Come Trattare un'Unghia del Piede Lacerata

Scritto in collaborazione con: Jennifer Boidy, RN

Che tu abbia subito un infortunio durante l'attività sportiva o un banale incidente domestico, la lacerazione dell'unghia del piede è un evento doloroso. I medici parlano di avulsione quando l'unghia si stacca completamente dalla sua sede (letto ungueale). Per fortuna, molte di queste ferite possono essere curate a casa rispettando delle opportune procedure di pulizia e medicazione, purché tu sia in grado di riconoscere i segnali che indicano quando è meglio rivolgersi al medico.

Parte 1 di 3:
Trattare la Lacerazione a Casa

  1. 1
    Gestisci quello che è rimasto dell'unghia. Alcune avulsioni sono considerate minori – la maggior parte dell'unghia resta attaccata - mentre altre comportano un distacco completo. Dopo l'incidente, è necessario occuparsi in maniera corretta del moncone rimasto, in modo da iniziare il processo di guarigione con il "piede giusto". Lascia attaccato tutto quello che non si è separato dal dito; se una porzione d'unghia si è staccata dalla sua sede, tagliala via delicatamente, cercando di avvicinarti quanto più possibile alla cuticola o alla zona di contatto.[1] Taglia seguendo la linea della lacerazione.
    • Lima il moncone in modo che il bordo risulti liscio per evitare che si incastri fra le fibre dei calzini o delle lenzuola.
    • Se la vista della lacerazione ti fa impressione o hai delle difficoltà, chiedi a un amico o a un familiare di aiutarti; i bambini hanno probabilmente bisogno dell'intervento di un adulto.
    • Se indossi degli anelli da piede, toglili prima di curare la ferita. Se incontri dei problemi a sfilare i gioielli, puoi usare acqua e sapone per lubrificare la pelle; se non ci riesci, chiama il medico.
  2. 2
    Ferma eventuali emorragie. Applica una pressione diretta sul sito della ferita usando un panno pulito o una garza[2] e tienilo in posizione per 10 minuti o finché il sanguinamento non si ferma; per favorire il processo, sdraiati e solleva il piede su dei cuscini.
    • Se la fuoriuscita di sangue non si ferma dopo 15 minuti, rivolgiti al medico.
  3. 3
    Pulisci scrupolosamente la ferita. Lava il dito con acqua calda, sapone e un panno. Se la zona è sporca, strofina via delicatamente i detriti, avendo cura di staccare anche il sangue secco e altri residui; non temere di chiedere aiuto a un amico o parente. Pulisci la zona al meglio per evitare possibili infezioni.
    • Asciuga il piede e il dito tamponando con un panno o un telo pulito; evita di strofinare, altrimenti potresti stimolare la ripresa del sanguinamento.
  4. 4
    Applica una pomata antibiotica. Una volta che il dito è pulito e asciutto, spalma sulla ferita una pomata antibiotica trivalente, che puoi in genere acquistare in farmacia senza prescrizione medica.[3]
    • Puoi trovare il farmaco in forma di crema, ma dovresti comunque optare per la pomata, che impedisce alla garza di attaccarsi alla lesione.
    • Se la pelle è intatta e non ci sono tagli o graffi, puoi limitarti a usare della vaselina al posto del prodotto antibiotico.
  5. 5
    Metti un bendaggio.[4] Acquista delle garze sterili o delle fasciature antiaderenti e del nastro medico. Applica la garza sul dito infortunato (tagliandola per adattarne le dimensioni, se necessario) e poi avvolgila diverse volte con una benda per tenerla ferma. Lascia che una parte abbondante della medicazione sporga oltre il dito, in modo da poterla ripiegare delicatamente sull'unghia e realizzare una sorta di "cappuccio" che puoi togliere facilmente in seguito. Fissa il tutto con due strisce di nastro medico disposte a X, per permettere alla medicazione di aderire al piede e restare ferma.
    • Puoi acquistare delle garze antiaderenti oppure assicurati di spalmare la vaselina o la pomata sulla ferita prima di bendare il dito. Quando togli la fasciatura presta molta attenzione a non strattonare l'unghia o la zona ferita; se la garza si appiccica alla lesione, immergi il piede in acqua calda per alcuni minuti per favorirne il distacco.[5]
    • Non fasciare il dito in maniera tanto stretta da farlo diventare rosso, viola o fino al punto da perdere la sensibilità tattile; la medicazione dovrebbe essere saldamente ferma, ma non costrittiva.
  6. 6
    Cambia la fasciatura ogni giorno. Toglila quotidianamente con delicatezza e lava il dito con acqua calda saponata; applica nuovamente la pomata antibiotica e metti una nuova garza. Se la benda si sporca o si bagna, sostituiscila.[6] Dovresti rispettare questo regime per 7-10 giorni, finché il letto ungueale (la parte molle e sensibile che si trova sotto l'unghia) non diventa duro.[7]
    • In teoria, dovresti mettere un bendaggio nuovo e pulito ogni sera prima di coricarti; così facendo, proteggi l'unghia ferita da urti o strattoni mentre dormi.
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Minimizzare il Dolore

  1. 1
    Applica spesso il ghiaccio durante il primo giorno. Nelle prime 24 ore dall'incidente, appoggia la borsa del ghiaccio sulla ferita per 20 minuti ogni due ore con lo scopo di controllare il gonfiore e il dolore.[8] Riempi un sacchetto di plastica con ghiaccio e avvolgi il tutto in un asciugamano prima di metterlo sul piede, per evitare il contatto diretto con un oggetto troppo freddo.
    • Trascorso il primo giorno, continua la terapia del freddo per 20 minuti 3-4 volte al giorno.
  2. 2
    Solleva il piede. Se provi un dolore pulsante, sdraiati e appoggia il piede infortunato sopra alcuni cuscini, in modo che si trovi più in alto rispetto al cuore.[9] Si tratta di un piccolo accorgimento che ti aiuta a ridurre il gonfiore; procedi in questa maniera durante le prime 48 ore.[10]
  3. 3
    Prendi degli analgesici da banco. L'ibuprofene e il naprossene tengono sotto controllo l'edema e ti aiutano a gestire il dolore; il paracetamolo è inefficace sul gonfiore, ma è un antidolorifico. Sono tutti medicinali disponibili in farmacia senza prescrizione medica, ma rispetta scrupolosamente la posologia riportata sul bugiardino.
    • Se hai problemi cardiaci, nefropatie, ipertensione, soffri o hai sofferto di ulcera peptica, chiedi consiglio al dottore prima di assumere questi farmaci.[11]
  4. 4
    Indossa scarpe comode o con la punta aperta per diverse settimane. Le calzature strette applicano una pressione dolorosa sull'unghia infortunata, opta quindi per quelle ampie o senza punta per ridurre la sofferenza e favorire la guarigione. Rispetta questa indicazione per tutto il tempo che ritieni necessario.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Quando Rivolgersi al Medico

  1. 1
    Vai dal dottore se ci sono segni di infezione. Non importa con quanto scrupolo ti sei occupato della lesione, potrebbe comunque infettarsi. In tal caso, puoi notare delle striature rosse che partono dal dito e si estendono al piede o alla gamba; potresti inoltre avere la febbre a 38 °C o anche più alta. Un altro segnale di infezione è la presenza di pus – una sostanza densa, bianca o colorata che esce dalla ferita. Se noti uno qualunque di questi sintomi, vai all'ambulatorio medico, perché potrebbe trattarsi di una grave complicazione.[12]
    • In caso di infezione, il dottore potrebbe prescriverti degli antibiotici; assumili come ti viene indicato finché non hai concluso il ciclo di terapia.
  2. 2
    Vai dal medico nel caso il dolore, il gonfiore o l'arrossamento peggiorino. Se la dolenzia è tanto intensa da impedirti di dormire o di svolgere le attività quotidiane, non regredisce dopo due ore dall'assunzione degli analgesici o peggiora con il passare del tempo, hai bisogno di un intervento professionale. Se il gonfiore diventa più grave e non migliora con l'applicazione di ghiaccio, l'assunzione di farmaci e sollevando il piede, vai dal medico.[13]
    • Poniti delle domande in merito all'intensità del dolore, ad esempio: "Il dito è più dolente oggi rispetto a ieri e l'ibuprofene non migliora la situazione: è una situazione normale?" oppure "Qual è il livello di gonfiore considerato nella norma?".
  3. 3
    Fatti visitare se l'unghia diventa nera o blu. A volte, un infortunio da schiacciamento dell'unghia del piede (ad esempio un oggetto pesante che cade sulle dita) causa un ematoma subungueale – una sacca di sangue che genera dolore perché incrementa la pressione. Si manifesta come una macchia blu, nera o viola sotto l'unghia e, se occupa meno di ¼ della superficie dell'unghia stessa, probabilmente sparisce da sola; in caso contrario, devi rivolgerti al medico, perché potrebbe essere necessario un drenaggio per evitare altri danni e dolore.[14] Non cercare di farlo da solo o di chiedere a qualcun altro di forare l'ematoma, ma recati dal dottore.
    • Il medico pratica un piccolo foro nell'unghia da cui fa uscire il sangue; dovrebbe essere una procedura indolore e il drenaggio dovrebbe darti sollievo, perché riduce la pressione sotto l'unghia.
  4. 4
    Non esitare a chiamare il dottore nel caso ci sia un danno evidente che circonda l'unghia lacerata. Una ricrescita normale dipende dal fatto se il letto ungueale è stato rovinato o meno. Se sei preoccupato dell'aspetto che può avere l'unghia una volta cresciuta, valuta con il medico la possibilità di sottoporti a un piccolo intervento chirurgico. Se la zona circostante è compromessa, ad esempio ci sono dei tagli, vai all'ambulatorio; se il letto e la matrice dell'unghia sono molto danneggiati, quella nuova potrebbe non crescere oppure avere una forma diversa – ma si tratta di problemi risolvibili.
    • Sono necessari 6-12 mesi prima che l'unghia del piede ricresca completamente.[15]
  5. 5
    Chiedi aiuto se non riesci a pulire la lesione. Se passi un quarto d'ora o più a strofinare l'unghia per pulirla e con scarsi risultati, rivolgiti al medico. È fondamentale che la ferita sia accuratamente detersa per evitare infezioni; se non puoi farlo da solo, è opportuno che qualcuno ti aiuti.[16]
    • In base alla dinamica dell'incidente, potresti essere sottoposto a un'iniezione di richiamo contro il tetano o a quella di immunoglobuline. Se la ferita è sporca e sono trascorsi almeno cinque anni dall'ultimo richiamo, devi fare l'iniezione, così come se il taglio è pulito, ma non ti vaccini da almeno 10 anni.[17]
  6. 6
    Fai delle radiografie se il dito non si muove o ha un aspetto anomalo. Molti infortuni che causano l'avulsione dell'unghia sono responsabili anche di fratture. Osserva il dito per capire se riesci a piegarlo e raddrizzarlo completamente; in caso contrario, prendi nota se è piegato o rivolto in una direzione in maniera innaturale, perché potrebbe essere rotto. Se questo è il tuo caso, devi andare al pronto soccorso per ottenere le cure adeguate.[18]
    Advertisement

Consigli

  • Se l'unghia è gravemente danneggiata, potrebbe staccarsi completamente in una o due settimane; lascia che cada in maniera naturale invece di rimuoverla con la forza.[19]
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Infermiera Registrata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Jennifer Boidy, RN. Jennifer Boidy è un'Infermiera Iscritta all'Albo che lavora nel Maryland. Ha conseguito il Diploma in Scienze Infermieristiche presso il Carroll Community College nel 2012.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement