Come Tenere in Mano un Calice di Vino

Tenere in mano un calice di vino non è un compito che richiede una spiccata intelligenza o competenza tecnica, ma c'è comunque un modo giusto e uno sbagliato per farlo. Come regola generale, è bene impugnare lo stelo anziché la "pancia" del bicchiere.

Parte 1 di 3:
Tenere in Mano un Calice di Vino Tradizionale

  1. 1
    Afferra lo stelo del bicchiere con tre dita: pollice, indice e medio. Tienilo stretto per lo stelo con i polpastrelli.[1]
    • Posiziona le tre dita sulla metà inferiore dello stelo. Il dito medio dovrebbe essere appoggiato sullo stelo nel punto appena sopra alla base.
    • Solo le prime tre dita della mano devono entrare in contatto con lo stelo del bicchiere. L'anulare e il mignolo dovrebbero rimanere naturalmente appoggiati sulla parte superiore della base.
    • Questo è il modo tradizionale di tenere un calice di vino. Afferrando lo stelo in questo modo la presa dovrebbe essere perfettamente stabile e allo stesso tempo consentirti di tenere le mani il più possibile lontane dal vino.
  2. 2
    Afferra lo stelo tra pollice e indice. Posiziona l'indice intorno allo stelo, quindi fai in modo che il pollice renda la presa stabile sostenendolo sull'altro lato.
    • Tieni la mano posizionata sulla metà inferiore dello stelo;
    • Le altre tre dita dovrebbero incurvarsi verso il palmo dando forma a un pugno morbido. Generalmente queste tre dita non dovrebbero toccare la base del bicchiere, ma non è un problema se la sfiorano lievemente.
  3. 3
    Afferra lo stelo direttamente sopra alla base. Stringilo solamente tra pollice e indice nel punto più vicino alla base.
    • È inevitabile che mentre sostengono saldamente lo stelo, le due dita sfiorino leggermente la base del calice;
    • Usa il dito medio per sostenere il bicchiere da sotto, estendendolo in avanti lungo la parte inferiore della base;
    • Lascia che le altre due dita (anulare e mignolo) rimangano rilassate nella posizione che ti viene più naturale. Possono premere leggermente contro il palmo o affiancare il dito medio.
  4. 4
    Fai leva sulla base del pollice. Posizionalo sulla parte superiore della base del calice e contemporaneamente sostieni quella inferiore con l'indice e il medio.
    • Sorprendentemente, usando questo metodo nessun dito toccherà lo stelo né la pancia del bicchiere;
    • Indice, medio, anulare e mignolo devono risultare delicatamente curvati verso il palmo. Usa la parte superiore dei primi due (indice e medio) per sostenere la base del calice;
    • Nota che anche se questo modo di tenere il bicchiere è socialmente accettabile, è quello che garantisce la presa meno stabile. È meglio fare pratica quando sei da solo prima di usarlo in un ambiente raffinato.
  5. 5
    Mai tenere il calice impugnandolo per la pancia. Agguantare il bicchiere in questo modo è sinonimo di maleducazione, anche se le reali ragioni per cui non è benvisto hanno a che fare più con la pratica che con il galateo. Infatti sia il gusto sia l'apparenza del vino possono venire influenzati negativamente dal fatto di impugnare il calice in quel modo.[2]
    • Quando tieni la pancia del bicchiere tra le mani, il calore che emanano altera rapidamente la temperatura del vino. Il problema è particolarmente rilevante quando si sta sorseggiando del vino bianco o dello champagne, dato che per assaporarli al meglio è necessario che si mantengano freddi. Le ripercussioni sono meno gravi quando si degustano i vini rossi, ma anche questi ultimi sono più buoni se si mantengono a una temperatura leggermente inferiore a quella dell'ambiente.
    • Inoltre, tenendo il calice per la pancia si rischia di lasciare le proprie impronte sul vetro, creando un effetto assai poco elegante. Come se non bastasse, sia le dita stesse sia le impronte che lasciano rendono più difficile esaminare il colore o la limpidezza del vino.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Tenere in Mano un Bicchiere da Vino Privo di Stelo

  1. 1
    Afferra il bicchiere alla base. Dato che lo stelo non è presente, devi tenerlo in mano come faresti con un bicchiere qualunque. Devi fare attenzione a prenderlo all'altezza della base e non a metà o vicino all'orlo.
    • Se proprio senti il bisogno di rendere la presa più stabile, puoi curvare sia il pollice sia le altre quattro dita intorno alla base del bicchiere, ma sarebbe meglio che solo le prime tre (pollice, indice e medio) rimanessero a contatto con questa parte. Anulare e mignolo dovrebbero curvarsi naturalmente sotto al bicchiere o sorreggerne la base dal basso.
  2. 2
    Minimizza il contatto fisico. Dato che il calore del corpo può fare aumentare la temperatura del vino, è meglio prendere in mano questo tipo di bicchiere quanto più brevemente e saltuariamente possibile.
    • Cerca di tenerlo in mano solo per il tempo in cui stai effettivamente bevendo. Se hai la possibilità di appoggiarlo da qualche parte, approfittane tra un sorso e l'altro.
    • Lasciare le proprie impronte sul vetro è piuttosto inevitabile quando si usa questo tipo di bicchiere da vino. L'effetto visivo sgradevole generalmente non crea problemi quando ci si trova tra amici o in famiglia, ma se hai invitato degli intenditori del settore o vuoi fare buona impressione su qualcuno che hai appena conosciuto, è meglio evitare di usare dei bicchieri senza stelo e optare per dei calici tradizionali.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Convenzioni Sociali Legate al Vino

  1. 1
    Appoggia il calice quando è necessario. Se non hai la possibilità di posarlo su una superficie stabile, ma senti il bisogno di avere un supporto tra un sorso e l'altro, puoi appoggiare la base del bicchiere sul palmo della mano non dominante, continuando a stringere lo stelo con l'altra.
    • Se sei seduto a tavola, ricorda che il bicchiere del vino va posizionato sulla destra di quello dell'acqua. Se è l'unico bicchiere a disposizione, appoggialo semplicemente nell'angolo superiore sinistro dello spazio riservato al tuo coperto, nel punto in cui generalmente viene posizionato quello riservato all'acqua.
  2. 2
    Sorseggia il vino sempre dallo stesso punto del bicchiere. Cerca di appoggiare le labbra sempre nella stessa posizione. In questo modo riuscirai a salvaguardare meglio la fragranza e l'aspetto del vino.
    • Bevendo da diversi punti del calice, l'eccessivo contatto con la bocca potrebbe alterare i profumi del vino. Dato che la fragranza e il gusto sono strettamente collegati, potrebbero risentirne entrambi.
    • Inoltre, proprio come le dita, anche le labbra lasciano un'impronta sul vetro, anche se non hai usato il burrocacao o il rossetto. Sorseggiare il vino sempre dallo stesso punto consente di mantenere l'orlo del bicchiere più pulito.
  3. 3
    Non riempire troppo il bicchiere. Come regola generale, dovresti riempirlo per un terzo della sua capienza se stai bevendo un vino rosso o per metà se se stai bevendo un vino bianco.[3]
    • Invece quando bevi uno spumante o uno champagne in un calice modello flûte, dovresti riempirlo per tre quarti;
    • Evitando di riempire il bicchiere in modo eccessivo, minimizzerai il rischio di rovesciare accidentalmente il vino. Un bicchiere pieno può essere pesante e, dato che puoi sostenerlo solo dallo stelo e non dalla pancia, a lungo andare la mano potrebbe stancarsi e perdere involontariamente la presa.
  4. 4
    Dirigi lo sguardo all'interno del bicchiere mentre bevi. Quando è il momento di portare il calice alle labbra, distogli temporaneamente l'attenzione dalla persona o dall'oggetto che hai davanti e guarda il vino all'interno del bicchiere.
    • Guardare un'altra persona mentre si sorseggia il vino è considerato un comportamento particolarmente sgarbato. Questa regola si applica anche nel caso in cui stiate sostenendo una conversazione attiva.
    • D'altro canto, è tuttavia doveroso mantenere il contatto visivo durante un brindisi. Guarda dritto negli occhi la persona che sta alzando il calice verso di te. Non soltanto è un gesto cortese, i superstiziosi sostengono che altrimenti possa portare diversi anni di sfortuna.
  5. 5
    Inclina il bicchiere mentre studi l'aspetto del vino. Se vuoi analizzarne il colore e la limpidezza, inclina leggermente il bicchiere davanti a una fonte di luce.[4]
    • Se possibile, esaminalo alla luce naturale. Se non riesci a percepirne chiaramente le caratteristiche, posiziona il bicchiere davanti a uno sfondo bianco o chiaro per facilitare l'analisi visiva.
  6. 6
    Fai roteare il vino nel bicchiere con delicatezza. Si tratta di un gesto socialmente accettabile a patto di non rovesciarlo. Il segreto è muovere il bicchiere circolarmente, in modo lento e circoscritto, tenendo la base saldamente appoggiata su una superficie piana.
    • Mantieni una presa salda sullo stelo del bicchiere, mentre lo fai roteare per non più di 10-20 secondi. Muovendolo troppo a lungo o con troppa forza, rischieresti di fare traboccare accidentalmente il vino. Lo stesso accadrebbe se la presa non fosse abbastanza salda.
  7. 7
    Avvicina il bicchiere al naso quando annusi il vino. Quando è il momento di giudicarne i profumi, inclina lievemente il bicchiere e infila il naso direttamente nell'apertura.
    • In alternativa, puoi tenere il naso a circa due centimetri e mezzo di distanza dalla parte superiore del bicchiere. Alcune persone riescono a cogliere una maggiore quantità di profumi in questo modo, mentre altre preferiscono usare la tecnica tradizionale. Entrambi i metodi sono socialmente accettabili.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Cucina

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità