Come Trattare i Pidocchi del Pube

Scritto in collaborazione con: Lacy Windham, MD

Se hai notato un prurito piuttosto molesto nella zona genitale, potresti avere i pidocchi del pube, detti anche "piattole". Si tratta di parassiti che si trasmettono con l’attività sessuale con un tasso di contagio da pelle infetta a cute sana maggiore del 90%. Si diffondono anche attraverso il contatto con abiti, asciugamani, biancheria da letto usati da una persona infetta. Impara come gestire questi pidocchi, informati sui prodotti farmaceutici che hai a disposizione e previeni future infestazioni.

Parte 1 di 3:
Prepararsi al Trattamento

  1. 1
    Impara a conoscere l’aspetto dei pidocchi. Quelli pubici sono dei piccoli parassiti che si trovano, comunemente, nella regione genitale. Hanno tre paia di zampe con degli artigli particolari alla fine di quattro di esse e possono essere confusi con degli acari per la loro somiglianza. Le loro lendini, o uova, sono ovali, lucide e si appiccicano alla base del pelo pubico.[1]
    • Le uova si schiudono in "ninfe" entro 8-10 giorni. Nel giro di due settimane diventeranno degli esemplari adulti. Un pidocchio del pube è più piccolo e tozzo rispetto a quello dei capelli; vive solo sul corpo umano e si nutre del sangue. Può “mangiare” fino a cinque volte al giorno.
  2. 2
    Valuta se hai i pidocchi. Dovresti vedere delle lendini attaccate ai peli o un pidocchio che striscia sulla zona pubica. Dato che questi parassiti ti mordono per nutrirsi di sangue, proverai anche un certo prurito e infiammazione della cute. I morsi possono causare anche dei piccoli lividi nella zona genitale e un forte prurito. Potresti anche notare delle macchioline di sangue sulla biancheria intima e, a volte, presentare delle lesioni cutanee piene di pus a causa dell’infezione batterica; tuttavia, i pidocchi non trasmettono alcuna malattia.
    • Si sono registrati casi poco comuni di presenza di pidocchi pubici nelle sopracciglia, ciglia e sotto le ascelle. A questo tipo di infestazione si accompagnano prurito, occhi arrossati e palpebre infiammate.[2][3]
  3. 3
    Acquista un farmaco da banco. Cercane uno che contenga la permetrina all’1% oppure scegli delle lozioni o shampoo a base di piretrina. Questi prodotti sono insetticidi e neurotossici per i pidocchi. Puoi acquistarli facilmente in farmacia. La permetrina e la piretrina uccidono solo gli esemplari adulti e non le uova, per cui dovrai ripetere il trattamento una settimana dopo il primo; così ucciderai anche gli esemplari appena nati.[4][5]
    • Se sei una donna incinta, parla con il tuo medico per trovare il trattamento migliore e più sicuro.
    • Evita i rimedi casalinghi come i bagni bollenti e le rasature della zona, dato che in questo modo non uccidi i pidocchi.[6]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Trattamento

  1. 1
    Lava la zona infestata. Prima di applicare qualunque tipo di prodotto, dovresti essere sicuro che il pube sia pulito e asciutto. Usa acqua calda e sapone per detergere completamente l’area infestata dai pidocchi. Usa un panno pulito per asciugarti.
  2. 2
    Applica l’antiparassitario che hai scelto. Leggi il bugiardino e seguine le istruzioni alla lettera, per godere dei massimi benefici del prodotto che hai comprato. Ricordati di rivolgerti al medico se hai qualunque dubbio sulle modalità d’uso.[7]
  3. 3
    Verifica per quanto tempo devi lasciare in posa il prodotto. Gli shampoo devono essere lasciati agire per circa 10 minuti, ma le lozioni e le creme hanno bisogno anche di 8-14 ore. Annota l’ora dell’applicazione e imposta una sveglia o monitora l’ora.[8]
  4. 4
    Risciacqua la zona per eliminare ogni traccia di medicinale e asciuga il pube con cura. Una volta che il prodotto è rimasto in posa per il tempo stabilito, usa acqua calda per rimuoverlo. In questo modo elimini dalla cute anche le lendini e i parassiti morti. È fondamentale sbarazzarti dei pidocchi morti, perché potresti avere dei problemi di igiene, se li lasciassi sulla pelle.[9]
    • Ricordati di tenere i panni che hai usato per queste operazioni divisi dagli altri tessuti e biancheria. Lava gli asciugamani separatamente, per evitare la contaminazione crociata con il resto degli indumenti.
    • Nei casi in cui le lendini sono attaccate alla base del pelo, puoi staccarle con le unghie o un pettine a denti molto stretti.
  5. 5
    Usa il pettine per eliminare le uova. Hai bisogno di un pettine speciale studiato specificatamente per le lendini per rimuoverle dal pelo; un pettine normale non funzionerebbe. Pettina la regione pubica con grande attenzione, sezione per sezione. Immergi il pettine in una soluzione di acqua bollente e sapone per sbarazzarti delle uova mentre procedi.
    • Quando hai finito, sterilizza il pettine lavandolo con acqua saponata bollente. Sciacqua la regione pubica per eliminare le lendini o i pidocchi morti.
    • Puoi anche utilizzare delle pinzette pulite per staccare delicatamente tutte le uova.[10] In questo modo eviti che si schiudano causando un secondo sfogo dopo poche settimane.
  6. 6
    Tratta la zona delle palpebre e ciglia. In queste aree devi usare una vaselina particolare che può essere applicata in tutta sicurezza attorno agli occhi. Si tratta di un prodotto disponibile solo su prescrizione medica; per tale ragione, se noti dei segni di pidocchi vicino agli occhi, rivolgiti immediatamente al medico. Applica il farmaco ai bordi delle palpebre 2-4 volte al giorno per dieci giorni.[11]
    • Non usare i normali shampoo antiparassitari sugli occhi. Rivolgiti al medico per avere un farmaco specifico oppure elimina i pidocchi fisicamente con delle pinzette.[12]
  7. 7
    Sappi quando rivolgerti al medico. Se hai provato senza successo un prodotto da banco, allora fissa un appuntamento con il curante per farti prescrivere un farmaco più forte. Vai all’ambulatorio se riscontri una di queste situazioni:[13]
    • Grave arrossamento dovuto al prurito;
    • Infestazione recalcitrante a qualunque trattamento con prodotti da banco;
    • Presenza di pus a causa di un'infezione batterica secondaria;
    • Occhi arrossati e pruriginosi;
    • Febbre superiore a 37,7 °C.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prevenzione

  1. 1
    Indossa abiti e biancheria intima puliti. Per evitare future infestazioni, metti solo abiti e slip puliti dopo il trattamento. Tutti i vestiti che hai indossato prima della cura andrebbero lavati immediatamente.
  2. 2
    Lava tutti gli abiti, lenzuola e tutta la biancheria. Una volta che hai trattato l’infestazione, lava tutto ciò che hai usato nel periodo precedente. I pidocchi e le lendini che possono essere ancora presenti nelle lenzuola, asciugamani e abiti saranno uccisi dal lavaggio in lavatrice e dal ciclo in asciugatrice. Devi usare un programma di lavaggio molto caldo e impostare anche l’asciugatrice sul ciclo più caldo per almeno 20 minuti.[14] Ripeti questa procedura dopo ogni trattamento. Continua finché ogni parassita non sarà scomparso dal tuo corpo e dai tuoi oggetti personali.
    • Conserva gli indumenti in sacchetti di plastica sigillati finché non li laverai. Se non puoi fare immediatamente il bucato, conserva gli abiti sporchi in sacchetti di plastica per due settimane. Trascorso questo tempo i pidocchi dovrebbero essere morti.[15]
  3. 3
    Monitora la zona trattata. Controllala nelle settimane seguenti; se noti altri parassiti, provi del prurito o noti dell’arrossamento, entro una settimana segui lo stesso trattamento descritto in precedenza per curare la zona.
    • Alcune creme uccidono gli esemplari adulti, ma non le lendini, quindi dovrai curarti una seconda volta quando le uova si schiuderanno.
  4. 4
    Informa tutti i tuoi partner sessuali e astieniti dal sesso. Contatta i partner con cui hai avuto rapporti sessuali nel periodo precedente e informali che hai avuto i pidocchi pubici. Le persone con questo tipo di infestazione sono più propense ad avere anche la gonorrea o la clamidia. Tu e i tuoi partner dovreste valutare l’opportunità di sottoporvi ai test per un’ampia gamma di malattie sessualmente trasmissibili.[16] Nel frattempo evita qualunque contatto sessuale, finché non ti sarai sbarazzato dei pidocchi.
    • L’uso del preservativo non previene la diffusione di questi parassiti, dato che si trasmettono con il contatto cutaneo.
    Pubblicità

Consigli

  • I cani, i gatti e gli altri animali domestici non svolgono alcun ruolo nella diffusione e trasmissione dei pidocchi umani.
Pubblicità

Avvertenze

  • La presenza di pidocchi pubici sulla testa e nelle sopracciglia dei bambini potrebbe indicare attività o abuso sessuale.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Ostetrica e Ginecologa
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Lacy Windham, MD. La Dottoressa Windham lavora come Ostetrica e Ginecologa Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Tennessee. Ha completato l’internato alla Eastern Virginia Medical School nel 2010, dove ha ricevuto un premio per il suo eccezionale operato come medico interno.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità