Come Spiegare l'Autismo alle Persone

Se uno dei tuoi cari è affetto da autismo – o addirittura tu stesso – a volte potrebbe essere necessario spiegare il disturbo ad altre persone. Prima di chiarire adeguatamente di che cosa si tratta, è utile informarsi il più possibile per essere in grado di spiegare che l'autismo influisce sulle abilità sociali, sull'empatia e sui comportamenti fisici della persona.

Parte 1 di 5:
Capire l'Autismo per Poterlo Spiegare ad Altri

  1. 1
    Conosci qual è la definizione generale di autismo. L'autismo è un disturbo dello sviluppo che comporta generalmente difficoltà nella comunicazione e nelle abilità sociali. Si tratta di una malattia neurologica, che influisce sulle normali funzioni cerebrali.
  2. 2
    Renditi conto che l'autismo è un disturbo ad ampio spettro. Un disturbo ad ampio spettro significa che i sintomi variano da persona a persona. Non esistono due persone autistiche che hanno sintomi identici. Alcuni individui possono presentare sintomi estremamente gravi, mentre altri sintomi più lievi. A causa di questa variazione nei sintomi, è difficile generalizzare questo disturbo.
    • Tieni presente questo fatto quando spieghi l'autismo a qualcun altro. È importante dire che non tutte le persone affette da autismo si comportano in modo simile ad altre che hanno gli stessi problemi, proprio come una persona sana differisce da un'altra nel modo di interagire.
  3. 3
    Informati su come le persone autistiche comunicano. L'autismo può rendere molto impegnativa la comunicazione con gli altri. Anche se queste difficoltà comunicative saranno discusse in modo più approfondito nella seconda parte, i problemi di comunicazione più comuni legati all'autismo si manifestano nei seguenti modi:
    • La persona può parlare con un tono anormale, scandendo le parole in modo e con tonalità strane.
    • La persona può rispondere alle domande ripetendole.
    • La persona può avere difficoltà a esprimere i propri bisogni e desideri.
    • La persona si confonde nella direzione in cui deve andare.
    • La persona utilizza il linguaggio in modo non corretto e interpreta le frasi letteralmente (le manca la comprensione del sarcasmo e dell'ironia).
  4. 4
    Renditi conto come le persone affette da autismo generalmente si rapportano agli altri e al mondo che le circonda. Quando interagisci con una persona autistica, potresti domandarti se davvero ti sta prestando attenzione o se gli importa la tua presenza. Non prenderlo in modo offensivo. I soggetti autistici possono avere difficoltà a esprimere empatia, di cui si parlerà più avanti nella terza parte. Tieni presente che:
  5. 5
    Sappi che le persone autistiche, in genere, si attengono a una certa struttura comportamentale. L'autismo può anche portare a comportamenti fisici abitudinari. Questi comportamenti possono differire rispetto a quelli degli altri. Questo perché alcune persone affette da autismo possono essere facilmente spaventate da stimoli sconosciuti, e preferiscono attenersi a una struttura quotidiana molto rigida. Questo argomento è trattato più avanti nella quarta parte.
    • Una persona autistica può preferire di attenersi a una rigida routine.
    • Può trovare l'adattamento molto difficile (ad esempio, il cambiamento dell'ambiente scolastico).
    • Può manifestare strani attaccamenti ad oggetti casuali.
    • Può avere interessi limitati (spesso comportano la memorizzazione di numeri o simboli).
    • Può organizzare le cose in un modo specifica (ad esempio, allineare i giocattoli in un certo ordine).
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Spiegare le Abilità Sociali di una Persona Autistica a un Adulto

  1. 1
    Cerca di aiutare gli altri a capire che gli individui affetti da autismo, in genere, non interagiscono con gli altri nello stesso modo in cui interagisce il resto delle persone. I soggetti autistici, di solito, interagiscono con gli altri in un modo molto diverso da come si comporta la maggior parte di noi. Come già accennato prima, i sintomi dell'autismo variano da lieve a grave.
  2. 2
    Rendi noto che il contatto visivo è un aspetto in cui le persone autistiche hanno difficoltà. Spiega agli altri che una parte delle abilità sociali si basa sulla capacità di guardare le persone negli occhi. I soggetti autistici spesso hanno non pochi problemi in questo senso, perché non hanno sviluppato questa capacità adeguatamente.
    • Tuttavia, il contatto visivo è qualcosa che si può sviluppare, in particolare se una persona autistica si sottopone a una terapia in cui le viene insegnato che è importante guardare gli altri negli occhi mentre si parla. Pertanto, spiega agli altri che non tutte le persone affette da autismo, che si tratti di lieve o grave, hanno un problema di contatto visivo con l'interlocutore.
  3. 3
    Cerca di far capire che le persone autistiche non ignorano la presenza degli altri. Alcune persone possono credere che chi è affetto da autismo le stia ignorando o facendo finta di non sentirle quando parlano. Questo deve essere spiegato, in quanto non è intenzionale. Aiuta gli altri a vedere che un soggetto autistico potrebbe non sapere che qualcuno stia cercando di parlare con lui.
    • Ricorda agli altri che chi soffre di autismo può trovare molto difficile farsi coinvolgere pienamente in una conversazione. La persona autistica non ignora gli altri, ma ha difficoltà a interagire con tutti.
  4. 4
    Assicurati che gli altri capiscano che maggiore è la gravità dell'autismo, minori saranno le probabilità per cui una persona autistica parli. Detto in soldoni, alcune persone affette da autismo non parlano affatto. Più alta è la gravità, maggiore la probabilità che questo si verificherà. Non è raro sentire persone autistiche che ripetono le parole che sentono.
    • Il tono di una persona autistica è generalmente anomalo e, quando parla, quello che dice non sembra molto comprensibile. Fai capire che i soggetti autistici comunicano in modo diverso rispetto alle altre persone.
  5. 5
    Aiuta gli altri a capire che molte persone che soffrono di autismo hanno difficoltà a comprendere il sarcasmo e l'umorismo all'interno di una conversazione. In genere, hanno difficoltà a capire qualsiasi genere di battuta sarcastica o spiritosa. Hanno difficoltà a comprendere i diversi toni di voce, soprattutto quando i tratti del viso dell'interlocutore non corrispondono al tono della sua voce.
    • Quando spieghi questa difficoltà, potresti riportare l'esempio delle emoticon nei messaggi. Se una persona dovesse scriverti "Beh, questo è grandioso", dai per scontato che sia sincera. Tuttavia, se utilizza un'emoticon simile a questa ":-P" dopo il testo, capisci che il simbolo significa una linguaccia, ovvero che il messaggio è scritto in modo ironico.
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Spiegare i Problemi di Empatia di un Soggetto Autistico a un Adulto

  1. 1
    Aiuta gli altri a capire che le persone autistiche non si comportano intenzionalmente come se non si curassero dei sentimenti altrui. Chiarisci che un soggetto autistico può dare l'impressione di essere insensibile o di non preoccuparsi dei sentimenti degli altri. Fai presente che molte persone che soffrono di autismo non hanno la capacità di entrare in empatia, mostrandosi in apparenza insensibili, quando in realtà non riescono a capire le emozioni che provano.
    • Di' agli altri che alcune persone affette da autismo possono migliorare la loro capacità di entrare in empatia se sono messe al corrente di ciò che prova il loro interlocutore. Ad esempio, se dici a un amico autistico che sei davvero felice per qualcosa che ha fatto, in un primo momento non saprà cosa risponderti. Tuttavia, può capire meglio se glielo ripeti spiegando il motivo per cui sei felice.
  2. 2
    Di' agli altri come una persona autistica affronta una conversazione. Molte volte può sembrare che un soggetto autistico non parli realmente con il suo interlocutore, nel senso che si esprime a lungo su un argomento particolare, senza che lo scambio di idee e pensieri sia una parte fondamentale della discussione. Questo perché chi soffre di autismo è interessato ad alcuni temi specifici dei quali molto probabilmente discuterà. Se l'argomento di conversazione cambia, può apparire disinteressato.
    • La gente normale potrebbe interpretare male questo atteggiamento considerandolo scortese, ma in generale chi è affetto da autismo non intende essere sprezzante dei pensieri e dei sentimenti altrui, preferendo semplicemente attenersi a determinati argomenti o temi che può capire.
  3. 3
    Fai presente che le persone autistiche parlano spesso di se stesse, indipendentemente da quanto siano interessate al loro interlocutore. È abbastanza normale parlare più volte di se stessi, ma questo succede più di frequente con gli individui che hanno questo genere di problemi. Preferiscono semplicemente parlare di sé e dei loro interessi.
    • Aiuta gli altri a capire che questo non avrà alcuna ripercussione su quello che provano per le persone con cui sta parlando. Chi è affetto da autismo, in genere, ha un contatto limitato con quanto lo circonda, perciò gli interessi e i pensieri che ha sono la cosa più a stretto contatto con lui e che è in grado di esprimere più chiaramente.
  4. 4
    Aiuta gli altri a capire che i soggetti autistici hanno sentimenti come tutti gli altri. È importante che la gente capisca che chi ha questo tipo di difficoltà prova amore, felicità e dolore proprio come tutti gli altri. Solo perché sembra distaccato non significa che non ha alcun sentimento. È un idea piuttosto frequente che deve essere smantellata se si intende spiegare l'autismo agli altri.
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Spiegare il Comportamento Fisico di un Soggetto Autistico a un Adulto

  1. 1
    Spiega che alcune persone affette da autismo non gradiscono essere toccate. Quando parli con qualcuno che non ha mai interagito con un soggetto autistico prima d’ora, può essere utile spiegare che molte persone autistiche non amano essere toccate, soprattutto da chi non conoscono.
    • Naturalmente, è sempre bene tenere presente che ad altre probabilmente non dispiace. Dipende dalla singola persona. Ecco perché è importante chiedere prima di mostrare qualche slancio di affetto. Molti individui che soffrono di autismo abbracciano i familiari stretti con molto piacere.
  2. 2
    Aiuta gli altri a capire che alcune persone autistiche possono essere molto a disagio davanti a certi stimoli. Alcuni, infatti, reagiscono negativamente in presenza di un forte rumore improvviso o quando si accende una luce molto forte. Pertanto, è importante dire a chi stai spiegando l'autismo di ricordarsi di questi stimoli.
    • Ad esempio, un forte rumore improvviso può essere molto sgradevole per un soggetto autistico. Lo stesso vale per qualsiasi improvviso cambiamento nell'ambiente, che sia una luce puntata addosso o un odore che riempie la stanza in cui si trova. Questo può aumentare il suo livello di disagio.
  3. 3
    Fai presente che alcune persone autistiche sono in grado di gestire gli stimoli, a patto che siano preparate a questo. Come per il contatto fisico, alcuni soggetti autistici reagiscono bene agli stimoli fintanto che sono preparati a gestire la situazione. In generale, riescono a farlo meglio quando sanno cosa aspettarsi, perciò spiega che è necessario chiedere prima di fare qualcosa che potrebbe spaventarli.
  4. 4
    Metti al corrente gli altri che una persona autistica può manifestare alcuni comportamenti in apparenza anomali. Anche se molte delle cose qui discusse riguardano reazioni fisiche che comportano risposte emotive, un soggetto autistico può anche rivelare alcuni comportamenti fisici non del tutto normali. Da un punto di vista esterno le sue reazioni possono sembrare strane, ma spesso fanno parte delle sue abitudini. Questi comportamenti possono includere:
  5. 5
    Aiuta gli altri a capire che le abitudini sono importanti per i soggetti autistici. Come già accennato in precedenza, chi è affetto da autismo si sente a suo agio all'interno di uno scenario prevedibile. Questo è il motivo per cui le abitudini rivestono una parte fondamentale nella vita di un individuo autistico. La routine può riguardare sia attività che certi comportamenti fisici, come è stato descritto nel passaggio precedente. Ad esempio, un soggetto autistico può saltare in un punto più volte. Può anche ripetere la stessa canzone più e più volte o fare sempre lo stesso disegno. I comportamenti ripetitivi sono collegati al suo stato di benessere.
    • Se stai cercando di spiegare l'autismo di tuo figlio a un amico, paragona i momenti in cui bisogna preparare i bambini per la scuola. Esistono abitudini di base quando ci si prepara per andare a scuola: fare la prima colazione, lavare i denti, vestirsi, preparare lo zainetto, ecc. Anche se la routine è uguale, alcuni di questi passaggi possono confondersi tra loro qualche mattina. Un bambino non affetto da autismo non noterebbe nemmeno la differenza. Non gli importa se una mattina si veste prima di fare colazione. Per un bambino che soffre di autismo, questi cambiamenti possono essere molto sconvolgenti. Se è abituato a una certa routine, gli piace che rimanga tale.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Spiegare l'Autismo a Tuo Figlio

  1. 1
    Assicurati che tuo figlio sia pronto a discuterne. È importante essere onesti con il proprio figlio, soprattutto se ha una forma di autismo o se si fa domande sull'autismo lieve di un amico. Tuttavia, è anche importante fare in modo che il bambino sia abbastanza grande per capire quello che gli stai dicendo. Se non è pronto per ricevere queste informazioni, non c'è bisogno di confonderlo o demoralizzarlo. Ogni bambino è diverso, quindi non esiste un'età giusta per parlare con lui del suo disturbo o del disturbo del suo amico. Spetta a te sapere quando è il momento di discuterne.
  2. 2
    Spiega a tuo figlio che l'autismo non è nulla per cui sentirsi triste. Fagli sapere che non è una sua colpa e che non deve intristirsi. Puoi dirgli che nessuno sa esattamente perché si verifica l'autismo in alcune persone e che, quando si manifesta, il cervello si sviluppa in modo diverso rispetto ad altri.
    • Aiuta tuo figlio a capire che le sue differenze lo rendono unico e speciale. Questo può farlo verbalmente, dicendogli che è speciale, o con altri mezzi.
  3. 3
    Incoraggia tuo figlio. Assicurati di incoraggiare il bambino, dicendogli che il suo autismo non avrà potere sulla sua vita. Potrà sempre andare felicemente a scuola e partecipare alla vita familiare.
  4. 4
    Assicurati di esprimergli il tuo amore. Di' sempre a tuo figlio quanto lo ami e prenditi cura di lui. È importante che riceva il sostegno adeguato, in particolare durante le difficoltà che incontrerà lungo la vita, ma con il tuo sostegno potrà vivere una vita felice e positiva.
    Pubblicità


Consigli

  • Non scoraggiarti se la persona a cui stai spiegando l'autismo non sembra 'afferrarlo'. Mantieni la calma e cerca di rispondere alle domande che ti pone, aiutandola a comprendere più chiaramente il disturbo.



Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità