Come Sopravvivere al Primo Anno di Giurisprudenza (USA)

Stai per intraprendere il tuo corso di giurisprudenza? Hai ricevuto il tuo piano di studi? Ecco alcuni suggerimenti per essere sempre al passo e uscirne vivo.

Passaggi

  1. 1
    Prendi da solo i tuoi appunti. Leggere gli appunti preparati da altri studenti può essere utile per avere qualche informazione e in alcuni casi gli appunti saranno anche corretti, ma il fatto di farlo di tuo ti aiuta a comprendere ciò che scrivi e a ricordare i vari punti riassuntivi. Se hai domande o dubbi, approfitta delle ore di ricevimento del tuo professore e se il tuo corso si basa su un libro di testo, procurati un buon trattato in biblioteca. I trattati espongono le informazioni in forma logica partendo dai principi di base per arrivare ai dettagli. Cerca i riassunti di Emmanuel o Gilbert, esperti di diritto che potrebbero darti spunti importanti, anche se a volte potrebbero rivelarsi troppo concisi o troppo pieni di dettagli, ma evita gli appunti di altri studenti che probabilmente non saranno meglio dei tuoi. Se durante un esame scritto rispondi alle domande basandoti sugli errori degli altri studenti e se alcuni dei tuoi compagni commettono gli stessi errori, il professore non sarà contento di vedere che non pensate con la vostra testa.
    • Se frequenti lezioni che permettono di prendere appunti, scrivili nello stesso modo che useresti per rispondere ad una domanda in una sessione di verifica. Quando il testo propone un argomento, trascrivi i tuoi appunti analizzando i fatti specifici necessari per rispondere correttamente in sede di esame. Per aumentare l'efficacia dei tuoi appunti, codificali con dei colori, schedali e archiviali in un raccoglitore ad anelli.
    • Se un corso non consente gli appunti in sede di esame, concentrati nel perfezionare i tuoi schemi; se li rendi più concisi, ti aiuteranno a memorizzare e comprendere meglio.
    • “Scriverti da solo gli appunti” non significa che non devi mai dare un'occhiata a quelli di altri, anzi, prima di scrivere i tuoi devi guardare quelli degli altri. Molti di questi sono presenti anche su internet. Non farti ingannare, giurisprudenza è un corso molto duro e al confronto gli anni delle superiori ti sembreranno come l'asilo infantile. C’è da studiare parecchio per gli esami e passare la notte prima sui libri NON ti sarà di nessun aiuto. Il miglior suggerimento che io abbia mai ricevuto mi fu dato da un compagno dei corsi più avanzati: mi suggerì di portarmi in classe gli appunti degli anni precedenti e lavorarci su per verificare che non avessi perso nessuna delle spiegazioni del professore. La maggior parte dei professori non cambia il piano delle lezioni! A volte addirittura riportano parola per parola le lezioni dei semestri precedenti. Alcuni appunti sono presenti anche in internet, ma potrebbero avere un utilizzo limitito: 1) potrebbero includere materiali non trattati dal tuo professore e in questo caso studieresti un argomento sul quale non ti interrogheranno; 2) potrebbero non contenere argomenti sui quali invece sarai interrogato; 3) potrebbero riferirsi a leggi di un altro stato diverse da quelle del tuo.
    • La cosa più importante che devi capire è come imparare efficacemente e per molti studenti prendono appunti è un modo decisamente efficace di imparare. Comunque, se sei in grado di memorizzare rapidamente, perfezionare gli appunti potrebbe equivalere ad una perdita di tempo che potresti invece dedicare a comprendere e memorizzare la materia.
    • Impara a riassumere i casi in modo chiaro ed efficiente. In giurisprudenza, la maggior parte dell'apprendimento non riguarda memorizzare le leggi, ma la loro applicazione, ad esempio: qualcuno con un comportamento non consono ha danneggiato un altro e la corte deve 1) capire cosa sia successo, 2) verificare casi simili con i quali la corte abbia avuto a che fare in passato e 3) utilizzare le situazioni dei casi precedenti per decidere quale sarebbe la somma congrua in grado di riparare al danno in questione. Devi imparare a leggere i casi giudiziari, capire cosa sia accaduto (i fatti) e come in casi simili (precedenti) si sia proceduto per sistemare le cose. Impara a capire come le differenze fra le diverse situazioni (modelli) abbiano portato ad una diversa applicazione della legge e a risultati leggermente diversi. Nel corso di giurisprudenza ti insegnano ad analizzare nuove situazioni e ad utilizzare quanto pronunciato in casi precedenti per capire come trattare il nuovo caso. È su questo che verrai interrogato, sia in sede di esame del corso che all'esame di abilitazione.
  2. 2
    Rallenta il passo. Roma non fu costruita in un giorno e non puoi aspettarti di capire la legge in un giorno, in una settimana o in un mese. Quindi cerca di capire i punti cruciali nella logica di ragionamento di ogni argomento di studio e metti in relazione i vari concetti considerati sia da un punto di vista storico che attuale.
  3. 3
    Cerca di avere una visione d'insieme. La legge è più un procedimento che un insieme di norme. Averne una visione d'insieme significa vedere le politiche sociali in generale, i principi che permettono alla società di funzionare e il modo pacifico di risolvere i conflitti. Fai in modo che i casi e le norme specifiche che ti chiederanno di imparare, anche se importantissime, non ti impediscano di vedere cosa sia in realtà la legge. Alcune facoltà di giurisprudenza (o alcuni professori di giurisprudenza) concentrano l'apprendimento sulle norme vincolanti, mentre altri si focalizzano di più sui principi che ne sono la base. Ma anche nei corsi sulle norme vincolanti, se non ricordi una norma specifica, avere una visione d'insieme ti aiuterà a rispondere alle domande d’esame.
  4. 4
    Usa la biblioteca per colmare le lacune. La biblioteca non è solo un luogo di studio; la biblioteca dispone di libri che possono aiutarti a comprendere la materia che non hai capito durante la lezione o sul libro di testo. Chiedi al bibliotecario. I bibliotecari delle facoltà di giurisprudenza sono ottime fonti di informazione e preferiscono aiutare gli studenti piuttosto che riporre i libri sugli scaffali. Ovviamente non riempire il cervello di letture extra che finirebbero con l'interferire con il tuo studio. Usare la biblioteca è più economico che acquistare libri, soprattutto se ancora non sai quali libri dovrebbero far parte della tua libreria.
  5. 5
    Partecipa alla lezione. La partecipazione attiva nelle ore di classe è il modo migliore per imparare e per valutare di tuo proprio andamento. Se non stai andando molto bene è meglio che tu lo capisca quando hai ancora il tempo di migliorare piuttosto che restare deluso più tardi quando ti troverai davanti al voto. Se partecipi attivamente nei giorni in cui sei più preparato, è meno probabile che il professore ti interpelli nelle occasioni nelle quali non sei al passo con la materia. Ma stai attento a non esagerare e a non interrompere troppo frequentemente la lezione. Non avere timore a fare domande, ma ricorda che sarebbe meglio riservare alcune discussioni alle ore di ricevimento dei professori.
  6. 6
    Arriva presto in classe e prenditi un buon posto. Essere vicini al professore è il posto migliore per mantenersi vigili e sentire meglio. Più file di banchi avrai davanti a te e più sarai distratto dai compagni che giocano o guardano sport e video. Se senti il bisogno di nasconderti nei banchi in fondo non sarai solo, ma corri il rischio di non passare il corso.
  7. 7
    Cerca un tacito accordo con gli altri membri del tuo gruppo per “aiutarvi a vicenda”. Se qualcuno del tuo gruppo incontra delle difficoltà durante la lezione, un altro del gruppo dovrebbe intervenire in suo aiuto.
  8. 8
    Non aspettarti valutazioni alte come quelle alle quali eri abituato alle superiori. Molte facoltà applicano valutazioni medie intono al B- e alcuni professori non daranno mai una valutazione A. Vi sono studenti particolarmente intelligenti che passano tre anni alla facoltà di giurisprudenza senza mai vedersi assegnato un A e questo può avere un certo impatto psicologico.
  9. 9
    Ricorda che tutti prima o poi crollano. Non importa quanto tu sia intelligente o che studi 20 ore al giorno, prima o poi in classe crollerai. Ma il giorno dopo il sole tornerà a splendere e ti dirai che in fondo non è neanche andata così male. Da quel momento in poi tutto sarà più facile.
  10. 10
    Guardati intorno. Se ti accorgi che rispondi alle domande allo stesso modo dei tuoi compagni, ti sentirai più sicuro di te stesso. In caso contrario, impegnati di più e rivaluta i tuoi metodi di studio; non aspettare il giorno dell'esame per scoprire di cosa avresti bisogno per passarlo.
  11. 11
    Utilizza materiali di revisione usati negli esami di abilitazione alla professione. Si tratta di materiali condensati in appunti e contenenti le domande dell'esame di abilitazione con le relative risposte, molto simili a quelle dell'esame del primo anno. Se ti eserciti con costanza, dovresti essere in grado di rispondere in modo corretto alle domande degli esami di giurisprudenza.
    Advertisement

Consigli

  • Anche se non lavorare nei weekends sembra una buona idea, la mole di lavoro non te lo permetterà. Quindi prenditi una giornata libera, il sabato o la domenica, ma non entrambe.
  • Se disponibile, frequenta un corso di cause civili/criminali. Molti studenti ritengono che sia il modo migliore per mettere in pratica quanto studiato.
  • Se hai un professore incompetente, potresti dover imparare da solo la ricerca in campo legale. E comunque nessuno te la insegnerà in seguito. Chiedi al tuo bibliotecario che ti aiuti a trovare i libri adatti (e prendi appunti in modo da ricordarti) e, per avere fonti elettroniche, cerca i corsi di Westlaw e Lexis che offrono un servizio online di ricerche legali.
  • Molti seminari di formazione continua (CLE in inglese) sono a partecipazione libera o molto economici per gli studenti. Verifica con l'associazione avvocati e vedi se puoi frequentare un seminario su una materia di tuo interesse. Incontrare avvocati praticanti aiuta ad avere una prospettiva migliore della legge.
  • Se il tuo professore lo consente, registra le lezioni difficili e riascoltale più tardi.
  • Dopo il primo anno cerca di ottenere un posto di stagista. Non c’è nulla di meglio di una vera esperienza sul campo. Gli stages sono postati sulla bacheca o inseriti nei bollettini di facoltà. Puoi anche contattare direttamente alcuni studi legali e inoltrare il tuo CV con una lettera di presentazione. Se sei fortunato potrebbero avere subito bisogno di qualcuno ed essere felici di evitare la scocciatura di dover postare l'offerta di stage e sostenere i colloqui con tanti candidati.
  • Non restare legato all'idea di legge che hai visto in TV. Prendi in considerazione l'ipotesi di lavorare per uno studio legale per acquisire esperienza nel tuo campo d'interesse e poi, se lo vuoi, potrai aprire un tuo studio privato. Le organizzazioni spesso offrono borse di studio per partecipare a conferenze a prezzi decisamente ridotti. Questo ti permetterebbe di avere la visuale d'insieme di una determinata branca di giurisprudenza prima della laurea. Cerca di partecipare almeno ad una conferenza su una materia di tuo interesse.
  • Che tu abbia superato o meno il corso di giudizi simulati (ricerca e presentazione di lavori scritti), impegnati e fai un buon lavoro. Non desistere: si tratta di classi pratiche estremamente importanti per quando sarà il momento di scrivere, interrogare o esporre casi legali teorici.
  • Considera l'ipotesi di frequentare un'altra facoltà di legge. Fino a due semestri, la maggior parte delle università permette di seguire gli studi presso un'altra sede e ti accredita le ore trascorse fuori sede. È un ottimo modo per migliorare la tua visione d'insieme sulla materia e sulle facoltà di giurisprudenza e ti permette di rompere la routine quotidiana.
  • Se già sai quale sarà l'area di interesse nell'ambito della quale vorrai operare, inizia fin da ora a raccogliere dati su casi importanti, leggi, ecc. e comincia diventare un esperto. Se riesci a parlare con qualche autorità riguardo alla tua area di competenza, hai anche maggiori possibilità di ottenere una posizione come stagista o come avvocato.
  • Iscriviti all'associazione avvocati del tuo stato come membro studente e mantieni relazioni costanti con avvocati che già praticano e con studenti di altre facoltà di giurisprudenza.
  • Consideralo un lavoro. Arriva alle 8:00 del mattino e esci alle 6:00 di sera con una pausa pranzo. Se possibile evita il lavoro nei weekends. Il ritmo lavorativo ti aiuterà a mantenere viva l'attenzione e nei weekend riposerai la mente.
Advertisement

Avvertenze

  • Giurisprudenza è una materia nella quale è facile restare indietro se non riesci a mantenere il passo. Ci sono troppe informazioni e non puoi pensare di poterle acquisire più avanti nel corso del semestre. Ecco perché gli appunti sono così importanti.
  • Non aspettarti che la facoltà di giurisprudenza ti insegni a diventare avvocato. Ti insegnerà a pensare come un avvocato, ma il resto spetta a te.
  • Prova a studiare in gruppo per capire se studiare con gli altri ti è utile. Se il gruppo di studio riesce a creare la giusta alchimia, può essere davvero un buon aiuto. In caso contrario diventa solo una perdita di tempo. Se quello che cerchi è socializzare, vai al bar. Se il gruppo decide di condividere gli appunti, chiedi di vederne una bozza entro metà semestre, in modo da assicurarti che ciascuno stia facendo la propria parte. Ci sono persone che si trovano bene a studiare in gruppo e altre che ottengono maggiori risultati lavorando in coppia con un solo compagno per ogni corso. Fate a turno nell'aiutarvi l'un l'altro ad imparare i principi più importanti.
  • Se hai bisogno di assentarti dal corso (emergenze familiari, malattie), avvisa il tuo professore e/o qualcuno del servizio studenti e spiega la situazione. Dovrebbero essere in grado di dirti quali argomenti è probabile che tu perda e che dovrai poi recuperare appena possibile.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 29 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Riferimenti

  1. lawschooldiscussion.org - Fonte di Ricerca per alcuni dei suggerimenti forniti in questa pagina.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement