Come Superare un Test Antidroga

Forse lavori presso un'azienda che sottopone abitualmente i dipendenti a test antidroga, o forse ti viene richiesto come condizione di un accordo legale. Questo tipo di test può essere condotto su un campione di urina, capelli, sangue o saliva e un esito negativo va a tuo totale vantaggio personale e professionale. Il modo migliore per superare un test antidroga è conoscere i tempi di permanenza delle sostanze stupefacenti nel corpo e smettere di assumerle per il tempo necessario.

Metodo 1 di 4:
Test delle Urine

  1. 1
    Il test delle urine è il più comune tra quelli antidroga. Se l'azienda per cui lavori ti chiede di sottoporti a un test, è molto probabile che si tratti proprio di questo genere di esame. In rari casi il datore di lavoro può richiedere anche quello del sangue, saliva o capelli. L'esame delle urine può essere eseguito in maniera riservata (in una cabina del bagno presso il laboratorio) o anche di fronte al tecnico di laboratorio stesso.[1]
  2. 2
    Fornisci un elenco dei tuoi farmaci. È molto raro che si ottengano falsi positivi dai test eseguiti presso laboratori qualificati e professionali. Tuttavia alcuni farmaci prescrivibili, da banco o anche dei rimedi erboristici possono essere scambiati per sostanze psicotrope. Per esempio, alcuni decongestionanti possono dare un esito positivo per le anfetamine.[2] Per evitare che l'esame possa risultare positivo, fornisci al tuo datore di lavoro la lista di tutti i farmaci che stai assumendo, oltre a tutta la documentazione che ti viene richiesta.
  3. 3
    Sappi quali droghe vengono esaminate attraverso il test standard. L'esame delle urine è in grado di rilevare la presenza di differenti sostanze nell'organismo. La scelta di quali droghe specifiche cercare dipende da vari fattori: la tua storia personale o legale, i requisiti richiesti dalle tue mansioni, i protocolli legali o il rischio di incidenti sul lavoro sono tutti aspetti che possono influire sulla decisione del titolare di analizzare determinate sostanze anziché altre.[3] Tuttavia, l'esame più diffuso è quello che analizza 5 sostanze [4] e la maggior parte di questi test ricerca le seguenti:[5]
    • Marijuana.
    • Cocaina.
    • Oppiacei.
    • Fenciclidina (PCP).
    • Anfetamine.
  4. 4
    Sappi quali sono le altre sostanze che possono essere analizzate. Sebbene quello appena descritto sia il test più diffuso, alcuni datori di lavoro o il personale dell'ufficio legale possono decidere di sottoporre il dipendente a dei test per altri tipi di droghe. Potrebbero aggiungersi gli esami per alcune o tutte le seguenti sostanze:[6]
    • Alcol.
    • MDMA (ecstasy).
    • Barbiturici.
    • Destropropossifene.
    • Benzodiazepine.
  5. 5
    Informati sui tempi di permanenza delle droghe nell'organismo. Il test delle urine non rileva se sei "pulito" nel momento esatto in cui fornisci il campione. È in grado invece di esaminare se hai fatto uso di sostanze negli ultimi giorni o anche settimane. I consumatori abituali di droghe spesso hanno una maggiore concentrazione di sostanze psicotrope nel proprio organismo rispetto a chi ne fa un uso saltuario. Per questo motivo le persone che ne fanno un uso frequente ottengono risultati positivi anche dopo alcuni giorni o settimane di astinenza.[7] Ci sono altri fattori che possono influire sulla concentrazione di droghe nell'organismo, come il metabolismo, la qualità e la quantità di droghe assunte, i livelli di idratazione e lo stato di salute generale. Tuttavia, il test solitamente è in grado di rilevare le droghe assunte nei tempi specificati qui di seguito.[8]
    • Anfetamine: 2 giorni.
    • Barbiturici: 2-20 giorni.
    • Benzodiazepine: 3 giorni (dose terapeutica); 4-6 settimane (consumatore abituale).
    • Cocaina: 4 giorni.
    • Ecstasy: 2 giorni.
    • Eroina: 2 giorni.
    • Marijuana: 2-7 giorni (singola dose); 1-2 mesi o più (consumo abituale).
    • Metanfetamina: 2 giorni.
    • Morfina: 2 giorni.
    • Fenciclidina: 8-14 giorni (singola dose); 30 giorni (consumatore cronico).
  6. 6
    Interrompi il consumo di droghe per il tempo necessario a smaltirle. Il solo modo sicuro per superare il test antidroga è quello di non farne uso, soprattutto se il periodo di permanenza di qualche sostanza non è ancora passato. In alcuni casi è possibile sapere in anticipo quando è previsto l'esame; in altri, invece, potresti non essere avvisato. In questa seconda ipotesi, devi valutare quali sono le probabilità di doverti sottoporre a un test nell'immediato futuro. Per esempio, interrompi l'assunzione di droghe se:
    • Stai cercando un lavoro.
    • Sei in un periodo di prova al lavoro o ti trovi in libertà vigilata.
    • Svolgi mansioni per le quali sono previsti dei test casuali.
  7. 7
    Evita di alterare o mascherare il campione di urine. Questo è un metodo che veniva usato per impedire alla strumentazione di rilevare determinati risultati. Esistono prodotti chimici in libera vendita che contengono nitrati, i quali venivano un tempo usati per mascherare il THC (il principio attivo della pianta di marijuana); tuttavia, al giorno d'oggi queste sostanze vengono rilevate durante il test. Tutti questi prodotti sono facilmente individuabili e la loro presenza nel tuo campione indicherebbe l'esame come "non superato".[9]
  8. 8
    Valuta i rischi della diluizione del campione. La diluizione consiste nel ridurre la concentrazione della droga o dei suoi metaboliti nel campione da analizzare aggiungendo altri tipi di fluidi. Tieni presente, però, che i laboratori di analisi svolgono test di routine per verificare se c'è stata una diluizione della sostanza.[10]
    • Un metodo per diluire il campione prevede di aggiungere dei liquidi all'urina. Tuttavia il laboratorio analizza anche la temperatura del campione, quindi il "trucco" verrebbe svelato senza difficoltà.[11]
    • Un'altra tecnica di diluizione consiste nel bere una quantità notevole di acqua, in modo da produrre urine meno concentrate. Tieni presente tuttavia che bere una quantità esagerata di acqua può essere pericoloso per l'organismo (si può morire per avvelenamento da acqua) e rischioso, perché il colore più chiaro dell'urina potrebbe destare sospetti e il campione potrebbe essere classificato come potenzialmente inaffidabile. In questo caso potresti dover produrre un secondo campione nel giro di poche ore, un tempo insufficiente per smaltire le tracce di droga. [12].
  9. 9
    Fornisci urina "pulita" come campione. Sebbene un'eccessiva diluizione possa vanificare l'esame, è possibile comunque ridurre un po' la concentrazione di THC, mantenendo l'organismo ben idratato. Se non hai fatto uso di marijuana per diversi giorni, questo metodo ti consente di ottenere dei risultati migliori. Per poter fornire un buon campione di urina, puoi:[13]
    • Bere 3-4 bicchieri di acqua il mattino stesso del test.
    • Urinare almeno due volte prima di fornire il campione. La prima pipì del mattino potrebbe avere una concentrazione di principio attivo maggiore. Concedi all'organismo il tempo di espellere queste sostanze chimiche e non usare mai la tua prima urina del giorno come campione per il test antidroga.
    • Bere un caffè o una bibita contenente caffeina. È una sostanza leggermente diuretica, quindi aiuta l'organismo a espellere i liquidi più velocemente.
  10. 10
    Prendi delle aspirine. La scienza non fornisce dati certi, ma alcuni studi hanno dimostrato che l'aspirina aiuta a mascherare alcune sostanze chimiche che di solito vengono rilevate dalle analisi. Prendine 4 poche ore prima dell'esame, se sei preoccupato dell'esito. Potrebbe non essere efficace, ma la maggior parte delle persone può assumerle in sicurezza senza presentare effetti collaterali dannosi.[14]
    • Tuttavia, l'aspirina può essere pericolosa per chi è in terapia anticoagulante. Assicurati di leggere tutte le indicazioni e le avvertenze del bugiardino prima di prendere il farmaco.
  11. 11
    Tieni in considerazione i rischi correlati alla sostituzione del campione. In questo caso si tratta di sostituire la tua urina con quella di un'altra persona o con un campione sintetico. Sul web puoi trovare molte aziende che vendono dispositivi per sostituire l'urina, così come altre che vendono urina sintetica.
    • Sii consapevole del fatto che falsificare il test delle urine può essere un reato. In alcuni Paesi è illegale sostituire la propria urina con quella di qualcun altro. Può essere considerato un atto di frode e potresti subire conseguenze sul posto di lavoro o anche in termini legali. Valuta molto attentamente se vale la pena rischiare fino a questo punto.[15]
    • L'urina sintetica è disponibile in due formulazioni di base: la forma liquida è simile al prodotto usato per calibrare le apparecchiature di laboratorio; quella in polvere concentrata, commercializzata in fiale, viene resa liquida aggiungendo poche gocce di acqua tiepida. Entrambe le tipologie vengono conservate in un dispositivo di somministrazione dotato di termometro.
    • La cosa più difficile con il metodo della sostituzione è garantire che l'urina rimanga alla stessa temperatura del corpo (32-36,5 °C).
    • Alcuni laboratori sono in grado di rilevare l'urina sintetica. Se vuoi tutelarti dal punto di vista legale, è opportuno non usare questo metodo durante i test governativi, come nel settore militare, del servizio civile e soprattutto se sei in libertà vigilata.
    • L'urina sintetica liquida premiscelata ha un paio di inconvenienti, in quanto non crea delle piccole bolle sulla superficie e non ha odore, diversamente da quella sintetica in polvere. Molti laboratori e punti di prelievo rifiuteranno il tuo campione se sospettano che sia sintetico e ti chiederanno di urinare sotto la loro supervisione.
    • Sostituire l'urina con quella di un'altra persona è altrettanto rischioso, perché non è detto che si superi il test. Inoltre con il tempo l'urina assume un colore più scuro e al suo interno potrebbero proliferare i batteri, contaminando il campione. Se l'alterazione diventa visibile, il personale del laboratorio potrebbe insospettirsi.
  12. 12
    Non fare uso di droghe dopo aver passato il test. In alcuni casi il datore di lavoro o l'agente di custodia potrebbe chiederti di eseguirne un altro. Non festeggiare il fatto di averlo superato assumendo delle droghe: potresti risultare positivo all'esame successivo. Sii paziente e assicurati che i risultati siano credibili prima di prendere qualunque altra iniziativa.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Test dei Capelli

  1. 1
    Impara come funziona l'esame dei capelli. Quando i metaboliti della droga entrano nel sangue, si diffondono attraverso tutti i vasi sanguigni, compresi quelli della testa. Alcune tracce della sostanza chimica filtrano attraverso i capelli, rivelando la loro presenza durante questo tipo di test.[16]
    • Si tratta di un esame in grado di individuare se il soggetto ha assunto droghe anche diversi mesi prima ed è più accurato rispetto a quello delle urine o del sangue per individuare un utilizzo abituale o a lungo termine.
    • Il test prevede di tagliare 50-80 ciocche di capelli dalla parte posteriore della testa, vicino alla corona. Tieni presente che sebbene spesso questo esame venga chiamato anche test del "follicolo pilifero", in realtà la pelle non viene lacerata.
    • È necessario che i capelli siano lunghi almeno 3,5 cm per poter eseguire il test. Se non sono abbastanza lunghi (per esempio se il soggetto ha un taglio militare), allora è possibile prelevare dei peli del viso, del petto o delle braccia.[17]
  2. 2
    Sappi che il test dei capelli è meno sensibile nel rilevare un uso di droghe sporadico, per esempio se sono state assunte una sola volta. Tuttavia, è molto efficace nel riconoscere gli utilizzatori cronici o abituali. Se hai consumato occasionalmente alcune droghe oppure in maniera ridotta, probabilmente il test non darà risultati positivi. Se hai fumato un singolo spinello negli ultimi 3 mesi, puoi sentirti abbastanza fiducioso di superare il test. Se però hai trascorso un certo periodo fumando ogni giorno per una settimana, ci sono molte più possibilità che il test risulti positivo.[18]
  3. 3
    Sii consapevole del fatto che le droghe impiegano 5-7 giorni per raggiungere i capelli. Sebbene questo test risulti più efficace per le droghe consumate nel passato, se ne hai fatto uso molto recentemente è difficile che vengano rilevate dal test. Sono necessari diversi giorni o una settimana prima che si noti la presenza dei metaboliti nei capelli.
    • Per questo motivo, alcuni datori di lavoro e agenzie chiedono di eseguire sia il test del capello (per il consumo di droghe nel lungo periodo) sia quello delle urine (nel caso di un consumo recente).
  4. 4
    Sappi quali droghe vengono ricercate nel test standard del capello. Questo è l'esame che viene svolto più frequentemente e, come quello delle urine, si concentra sulla ricerca delle seguenti droghe:[19]
    • Marijuana.
    • Cocaina.
    • Oppiacei.
    • Anfetamine (comprese l'ecstasy e la metanfetamina).
    • Fenciclidina.
  5. 5
    Informati sulle altre droghe che potrebbero essere analizzate. Alcuni datori di lavoro o studi legali potrebbero decidere di sottoporti a ulteriori accertamenti per verificare la presenza di altre sostanze oltre a quelle comunemente testate. Tra queste potrebbero esserci i principi attivi di farmaci su prescrizione oltre a quelle psicotrope:[20]
    • Benzodiazepine.
    • Metadone.
    • Barbiturici.
    • Destropropossifene.
    • Ossicodone.
    • Petidina.
    • Tramadolo.
  6. 6
    Interrompi il consumo di droghe 90 giorni prima del test. Di solito la parte di capello che viene esaminata è lunga 3,5 cm ed è quella più vicina al cuoio capelluto, nella zona della corona. Questa porzione di capelli è sufficiente per verificare se sono state assunte delle droghe negli ultimi 90 giorni. Il solo modo sicuro per superare il test è quello di non avere inserito sostanze chimiche nell'organismo durante questo periodo.
  7. 7
    Sii consapevole del fatto che è molto difficile alterare questo test. Molte delle tecniche che si possono usare per "depistare" l'esito dell'esame delle urine in questo caso non sono possibili. Per esempio, il campione di capelli spesso viene prelevato direttamente dai tecnici di laboratorio, dato che non ci sono esigenze di privacy (diversamente dal campione di urina). Non esistono elementi chimici che possono mascherare il risultato o dei metodi di diluizione che possono abbassare il livello di tossine presenti nei capelli. Inoltre una temporanea interruzione del consumo di droghe non è sufficiente per superare questo test. L'elevato tasso di successo è il motivo che lo rende uno degli esami più usati dai datori di lavoro e da enti giuridici.[21]
    • Soprattutto le persone con i capelli scuri hanno maggiore difficoltà ad alterare i dati per il test. Per questo motivo spesso si afferma che si tratti di un test discriminatorio e razzista.[22]
  8. 8
    Raditi i capelli e i peli del corpo. Se non vuoi affrontare il test dei capelli, devi fare in modo che i capelli e i peli del corpo non siano abbastanza lunghi da poter essere analizzati. Probabilmente dovrai radere o usare la ceretta su tutto il corpo, dato che può essere usato qualunque pelo per eseguire il test antidroga.[23]
    • Poiché è un trucco sicuro per non rischiare un esito positivo dall'esame del capello, il tuo datore di lavoro potrebbe insospettirsi e potrebbe anche decidere di non assumerti.
  9. 9
    Sii cauto nello scegliere alcuni shampoo e risciacqui speciali. In commercio puoi trovare alcuni tipi di shampoo che vengono pubblicizzati come prodotti in grado di far superare il test antidroga. Tuttavia, nessuno di questi effetti è stato provato scientificamente e le eventuali prove sono solo aneddotiche e anche dubbie.[24]
    • Un potenziale rimedio casalingo ritenuto efficace da alcune persone consiste nel bagnare i capelli con una soluzione di aceto bianco, acido salicilico e detersivo per lavatrice per poi tingerli temporaneamente. Non ci sono prove che dimostrino il suo successo, ma è relativamente poco costoso e, fintanto che la sostanza chimica non entra in contatto con gli occhi, ha effetti collaterali minimi.
    • Alcuni studi hanno riscontrato che i trattamenti estetici dei capelli rendono più difficile il rilevamento di tracce di cocaina.[25]
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Test della Saliva

  1. 1
    Documentati sul test. Questo esame antidroga basato sulla saliva e i liquidi del cavo orale in genere è in grado di rilevare il consumo di droga delle ultime ore o dei giorni precedenti. Si sta diffondendo molto perché è piuttosto economico, non invasivo e pratico. È in grado di individuare qualunque droga presente nel sangue.[26]
  2. 2
    Informati sui tempi di individuazione. Questo test è in grado di rilevare tracce di droga immediatamente dopo il consumo e nei 4 giorni successivi. Tuttavia, molti consumatori occasionali potrebbero superare il test una volta trascorse 26-33 ore dall'assunzione.[27] Per questo motivo molte persone ritengono che il test sia più adatto come diagnosi per una possibile incapacità di lavorare piuttosto che per individuare una sorta di tossicodipendenza.[28] I settori in cui l'inabilità anche temporanea a svolgere le proprie mansioni rappresenta un grave problema (come le ditte di trasporti) potrebbero preferire questo tipo di test proprio per tale motivo.[29] I tempi generali di rilevamento delle droghe sono i seguenti:
    • Marijuana e hashish (THC): 1 ora dopo l'assunzione fino a 24 ore dopo, in base al consumo.
    • Cocaina (incluso il crack): dal momento del consumo fino a 2-3 giorni dopo.
    • Oppiacei: dal momento del consumo fino a 2-3 giorni dopo.
    • Metanfetamine ed ecstasy: dal momento dell'assunzione fino a 2-3 giorni dopo.
    • Benzodiazepine; dal momento dell'assunzione fino a 2-3 giorni dopo.
  3. 3
    Evita di consumare droghe 2-4 giorni prima di sottoporti all'esame. La maggior parte dei test della saliva viene eseguita direttamente in un laboratorio, quindi risulta difficile riuscire a sostituire o alterare il campione. Diversamente dal test dell'urina, non è previsto di fornire il campione nel rispetto della privacy, ciò significa che la persona viene tenuta d'occhio durante il prelievo. Il solo modo sicuro per superare il test è evitare l'assunzione di droghe durante il periodo di rilevamento, ovvero 1-4 giorni prima.[30]
  4. 4
    "Lavati" la bocca con alimenti, bevande o collutori. Alcuni studi hanno dimostrato che mangiare, bere, spazzolare i denti o usare un collutorio può avere un effetto momentaneo sulla saliva e alterare leggermente l'esito del test. Tuttavia, questi effetti scompaiono dopo circa mezz'ora. Per tale motivo molte aziende che scelgono questo tipo di esame chiedono di non bere o mangiare mezz'ora prima del test. In questa fase potresti essere tenuto sotto osservazione in laboratorio. Se non vieni controllato, puoi sempre sperare di superare il test risciacquandoti la bocca con un collutorio. Sappi comunque che potresti essere costretto a ripetere l'esame, se il primo campione risultasse in qualche modo contaminato.[31]
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Conoscere le Circostanze più Comuni dei Test Antidroga

  1. 1
    Potresti essere osservato, durante un test antidroga. In molte situazioni ci potrebbe essere un monitoraggio del candidato. Se hai una patente di guida commerciale e fornisci un campione che non rientra nell'intervallo accettabile di temperatura oppure sembra alterato, ti verrà chiesto di fornire immediatamente un altro campione sotto osservazione.[32]. Alcuni datori di lavoro possono chiedere di fornire il campione davanti a un professionista (medico, infermiere e così via) a coloro che hanno una storia pregressa di droga o abuso di alcol. Ovviamente puoi sempre rifiutarti di fornirlo direttamente davanti ad altre persone, ma sappi che potrebbero esserci delle ripercussioni, compresa anche la perdita del posto di lavoro.
  2. 2
    Informati sulle leggi locali. In Italia è vietata la vendita di urina sintetica o sostanze adulteranti da aggiungere nel campione. Sii consapevole di questo, se stai pensando di optare per questa soluzione.
  3. 3
    Sappi quando potresti essere sottoposto a questi test. I datori di lavoro attualmente possono richiedere legalmente ai propri dipendenti di eseguire l'esame delle urine o della saliva, per decidere se confermare il lavoro oppure applicare una sospensione per questioni di sicurezza. In alcune circostanze la normativa stabilisce dei limiti per quando e come possono essere eseguiti questi test; inoltre alcune aziende hanno stabilito per regolamento interno che non è possibile sottoporre i dipendenti a esami casuali o "a sorpresa".[33] Tuttavia, ci sono alcune circostanze in cui è più probabile doversi sottoporre al test, tra cui:
    • Durante la fase di assunzione. Non devi allegare le analisi del sangue al tuo curriculum quando ti candidi per un impiego. Tuttavia, il potenziale datore di lavoro può inserire, tra le condizioni necessarie per confermare l'assunzione, il superamento di un test antidroga.[34]
    • Se sei una donna incinta. A volte è un test richiesto, o almeno consigliato, durante la gravidanza, per valutare i possibili rischi per il feto. Negli Stati Uniti, per esempio, si procede a questo tipo di esame come normale routine delle analisi prenatali. Tuttavia, la Corte Suprema ha stabilito che si tratta di una pratica incostituzionale, senza il previo consenso della donna. Sempre negli Stati Uniti, le donne che vanno in ospedale per il parto sono sottoposte al test del sangue e, nel caso fossero positive, potrebbero essere anche accusate di lesioni colpose.[35]
    • Se devi lavorare su veicoli o macchinari pesanti. In alcuni ambienti di lavoro dove la vita può essere messa in pericolo a causa di una momentanea inabilità del dipendente – come nel settore delle costruzioni o durante la guida di mezzi pesanti – spesso viene richiesto di eseguire i test antidroga come procedura di routine.[36]
    • Se manifesti comportamenti sospetti. Se causi un incidente sul luogo di lavoro, hai difficoltà a parlare o ti comporti in maniera insolita o strana, il superiore potrebbe chiederti di sottoporti a un test antidroga come condizione indispensabile per mantenere il posto di lavoro.[37]
  4. 4
    Sappi quando non è permesso eseguire i test antidroga. La normativa cambia da Stato a Stato e spesso viene modificata. Puoi avere maggiori informazioni rivolgendoti ai sindacati o a qualche avvocato del lavoro, perché ci sono alcuni diritti dei lavoratori che devi conoscere. Non sempre, infatti, il datore di lavoro può obbligarti a sottoporti ai test.
    • Per esempio è illegale chiedere al soggetto di sottoporsi al test prima di avergli offerto in maniera formale un impiego. Inoltre per alcune mansioni non è previsto l'obbligo del test.
    • Non si può discriminare un possibile dipendente a causa delle sue passate esperienze con la droga. Tuttavia, se il datore di lavoro ritiene che la persona possa essere a rischio di ricadute o teme di mettere in pericolo la sicurezza e la salute dei lavoratori, può rifiutarsi di assumere il soggetto, oppure chiedere che si iscriva a un programma di recupero sospendendolo momentaneamente dal lavoro per motivi di salute.[38]
  5. 5
    Documentati sulle false credenze popolari circa i test antidroga. Ci sono molte leggende metropolitane in merito a questo tipo di esami, così come ci sono una serie infinita di prodotti che vengono commercializzati con la falsa promessa di superarlo, senza però che esistano prove che avvalorino tali affermazioni. Le false dicerie più comuni sono:
    • Il fumo passivo. Nei test, i livelli massimi per alcune sostanze sono impostati in maniera tale che sia quasi impossibile ottenere un esito positivo a causa dell'esposizione occasionale al fumo passivo.
    • Semi di papavero. Dal 1998 il livello limite attuale è stato portato da 300 ng/mL a 2000 ng/ml, in modo da evitare falsi positivi. Dovresti mangiarne una quantità corrispondente a un'intera pagnotta per risultare positivo per un solo giorno.[39]
    • Candeggina. Se la aggiungi al campione di urina per contrastare i livelli di metaboliti delle droghe, sappi che così facendo alteri il pH del campione stesso, che verrà quindi considerato manomesso e il tuo tentativo risulterà vano. Non pensare neppure di bere la candeggina, perché può renderti cieco o ucciderti.[40]
    • Aspirina. Alcune credenze popolari affermano che crei dei falsi negativi per il THC. Questo è vero solo in determinate circostanze e solo per alcuni tipi di droghe, ma non garantisce di superare il test.
    • Tingere e decolorare i capelli non elimina i metaboliti durante il test del capello. Tuttavia, le persone bionde hanno maggiori possibilità di superare il test.
    Pubblicità

Consigli

  • La maniera in assoluto migliore per superare il test è quella di evitare qualunque forma di assunzione di droghe. Se non ti è possibile astenerti completamente, non assumerle per un periodo che va da 1 settimana fino a 3 mesi prima dell'esame. Questo dovrebbe essere sufficiente per ottenere un esito negativo.
  • Sii consapevole delle circostanze in cui è più probabile che il test sia richiesto. Se al lavoro devi operare con macchinari pesanti o veicoli, hai maggiori possibilità di doverlo fare più spesso. Se sei alla ricerca di un impiego, sappi che molti datori di lavoro chiedono ai candidati di superare un test antidroga al momento dell'accettazione del posto di lavoro. Molte persone in libertà vigilata o condizionale devono sottoporsi a test di routine.
  • Se stai assumendo la marijuana per uso terapeutico in uno Stato in cui è consentito, rivolgiti ai sindacati o a un avvocato. Le implicazioni legali in merito sono ancora in fase di sviluppo.[41]
Pubblicità

Avvertenze

  • Sii molto cauto quando ordini prodotti miracolosi in internet. La maggior parte di questi non è stata testata clinicamente e può essere anche molto costosa. Sebbene molte prove aneddotiche affermino che siano efficaci, in realtà non c'è alcuna garanzia che funzionino veramente.
  • Non bere troppa acqua per alterare l'esito del test dell'urina. Bevine in quantità adeguata per mantenerti ben idratato, ma non avvelenarti bevendone in maniera eccessiva; è una pratica pericolosa e probabilmente il test verrebbe considerato nullo perché troppo diluito, quindi dovresti eseguirne un altro, vanificando così ogni tuo tentativo.
  • Cercare di falsificare un test antidroga comporta conseguenze nell'ambito lavorativo e legale, inoltre in alcuni Paesi è considerato una frode.
  • Non assumere alcuna sostanza velenosa (come la candeggina) per cercare di falsificare il test. Non funzionerebbe e sarebbe molto pericoloso per la tua salute.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 137 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Dipendenza
Sommario dell'Articolo

Se devi superare un test antidroga, inizia scoprendo per quanto tempo la sostanza che stai assumendo resta nel tuo organismo, quindi con quanto anticipo dovresti smettere di prenderla. Per esempio, la marijuana può rimanere nell'organismo per 7 giorni dopo averla assunta anche solo una volta. Evita inoltre di diluire o alterare il campione, perché il tuo tentativo verrà scoperto e fallirai automaticamente il test. Dovresti anche evitare di ricominciare a fare uso di droghe finché non sarai certo che non ti verrà chiesto di ripetere il test poco tempo dopo il primo.

  1. http://www.drugtestingusa.com/documents/The_Challenge_of_Dilute_Specimens.pdf
  2. http://www.drugtestingusa.com/documents/The_Challenge_of_Dilute_Specimens.pdf
  3. http://www.drugtestingusa.com/documents/The_Challenge_of_Dilute_Specimens.pdf
  4. http://jezebel.com/5814152/how-to-pass-a-drug-test
  5. https://www.erowid.org/psychoactives/testing/testing_faq.shtml#7
  6. http://www.chicagotribune.com/news/local/breaking/ct-whizzinator-drug-probation-charges20150829-story.html
  7. https://www.health-street.net/blog-drug-testing/hair-drug-testing-facts-and-myths/
  8. https://www.health-street.net/blog-drug-testing/hair-drug-testing-facts-and-myths/
  9. http://hairfollicledrugtest.info
  10. https://www.health-street.net/product/drug-tests/5-panel-hair-follicle/
  11. https://www.health-street.net/product/drug-tests/12-panel-hair-follicle/
  12. https://www.health-street.net/blog-drug-testing/hair-drug-testing-facts-and-myths
  13. http://svmsl.chem.cmu.edu/vmsl/cocaine/ch_bg3.htm
  14. https://www.health-street.net/blog-drug-testing/hair-drug-testing-facts-and-myths/
  15. https://www.health-street.net/blog-drug-testing/hair-drug-testing-facts-and-myths/
  16. http://svmsl.chem.cmu.edu/vmsl/cocaine/ch_bg3.htm
  17. http://forensicfluids.com/oral-v-urine/
  18. http://forensicfluids.com/oral-v-urine/
  19. http://forensicfluids.com/oral-v-urine/
  20. https://www.drugtestingnetwork.com/saliva-testing.htm
  21. http://forensicfluids.com/oral-v-urine/
  22. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1579288/
  23. http://www.ecfr.gov/cgi-bin/text-idx?c=ecfr&SID=758df682f3c772573ec6193b33f5d647&rgn=div8&view=text&node=49:1.0.1.1.30.5.18.4&idno=49
  24. http://www.nolo.com/legal-encyclopedia/free-books/employee-rights-book/chapter5-3.html
  25. http://www.nolo.com/legal-encyclopedia/free-books/employee-rights-book/chapter5-3.html
  26. http://digitalcommons.pace.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=1478&context=lawfaculty
  27. http://www.nolo.com/legal-encyclopedia/free-books/employee-rights-book/chapter5-3.html
  28. http://www.nolo.com/legal-encyclopedia/free-books/employee-rights-book/chapter5-3.html
  29. http://www.nolo.com/legal-encyclopedia/drug-tests-job-applicants-if-33051.html
  30. http://www.erowid.org/plants/poppy/poppy_testing.shtml
  31. http://www.snopes.com/crime/clever/bleach.asp
  32. http://www.nolo.com/legal-encyclopedia/drug-tests-job-applicants-if-33051.html

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità