Come Trattare le Ustioni dei Neonati

Scritto in collaborazione con: Laura Marusinec, MD

Niente è più terribile del sapere che la salute del proprio bambino è in pericolo. I bimbi sono purtroppo estremamente curiosi e spesso tendono a esplorare il mondo che li circonda in maniera pericolosa. È assolutamente necessario essere sempre vigili e prendere tutte le precauzioni possibili. Se dovesse effettivamente succedere qualche incidente, alcune rapide azioni potrebbero proteggere tuo figlio dalle ustioni.

Parte 1 di 3:
Gestire un'Emergenza

  1. 1
    Allontana il bimbo dal pericolo. Se è avvolto dalle fiamme, coprilo con una coperta o una giacca e aiutalo a rotolare sul terreno per spegnerle. Rimuovi tutti gli indumenti che ancora bruciano. Mantieni la calma: il panico può essere contagioso.
    • Se devi affrontare un'ustione elettrica, accertati che il bimbo non sia a contatto con una fonte di elettricità prima di toccarlo.
    • In caso di ustione chimica, fai scorrere dell'acqua sull'area colpita per almeno cinque minuti. Se l'ustione ha interessato un'ampia zona del corpo, metti il bimbo nell'acqua di una vasca o sotto una doccia. Non togliere i vestiti finché la zona colpita non è stata pulita.[1]
    • Se i vestiti aderiscono al sito dell'ustione, non cercare di staccarli, perché potresti provocare ulteriori danni. Limitati a tagliare il tessuto tutto attorno, lasciando il pezzo di indumento sulla ferita.[2]
  2. 2
    Chiama il pronto soccorso, se necessario. Devi far intervenire l'ambulanza se l'ustione è più estesa di 8 cm o se appare carbonizzata e bianca.[3] Devi chiamare il 118 o andare al pronto soccorso più vicino anche se si tratta di un'ustione provocata dal fuoco, da una sorgente elettrica o da una sostanza chimica. Se noti dei segni di infezione sull'area interessata, come gonfiore, pus o un arrossamento che peggiora, devi chiamare il medico. Devi cercare cure mediche anche se l'ustione è in un punto sensibile e delicato — per esempio il viso, il cuoio capelluto, le mani, le articolazioni o i genitali.[4]
    • Chiama l'ambulanza o vai all'ospedale più vicino se il bimbo ha difficoltà a respirare o sembra molto letargico dopo l'incidente.
    • Dopo aver chiamato i servizi d'emergenza, puoi iniziare a curare le lesioni in attesa dell'arrivo dei medici.
  3. 3
    Fai scorrere dell'acqua fredda sul sito dell'ustione. Assicurati che sia fresca, ma non ghiacciata. Falla scorrere sulla lesione per circa 15 minuti, in modo da raffreddare la pelle. Non usare il ghiaccio e non applicare dei gel freddi, ad eccezione dell'aloe vera. Evita di far scoppiare le bolle.[5]
    • Se l'ustione è estesa, fai sdraiare il bambino e solleva la zona colpita oltre l'altezza del torace. Tampona un panno fresco su tutta l'area per 10-20 minuti. Non tenere troppe parti del corpo sotto l'acqua fredda, perché potresti provocare uno shock.[6]
    • Il ghiaccio può danneggiare la pelle; diffida inoltre di alcuni rimedi casalinghi che vengono ritenuti efficaci per le ustioni, ma che in realtà causano danni maggiori. Tra questi ci sono il burro, le sostanze grasse e la polvere come il talco. Evita di usarli.[7]
  4. 4
    Applica il gel di aloe vera. Dopo aver lavato l'ustione e prima di coprirla, applica questa sostanza per favorire la guarigione. Se allenti la fasciatura, potrai riapplicarla altre volte durante il corso della giornata.
  5. 5
    Copri la lesione. Asciuga la zona ustionata tamponandola. Per proteggerla da ulteriori danni, dovresti fasciarla con una garza; per non aggravare la situazione, scegli un bendaggio antiaderente e avvolgilo in maniera lasca attorno alla ferita.[8]
    • Se non hai una garza sterile, vanno bene anche un lenzuolo o un asciugamano pulito.[9]
  6. 6
    Fornisci sollievo dal dolore. Somministra al bimbo una forte dose di paracetamolo (Tachipirina) o ibuprofene (Brufen) in formulazione pediatrica. Segui le istruzioni del bugiardino e, se tuo figlio non ha mai preso farmaci finora, valuta di chiamare il pediatra.[10] Se non ha ancora raggiunto i sei mesi di età, evita di dargli l'ibuprofene.[11]
    • È difficile capire quanto stia soffrendo. Un buon criterio di valutazione consiste nell'osservare se i pianti o le urla sono più forti e più prolungati del solito. Potrebbe anche fare delle smorfie, corrugare la fronte o strizzare gli occhi chiusi. Potrebbe inoltre non voler mangiare o dormire nei suoi orari regolari.[12]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Promuovere la Guarigione

  1. 1
    Aspetta che il tempo faccia guarire le ferite. Se il bimbo ha avuto un'ustione di primo grado, caratterizzata da arrossamento e lieve gonfiore, ci vorranno circa 3-6 giorni. Se si sono formate delle bolle e il bimbo prova un forte dolore, segnali che indicano un'ustione di secondo grado, potrebbero essere necessarie anche tre settimane prima di guarire. Nel caso di un'ustione di terzo grado, che fa assumere alla cute un aspetto cereo bianco, simile al cuoio, marrone o carbonizzato, sarà molto probabilmente necessario intervenire con una procedura chirurgica.[13]
  2. 2
    Chiedi al medico di prescrivere dei rimedi per proteggere la pelle. Capita spesso che possa raccomandare degli indumenti a compressione su misura, dei fogli in gel di silicone o altri inserti su misura. Nessuno di questi guarisce le ustioni in maniera diretta, ma tutti riducono il prurito e proteggono la zona lesionata da ulteriori danni. Inoltre, impediscono che il bimbo si gratti le ferite pruriginose, con il rischio di provocare cicatrici.[14]
  3. 3
    Tieni sotto controllo il dolore del bimbo. Dagli un forte dosaggio di paracetamolo (Tachipirina) o di ibuprofene (Brufen), ma in formulazione pediatrica. Attieniti alle indicazioni del bugiardino per quanto riguarda la posologia. Se non ha mai assunto dei medicinali finora, devi contattare il pediatra prima di somministrargli questi farmaci.[15] Come accennato prima, evita l'ibuprofene se il neonato non ha ancora compiuto sei mesi di età.[16]
    • Potrebbe risultare difficile capire se sta soffrendo. Puoi però rendertene conto se piange e urla in maniera più prolungata e più forte del solito. Inoltre, fai attenzione se fa le smorfie, corruccia la fronte o strizza gli occhi. Potrebbe anche non voler mangiare o dormire, come invece fa solitamente.
  4. 4
    Segui il piano terapeutico indicato dal pediatra per le cure a casa. Se il bimbo ha subito un'ustione di secondo o terzo grado, il medico ti indicherà dei trattamenti da mettere in atto a casa, che prevedono il cambio delle fasciature, l'applicazione di creme o pomate e altri possibili rimedi. Attieniti scrupolosamente a quanto ti indica e chiamalo per qualunque dubbio o preoccupazione; assicurati inoltre di portare tuo figlio a tutte le visite di controllo programmate.
  5. 5
    Massaggia il tessuto cicatriziale con un prodotto idratante. Se vedi che si formano delle cicatrici sulla pelle, devi trattarle facendo dei massaggi e tenendo la pelle umida. Strofina delicatamente una crema idratante su tutta la zona interessata, spalmandola verso l'alto e verso il basso con dei movimenti circolari.[17]
    • Aspetta però che le lesioni siano completamente guarite prima di iniziare a massaggiare le cicatrici. Continua ad applicare il prodotto diverse volte al giorno per almeno alcune settimane.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prevenire Futuri Incidenti

  1. 1
    Installa un rilevatore di fumo. Per evitare che il bimbo entri in contatto con delle fiamme incontrollate, assicurati di posizionare dei rilevatori in tutta la casa. Mettili nei corridoi, nelle camere da letto, in cucina, in sala e vicino al fornello. Testali ogni mese e cambia le batterie almeno una volta all'anno.[18]
  2. 2
    Non fumare al chiuso. Per evitare il rischio di incendi, non dovresti mai fumare negli spazi interni. Cerca di fumare all'aperto o, meglio ancora, smetti del tutto.[19]
  3. 3
    Imposta lo scaldabagno a una temperatura inferiore ai 50 °C. L'ustione da acqua bollente è un incidente molto frequente tra i bambini. Non superare questa temperatura, per mantenerla sicura ed evitare il rischio di bruciature.[20]
  4. 4
    Non lasciare incustodito il cibo sul fuoco. Se hai dei bambini, devi sempre controllare molto attentamente i fornelli, quando li usi. In alternativa, lascia i bambini fuori dalla cucina e presta attenzione che non si avvicinino.[21] Tieni i manici delle stoviglie rivolti sempre verso l'interno del fornello, in modo che i bambini non possano raggiungerli facilmente.[22]
  5. 5
    Nascondi gli oggetti infiammabili. I fiammiferi e gli accendini devono sempre rimanere in luoghi dove i bambini non riescano a trovarli. In alternativa, mettili lontano dalla loro portata. Per esempio, lasciali in posti troppo alti che i bambini non possano raggiungere o in cassetti chiusi a chiave. Tieni sotto chiave anche i liquidi infiammabili, meglio se fuori casa e lontano da fonti di calore.[23]
    • Riponi tutte le sostanze chimiche fuori dalla portata dei bambini e rinchiusi in spazi inaccessibili per loro.
  6. 6
    Tieni al sicuro anche le prese elettriche. Installa delle coperture a prova di bimbo su tutte le prese di casa ed elimina tutti gli apparecchi elettrici che hanno i fili danneggiati o usurati. Non collegare inoltre troppi dispositivi a un'unica prolunga.[24]
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Dottoressa in Medicina
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Laura Marusinec, MD. La Dottoressa Marusinec è una Pediatra Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea in Medicina al Medical College of Wisconsin School of Medicine nel 1995.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità