Come Uccidere le Sanguisughe

Le sanguisughe sono invertebrati appartenenti alla specie dei vermi segmentati, che vivono generalmente nell'acqua; si nutrono attaccandosi a un ospite e succhiandogli il sangue. Se uno di questi animali aderisce al tuo corpo, potresti sentirti a disagio e piuttosto disgustato; tuttavia, seguendo la procedura corretta per eliminarlo in sicurezza, corri un rischio minimo e non ci sono conseguenze preoccupanti. Se questi vermi sono un problema persistente nella tua zona, puoi prendere ulteriori iniziative per tenerne sotto controllo la popolazione.

Metodo 1 di 2:
Togliere le Sanguisughe dal Corpo

  1. 1
    Cerca di staccare le ventose. Individua le ventose della bocca nell'area anteriore (l'estremità più sottile). Metti un dito o l'unghia sulla pelle vicino alla sanguisuga e fallo scivolare delicatamente sotto il suo corpo; spingi lateralmente l'animale per staccarlo.[1] Ripeti questa azione sulla ventosa posteriore e allontana il verme dal tuo corpo.
    • Spingi lontano la sanguisuga, una volta staccata, perché cercherà di attaccarsi nuovamente al tuo corpo.
    • Assicurati di iniziare a staccarla partendo dalla parte più sottile, quella anteriore, che costituisce la "testa".[2]
    • Gettala lontano dall'acqua, una volta rimossa; puoi versarle del sale sul corpo per essere certo di ucciderla, ma fallo solo dopo averla staccata dalla pelle.
  2. 2
    Aspetta che cada da sola. Quando ha succhiato abbastanza sangue si stacca spontaneamente, in genere dopo venti minuti circa.[3] Se non puoi toglierla in maniera sicura, dovresti lasciarla indisturbata e aspettare che finisca di nutrirsi. Anche se può sembrarti preoccupante, in realtà questo invertebrato non provoca alcun dolore o lesioni gravi.
    • Gettala, una volta caduta. Puoi versarle del sale sul corpo per assicurarti che muoia, ma fallo solo dopo che si è staccata dal corpo.
  3. 3
    Ferma la perdita di sangue. Le sanguisughe hanno degli enzimi anticoagulanti che possono provocare un'emorragia.[4] Se l'area interessata dal morso continua a sanguinare dopo aver tolto il verme (o dopo che si è staccato da solo) applica una pressione delicata con un panno o una garza puliti, finché il flusso di sangue non si ferma.
  4. 4
    Pulisci la ferita per prevenire possibili infezioni. Le sanguisughe possono lasciare una piccola lesione quando si attaccano alla pelle;[5] puliscila con acqua calda e un sapone delicato. Successivamente, applica una pomata antibatterica da banco e metti una fasciatura; se la ferita dovesse infettarsi, fatti visitare dal medico.
  5. 5
    Evita di strappare semplicemente la sanguisuga. È un animale molto flessibile, difficile da afferrare e anche se riesci a toglierlo con successo e staccarlo dal corpo, puoi in realtà aggravare la situazione. Limitandoti a strapparla via, una parte della sua mascella può restare conficcata nella pelle, provocando un'infezione.[6]
  6. 6
    Non cercare di bruciarla o avvelenarla nel tentativo di staccarla. Molti rimedi tradizionali per liberarsene prevedono di accendere un fiammifero o una fiamma sul suo corpo o di versare sale, alcol, aceto o altre sostanze. Sebbene queste tecniche offrano buone probabilità di riuscire a sbarazzartene, in realtà la sanguisuga può rigurgitare nel tuo corpo il contenuto del suo stomaco attraverso la ferita, causando un'infezione.[7][8]
  7. 7
    Vai dal medico, se necessario. Se l'invertebrato si è attaccato in una zona sensibile, come un occhio o un orifizio quali la cavità nasale, la vagina o il pene, devi rivolgerti a un medico per farti aiutare. Il dottore è in grado di usare delle tecniche speciali e ha a disposizione la giusta strumentazione per rimuovere la creatura; può inoltre trattare eventuali infezioni o complicazioni che potrebbero sorgere.[9]
    • Devi ricorrere al medico anche se, una volta rimosso l'animale, presenti segni di infezione, irritazione o altri sintomi insoliti.
    • Tra i segni di infezione puoi notare arrossamento, gonfiore o pus che esce dal sito della ferita, oltre a un dolore generalizzato e febbre.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Rimuovere le Sanguisughe dall'Acqua

  1. 1
    Disponi una trappola. Prendi una lattina di metallo, come un barattolo di caffè, dotata di coperchio richiudibile e pratica dei piccoli fori su di esso.[10] Metti della carne cruda all'interno, chiudi il coperchio e lega una corda attorno alla lattina. Posiziona la trappola nell'area in cui l'acqua è poco profonda, dove sospetti che vi siano le sanguisughe; queste saranno attratte e vorranno entrare nella lattina per mangiare l'esca. Una volta catturate, togli la lattina dall'acqua e gettale via.
    • Le sanguisughe sono più attive durante i mesi più caldi. Lascia in posizione la trappola, controllala ogni giorno durante la stagione estiva e getta ogni verme catturato. Ripeti questa procedura finché non riesci più a catturare alcun esemplare o solo pochi.[11]
    • La dimensione corretta dei fori da creare sul coperchio dipende dalla specie di sanguisughe presenti sul territorio. Se non riesci a catturarne nessuna, prova ad allargare o restringere i buchi, finché non trovi la misura giusta.
  2. 2
    Attira le anatre nell'area infestata dagli invertebrati.[12] Questi uccelli mangiano le sanguisughe e possono aiutarti a ridurne la popolazione; tuttavia, se li attiri usando del cibo per anatre, puoi aumentare i livelli di fosforo nell'acqua, favorendo la crescita di alghe. Tra le specie di anatre note per nutrirsi di sanguisughe ci sono:
    • La moretta dal collare (Aythya collaris);[13]
    • L'anatra sposa (Aix sponsa);[14]
    • L'anatra muschiata, o muta (Cairina moschata).
  3. 3
    Mantieni una buona popolazione di Lepomis macrochirus e di persico trota. Questi pesci sono predatori naturali delle sanguisughe e possono essere di aiuto per tenere sotto controllo la loro presenza.[15] Tale metodo funziona però solo per le fonti d'acqua chiuse e private, come gli stagni.
  4. 4
    Limita la vegetazione acquatica e il materiale organico. Se sono eccessivamente abbondanti nei laghi e stagni, contribuiscono allo sviluppo della popolazione di sanguisughe; se possibile, evita che possano superare il 10% della superficie dello specchio d'acqua.[16] Elimina o riduci la vegetazione in eccesso per combattere l'infestazione di questi invertebrati. Ecco alcuni metodi:[17]
    • Riduci al minimo il cibo per i pesci e le anatre. I residui forniscono nutrienti che aumentano la crescita della vegetazione acquatica.
    • Elimina manualmente la vegetazione presente nell'acqua. È meglio togliere l'intera pianta, comprese le radici e tutto il resto; assicurati di gettarla lontano dall'acqua, in modo che non restino dei residui che potrebbero essere fonte di nutrimento per altre piante.
    • Draga o rendi più profondo il fondale dello stagno, perché in questa maniera le piante hanno maggiori difficoltà a mettere radici.
    • Riduci il livello dell'acqua; abbassandolo durante la stagione fredda e le gelate, le piante hanno difficoltà a stabilizzarsi.
    • Rivesti il fondale. Metti un telo di plastica o degli strati di minerali sul fondo, per scoraggiare lo sviluppo della vegetazione acquatica.
    • Introduci degli erbivori. Moltissime varietà di anatre, oche, tartarughe, insetti, lumache, gamberi e pesci si nutrono di vegetazione acquatica e possono quindi ridurne la crescita. Si ritiene che anche la carpa erbivora (Ctenopharyngodon idella) sia particolarmente utile a tale scopo.
    • Usa gli erbicidi acquatici. Esistono diversi diserbanti chimici in commercio. Fai una ricerca o rivolgiti al negozio di giardinaggio della tua zona. Questi prodotti hanno una gamma di effetti collaterali diversi e uccidono i pesci; probabilmente, è necessario applicarli più volte, perché le piante morte si decompongono nell'acqua e contribuiscono alla crescita di nuova vegetazione.
    • Rispetta scrupolosamente tutte le indicazioni riportate sulla confezione e contatta l'ufficio per la protezione del territorio del tuo Comune prima di introdurre qualunque specie che potrebbe essere considerata invasiva.
  5. 5
    Usa un metodo di controllo chimico. Puoi utilizzare il solfato di rame pentaidrato per tenere sotto controllo la popolazione di sanguisughe; la dose raccomandata è di 5 ppm.[18] Tuttavia, questo approccio uccide qualunque essere presente nell'acqua, inclusi i pesci e le altre creature; dovresti quindi usarlo solo in acque chiuse e senza pesci.
    • Il solfato rameico è tossico e deve essere maneggiato in maniera appropriata; attieniti a tutte le istruzioni di sicurezza e segui le linee guida fornite con il prodotto.[19][20]
    Pubblicità

Consigli

  • Puoi evitare che le sanguisughe si attacchino alla pelle coprendoti le zone esposte quando entri in acque potenzialmente infestate da questi invertebrati.
  • In tutto il mondo esistono tra 700 e 1000 specie di sanguisughe;[21] la maggior parte di queste vive nell'acqua, anche se alcune si trovano sul suolo.
  • Sebbene possano causare disagio, questi vermi non sono in grado di trasmettere delle malattie agli esseri umani.[22] Venivano infatti usati tradizionalmente per scopi medicinali e ancora oggi, in certe occasioni, queste creature o i loro sottoprodotti vengono impiegati per curare.[23]
  • Chiedi il permesso prima di eliminare le sanguisughe da un'area pubblica o da una privata che non è tua.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 21 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Animali

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità