel processo di dissoluzione, puoi lasciar riposare la miscela per tutta la notte.
    • Ricorda di non portare l'acqua a ebollizione, altrimenti il liquido evapora e devi ricominciare l'esperimento da capo.
  5. 5
    Filtra la sabbia dall'acqua salata.[6] Ora che il sale si è completamente sciolto in acqua, è giunto il momento di separare la sabbia dalla soluzione; per procedere, versa la miscela attraverso un colino appoggiato sopra una pentola, un piatto o un recipiente per raccogliere l'acqua salata.
    • Versare l'acqua in una pentola è ovviamente la soluzione migliore, dato che in questo modo è pronta per essere fatta bollire; se non hai un colino, puoi estrarre la sabbia con un cucchiaio, ma si tratta di un procedimento molto lungo.
  6. 6
    Fai bollire l'acqua salata. Per poter separare completamente il sale dalla sabbia, devi farlo ritornare allo stato solido, cosa che puoi ottenere portando l'acqua a ebollizione.[7] Metti la pentola sul fornello e lascia che l'acqua bolla, attendi che evapori completamente e spegni la fiamma; a questo punto, dovresti vedere il sale sul fondo del tegame.
    • La temperatura di ebollizione del sale è molto più alta rispetto a quella dell'acqua. Per proteggere la pentola ed evitare di bruciarla, dovresti mantenere una fiamma relativamente bassa del fornello; con questa tecnica, è necessario attendere un po' più di tempo, ma non vale la pena accelerare il processo e correre il rischio di rovinare tutto.
    • A questo punto, puoi recuperare il sale e trasferirlo in un contenitore vicino alla sabbia per godere del risultato, se lo desideri.
    Advertisement

Parte 2 di 2:
Annotare le Osservazioni

  1. 1
    Definisci l'obiettivo dell'esperimento.[8] A volte, si tratta di una cosa ovvia, ma è una buona idea avere uno scopo definito e reale quando si esegue un esperimento; in questo caso, vuoi dimostrare il concetto di "solubilità". Questa parola indica la capacità di una sostanza di dissolversi completamente in un liquido.[9]
    • Sebbene quello descritto in questo articolo sia un esperimento piuttosto semplice, puoi trovare maggiore gratificazione durante la redazione della relazione.
  2. 2
    Fai delle osservazioni. Un esperimento non ha alcun senso se non viene osservato con occhio critico. Abituandoti a prendere appunti durante lo svolgimento delle prove di laboratorio, puoi vivere un'esperienza più completa e renderti conto di cose che altrimenti trascureresti. Dovresti annotare anche le cose ovvie, in modo da poter cogliere il senso dell'intero fenomeno in seguito; studia i movimenti di base e i cambiamenti che avvengono, scrivi tutto quello che sta succedendo.[10]
    • Sebbene il sale si sciolga in acqua calda, resta però intatto.
    • Affinché il sale si dissolva, è necessario scaldare l'acqua.
    • Il sale non evapora insieme all'acqua durante l'ebollizione.
  3. 3
    Discuti l'esperimento.[11] Una discussione di gruppo in merito ai fenomeni osservati permette di confrontare le varie analisi. Se la prova è stata fatta in classe, è possibile che quella eseguita da un gruppo abbia portato a risultati leggermente diversi rispetto a quella degli altri. Sebbene sia probabile che tale differenza sia il risultato di un errore, è sempre interessante valutare nuove osservazioni e immaginare come possano essere accadute.
    • Se ti trovi da solo, confronta i dati che hai rilevato durante l'esperimento con quelli proposti da video disponibili su YouTube. Anche se conosci già il risultato, vale comunque la pena vedere qualcun altro che lo ottiene.
  4. 4
    Rifletti sull'esperimento. Come qualunque scienziato di successo può dirti, la maggior parte degli studi si basa sul porsi continuamente delle domande. Leggi gli appunti e medita sui fenomeni osservati. Cosa ti è piaciuto dell'esperienza? C'è qualche dettaglio che potresti eseguire in maniera diversa se ne avessi l'opportunità? Non pensare solo alla sabbia e al sale, ma rifletti su tutto l'esperimento. Cosa succede con delle miscele diverse? Per essere un buon scienziato devi essere soprattutto curioso. Ecco alcuni quesiti che potresti porti:
    • "Il tipo di superficie riscaldante interferisce sulla capacità del sale di sciogliersi?"
    • "Se tentassi di sciogliere il sale mescolandolo a temperatura ambiente, l'esperimento risulterebbe diverso?"
    • "Il sale residuo dopo l'evaporazione dell'acqua è puro oppure è cambiato in qualche modo?"
  5. 5
    Espandi l'esperimento originale. Quando hai eseguito quello di base, dovresti pensare ad altre domande a cui vorresti trovare una risposta. Ad esempio, se le proporzioni fra gli ingredienti non fossero uguali, quanto durerebbe il processo? La separazione del sale dalla sabbia è un esperimento molto semplice, ma le possibilità per uno scienziato in erba sono infinite.
    • Per la maggior parte degli esperimenti casalinghi, il bicarbonato di sodio rappresenta un ingrediente molto divertente da utilizzare; al prossimo tentativo puoi provare ad aggiungerlo alla miscela.[12]
    • Eseguire l'esperimento in gruppo è molto più divertente che farlo da solo.
    Advertisement

Consigli

  • Si tratta di un esperimento molto semplice che non richiede un lavoro di gruppo, ma che è molto più divertente se svolto con qualcun altro; inoltre, farlo in compagnia ti permette di discutere i fenomeni osservati.
  • Non è necessario ripetere la procedura, ma è sempre una buona idea controllare accuratamente i risultati, nel caso qualcosa sia andato storto.
Advertisement

Avvertenze

  • Sebbene la sabbia e il sale non siano sostanze chimiche volatili, fanno male quando entrano negli occhi. Se ne hai un paio a disposizione, indossa degli occhiali di protezione.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Chimica

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement