Come Usare lo Zafferano

Lo zafferano è, in assoluto, la spezia più costosa in relazione al peso; si ricava dai fiori Crocus sativus che vengono raccolti scrupolosamente a mano ed essiccati. Aggiungendone una piccola dose a determinate preparazioni, conferisce al piatto un sapore ricco e pungente. Lo zafferano apporta inoltre diversi benefici alla salute e alla bellezza, ma le prove a sostegno della sua efficacia sono perlopiù non verificate.

Parte 1 di 4:
Comprare lo Zafferano

  1. 1
    Sappi che sapore aspettarti. Questa spezia possiede un aroma pungente e leggermente stantio, con note floreali dolci. Se usata in grandi quantità, può diventare rapidamente amara.
    • Ha un profilo gustativo simile a quello della vaniglia: dolce e muschiato. Questi due ingredienti si sposano generalmente bene, ma non sono abbastanza simili per sostituirsi perfettamente l'uno all'altro.
    • La curcuma e il cartamo si usano spesso al posto di questa spezia, perché hanno un colore simile, benché i sapori siano molto differenti.
  2. 2
    Ottieni per quello che paghi. Il raccolto dello zafferano è un processo molto laborioso; se vuoi quindi un prodotto di alta qualità, preparati a un acquisto costoso.
    • Esamina la spezia prima di comprarla. Deve essere composta da fili sottili, uniformi per dimensione e dal colore rosso intenso; a un'estremità è presente un "riccio" arancione, mentre quella opposta assume una forma a trombetta. Se il riccio è giallognolo, potrebbe ugualmente trattarsi di vero zafferano, ma di bassa qualità.
    • Inoltre, un profumo intenso indica un sapore migliore e più forte.
    • Lo zafferano falso, in confronto, ha un aspetto irregolare, spezzettato con ricci staccati e residui di corteccia nella confezione; il profumo è debole e in genere presenta delle note legnose.
  3. 3
    Scegli lo zafferano in steli interi invece di quello macinato. Il primo ha semplicemente un sapore più forte rispetto a quello ridotto in polvere; tuttavia, puoi optare per quello macinato quando non trovi la spezia intera.
    • Se opti per la versione polverizzata, rivolgiti a una drogheria affidabile; i rivenditori meno onesti potrebbero "diluirla" con altre spezie come la curcuma e la paprika per ridurre i loro costi.
  4. 4
    Riponilo accuratamente. Lo zafferano non deperisce, ma perde gradualmente il sapore man mano che passa il tempo; una buona tecnica di conservazione permette di godere del suo sapore a lungo.
    • Avvolgi gli stigmi in carta d'alluminio e riponi il tutto in un contenitore ermetico; conservali in seguito in un luogo fresco e buio per un massimo di sei mesi. Se prevedi di tenerli più a lungo, metti il contenitore nel congelatore, in cui può restare fino a due anni.[1]
    • Ricorda che la versione macinata deve essere usata entro 3-6 mesi, conservata in un recipiente ermetico, in un luogo fresco e buio.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Preparare lo Zafferano

  1. 1
    Schiaccia e metti in ammollo i filamenti. Questo passaggio è vivamente consigliato e permette di rilasciare la maggior quantità possibile di aromi.
    • Prendi gli stigmi che vuoi usare per la ricetta e polverizzali in un mortaio con un pestello; se non possiedi questi attrezzi, puoi usare semplicemente le dita.[2]
    • Metti lo zafferano in infusione in acqua, brodo, latte o vino caldi per 20-30 minuti; se la ricetta prevede un particolare liquido, usane un po' per inzuppare la spezia.[3]
    • Aggiungi lo zafferano e il liquido di infusione alla pietanza nel momento previsto dalla ricetta.
  2. 2
    Tosta i filamenti. Si tratta di un altro metodo comune per preparare lo zafferano, soprattutto quando si cucina la paella in maniera tradizionale.
    • Appoggia una padella di ghisa sul fornello a fuoco medio.
    • Aggiungi gli stigmi nel tegame rovente e cuocili per 1-2 minuti mescolando spesso; dovrebbero rilasciare un aroma molto intenso ma senza bruciare.
    • Aspetta che si raffreddino un po' prima di sminuzzarli con mortaio e pestello; puoi semplicemente versare la polvere nella preparazione oppure metterla a bagno in un liquido.
  3. 3
    Sbriciolali e versali nel cibo. Sebbene non sia la tecnica ideale, se la ricetta prevede una grande quantità di liquido, puoi anche limitarti a sminuzzare gli stigmi e incorporarli al piatto.
    • Nota che quando si utilizza lo zafferano commerciale già triturato, si versa in genere direttamente nella pietanza senza metterlo in infusione.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Cucinare con lo Zafferano

  1. 1
    Usane una dose ridotta. Grandi quantità di zafferano rendono amara la pietanza; è meglio prepararne e incorporarne poco ai piatti.
    • Quando possibile, conta i filamenti invece di misurarne il peso o il volume; tieni presente che un "pizzico" di zafferano corrisponde a circa 20 stigmi di medie dimensioni e rappresenta la dose sufficiente per cucinare una pietanza per 4-6 persone.
    • Quando usi lo zafferano in polvere, ricorda che 1/4 di cucchiaino di questo prodotto corrisponde a circa mezzo cucchiaino di zafferano in stigmi;[4] questa dose è in genere sufficiente per la preparazione di 8-12 porzioni, regola quindi la quantità rispettando tale rapporto.
  2. 2
    Incorpora la spezia nelle preparazioni a base di cereali. Le ricette più tradizionali che utilizzano lo zafferano sono il risotto, il riso pilaf e la paella.
    • Puoi trovare una ricetta che preveda l'uso di questa spezia oppure aggiungerla a una preparazione di base.
    • Come regola generale, incorpora 30 filamenti di zafferano per quattro porzioni di risotto o di riso pilaf preparate con 300 g di riso crudo. Per cucinare la paella per quattro persone aggiungi 50 stigmi.[5]
  3. 3
    Aggiungilo nei dolci. Dato che ha un profilo organolettico simile alla vaniglia, è perfetto anche per la preparazione di dessert che in genere usano la vaniglia come aroma principale.[6] Fra questi si ricordano la crema pasticcera, la pasta sfoglia semplice e i pani dolci.
    • Aggiungi solo un pizzico di zafferano ogni quattro porzioni per le creme al cucchiaio.
    • Se stai preparando i biscotti o la pasta sfoglia, usa 15-20 stigmi per ogni 200 g di farina. Ricorda che il burro esalta meglio il sapore dello zafferano rispetto alla margarina.
    • Per preparare i pani dolci aggiungi 15 filamenti di spezia ogni 450 g di farina per ottenere un aroma delicato; se desideri un sapore più deciso, incrementa la dose a 60 filamenti per la medesima quantità di farina.
  4. 4
    Mescola lo zafferano con altri aromi in base ai tuoi gusti. Se vuoi che il suo sapore sia predominante, dovresti evitare di incorporare altre erbe o condimenti; quando però viene mescolato ad altre spezie, lo zafferano conferisce un aroma più intenso.
    • Quando lo utilizzi in pietanze con altre spezie, usane solo un pizzico. Aggiungilo all'inizio della preparazione, in modo che il suo sapore si fonda bene con gli altri.
    • Si sposa generalmente bene con cannella, cumino, mandorle, cipolla, aglio e vaniglia.
    • Se prevedi di incorporarlo nella carne o nelle verdure, scegli quelle più leggere; ad esempio, usalo con il pollo o il cavolfiore.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Usare lo Zafferano per Scopi non Culinari

  1. 1
    Fai qualche ricerca. Sebbene lo zafferano venga usato soprattutto in cucina e nei prodotti da forno, ha anche proprietà medicinali e cosmetiche. In ogni caso, studiane accuratamente gli effetti prima di utilizzarlo in maniera diversa dalla preparazione dei cibi.
    • Recenti studi hanno rilevato che può essere benefico contro il morbo di Alzheimer, la depressione, il disagio mestruale e la sindrome premestruale.[7]
    • Ci sono pochissime ricerche (praticamente nulle) in merito alla sua efficacia contro asma, infertilità, psoriasi, problemi digestivi, calvizia, insonnia, dolore, cancro e molte altre patologie.
    • Non superare la dose di 12-20 g di zafferano, perché una quantità superiore potrebbe rivelarsi tossica; se sei incinta, allatti al seno o soffri di disturbo bipolare, ipotensione arteriosa o diverse malattie cardiache, dovresti evitare tale spezia per scopi medicinali.
  2. 2
    Prendi un estratto di zafferano. Potresti provare a usare un estratto puro e di alta qualità per gestire il morbo di Alzheimer, la depressione, il dolore mestruale e la sindrome premestruale, ma solo dietro stretto controllo medico.[8]
    • Per il morbo di Alzheimer si consigliano 30 mg al giorno per 22 settimane prima di notare alcuni miglioramenti; ricorda però che lo zafferano non cura questa malattia.
    • Per i casi di depressione il dosaggio è di 15-30 mg al giorno. Rispetta la terapia per 6-8 settimane; alcuni pazienti traggono gli stessi benefici di un antidepressivo a basso dosaggio.
    • Se soffri di dolori mestruali, prendi 500 mg di estratto che contiene zafferano, semi di sedano e anice fino a tre volte al giorno per i primi tre giorni di ciclo.
    • Per gestire la sindrome premestruale, dovresti assumere 15 mg di estratto alcolico di zafferano fino a due volte al giorno per tutta la durata della sintomatologia; potrebbero essere necessari due cicli mestruali prima di notare dei miglioramenti.
  3. 3
    Fai brillare la pelle. Le tradizionali applicazioni topiche dello zafferano hanno lo scopo di schiarire, illuminare e purificare la pelle; la procedura esatta varia in base al risultato che vuoi ottenere.
    • Prepara una maschera per idratare e ammorbidire l'epidermide. Metti in ammollo un pizzico di filamenti di zafferano in circa 60 m di latte freddo; aspetta diversi minuti e spruzza il liquido sulla pelle appena lavata. Una volta asciugato il latte, lavalo via con acqua tiepida.
    • Per trattare l'acne, schiaccia 5-6 foglie di basilico con 10-12 filamenti di zafferano per formare un impasto; applicalo direttamente sulle imperfezioni e lascialo agire per 10-15 minuti. Al termine, lava la pelle con acqua fredda.
    • Per ammorbidire l'epidermide di tutto il corpo, aggiungi circa 30 stigmi nell'acqua molto calda del bagno e immergiti per 20-25 minuti.[9]
  4. 4
    Bevi il latte allo zafferano. Si ritiene che questo infuso, oltre a essere una bevanda gustosa, possa rendere l'incarnato più luminoso quando viene bevuto diverse volte a settimana.
    • Fai bollire mezzo litro di latte intero a fuoco alto.
    • Non appena raggiunge il bollore, aggiungi 30 g di mandorle affettate, un pizzico di stigmi di zafferano, altrettanto cardamomo macinato e 15-30 ml di miele; lascia sobbollire per 5 minuti.[10]
    • Gusta la bevanda finché è molto calda.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Consulta un medico prima di usare lo zafferano a scopo terapeutico.
  • Non usarlo se sei incinta, stai allattando o sei allergico alle piante erbacee che appartengono alla famiglia del loglio, dell'olea e della salsola; allo stesso modo, evita lo zafferano se soffri di disturbo bipolare, ipotensione arteriosa o patologie cardiache.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Erbe & Spezie

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità