Come Usare un EpiPen

Scritto in collaborazione con: Jonas DeMuro, MD

L'EpiPen è un autoiniettore di epinefrina che viene usato per trattare una grave reazione allergica, nota con il termine "anafilassi". Questa reazione è potenzialmente mortale e viene considerata un'emergenza medica che deve essere trattata prima di chiamare aiuto. L'epinefrina è una versione sintetica dell'adrenalina che viene rilasciata naturalmente dal corpo; una singola dose, quando somministrata in maniera corretta, comporta un rischio estremamente limitato. L'uso tempestivo e appropriato dell'EpiPen può salvare la vita di una persona.

Parte 1 di 3:
Riconoscere i Sintomi dell'Anafilassi

  1. 1
    Individua i sintomi. Si può innescare uno shock anafilattico quando una persona si espone accidentalmente ad allergeni noti oppure al primo contatto con sostanze allergeniche. È anche possibile diventare sensibile a una sostanza, ossia sviluppare un'allergia a un elemento che prima non causava reazioni avverse. In alcuni casi, la reazione può essere così grave da mettere in pericolo la vita stessa. Fai attenzione ai seguenti sintomi:[1]
    • Arrossamento della pelle;
    • Sfoghi cutanei del corpo;
    • Gonfiore della gola e della bocca;
    • Difficoltà a deglutire e a parlare;
    • Asma grave;
    • Dolore addominale;
    • Nausea e vomito;
    • Calo della pressione sanguigna;
    • Svenimento e perdita di coscienza;
    • Stato confusionale, vertigini o un "senso di morte imminente".
  2. 2
    Chiedi alla vittima se ha bisogno di aiuto per usare l'EpiPen. L'anafilassi è considerata un'emergenza che richiede un pronto intervento. Se il soggetto sa di avere bisogno di un'iniezione, può istruirti in modo da poterlo aiutare adeguatamente. Le istruzioni per l'uso dell'EpiPen sono stampate su un lato del dispositivo stesso.
  3. 3
    Chiama i servizi di emergenza. Anche quando viene usata l'epinefrina/adrenalina, è di estrema importanza ottenere un aiuto professionale il prima possibile.
    • Tieni sempre il numero di emergenza del tuo Paese nella rubrica del telefono. In Italia il numero per chiamare i servizi sanitari di emergenza è il 118; negli Stati Uniti è il 911, nel Regno Unito è il 999, mentre in Australia è rappresentato dal triplo zero: 000 (solo per citarne alcuni).[2]
    • Prima di ogni altra cosa, comunica all'operatore telefonico la tua posizione geografica, in modo che possano essere inviati immediatamente i soccorsi.
    • Descrivi inoltre lo stato del paziente e la gravità della situazione.
  4. 4
    Controlla se la vittima ha una collana o un braccialetto identificativo della sua patologia. Se sospetti che una persona stia avendo uno shock anafilattico, devi verificare se porta un'etichetta che descriva il problema. Le persone che soffrono di gravi allergie portano generalmente un dispositivo di questo tipo, nel caso di incidente.[3]
    • Queste collane o braccialetti descrivono in dettaglio la patologia e forniscono ulteriori informazioni in merito alla salute del paziente.
    • Tali dispositivi riportano in genere una croce rossa o altri segni identificativi facilmente riconoscibili.
    • Se soffri di gravi allergie, porta sempre con te le istruzioni insieme all'EpiPen; in questo modo, se perdi conoscenza e qualche altra persona può somministrarti il farmaco, sa come procedere.
    • Non somministrare l'epinefrina a persone che soffrono di disturbi cardiaci, a meno che non sia espressamente indicato da una prescrizione medica.[4]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Usare l'EpiPen

  1. 1
    Tieni l'Epipen al centro in maniera salda chiudendo la mano in un pugno. Non toccare in alcun modo le estremità del dispositivo, per evitare di attivarlo accidentalmente. L'Epipen è un accessorio monouso, una volta innescato il meccanismo, non può più essere riutilizzato.
    • Non mettere le dita sulle sue estremità, per non rischiare di innescare il dispositivo e far uscire il farmaco.
    • Togli il tappo blu che attiva il medicinale (sul lato opposto a quello arancione che contiene l'ago).[5]
  2. 2
    Inietta la sostanza nella zona centrale dell'esterno coscia. Appoggia la punta arancione sulla coscia e premi in maniera decisa; dovresti sentire un "clic" quando l'ago entra nella pelle.[6]
    • Mantieni la presa per alcuni secondi.
    • Non iniettare il farmaco in nessun'altra zona del corpo che non sia la coscia. Se inserisci accidentalmente l'adrenalina per via endovenosa, potresti provocare la morte.[7]
  3. 3
    Rimuovi il dispositivo. Toglilo e massaggia per 10 secondi la zona in cui hai iniettato il farmaco.
    • Controlla la punta. Il coperchio arancione dovrebbe nascondere automaticamente l'ago, una volta che l'Epipen viene estratto dalla coscia.
  4. 4
    Preparati ai possibili effetti collaterali. Quando viene somministrata l'epinefrina a un individuo, questi potrebbe essere colto da attacchi di panico o di paranoia, il corpo potrebbe iniziare ad agitarsi e a tremare in maniera incontrollabile. Sappi che non si tratta di convulsioni.[8]
    • I tremori si riducono nel giro di alcuni minuti od ore. Non farti prendere dal panico, cerca di restare calmo e di rassicurare la vittima; la tua tranquillità la aiuta a non agitarsi.
  5. 5
    Recati immediatamente in ospedale. Il 20% dei casi acuti di anafilassi è seguito rapidamente da un'altra crisi, detta anafilassi bifasica. Una volta somministrata o ricevuta una dose di epinefrina, è necessario sottoporsi alle cure mediche senza ulteriore indugio.
    • La seconda crisi potrebbe essere lieve o grave e se non viene curata può rivelarsi mortale.
    • La seconda fase dell'anafilassi si manifesta quando i pazienti sembrano sulla via del recupero; per questo motivo è fondamentale andare al pronto soccorso, anche quando la vittima si sente bene.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Provvedere alla Corretta Manutezione dell'Epipen

  1. 1
    Conserva l'autoiniettore nella sua custodia finché non devi usarlo. La confezione tubolare protegge l'EpiPen in modo da poterlo utilizzare senza rischi in caso di bisogno. Lascia in posizione la sicura finché non devi procedere a un'iniezione.
  2. 2
    Osserva la finestrella di ispezione. La maggior parte dei dispositivi è dotata di una "finestrella" che permette di vedere il medicinale all'interno della confezione: il farmaco dovrebbe essere completamente trasparente. Se l'epinefrina è torbida o scura, significa che ha perso la sua efficacia a causa dell'esposizione a temperature estreme. Questo fenomeno può accadere in qualunque momento prima della data di scadenza. In base alle temperature a cui è stato conservato e per quanto tempo, il farmaco potrebbe aver perso parecchia o tutta la sua efficacia.[9]
    • In caso di emergenza, puoi usare anche l'epinefrina torbida, ma dovresti sostituire l'iniettore non appena ti rendi conto che il farmaco è avariato.
  3. 3
    Conserva l'EpiPen alla temperatura corretta. Dovresti riporre l'autoiniettore a una temperatura compresa tra i 15 e i 30 °C; l'ideale sarebbe tenerlo a temperatura ambiente.
    • Non metterlo in frigorifero.
    • Non esporlo al calore o al freddo estremo.
  4. 4
    Controlla la data di scadenza. L'EpiPen ha una vita limitata e andrebbe sostituito quando si sta avvicinando la data di scadenza. Il farmaco scaduto potrebbe non essere in grado di salvare la vita a una vittima di anafilassi.[10]
    • Se non hai nient'altro a disposizione, usa l'EpiPen scaduto. L'epinefrina deperita perde la sua efficacia, ma non si trasforma in una sostanza pericolosa ed è sempre meglio di niente.
    • Una volta usato il dispositivo, dovresti smaltirlo in maniera sicura; per farlo, portalo in farmacia.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Il medico o l'infermiere dovrebbe mostrarti come usare l'EpiPen quando ti viene prescritto.
  • Usa l'autoiniettore di epinefrina solo sul legittimo proprietario del dispositivo.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Specialista in Chirurgia delle Emergenze e dell'Area Critica
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Jonas DeMuro, MD. Il Dottor DeMuro lavora come Chirurgo Specializzato in Chirurgia delle Emergenze e dell’Area Critica Iscritto all’Albo degli Specialisti a New York. Si è laureato in Medicina presso la Stony Brook University School of Medicine nel 1996.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità