Come Trattare una Puntura di Vespa o Calabrone

Se ti sei mai imbattuto in una vespa o un calabrone, è probabile che non sia stato un bel momento. Gli effetti della puntura persistono per diversi fastidiosi giorni, ma possono essere alleviati con le cure corrette. Continua a leggere per sapere quali sono.

Parte 1 di 2:
Trattare la Puntura

  1. 1
    Tieniti a debita distanza. A differenza delle api, vespe e calabroni non muoiono dopo aver punto e non lasciano il pungiglione sotto la tua pelle. Possono comunque pungere più volte. Prima di trattare la puntura, assicurati di non averne più intorno.
  2. 2
    Solleva la parte interessata e rimuovi gli abiti stretti. Se il pungiglione si trova su gambe, braccia, mani o piedi, rimuovi immediatamente abiti stretti, scarpe o gioielli. Sarebbe più difficile rimuovere questi articoli dopo, quando la zona si gonfierà.
    • Sollevare la gamba o il braccio aiuta a ridurre il gonfiore, quindi anche il fastidio. Se la puntura è sulla gamba, sdraiati il più presto possibile.
  3. 3
    Metti del ghiaccio sulla parte interessata. La migliore cosa che puoi fare è mettere del ghiaccio sulla puntura. Non perdere tempo con rimedi farmaceutici, o i rimedi della nonna, ma avvolgi semplicemente del ghiaccio in un panno qualunque e lascialo sulla zona per 10 minuti. Rimuovilo quando la pelle diventa troppo fredda (te ne accorgerai da solo) e ripeti l'applicazione dopo brevi intervalli. Il dolore e il prurito si placheranno immediatamente.
    • Usa un impacco di ghiaccio, avvolgi dei cubetti di ghiaccio in un asciugamano o qualunque cosa tu abbia nel congelatore. È consigliabile avvolgere il ghiaccio in un panno per per evitare il contatto diretto con la pelle.
  4. 4
    Applica un po' di aceto sulla puntura. Bagna un batuffolo di cotone o un tovagliolo di carta nell'aceto e strofinalo sulla puntura. Le punture di vespe e calabroni sono alcaline e, di conseguenza, possono essere neutralizzate da una sostanza acida come l'aceto. Potrebbe essere necessario ripetere questa operazione a distanza di qualche minuto dal momento che l'aceto si asciuga velocemente.
    • Potresti inzuppare una benda nell'aceto e metterla sull'area affetta. Cambiala a distanza di qualche ora o quando è necessario. Questo ti permetterà di avere sempre l'aceto sulla ferita.
  5. 5
    Prendi un antistaminico (Cetrizina) o del paracetamolo (Tachipirina). Queste medicine aiutano ad alleviare la sensazione di prurito, il bruciore (antistaminico) e il dolore (paracetamolo). I sintomi generalmente svaniscono nel giro di 2-5 giorni; continua ad applicare il ghiaccio e assumi i medicinali se necessario.[1]
    • L'assunzione di aspirina è sconsigliata ai ragazzi sotto i 18 anni.[2]
  6. 6
    Mantieni la puntura pulita per prevenire infezioni. Accertati di pulire regolarmente la ferita con acqua e sapone. Una puntura non è motivo di preoccupazione se non diventa infetta (o se non sei allergico); mantenere la zona pulita diminuisce drasticamente le possibilità che si trasformi in una problema più grave.
  7. 7
    Se la persona punta ha una reazione allergica, chiama immediatamente l'ambulanza (118). Lo shock anafilattico è molto grave. Se la vittima mostra uno dei seguenti sintomi, cerca tempestivamente l'intervento di un medico:[2]
    • Difficoltà respiratorie
    • Oppressione alla gola
    • Difficoltà a parlare
    • Nausea o vomito
    • Battito cardiaco accelerato o palpitazioni
    • Se la pelle prude, formicola, si gonfia o diventa molto rossa
    • Ansia o capogiri
    • Perdita di coscienza
      • Se si tratta di shock anafilattico e hai a disposizione una EpiPen (Epinefrina), iniettala subito; prima lo fai, meglio è.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Rimedi Alternativi

  1. 1
    Usa il dentifricio. Un altro rimedio miracoloso, secondo solo al ghiaccio, è il dentifricio. La sua consistenza e il suo effetto ingannano il cervello facendogli credere che la zona sia grattata; quindi anche dal punto di vista psicologico dona sollievo.[3] Picchietta una piccola quantità di dentifricio sulla puntura, aspetta qualche minuto e i sintomi diminuiranno.
    • Dopo circa 5 ore - o quando il sollievo svanisce - dovrai applicarlo di nuovo. Tutti abbiamo il dentifricio in casa, e questo rimedio può essere più semplice rispetto all'impacco di ghiaccio.
  2. 2
    Se devi improvvisare, spalma del miele sulla puntura. Anche se non si tratta del miglior rimedio casalingo, aiuta a ridurre i sintomi e a farti sentire meglio, sebbene solo temporaneamente (all'incirca per un'ora); il tempo necessario per procurare una cura migliore.
    • Altri rimedi, come l'applicazione di una bustina del tè o tabacco, non sono molto efficaci.[3]
  3. 3
    Prendi in considerazione l'uso di farmaci, ma non esserne dipendente. In commercio ci sono molti prodotti per il trattamento di punture, ma nessuno di questi è efficace tanto quanto il ghiaccio. Se sei curioso, ecco alcuni dettagli:[3]
    • After Bite Stick è un tubetto ideale per campeggi o gite all'aperto, ma non è particolarmente efficace.
    • Il Caladryl può aiutare, ma anche altre creme vanno bene. Il sollievo è però solo temporaneo. Creme a base di idrocortisone sono l'ideale, ma il Caladryl è la migliore.
    Pubblicità

Consigli

  • Se il soggetto soffre di circolazione sanguigna lenta, lascia il ghiaccio sulla puntura per intervalli più brevi.
Pubblicità

Avvertenze

  • Se si manifestano altre reazioni (difficoltà respiratorie, gonfiore estremo, ecc.) vai al pronto soccorso o chiama un'ambulanza immediatamente; alcuni di questi episodi possono mettere in pericolo la vita, soprattutto in soggetti allergici alle punture di vespe o calabroni.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Un oggetto spuntato e piatto per rimuovere il pungiglione
  • Impacco di ghiaccio o del ghiaccio avvolto in un panno
  • Per i rimedi alternativi: bicarbonato di sodio, aceto, polvere per ammorbidire la carne, dentifricio o miele.
  • Creme anti-prurito (facoltative)

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 12 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità