Come Usare la Riflessologia per l'Emicrania

L'emicrania è collegata al lavoro eccessivo, allo stress, ai drastici cambiamenti del tempo e anche alle allergie alimentari. A prescindere dalla causa, può essere debilitante. La riflessologia è un antico metodo di guarigione che consiste nella stimolazione di alcuni punti situati su mani e piedi per liberare energie in tutto il corpo. Può essere usata per curare l'emicrania applicando pressione su determinate zone. Inoltre, è possibile ricorrere a questo metodo per ridurre il dolore causato da altri malesseri che favoriscono l'insorgere dell'emicrania, come lo stress e le allergie.

Parte 1 di 5:
Prepararsi a Eseguire la Riflessologia

  1. 1
    Individua i sintomi. I sintomi dell'emicrania possono variare da un soggetto all'altro. Una persona può manifestarne un paio oppure presentare una serie di sintomi contemporaneamente. Di seguito ne troverai alcuni:[1]
    • Mal di testa martellante o pulsante;
    • Sensibilità a luce, rumori e odori;
    • Nausea o vomito;
    • Sensazione di caldo o freddo;
    • Pallore;
    • Spossamento;
    • Stordimento;
    • Offuscamento della vista;
    • Diarrea;
    • Punti luminosi, luci lampeggianti, linee ondulate o a zig zag, alterazione della vista, punti ciechi o altri disturbi visivi;
    • Ronzio nelle orecchie;
    • Odori strani;
    • Sensazioni strane.
  2. 2
    Decidi se curarti da solo o ricorrere a un trattamento professionale. Il riflessologo è preparato nel mettere in pratica le tecniche che ha studiato per affrontare particolari problemi di salute. Puoi anche usare da solo la riflessologia, risparmiando denaro e facendo questi trattamenti quotidianamente o non appena ne hai voglia.
    • È preferibile unire l'auto-manipolazione ai trattamenti professionali per massimizzare i benefici che si possono ottenere.
  3. 3
    Trova il momento giusto per sottoporti a un trattamento. Non è necessario che una seduta di riflessologia duri più di 10 o 20 minuti. Tuttavia, è più efficace se riuscirai a rilassarti.
    • Se senti che sta per arrivare un attacco di emicrania, prova a ricorrere alla riflessologia il più presto possibile per ridurre la gravità del mal di testa.
    • Per esempio, sarebbe meglio non avere fretta.[2] Se hai fame, mangia prima della seduta. Non è opportuno farsi distrarre dallo stomaco che brontola per tutta la durata del trattamento.
  4. 4
    Crea un ambiente tranquillo e rilassante. Crea un'atmosfera tranquilla in cui sederti comodamente e abbassare le luci. Dovrebbe essere un posto in cui non verrai disturbato mentre procedi al trattamento di riflessologia.
    • Prova anche a mettere una musica rilassante.
  5. 5
    Taglia le unghie. La manipolazione sarà più piacevole se la pelle non verrà pizzicata perché hai le unghie lunghe. Pertanto, tagliale prima di eseguire un massaggio su te stesso o qualcun altro.[3]
  6. 6
    Mettiti a tuo agio. Adopera una sedia comoda o sdraiati in modo da rilassarti. Fai qualche respiro profondo per distendere il corpo. Calma la mente, scacciando i pensieri stressanti.
  7. 7
    Fai un sorso d'acqua prima di cominciare. Bevi un po' d'acqua prima di iniziare la seduta. Alcuni esperti ritengono che rende più efficace il trattamento.[4]
  8. 8
    Tieni a portata di mano una mappa riflessologica. Può essere complicato ricordare quali parti della mano e del piede corrispondono a determinate zone del corpo nella riflessologia. Se hai sott'occhio una mappa riflessologica, sarai sulla buona strada per eseguire il trattamento nel modo giusto.
  9. 9
    Prepara alcuni strumenti per la riflessologia. Determinati strumenti possono rivelarsi utili nel corso di una seduta di riflessologia, ad esempio cilindri di legno o gomma, sfere di legno e altri oggetti. Puoi usarli facendoli rotolare contro la parte inferiore del piede.[5]
    • Sono utili soprattutto per chi ha dita e mani che non sono non abbastanza forti per stimolare appropriatamente i punti di pressione.
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Localizzare i Punti di Pressione per Curare l'Emicrania

  1. 1
    Trova il "terzo occhio". Il terzo occhio si trova nella zona sovrastante il ponte del naso, tra le sopracciglia.[6] Premendo su questo punto, è possibile alleviare il mal di testa, ma anche la stanchezza degli occhi e le ulcere.
  2. 2
    Trova i punti intorno alle tempie. Esistono alcuni punti diffusi lungo la curva sopra l'orecchio su entrambi i lati della testa. Per sprigionare tutta la loro efficacia, vanno stimolati insieme. Partono dalla parte alta dell'orecchio, circa a un dito di altezza sopra l'orecchio. Questi punti sono definiti in lingua inglese:
    • Hairline Curve (curva lungo l'attaccatura dei capelli);
    • Valley Lead (guida della valle);
    • Celestial Hub (centro celestiale);
    • Floating White (bianco fluttuante);
    • Head Portal Yin (porta yin della testa).
  3. 3
    Individua i punti sul collo. C'è un posto dietro l'osso di ogni orecchio in cui i muscoli del collo si congiungono al cranio. Premendo questi punti, è possibile calmare l'emicrania, riattivando le energie, alleviare l'affaticamento degli occhi, i sintomi del raffreddore e dell'influenza.[7]
  4. 4
    Trova il punto del piede che corrisponde alla zona dei lobi temporali. Esiste un punto del piede che, se stimolato, contribuisce ad attenuare il dolore che si manifesta nella zona del lobo temporale (lungo i lati o le tempie della testa). Si trova tra la parte interna tra l'alluce e il secondo dito del piede.[8]
    • Se ti duole la testa sul lato destro, dovresti premere questo punto sul piede sinistro. Allo stesso modo, stimolalo sul piede destro se vuoi attenuare il dolore concentrato sul lato sinistro della testa.
  5. 5
    Trova i punti su mani e piedi. I punti come il tai chong sui piedi e l'he gu sulle mani vengono comunemente usati per curare il mal di testa.[9]
    • Tai chong: si trova sulla parte superiore del piede. Individua la membrana interdigitale tra l'alluce e il secondo dito. Dopodiché segui le ossa di queste due dita lungo la parte superiore del piede. Trova il punto in cui si intersecano. Quindi, scendi verso le dita dei piedi, all'incirca di un paio di centimetri. Qui troverai un avvallamento: è il punto tai chong.
    • He gu: si trova sulla parte superiore della mano. Individua la membrana interdigitale tra il pollice e l'indice. Premi entrambe le dite contemporaneamente in modo da far fuoriuscire il muscolo. Il punto he gu si trova nella parte superiore del rigonfiamento muscolare.
  6. 6
    Trova il punto zu ling qi sulla parte superiore del piede. Tasta l'osso del mignolo e quello del dito accanto: si intersecano sulla parte superiore del piede. Il punto zu ling qi è situato appena sopra la zona in cui si incontrano, laddove si forma un avvallamento.[10]
  7. 7
    Individua il punto per diminuire i dolori facciali causati dall'emicrania. C'è un punto sulla parte superiore dell'alluce che può alleviare i dolori al viso. Tutta la parte superiore dell'alluce, che va dalla base dell'unghia fin dove il dito si congiunge al piede, è la zona circostante il punto di pressione da stimolare per alleviare i dolori facciali procurati dall'emicrania.[11]
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Applicare l'Autoriflessologia

  1. 1
    Inizia dando sollievo alla zona più dolorosa colpita dall'emicrania. L'emicrania può essere più intensa su un lato della testa o della fronte. Comincia a massaggiarti esercitando pressione sul punto che nella riflessologia corrisponde alla parte indolenzita.
  2. 2
    Massaggia una mano o un piede per alleviare il malessere percepito sul lato opposto della testa. I punti di pressione presenti sul piede o sulla mano sinistra possono mitigare la sofferenza avvertita sul lato destro del corpo. I meridiani energetici attraversano il collo, perciò sono particolarmente importanti quando devi ridurre il dolore sopra questo punto (ovvero alla testa). L'energia parte da un lato del corpo e scorre lungo il collo, dirigendosi verso il lato opposto.[12]
    • Se è indolenzito un lato della testa, allora dovrai massaggiare il piede o la mano opposta.
  3. 3
    Massaggia con decisione sui punti di pressione. Quando trovi i punti in cui confluisce l'energia, è necessario premere in maniera abbastanza ferma per stimolarli. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non sentire dolore.
  4. 4
    Continua a lavorare sulle aree più sensibili. Tieni presente che, se devi dare sollievo ad alcune parti del corpo, determinati punti di pressione possono essere più delicati o sensibili. In questi casi, continua a massaggiare la zona, usando un approccio più gentile, ma mantenendo una certa pressione.[13]
    • Respira per alleviare la sensibilità o il disagio. Premi leggermente, ma continua a massaggiare il punto.[14]
    • Se la zona è indolenzita, non esagerare, ma massaggiala più tardi.
  5. 5
    Usa il pollice per premere e fare movimenti circolari sul punto di pressione. Massaggia con movimenti circolari per stimolarlo. Premi per circa 7 secondi e allenta la pressione. Quindi, stimolalo nuovamente per altri 7 secondi.[15]
  6. 6
    Usa il pollice per schiacciare i punti presenti sulla mano opposta. Trova il punto he gu tra il pollice e l'indice. Se l'emicrania è concentrata maggiormente sul lato sinistro della testa, trova questo punto sulla mano destra e premi usando il pollice sinistro. Tieni ferma la mano destra e rilassa il resto della sinistra, mentre fai scorrere lentamente il pollice avanti e indietro sul punto. Ogni massaggio dovrebbe durare circa 4 secondi.[16]
    • Prova a fare 3 serie di cinque massaggi su questa zona della mano.
    • Prova questo metodo tutti i giorni in modo da prevenire o ridurre i sintomi dell'emicrania.
  7. 7
    Lavora su entrambi i lati del corpo. Anche se senti dolore solo a un lato della testa, dovresti manipolare entrambe le mani e/o i piedi. In questo modo, bilancerai le energie in tutto il corpo.[17]
  8. 8
    Usa la riflessologia al massimo per 20-30 minuti. La riflessologia è una tecnica corporea molto potente che può provocare effetti negativi se il trattamento dura troppo. Infatti, liberando il corpo dalle tossine, può comportare nausea, stordimento o capogiri. Questi sintomi possono manifestarsi se ne fai un uso esagerato.[18]
    • Se sei anziano o cagionevole di salute, dovresti optare per una seduta più breve, di circa 10 minuti.
  9. 9
    In seguito bevi molta acqua. È sempre consigliabile bere molta acqua dopo una seduta di riflessologia. È ancora più importante quando ci si concentra sul riflesso del fegato. Un abbondante consumo di acqua aiuta a ripulire questo organo.
  10. 10
    Termina la seduta concedendoti un po' di riposo. Riposati tranquillamente quando hai finito il trattamento. Se puoi, cerca di schiacciare un pisolino.
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Capire Come Agisce la Riflessologia

  1. 1
    Usa i punti di pressione per alleviare il dolore. La riflessologia consiste nell'applicare pressione sui punti delle mani e dei piedi che corrispondono a determinate zone del corpo. Esistono varie teorie su come è possibile stimolare questi punti per alleviare dolori e malesseri. Alcuni esperti ritengono che la riflessologia scombussoli i messaggi di dolore trasmessi dal cervello e dal sistema nervoso centrale.[19] Inoltre, permette al corpo di alleviare la tensione, riducendo l'indolenzimento.
  2. 2
    Renditi conto di avere un ruolo attivo nella guarigione. La riflessologia non "guarisce" l'organismo. Piuttosto, è una tecnica che lo aiuta a riprendersi da solo, spostando i flussi energetici attraverso il corpo.[20] Se conservi un atteggiamento positivo, può anche contribuire a migliorare le tue condizioni fisiche.
  3. 3
    Avverti l'energia muoversi attraverso il corpo. Secondo i principi della riflessologia, i flussi di energia viaggiano all'interno dell'organismo lungo i meridiani energetici. Sarai in grado di sentire il loro movimento quando vengono attivati i punti di pressione.
  4. 4
    Usa la riflessologia per ristabilire l'equilibrio nel tuo corpo. La riflessologia è utile per ridare equilibrio all'organismo, portandolo a rilassarsi e a scaricare la tensione accumulata. Questa azione può aiutarlo a liberarsi dello stress eccessivo, che può aggravare le condizioni fisiche.[21]
  5. 5
    Esamina le prove scientifiche a sostegno della riflessologia. Diversi studi clinici hanno osservato l'effetto positivo che la riflessologia può avere sul corpo. È stato dimostrato che offre un contributo positivo nei seguenti casi:[22]
    • Miglioramento dei sintomi (ad esempio, della funzionalità renale);
    • Rilassamento dei pazienti (in quanto riduce l'ansia e abbassa la pressione sanguigna);
    • Riduzione del dolore (come quello causato dall'osteoartrite e dai calcoli renali).
    • In uno studio, circa i due terzi dei pazienti hanno riportato un significativo sollievo dall'emicrania dopo essersi sottoposti a tre mesi di sedute di riflessologia. Il 19% ha interrotto del tutto l'assunzione dei farmaci per il mal di testa.[23]
    • È stato anche dimostrato che la riflessologia riduce i sintomi associati ai trattamenti contro il cancro e il diabete, i sintomi post-operatori e di molte altre patologie.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Tenere Sotto Controllo l'Insorgenza dell'Emicrania

  1. 1
    Tieni un diario. Riporta su un quaderno le attività e altri fattori che possono scatenare il mal di testa. Ti aiuterà a individuare alcune cause che potrebbero dare luogo alla tua emicrania.[24]
    • Conta la frequenza e la durata dell'emicrania. Nella maggior parte dei casi dura un paio d'ore, in quelli più gravi persino diversi giorni. Può verificarsi di frequente, ad esempio ogni due-tre giorni, o un paio di volte al mese. Altre persone ne soffrono solo una volta all'anno.
    • Controlla anche la gravità del mal di testa. Per esempio, è più violento dopo aver mangiato cioccolata? Dura più a lungo quando sei molto stressato?
  2. 2
    Controlla lo stress emotivo. Uno dei fattori più comuni che scatena l'emicrania è lo stress emotivo. Potrebbe manifestarsi sotto forma di ansia, preoccupazione, agitazione e altre sensazioni. Quando ti senti stressato, i muscoli possono contrarsi e i vasi sanguigni dilatarsi, peggiorando il mal di testa.[25]
  3. 3
    Tieni a bada l'assunzione della caffeina. Consumare troppo caffè, cioccolato o altri alimenti che contengono caffeina può aumentare la possibilità di soffrire di emicrania.
  4. 4
    Osserva quanti conservanti e additivi alimentari consumi. Molte persone sviluppano una certa sensibilità ad alcuni conservanti e additivi presenti negli alimenti, compreso il glutammato monosodico (MSG), i nitrati (usati, per esempio, nelle carni conservate), l'alcol e i formaggi stagionati.
  5. 5
    Controlla il tempo. Le variazioni delle condizioni meteorologiche, soprattutto quando cambia la pressione dell'aria, possono influire sull'insorgenza dell'emicrania. Per esempio, quando si avvicina un temporale, potresti cominciare ad avvertire una certa tensione alla testa.
  6. 6
    Tieni traccia del ciclo mestruale. Le donne sono più propense a soffrire di emicrania rispetto agli uomini. Molti soggetti femminili ne soffrono poco prima o durante il periodo mestruale. Verifica la comparsa dell'emicrania in relazione al ciclo mestruale per capire se sei più soggetta in certi periodi del mese.
  7. 7
    Parla col medico di altre patologie. Determinate patologie possono aumentare il rischio di soffrire di emicrania. Ecco alcuni disturbi che possono favorirlo:[26]
    • Asma;
    • Sindrome da fatica cronica;
    • Ipertensione;
    • Ictus;
    • Disturbi del sonno.
  8. 8
    Consulta il tuo medico curante in caso il mal di testa fosse più grave. Sebbene sia raro, quando si manifesta in forma violenta può comportare effetti negativi più acuti rispetto a una normale emicrania.[27] Tra le forme di emicrania più violente vi sono:
    • L'emicrania emiplegica: può provocare paralisi temporanee o alterazioni neurologiche. In questi casi dovresti andare al pronto soccorso per assicurarti che non si tratti di un ictus, dal momento che alcuni sintomi possono essere simili.
    • L'emicrania retinica: può comportare cecità monoculare (perdita della vista a un occhio) e mal di testa che parte da dietro gli occhi.
    • L'emicrania dell'arteria basilare: potresti avvertire stordimento o confusione e dolore nella parte posteriore della testa. Può anche provocare vomito, ronzio nelle orecchie o incapacità di parlare correttamente. Gli esperti attribuiscono questo tipo di emicrania ai cambiamenti ormonali.
    • Lo stato di male emicranico: di solito si tratta di un mal di testa così debilitante da costringere le persone ad andare in ospedale. Spesso è indotta da alcuni tipi di farmaci.
    • L'emicrania oftalmoplegica: causa dolore oculare, diplopia, ptosi oculare o paralisi muscolare intorno all'occhio. Si tratta di un disturbo molto grave che richiede un'attenzione immediata.
    Pubblicità

Consigli

  • Determinati punti di pressione agiscono su diverse parti del corpo e della testa. Prova a manipolare vari punti di pressione per vedere quali funzionano meglio per alleviare il tuo mal di testa.[28]
  • La riflessologia è più efficace se usata in combinazione con altre terapie olistiche, come lo yoga, la meditazione e metodi di cura a base di erbe.
Pubblicità

Avvertenze

  • Molte tecniche di riflessologia non vanno usate sulle donne in gravidanza, in quanto possono indurre il travaglio. Parla con il tuo medico o il ginecologo prima di provare la riflessologia.
  • Se hai subito un trauma a una mano o un piede, forse sarebbe meglio evitare le sedute di riflessologia. Parla con il medico in caso di dubbi e preoccupazioni.[29]
  • Se sei preoccupato a causa dei tuoi mal di testa, consulta il medico.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 11 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute
  1. http://www.chinesefootreflexology.com/4points/
  2. http://www.chinesefootreflexology.com/4points/
  3. http://www.chinesefootreflexology.com/4points/
  4. http://www.mcreflexology.com/tips/
  5. http://www.drlwilson.com/articles/REFLEXOLOGY.htm
  6. http://www.mcreflexology.com/tips/
  7. http://blog.themigrainereliefcenter.com/how-to-use-reflexology-for-migraines
  8. http://www.mcreflexology.com/tips/
  9. http://www.drlwilson.com/articles/REFLEXOLOGY.htm
  10. http://www.takingcharge.csh.umn.edu/explore-healing-practices/reflexology/how-does-reflexology-work
  11. http://www.takingcharge.csh.umn.edu/explore-healing-practices/reflexology/how-does-reflexology-work
  12. http://www.takingcharge.csh.umn.edu/explore-healing-practices/reflexology/what-does-research-say-about-refloxology
  13. http://www.takingcharge.csh.umn.edu/explore-healing-practices/reflexology/what-does-research-say-about-refloxology
  14. Brendstrup, E & Launse, L. (1997). Headache and Reflexological Treatment. The Council Concerning Alternative Treatment, The National Board of Health, Denmark.
  15. http://www.webmd.com/migraines-headaches/guide/migraines-headaches-migraines?page=4
  16. http://www.webmd.com/migraines-headaches/guide/migraines-headaches-migraines
  17. http://www.webmd.com/migraines-headaches/guide/migraines-headaches-migraines?page=2
  18. http://www.webmd.com/migraines-headaches/guide/migraines-headaches-migraines?page=3
  19. http://www.modernreflexology.com/6-effective-acupressure-regions-to-treat-migraine-headaches/
  20. http://blog.themigrainereliefcenter.com/how-to-use-reflexology-for-migraines

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità