Come Trattare la Gastroenterite

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

La gastroenterite (generalmente chiamata influenza intestinale) è una patologia contraddistinta dall'infiammazione del tratto gastrointestinale causata solitamente da un'infezione virale. I sintomi ordinari includono mal di stomaco, nausea, crampi, vomito e dissenteria. Sebbene non esista una cura vera e propria per questa malattia, è possibile attenuare i sintomi in diversi modi; prosegui nella lettura e metti in pratica i suggerimenti dell'articolo per tornare a stare bene. È opportuno sottolineare che i sintomi associati alla gastroenterite sono comuni anche ad altre patologie gastrointestinali più gravi, quindi se persistono è necessario consultare il medico.

Parte 1 di 5:
Diagnosticare la Gastroenterite

  1. 1
    Valuta se stai manifestano i sintomi comuni della gastroenterite. L'influenza intestinale è una combinazione di disturbi gastrointestinali e sintomi generalmente legati ai malanni stagionali, tra cui febbre e nausea. Potresti aver contratto la gastroenterite se sei affetto da alcuni di questi disturbi:
    • Dissenteria (senza la presenza di sangue);
    • Nausea;
    • Vomito;
    • Crampi addominali;
    • Febbriciattola;
    • Mal di testa o vertigini;
    • Indolenzimento muscolare o spossatezza.
  2. 2
    Fai analizzare un campione di feci. Questo semplice esame consente di determinare se hai contratto due virus comuni: il rotavirus o il norovirus. Inoltre premette di diagnosticare se è in corso un'infezione batterica o parassitaria.[1]
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Rimedi Immediati

  1. 1
    Stai sdraiato. Stando in posiziona supina o raggomitolato su un fianco in posizione fetale potresti accorgerti che il dolore diminuisce.
  2. 2
    Bevi una tisana allo zenzero o alla menta. La menta riduce gli spasmi dello stomaco che causano il vomito e dona sollievo all'intero tratto digestivo.
    • Lo zenzero ha proprietà antinfiammatorie che lo rendono un vero e proprio toccasana in caso di mal di stomaco.
    • Puoi usare una tisana in bustina oppure tritare un pezzo di zenzero fresco e lasciarlo in infusione nell'acqua bollente per una decina di minuti.
  3. 3
    Bevi molta acqua. Una causa comune della gastroenterite è la disidratazione. Dovresti bere circa 3 litri d'acqua al giorno se sei un uomo o 2,2 litri se sei una donna.[2]
    • Puoi bere una bevanda in grado di reintegrare gli elettroliti persi per via del vomito o della dissenteria (per esempio il Gatorade). Se preferisci un'alternativa naturale, puoi bere l'acqua di cocco. Queste bevande possono aiutarti ad assumere le vitamine e i minerali di cui il tuo corpo ha bisogno per guarire.
    • Assumi una soluzione reidratante orale se sei incline a soffrire di disidratazione. Puoi acquistarla in farmacia e serve a reintrodurre il glucosio e gli altri minerali essenziali persi.[3]
    • Se hai la gastroenterite, non bere latte o succhi di frutta. Gli zuccheri contenuti nella frutta e nel latte possono turbare ulteriormente lo stomaco reso sensibile dalla malattia.
    • Consulta il medico se la condizione di disidratazione non migliora o addirittura peggiora. Potresti aver bisogno di ricevere i liquidi per via endovenosa.
  4. 4
    Succhia del ghiaccio. Metti alcuni cubetti di ghiaccio in un sacchetto di plastica richiudibile e frantumali con il martello o il batticarne. Quando hai ottenuto delle scaglie, succhiale per reidratare il corpo e far scendere la temperatura se hai la febbre.
  5. 5
    Evita i cibi solidi. Se stai manifestando i sintomi più spiacevoli della malattia, come il vomito, astieniti dal mangiare cibi solidi per un giorno o due. In tal caso fai in modo che il tuo organismo riceva comunque tutte le sostanze nutrienti che gli servono per guarire. Vai in farmacia e acquista un integratore alimentare che contenga vitamine, minerali ed elettroliti per garantire la corretta nutrizione al corpo.
    • Quando ti senti meglio e desideri ricominciare a mangiare normalmente, inizia con dei cibi leggeri. Se dovessi interrompere la dieta con un hamburger, il corpo subirebbe uno shock e in poco tempo ricomparirebbe il mal di stomaco.
    • Inizia con dei cibi semplici, come il riso bollito, il pollo lesso, il pane tostato o una banana.[4]
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Rimedi Intermedi

  1. 1
    Curati con la dieta BRAT. Questo rimedio contro il mal di stomaco utilizzato ormai da secoli è in pratica una dieta a base di banane, riso, mele e pane tostato. Puoi seguirla per uno o due giorni dopo l'episodio di gastroenterite.
    • I quattro ingredienti che compongono la dieta BRAT sono ricchi di fibre e molto facili da digerire. Non è un regime alimentare adatto a essere protratto nel tempo, ma può essere molto utile in seguito a un attacco di gastroenterite.
    • Puoi apportare delle varianti alla dieta inserendo per esempio lo yogurt e una bevanda calda preparata con ingredienti naturali.[5]
  2. 2
    Prendi un farmaco contro il mal di stomaco. Certi medicinali che curano l'indigestione si possono utilizzare anche per alleviare i sintomi della gastroenterite. Alcuni tra i più noti sono il Gaviscon e il Maalox. Questi farmaci sono realmente utili solo in caso di indigestione, reflusso acido o di gas in eccesso nell'intestino, ma possono servire a rilassare lo stomaco.
    • Non prendere gli antidolorifici dato che possono far peggiorare il mal di stomaco e danneggiarne le pareti. Fai attenzione in particolare ai farmaci a base di ibuprofene, un principio attivo che notoriamente causa danni allo stomaco.
    • Non assumere farmaci o sostanze a cui sei allergico o intollerante e assicurati che i medicinali che prendi non interagiscano negativamente tra loro. Leggi con attenzione le etichette alla ricerca di eventuali avvertenze per coloro che sono affetti da gastroenterite. Consulta il medico se hai dei dubbi.
  3. 3
    Aspetta che passi. La verità è che non esiste una cura specifica per la gastroenterite, ma non temere passerà. Generalmente il corpo riesce a sconfiggere l'infezione in 48-72 ore, ma talvolta può durare fino a 10 giorni. Se in sintomi non si placano, valuta di rivolgerti a uno specialista.
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Trattamenti a Lungo Termine

  1. 1
    Vai dal medico per farti prescrivere un farmaco ad azione più forte. Se utilizzando quelli da banco o gli altri rimedi descritti non hai ottenuto alcun beneficio, valuta di andare dal medico per farti prescrivere un medicinale più forte.
    • I farmaci con obbligo di ricetta che vengono generalmente prescritti per placare il vomito includono quelli a base di prometazina (come il Fargan), proclorperazina (come lo Stemetil) e ondasetron (come lo Zofran). Solitamente sono in forma di supposte oppure si possono somministrare per via endovenosa; in entrambi i casi per evitare che il paziente le espella in caso di vomito.
    • Per attenuare la dissenteria, il medico potrebbe prescriverti un farmaco antidiarroico a base di difenossilato e atropina o loperamide (come l'Imodium o il Dissenten).
  2. 2
    Prendi appuntamento con uno specialista se i sintomi non si placano. Gli stessi disturbi che caratterizzano la gastroenterite possono indicare la presenza di una patologia gastrointestinale più grave.
    • Generalmente le terapie per curare le patologie gastrointestinali sono a base di antibiotici, steroidi e farmaci immunosoppressori.
    • Il primo passo per guarire dalle patologie gastrointestinali è quello di ottenere una diagnosi accurata. Fatti visitare da uno specialista qualificato e sottoponiti agli esami necessari.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Prevenire la Gastroenterite

  1. 1
    Valuta il vaccino. In alcuni paesi è possibile far vaccinare i neonati per prevenire le infezioni dovute al rotavirus. Informati con il pediatra. Nella maggior parte dei casi il vaccino contro il rotavirus evita che i bambini manifestino sintomi gravi.[6]
  2. 2
    Prenditi cura della tua igiene personale. Utilizza un gel disinfettante per le mani ogni volta che serve e lavale sempre dopo essere stato in bagno, in un luogo pubblico, prima e dopo i pasti e ogni volta che lo ritieni appropriato durante l'arco della giornata. Lava tutti gli indumenti, i capi di biancheria e i giocattoli che entrano a contatto con la persona infetta per evitare che il virus si diffonda.
  3. 3
    Pulisci ogni giorno le superfici del bagno e della cucina. Usa un detergente che contenga candeggina per sterilizzare i piani di lavoro ed evitare la propagazione dei batteri.
  4. 4
    Non toccarti il viso quando non serve. In media durante il corso della giornata ogni individuo entra a contatto diretto con virus e batteri che hanno la capacità di farlo ammalare. Fai attenzione a non toccarti il viso inutilmente, in special modo gli orifizi (bocca, naso, occhi e orecchie). Lavati accuratamente le mani prima di toccarti il volto quando serve.
  5. 5
    Fai attenzione ai cibi crudi o poco cotti. Le probabilità che trasmettano un virus pericoloso per il tuo apparato gastrointestinale sono molto elevate. In particolare la carne è portatrice di virus. Sii cauto nel mangiare la carne e altri alimenti crudi o poco cotti.
    • Non bere l'acqua non filtrata o il latte non pastorizzato se è possibile. Possono convogliare virus e batteri pericolosi per la salute. Bevi solo da bottiglie sigillate che hai aperto personalmente e usa l'acqua in bottiglia anche semplicemente per lavarti i denti quando viaggi.
    • Lava accuratamente la frutta e la verdura prima di mangiarla per rimuovere i batteri presenti all'esterno.
    Pubblicità

Consigli

  • Bevi solo liquidi trasparenti.
  • Quando la fase acuta è passata, evita comunque di fare sforzi. Il tuo corpo ha bisogno di riposo per guarire.
  • Rimani a letto. Riposa in un ambiente fresco, silenzioso e poco illuminato.
  • Adotta una dieta povera di grassi, zuccheri e alimenti pesanti per rinforzare il sistema immunitario.
  • Valuta di assumere un multivitaminico per dare sostegno al sistema immunitario.
  • Non spaventarti, la gastroenterite è una malattia temporanea. A dispetto dei sintomi che possono essere anche molto fastidiosi non ti ucciderà.
  • Non cercare di soffocare il vomito, in quel modo il tuo corpo si libera dalla malattia.
  • In alcuni casi la disidratazione persiste perché a causa del vomito il corpo non è in grado di trattenere i liquidi. Una possibile soluzione è quella di sorseggiare l'acqua molto lentamente, anche quando hai molta sete e hai l'istinto di berla rapidamente. La peggior cosa è lasciare lo stomaco privo di fluidi, quindi prendi dei provvedimenti per assicurare la giusta idratazione all'organismo.
Pubblicità

Avvertenze

  • Evita il contatto con le altre persone durante la malattia dato che è contagiosa.
  • Stai alla larga dai cibi grassi, unti o ad alto contenuto di zucchero mentre sei malato.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità