Come Sostituire un Interruttore della Luce

Ti potrebbe capitare di dover sostituire un interruttore della luce per diversi motivi, ad esempio nel caso fosse troppo sporco, danneggiato o datato per essere utilizzato ancora. Oppure perché stai per vendere casa e vuoi renderla più appetibile; o, ancora, perché vorresti che il tuo appartamento fosse più efficiente. Cambiare modello d’interruttore è anche un’ottima occasione per valutare altre possibilità a esso connesse, come interruttori a reostato, collegamenti, rivelatori di presenza e un insieme di altri accessori che possono aumentare la comodità, la vivibilità e l’efficienza della tua casa. Imparare a sostituire un interruttore della luce è abbastanza semplice e può risparmiarti i costi di un elettricista.

Parte 1 di 3:
Cambiare un Interruttore Singolo Polo, Singolo Contatto (SPST)

  1. 1
    Acquista un nuovo interruttore, adatto all’uso che ne vuoi fare, presso il più vicino negozio di prodotti tecnici per la casa. Comunica ai commessi di quali e quanti interruttori hai bisogno, sapranno guidarti nell’acquisto dei pezzi migliori per le tue necessità.
    • Gli interruttori a singolo polo sono i più semplici da maneggiare e anche i più diffusi nelle abitazioni. Un interruttore di questo tipo ha solo due posizioni – “aperto” (off) e “chiuso” (on).
  2. 2
    Prima di operare, disattiva l’interruttore generale presente sul quadro elettrico (chiamato anche centralina) della tua abitazione. Di solito, è un pannello incassato nel muro di casa e si può trovare sia all’interno – in cantina o in garage, se la tua abitazione ne è dotata – sia all’esterno. [1] A seconda della complessità della centralina, potrai scegliere se interrompere la corrente solo nell’area della casa dove stai lavorando (disattivando il relativo interruttore) o in tutta l’abitazione (disattivando l’interruttore generale).
  3. 3
    Prova l’interruttore. Premi varie volte l’interruttore per verificare che la corrente elettrica sia stata correttamente disattivata.
  4. 4
    Rimuovi la piastra frontale. Usando un cacciavite a testa piatta, togli le viti che tengono in posizione la piastra dell’interruttore. Ruota il cacciavite in senso antiorario per svitare.
  5. 5
    Smonta il blocchetto dell’interruttore. Una volta tolta la piastra, usa un cacciavite a testa piatta per rimuovere le viti che tengono il blocchetto dell’interruttore ancorato al muro. Svita in senso antiorario finché non riuscirai a estrarre le viti dai fori.
  6. 6
    Rimuovi il vecchio interruttore. Estrai il blocchetto dell’interruttore dal muro per maneggiare i cavi elettrici. Prima di procedere, fai un nuovo controllo con il multimetro per assicurarti che non ci sia alcun passaggio di corrente elettrica.
    • Se stai usando un multimetro, poggia uno dei puntali contro il filo della terra (verde e giallo) mentre, con l’altro, testi ciascuno dei due terminali (situati dietro il blocchetto dell’interruttore).
    • Se possiedi un tester di tensione, tienilo semplicemente vicino ai cavi.
    • Se il multimetro segnala presenza di corrente elettrica, fermati immediatamente e cerca di capire come disattivare l’alimentazione dell’impianto di casa.
  7. 7
    Estrai il blocchetto dell’interruttore. Tiralo tanto quanto te lo consentono i fili elettrici.
    • Presta attenzione a come l’interruttore è allacciato all’impianto elettrico. I cavi saranno fissati all’interruttore tramite morsetti chiusi con delle viti o a incastro.
    • Scatta una fotografia o disegna un diagramma dell’allacciamento dei fili, così da montare il nuovo interruttore allo stesso modo.
  8. 8
    Controlla i fili all’interno della scatola elettrica e identificali. Usa un pennarello o del nastro colorato per etichettarli, in modo da distinguerli l’uno dall’altro senza sbagliare.
    • La scatola elettrica conterrà uno o due cavi (guaine contenenti i fili dell’impianto). Se la scatola contiene due cavi, significa che l’interruttore è in mezzo al circuito elettrico. Dovresti vedere un totale di sei fili: due marroni (la fase; ma possono essere anche neri o grigi), due gialli e verdi (la terra) e due azzurri (il neutro).
      • Segna il filo o marrone o nero o grigio come “fase”.
      • Contrassegna il filo azzurro come “neutro”.
      • Infine, etichetta il filo giallo e verde come “terra”.
    • Se la scatola elettrica contiene un solo cavo (o solo tre fili), significa che l’interruttore è alla fine del circuito elettrico. Ci sarà dunque un filo marrone (o nero o grigio: la fase), un filo giallo e verde (la terra) e un filo azzurro (il neutro).
      • Segna il filo o marrone o nero o grigio come “fase”.
      • Contrassegna il filo azzurro come “neutro”.
      • Infine, etichetta il filo giallo e verde come “terra”.
  9. 9
    Libera i fili dal vecchio interruttore. I fili si collegano al blocchetto dell’interruttore tramite dei morsetti a vite situati sul retro del blocchetto stesso. Alcuni modelli hanno prese a incastro dove inserire i fili.
    • Se l’interruttore nuovo presenta sia i morsetti sia i fori per l’incastro, segui il consiglio di molti elettricisti e usa i morsetti a vite per un allacciamento più sicuro. Non stringere troppo però, potresti danneggiare l’interruttore. Se mentre stringi le viti dovessi sentire uno schiocco, scarta subito l’interruttore e usane un altro.
    • Se i fili sono legati al vecchio interruttore mediante morsetti a vite, allenta ogni vite e poi estrai i fili con l’ausilio di un paio di pinze a becco curvo o da elettricista.
    • Se i fili sono collegati mediante connettori, i fori d’incastro nel blocchetto dell’interruttore dovrebbero avere una piccola fessura sotto di loro. Fai leva con un piccolo cacciavite dentro queste fessure per sbloccare i fili.
  10. 10
    Inizia a collegare i fili al nuovo interruttore. Per prima cosa, collega il filo della fase (di colore marrone o nero o grigio). Procedi così:
    • Usando pinze da elettricista attorciglia, in senso orario, i fili conduttori in rame attorno alla vite del morsetto e poi stringi la vite per assicurarli in posizione.
    • Oppure spingi il filo nel foro d’incastro del connettore.
  11. 11
    Collega il filo azzurro (il neutro). Procedi così:
    • Usando pinze da elettricista attorciglia, in senso orario, i fili conduttori in rame attorno alla vite del morsetto e poi stringi la vite per assicurarli in posizione.
    • Oppure spingi il filo nel foro d’incastro del connettore.
  12. 12
    Collega il filo verde e giallo (la terra). Usa pinze da elettricista per attorcigliare, in senso orario, i fili conduttori in rame attorno alla vite del morsetto e poi stringi la vite per assicurarli in posizione.
  13. 13
    Controlla l’orientamento degli interruttori. Di solito, la posizione di “spento” è verso l’alto.
  14. 14
    Ripiega accuratamente i fili all’interno della scatola elettrica, quindi riposiziona l’interruttore e fissalo con le viti.
  15. 15
    Rimetti il frontalino e avvitalo al muro. Non stringere troppo le viti, potresti romperlo con la pressione.
  16. 16
    Vai alla centralina e attiva la corrente elettrica. Ritorna al nuovo interruttore e provalo diverse volte per verificare che funzioni correttamente.
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Cambiare un Deviatore

  1. 1
    Scatta una fotografia o prendi nota di come i fili sono connessi al deviatore. Un deviatore è un tipo d’interruttore (SPDT: singolo polo, doppio contatto) che consente di controllare l’accensione di una luce, o di altro dispositivo, da due o più punti.
    • L’interruttore potrebbe avere o morsetti a vite o connettori a incastro, entrambi situati sul retro del blocchetto.
  2. 2
    Identifica ed etichetta ogni filo. Un deviatore richiede tre fili: la fase e due ritorni. Nel caso di luci attivabili da più interruttori, i fili del neutro (azzurro) e della terra (verde-giallo) si fermano alla prima scatola, quella più vicina alla luce, e da lì vanno diretti al portalampada. Secondo la posizione nel circuito elettrico generale, la scatola può contenere uno o due cavi (o gruppi di fili, se questi non sono protetti da un’unica guaina).
    • Riconosci il filo che trasporta la corrente – la fase –; dovrebbe essere collegato al morsetto centrale (spesso contrassegnato dalla lettera L). Il filo della fase si presenta di colore nero o marrone o grigio.
    • Gli altri due fili sono chiamati ritorni e regolano il corretto funzionamento del collegamento tra i deviatori.
    • Nella scatola principale, spesso quella più vicina al punto luce, troverai anche i fili del neutro (azzurro) e della terra (giallo-verde). Questi fili non entrano nel discorso deviatori, ma sono da collegare direttamente al portalampada.
  3. 3
    Scollega i fili dal vecchio interruttore.
    • Se i fili sono legati mediante morsetti a vite, allenta ogni vite girandola in senso antiorario con un cacciavite, quindi estrai i fili con un paio di pinze a becco curvo o da elettricista.
    • Se i fili sono collegati mediante connettori, i fori d’incastro nel blocchetto dell’interruttore dovrebbero avere una piccola fessura sotto di loro. Fai leva con un piccolo cacciavite dentro queste fessure per sbloccare i fili.
  4. 4
    Collega i fili al nuovo interruttore.
    • Collega il filo della fase (di colore nero o marrone o grigio) al morsetto centrale (riconoscibile per una L stampata sulla plastica).
    • Se la scatola contiene due cavi o gruppi di fili, collega i ritorni agli altri due morsetti (la posizione è indifferente). Procedi: A) usando pinze da elettricista per attorcigliare, in senso orario, i fili conduttori in rame attorno alla vite del morsetto e poi stringi la vite per assicurarli in posizione; oppure B) spingendo il filo nel foro d’incastro del connettore.
    • Se la scatola contiene un cavo o un gruppo di fili, collega i ritorni agli altri due morsetti (la posizione è indifferente). Procedi: A) usando pinze da elettricista per attorcigliare, in senso orario, i fili conduttori in rame attorno alla vite del morsetto e poi stringi la vite per assicurarli in posizione; oppure B) spingendo il filo nel foro d’incastro del connettore.
  5. 5
    Controlla l’orientamento degli interruttori. Di solito, la posizione di “spento” è verso l’alto.
  6. 6
    Ripiega accuratamente i fili all’interno della scatola elettrica, quindi riposiziona l’interruttore e fissalo con le viti.
  7. 7
    Rimetti il frontalino e avvitalo al muro. Non stringere troppo le viti, potresti romperlo con la pressione.
  8. 8
    Vai alla centralina e attiva la corrente elettrica. Ritorna al nuovo interruttore e provalo diverse volte per verificare che funzioni correttamente.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Cambiare un Interruttore a Reostato (o Varialuce)

  1. 1
    Identifica ed etichetta ciascun filo nella scatola elettrica. Un interruttore a reostato (o varialuce) è un regolatore elettronico che ti consente di controllare la luminosità di un punto luce. Usa un pennarello o del nastro colorato per etichettare ogni filo in modo univoco.
    • Segna il filo o marrone o nero o grigio come “fase”.
    • Contrassegna il filo azzurro come “neutro”.
    • Infine, etichetta il filo giallo e verde come “terra”.
  2. 2
    Scollega i fili dal vecchio interruttore. L’interruttore potrebbe avere o morsetti a vite o connettori a incastro, entrambi situati sul retro del blocchetto.
    • Se i fili sono legati al vecchio interruttore mediante morsetti a vite, allenta ogni vite e poi estrai i fili con l’ausilio di un paio di pinze a becco curvo o da elettricista.
    • Se i fili sono collegati mediante connettori, i fori d’incastro nel blocchetto dell’interruttore dovrebbero avere una piccola fessura sotto di loro. Fai leva con un piccolo cacciavite dentro queste fessure per sbloccare i fili.
  3. 3
    Collega i fili al nuovo interruttore.
    • Spela la guaina se ti serve più filo di rame per gli allacciamenti.
    • Collega il filo nero (o grigio o marrone) della fase.
    • Collega il filo (spesso bianco, ma potrebbe avere altri colori) di andata verso la luce.
    • Di solito, le linee del neutro e della terra si collegano direttamente con il portalampada. I varialuce più moderni hanno fusibili per proteggere la linea, poiché non collegati direttamente alla terra.
    • Avvolgi il filo di rame attorno alle viti e stringi con un cacciavite.
  4. 4
    Controlla l’orientamento del varialuce. Spesso questi apparecchi riportano indicazioni grafiche di vario tipo per evidenziare la scala di luminosità. Monta l’interruttore in modo che queste indicazioni siano leggibili chiaramente.
  5. 5
    Ripiega accuratamente i fili all’interno della scatola elettrica, quindi riposiziona l’interruttore e fissalo con le viti.
  6. 6
    Rimetti il frontalino e avvitalo al muro. Non stringere troppo le viti, potresti romperlo con la pressione.
  7. 7
    Vai alla centralina e attiva la corrente elettrica. Ritorna al nuovo interruttore e provalo diverse volte per verificare che funzioni correttamente.
    Advertisement

Consigli

  • Se l’interruttore non funziona, potresti aver commesso degli errori con i collegamenti. In questo caso, richiedi l’assistenza di un elettricista. Nel frattempo, non toccare l’interruttore e tienilo spento.
  • Se l’interruttore non rientra nella scatola elettrica, prova ad accorciare i fili o a usare connettori più piccoli.
  • Indossa scarpe con suole di plastica e impiega strumenti con manici plastificati.
  • Assicurati di installare l’interruttore perfettamente verticale.
  • Abitazioni particolarmente vecchie potrebbero non avere il cavo giallo-verde della terra. In quel caso, avrai un morsetto vacante. Esistono comunque sistemi dotati di fusibili che si possono collegare all’impianto al posto della terra.
  • Se devi spelare i fili per esporre il conduttore in rame, utilizza le apposite pinze spellacavi.
  • Per collegare i fili a morsetti a vite, potresti trovare più semplice avvolgere il conduttore in rame attorno alle viti stesse con un nodo orario (utilizzando un paio di pinze da elettricista) prima di stringere i morsetti.
  • Per ricordare dove inserire ogni filo, slegali uno a uno dal vecchio interruttore e inseriscili di conseguenza in quello nuovo nella stessa identica posizione.
  • Per maggiore sicurezza, copri morsetti e fili di rame scoperti con del nastro isolante da elettricista.
Advertisement

Avvertenze

  • Nota che non tutti i varialuce sono compatibili con lampadine compatte a fluorescenza (LCF).
  • Se dovessi sentirti incerto sul da farsi, non esitare a chiamare un elettricista professionista.
  • Maneggiare cavi elettrici può essere pericoloso per la salute, quindi usa tutte le precauzioni necessarie quando lavori con fili o interruttori.
Advertisement

Cose che ti Serviranno

  • Cacciavite a punta piatta
  • Cacciavite a croce
  • Multimetro o tester di voltaggio
  • Pinze a becco curvo o pinze da elettricista
  • Spellacavi (facoltativo)
  • Pennarelli o nastro adesivo colorato (facoltativi)

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 11 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement