Come Trattare una Puntura di Bruco

Più di 50 specie di bruchi negli Stati Uniti sono in grado di infliggere una puntura dolorosa.[1] I bruchi, le forme adolescenti di falene e farfalle, hanno spesso fibre e peli pungenti come forma di protezione contro i predatori; in alcuni casi questi contengono tossine e le rilasciano quando penetrano nella pelle.[2]

Anche un lieve sfioramento può provocare dermatite da contatto, dolore e prurito. Essere attaccato da un bruco e punto può essere molto doloroso secondo la sua specie. Fortunatamente, questi incidenti non sono gravi per la maggior parte delle persone, ma il dolore e il prurito dovrebbero essere trattati prontamente e se hai dei problemi di allergia, è saggio fare attenzione alle tue reazioni.

Passaggi

  1. 1
    Comprendi i tipi di reazioni possibili a una puntura di bruco:[3]
    • Dermatite da bruco: prurito e dermatite da contatto, vesciche, piaghe, piccoli rigonfiamenti rossi, dolore.
    • Congiuntivite acuta se i peli penetrano l'occhio.
    • Lepidotterismo: orticaria, infiammazione delle vie respiratorie superiori, nausea, vomito, mal di testa e broncospasmi.
    • Il contatto con il bruco asiatico Dendrolimus pini può provocare un rash pruriginoso e portare anche a forme di artrite (poliartrite, osteoartrite cronica).
    • Possono presentarsi emorragia e collasso renale in seguito al contatto con il bruco "Lonomia" del Sud America. Il contatto con questo bruco può essere pericoloso, addirittura letale, se avviene in grande numero (ad esempio raccogliendo della vegetazione che ospita molti bruchi). Si trova in Brasile ed esiste un antidoto.[4]
  2. 2
    Calma la vittima della puntura. E' più facile e meno stressante trattare una puntura se sei calmo. Inoltre, il veleno ha la tendenza a viaggiare più velocemente quando un paziente si muove.[5] Ricorda che la maggior parte delle punture di bruchi nordamericani e europei, anche se dolorose, sono innocue. Le morti dovute a punture di bruco sono rare.[6]
  3. 3
    Rimuovi il bruco se è ancora all'interno del corpo. Usa un forcipe o delle pinzette, non le mani nude.[7]
  4. 4
    Metti dello scotch, del cellophane o del nastro adesivo sulla puntura. Strappa ripetutamente. In questo modo rimuoverai le spine, i peli e le tossine. Ogni volta che ripeti uno strappo, usa un nuovo pezzo di nastro, per evitare di ricontaminare la zona. [8]
    • Puoi usare un peel facciale al posto del nastro.[9]
  5. 5
    Lava la zona colpita usando acqua e sapone.[10] Rimuovi tutti i vestiti contaminati e lavali in acqua calda.
  6. 6
    Applica del ghiaccio sulla zona colpita dopo averla lavata. Quando la sensazione di bruciore si riduce (circa 15-20 minuti), applica una pasta realizzata con bicarbonato di sodio e acqua.[11]
    • Applica un anestetico topico se ne hai uno a disposizione.
    • Possono essere utili anche degli antidolorifici da banco. Segui le istruzioni sulla confezione.
    • Puoi ridurre al minimo il gonfiore elevando la zona punta.[12]
    • Puoi applicare nuovamente il ghiaccio ogni ora per 15-20 minuti per le ore seguenti se necessario.[13]
    • Un panno bagnato è un sostituto accettabile per il ghiaccio.
  7. 7
    Controlla la ferita. Cerca trasudazioni, irritazioni, gonfiore o cambi di colore; se i tuoi sintomi non migliorano, cerca cure mediche.
    • Se la vittima soffre di asma, febbre da fieno o altre allergie, o se si presentano i sintomi di una reazione allergica, chiama subito un medico.[14]
  8. 8
    Documenta il bruco che ti ha punto. Questo potrà essere importante in seguito, se osservi sintomi nuovi o peggiori. Se non hai una macchina fotografica a portata di mano, annota velocemente le sue caratteristiche - colore, lunghezza relativa, consistenza, numero approssimativo e consistenza delle spine. I bruchi da cui guardarsi comprendono:
    • Bruco-micio (Megalopyge opercularis): questo insetto è considerato il bruco più pericoloso degli Stati Uniti e dell'America centrale. Si tratta della forma larvale della falena e si può trovare dal Maryland al Messico. Più grande è il bruco, peggiore il suo effetto sulla pelle. Solitamente è possibile trovarli su molti alberi e cespugli, compresi olmo, acero, bagolaro, quercia, sicomoro, ecc.[15] E' più facile incontrarli tra Giugno e Settembre.[16] Tutti i pazienti avvertiranno dolore al momento della puntura, e uno su tre soffrirà anche di mal di testa, spasmi muscolari, difficoltà respiratorie e convulsioni.[17]
    • Bruco pungente delle rose: visibile spesso sui cespugli e sui rami più bassi di albero di Giuda, quercia, noce, bayberry, ciliegio selvatico e sicomoro.[18]
    • Bruco dalla sella: la puntura di questo bruco è seguita da grave irritazione. E' possibile trovarlo spesso su alberi decidui (ad esempio castagno, ciliegio, rovere, tiglio, e susino) e in alcuni casi sul mais.[19]
    • Bruco Euclea delphinii: questo bruco si trova spesso su rovere, faggio, castagno, salice, pero, bayberry, legno aspro, ciliegio selvatico e altri alberi.[20]
    • Bruco Hemileuca maia: ha delle spine velenose. Si trova su alberi di rovere e salice, solitamente in primavera fino a metà estate.[21]
    • Bruco di Automeris io: ha delle spine velenose. Lo potrai trovare su molte piante, comprese mais, rose, salici, olmi, roveri, meli, faggi, tigli, robinie, frassini, ribes e trifogli, solitamente da primavera a metà estate.[22]
    • Bruco di Phobetron pithecium: questo bruco somiglia a una foglia secca. Solitamente potrai trovarlo sui rami più bassi degli alberi e sui cespugli, compresi roveri, castagni, frassini, cornioli e sassofrassi.[23]
    • Bruco sputafuoco (Australia): questo bruco può sputare un liquido oltre a provocare una dermatite da contatto se i peli entrano nella pelle e vengono spezzati.[24]
    Pubblicità

Consigli

  • Non toccare e non maneggiare bruchi dai colori vivaci o pelosi. Queste caratteristiche sono spesso indicazioni naturali della presenza di pungiglioni o veleno.
    • Prendi nota della zona geografica nella quale sei stato punto e tieni bambini e animali domestici lontani da lì. Avvisa le forze dell'ordine se noti un livello insolito di riproduzione.
  • A meno che tu non sia un professionista addestrato, non tenere animali selvatici come animali da compagnia. Se vuoi allevare dei bruchi per farli diventare farfalle e falene, esistono dei siti web specializzati dai quali puoi ordinare uova ed equipaggiamenti.
  • Non grattarti la zona punta.
Pubblicità

Avvertenze

  • E' possibile avere una reazione allergica alle punture di bruco, e alcuni bruchi hanno veleni particolarmente potenti. Fai attenzione ai sintomi quali gonfiore di viso, gola o lingua, decolorazione della bocca, difficoltà respiratorie o un rash che si espande velocemente. Questi sintomi possono indicare una reazione grave, e richiedono attenzioni mediche immediate.
  • Non lasciare mai che i tuoi bambini o i tuoi animali domestici giochino con creature che non conosci, anche se si tratta di qualcosa di piccolo come un bruco. Insegna ai tuoi bambini a evitare soprattutto i bruchi spinosi e dai colori vivaci - questi colori e i peli sono spesso i segnali della natura che ci avvisa della presenza di un veleno.
  • Anche i bruchi che non pungono possono provocare danni al tuo giardino. Cerca i nidi bianchi e simili a ragnatele dei bruchi negli alberi; i bruchi di Thyridopteryx ephemeraeformis e di limantria sono parassitari e possono far morire gli alberi.
  • I farmaci antistaminici non aiutano in caso di punture di bruchi.[25]
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Nastro adesivo o peel per il viso
  • Pasta con bicarbonato di sodio e acqua
  • Ghiaccio o alimenti surgelati
  • Acqua pulita e sapone
  • Antidolorifici

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 20 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Riferimenti

  1. emedicine, Caterpillar Envenomation, http://emedicine.medscape.com/article/772949-overview
  2. DermNet NZ, Skin problems due to caterpillars and moths, http://dermnetnz.org/arthropods/caterpillars.html
  3. emedicine, Caterpillar Envenomation, http://emedicine.medscape.com/article/772949-overview
  4. Wikipedia, Lonomia, http://en.wikipedia.org/wiki/Lonomia
  5. Web MD, Insect Bites and Stings, http://firstaid.webmd.com/tc/insect-bites-and-stings-and-spider-bites-home-treatment
  6. emedicine, Caterpillar Envenomation, http://emedicine.medscape.com/article/772949-overview
  7. DermNet NZ, Skin problems due to caterpillars and moths, http://dermnetnz.org/arthropods/caterpillars.html
  8. Florida Information Poison Center, Stinging Caterpillars, http://www.poisoncentertampa.org/venomous-critters/caterpillars.aspx
  9. Web MD, Insect Bites and Stings, http://firstaid.webmd.com/tc/insect-bites-and-stings-and-spider-bites-home-treatment
  1. DermNet NZ, Skin problems due to caterpillars and moths, http://dermnetnz.org/arthropods/caterpillars.html
  2. Florida Information Poison Center, Stinging Caterpillars, http://www.poisoncentertampa.org/venomous-critters/caterpillars.aspx
  3. Web MD, Insect Bites and Stings, http://firstaid.webmd.com/tc/insect-bites-and-stings-and-spider-bites-home-treatment
  4. Web MD, Insect Bites and Stings, http://firstaid.webmd.com/tc/insect-bites-and-stings-and-spider-bites-home-treatment
  5. Florida Information Poison Center, Stinging Caterpillars, http://www.poisoncentertampa.org/venomous-critters/caterpillars.aspx
  6. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp
  7. emedicine, Caterpillar Envenomation, http://emedicine.medscape.com/article/772949-overview
  8. DermNet NZ, Skin problems due to caterpillars and moths, http://dermnetnz.org/arthropods/caterpillars.html
  9. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp
  10. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp
  11. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp
  12. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp
  13. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp
  14. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp
  15. Children, Youth, and Women's Health Services, Bites and Stings, http://www.cyh.com/HealthTopics/HealthTopicDetails.aspx?p=114&np=305&id=1813
  16. UK Ag, Caterpillar Stings, http://www.ca.uky.edu/entomology/entfacts/ef003.asp

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità