Come Vendere Online

Vendere online – un sogno per la nuova era. Stare seduti in pigiama a contare i soldi. Sembra che sempre più gente lo faccia – gente normale – ma come? A quanto pare basta un prodotto decente per essere già sulla buona strada. Con un po’ di ricerca sulle tue possibilità commerciali, potresti unirti a quell’elenco di imprenditori indipendenti al più presto. Passa al primo punto per iniziare.

Parte 1 di 3:
Affinare il tuo business

  1. 1
    Studia la concorrenza. Prima di vendere qualsiasi cosa online, devi conoscere i tuoi concorrenti. Se stai offrendo un prodotto non così unico, ma il tuo costa il doppio, richiede il doppio del tempo per la spedizione, e il tuo sito è difficile da consultare, i clienti non arriveranno. E, ciliegina sulla torta, ti aiuterà a trovare la tua clientela. Troverai il vuoto virtuale che attende solo d’essere colmato da te.
    • Dove si trova la tua concorrenza? In un’area specifica del web?
    • Quanto costano i loro prodotti? Quali sono i parametri?
    • Chi o qual è il più popolare? Capisci il motivo?
    • Cosa manca? Come potresti migliorare il processo per il consumatore?
    • Quali potresti usare? Quali non potresti? Perché?
  2. 2
    Perfeziona il tuo prodotto. Il negozio migliore senza un buon prodotto da vendere è inutile. Cos’hai da offrire alla gente? Cos’ha di diverso rispetto a ciò che è già in vendita? I clienti con cui t’interfacci hanno letteralmente accesso a centinaia d’altre opzioni simili alle tue. Perché la tua è migliore? Ecco alcuni punti da considerare:
    • Il tuo prodotto si vende facilmente senza essere visto? Come puoi fare in modo che sia così?
    • Qual è il prezzo più basso a cui puoi scendere?
    • Com’è formato il tuo pubblico? Cosa si aspetta? Come può essere raggiunto più facilmente online?
  3. 3
    Prepara un business plan. Potrebbe sembrare un po’ superfluo o uno spreco di tempo, ma è l’esatto opposto. Senza un piano, ti ritroverai con 100 ordini da smaltire entro domattina, nessuna risorsa, e in rosso per colpa delle spese di spedizione. Queste cose devono essere affrontate all’inizio per evitare il crollo successivo. Inizia a ragionare in questi termini:
    • Come gestirai le richieste? Hai un rivenditore? Stai creando tutto da solo? Cosa sei in grado e cosa non sei in grado di gestire?
    • Come spedirai i prodotti ai tuoi clienti (Indizio: approfondiremo a breve).
    • Per quanto riguarda le tasse e le leggi?
    • E le spese impreviste? Un dominio, un servizio di hosting online, marketing, pubblicità, ecc.? Hai pensato a tutto?
  4. 4
    Avvia un’azienda. Le compagnie online sono uguali a quelle reali; dovrai pagare le tasse e gestire la burocrazia locale (Stato, Paese – in base a dove ti trovi) per accertarti che sia tutto in regola.[1] Altrimenti, rischi multe salate o persino la galera. Nessun governo ama il commercio sottobanco, perciò accertati che il tuo segua le regole.
    • Varia di regione in regione. Per essere sicuro di fare tutto nel modo giusto, parla con amici e familiari o commercianti locali per informarti.
    • In caso di clienti internazionali, potrebbero esserci leggi aggiuntive da considerare.
  5. 5
    Occupa tutti i social network. Oggigiorno, se non sei connesso a Twitter, Facebook, LinkedIn, Pinterest, Instagram e tutto il resto, non esisti. Se un potenziale cliente ti trova su una di quelle piattaforme, può essere facilmente condotto al tuo negozio online. Altrimenti potrebbe non scoprirti mai!
    • E su quei social network, promuoviti. Parla del tuo negozio. Mostra i tuoi prodotti. Twitta le tue foto. Aggiorna lo stato con le promozioni. Fai girare la voce più possibile.
  6. 6
    Studia le tue possibilità. È un processo spaventoso, perciò scomponilo. Ecco le tue 3 opzioni di base quando si tratta della forma del tuo business online:
    • Usa una struttura esistente. Tipo eBay, Amazon o Etsy. Non devi fare più di tanto oltre ad avere un prodotto affidabile; il resto è pronto.
    • Usa un sito di commercio online per impostare il tuo negozio. È un progetto open-source o un servizio di hosting che sostanzialmente costituisce il tuo negozio personale ma tutto (analisi, modelli, processi di pagamento, ecc.) è pronto per essere utilizzato. È un’ottima via di mezzo tra non fare niente e fare tutto.
    • Progetta il tuo sito personale. Se conosci i linguaggi HTML e CSS (o qualcuno che li sa usare ed è disposto ad aiutarti), questa è l’opzione più soddisfacente.
      • Analizzeremo questi 3 scenari nel dettaglio nella prossima sezione.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Impostare il negozio

Usando una struttura esistente

  1. 1
    Considera una soluzione gestita da terze parti. BigCommerce, 3dcart, Shopify, Yahoo! Merchant Solutions od osCommerce (giusto per citarne un paio) sono terze parti che possono impostare un negozio per te (la seconda opzione citata in precedenza). A prezzi modici, imposteranno il tuo sito (sono disponibili vari stili a vari prezzi) e sostanzialmente ti toglieranno la preoccupazione della programmazione. Tutto ciò che devi fare è scegliere lo stile, caricare il prodotto, scegliere le preferenze di pagamento, e pubblicizzarti.
    • In altre parole, se non conosci l’HTML o CSS e non vuoi dover assumere un web-designer, questa potrebbe essere la soluzione. Ti offre maggior controllo rispetto a, diciamo, affidarti ad Amazon, Etsy o eBay.
    • Potresti volerla considerare come una tattica per diminuire i rischi. Se qualcosa dovesse andare storta, la responsabilità sarebbe loro e non tua.
  2. 2
    Vendi su eBay. Certo, è un po’ datato. Ma per vendere oggetti unici a prezzi convenienti, eBay è ancora l’ideale. Puoi impostare i prezzi, tener d’occhio le offerte, e farti una reputazione piuttosto facilmente. È un sito affidabile e ormai storico.
    • Ma è anche “storico”… nel senso che non va più molto di moda. Se sei in cerca di un costante flusso di guadagno, eBay potrebbe non essere la scelta giusta.
  3. 3
    Se vendi manufatti, considera Etsy. Etsy è un negozio online per oggetti d’artigianato e vintage. Se il tuo prodotto è descritto da una di queste parole, Etsy è il posto che fa per te. è molto semplice impostare il tuo negozio e interagire coi clienti – e il sito è in piena ascesa, oltretutto.
    • Etsy è anche una community – se hai domande, saranno felici d’aiutare. Puoi unirti a squadre di compratori e venditori e impegnarti quanto vuoi.
  4. 4
    Nel dubbio, ricorri a Craigslist. Forse il modo più rapido di guadagnare online è usando Craigslist (se hai qualcosa che la gente vuole, ovviamente). Tutto ciò che devi fare è scrivere un breve articolo nella sezione adatta e attendere le risposte. Tuttavia, non è vista come la più affidabile delle fonti. Tienilo a mente quando valuti le possibilità.
    • Craigslist funziona soprattutto nelle grandi metropoli. Se vivi in un paesino, è più probabile che i tuoi articoli siano ignorati.
  5. 5
    Vendi su Amazon. Amazon non è solo per le multinazionali. Chi l’avrebbe detto? Tutto ciò che devi fare è creare un account, elencare i tuoi prodotti e attendere gli ordini. Beh, almeno questa è l’idea.
    • Amazon è enorme. Accertati di offrire prezzi competitivi e spese di spedizione economiche, tanto per cominciare. Andrà meglio quando avrai migliaia di recensioni positive.
  6. 6
    Considera siti come Cafepress. È un sito in cui progetti i tuoi prodotti. Hai dei modelli e quando qualcuno ordina qualcosa, è creato appositamente. Puoi pubblicare sul sito qualsiasi cosa tu sia in grado di creare. Se non lo conosci, esplora! Ciò che hai da offrire si trova già o no?
    • Un negozio standard è gratuito! Puoi, tuttavia, ricevere funzioni aggiuntive pagando una tariffa mensile.
  7. 7
    Prova con le pubblicità e YouTube. Già, le pubblicità online. È esattamente ciò che sembra: video che promuovono prodotti (e pensavi d’averle viste tutte). Perché no!?
    • E per quanto riguarda YouTube, probabilmente si spiega da sé. Se l’obiettivo ti ama e sei un buon venditore, crea il tuo canale. Magari sarai virale!
    Pubblicità

Creando il proprio sito

  1. 1
    Registra un dominio. Se hai deciso di seguire la tua strada (congratulazioni! Può rivelarsi molto più semplice alla lunga), hai bisogno di un dominio. Alcuni suggerimenti:
    • Scegli un sito “.com”. È lo standard internazionale.
    • Evita parole lunghe, sbagliate, straniere e fuorvianti. “ilmigliorsitomaivistopervendereroba.com” non è una buona idea.
    • Cerca di evitare trattini e altri simboli superflui. I potenziali clienti potrebbero dimenticarli e confondersi, e potresti perderli.
  2. 2
    Scegli un servizio di hosting. Hai bisogno di un hosting in grado di darti gli strumenti necessari, fornirti una banda e uno spazio sufficiente d’archiviazione, e soprattutto in grado di offrire supporto in caso di bisogno. Costerà circa 5-10€ al mese e potrà essere perfetto o non proprio perfetto. Alcuni hosting da prendere in considerazione sono DreamHost, Hostgator, Bluehost, Linode e A Small Orange. Accertati di fare le dovute ricerche prima di scegliere!
    • Vorrai probabilmente installare uno “script carrello”. È gratis è il giusto hosting ti fornirà l’opzione. Nella scelta dell’hosting, accertati che offra “cPanel” con gli script “Fantastico” o, per gli utenti Windows, gli “Ensim Power Tools”. In questo modo, gli script di terze parti non saranno un problema.[2]
  3. 3
    Progetta il tuo sito. Ricordi quando abbiamo detto che sarebbe stata una buona mossa nel lungo periodo? È perché a fin dei conti, hai tutto il controllo. Puoi cercare i peli nell’uovo, puoi prenderti cura degli aggiornamenti, cambiare hosting se non sei soddisfatto – in sostanza, puoi fare tutto ciò che vuoi. Eccellente.
    • Potresti anche assumere un web-designer se non ti fidassi delle tue capacità. Accertati tuttavia di realizzare l’idea che hai in mente – non accontentarti della prima cosa che ti propongono solo per toglierti il pensiero.
  4. 4
    Ottieni un indirizzo IP dedicato e un certificato SSL. L’hosting te lo fornirà, ma probabilmente avrà un costo. Un indirizzo IP dedicato sarà molto economico, ma un certificato SSL potrebbe costare almeno 30€ l’anno. Perché serve? Beh, certifica la sicurezza del sito. In altre parole, cripta i dati, proteggendo le informazioni dei clienti. Assolutamente da considerare.
    • I registri di domini offrono anche i certificati. Se il tuo hosting chiede troppo in termini economici, guardati intorno e fai qualche paragone. Potresti riuscire a trovarne di più economici da qualche altra parte.
  5. 5
    Fai marketing e pubblicità costantemente. Sei il capo di te stesso. Sei in proprio e ora il tuo lavoro è farti conoscere. È fantastico, ma molto impegnativo. Per ottenere un flusso stabile di clienti, devi premere. Ecco alcune idee:
    • Resta attivo sui social network. Devi proprio twittare di nuovo oggi? Sì. La risposta è sì.
    • Entra in contatto con altri blogger. Essere attivo in una community consoliderà la tua reputazione. Soprattutto se i blogger fanno parte di una nicchia.
    • Usa Google Analytics. È pure completamente gratis. Vedrai da dove vengono i tuoi clienti e cosa cercano.
    • Considera i banner online. Ehi, bisogna investire per guadagnare, dopotutto.
  6. 6
    Trova un modo affidabile per farti pagare. A meno che i tuoi clienti non siano tutti dinosauri, avrai bisogno di qualche mezzo di pagamento. È solitamente un modo elegante di dire “PayPal”. In base all’entità delle tue vendite, tratterranno una commissione tra il 2,2% e il 2,9% a transazione. Un piccolo prezzo da pagare per l’incredibile comodità.
    • Potresti anche aprire un account dedicato con carta di credito, sì. Potresti anche usare una via diversa, come “2Checkout” o “Authorize.net”. Fai un po’ di ricerche online per scoprire l’opzione più economica e più adatta alle tue esigenze, in caso PayPal non bastasse.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Guadagnare

  1. 1
    Scopri le opzioni di spedizione. Hai il tuo negozio e il tuo prodotto e gli ordini arrivano – ora come li inoltri? Fortunatamente non devi andare in posta ogni mezz’ora! Ecco 2 possibilità da considerare:
    • Puoi servirti di un fornitore esterno che si occupi del tuo inventario nei magazzini. Ti farà risparmiare sulle spedizioni e dovrai solo comunicargli quando spedire gli ordini.
    • Poi c’è una magia chiamata “drop ship”. Praticamente il negoziante si assume tutti i rischi d’inventario e spedizione, e mantiene il proprio inventario, ma tu gli trasferisci gli ordini in entrata. Hai decisamente meno controllo, ma anche meno spese.
  2. 2
    Usa le analisi online. In particolare, Google Analytics. Essendo la tecnologia fantastica, tanto vale approfittarne. Puoi vedere da dove vengono i clienti, cosa cercano, e quanto tempo passano nei vari punti del sito – in sostanza, cosa può farti avere successo. Ed è gratis, perciò perché no?
    • Siamo onesti: è improbabile che il tuo negozio parta subito alla grande. Google Analytics ti aiuterà ad affinare la pagina, migliorandola a colpi di analisi.
  3. 3
    Sii piacevole. Il tuo negozio durerà solo se avrai più di un prodotto. Molta gente vende prodotti – hai anche bisogno di una personalità. Qual è la tua?
    • Ecco un buon esempio:
      Grazie per il Suo ordine! Speriamo che la Sua esperienza sul nostro sito sia stata gradevole e meravigliosa almeno quanto un tramonto, la colazione a letto e le ciambelle gratis. Per qualsiasi problema, non esiti a contattarci via email all’indirizzo “youremail@wikiHow.com”. Grazie ancora!
      - Tu, il miglior venditore del mondo
    • Ecco un cattivo esempio:
      Il tuo ordine è stato completato. Lo stiamo gestendo e lo spediremo in seguito. Se hai domande, per favore compila il questionario nella pagina ‘Contatti” e potresti ricevere risposta. Incrociamo le dita.
      - La tua compagnia antipatica, gestita da robot
      • La vedi la differenza? L’atteggiamento piacevole, onesto, da sappiamo-che-sei-una-persona-reale ti rende memorabile e, soprattutto, fidelizza i clienti.
  4. 4
    Prepara elenchi d’indirizzi e newsletter. Vuoi innanzitutto restare nella mente dei tuoi clienti. Vuoi che tornino prima di accorgersi di aver bisogno di tornare. Come si fa? Newsletter! Quando i clienti si registrano al tuo sito, ti forniscono la loro email, e riceveranno in seguito gli aggiornamenti o le tue offerte; in questo modo aumenterà il loro desiderio verso il tuo prodotto. Vincono tutti.
    • Certo, in quel caso devi avere delle offerte da proporre! È una buona idea organizzare dei periodi di saldi per tenere alta l’attenzione.
    • Falli anche sentire speciali. Fornisci offerte modellate sugli ordini precedenti. Sarà un ulteriore bonus del tuo sito, che pochi hanno.
  5. 5
    Resta in contatto coi clienti. Una volta che il prodotto è stato spedito, il tuo lavoro non è terminato. Ti conviene instaurare un rapporto coi tuoi clienti. Tieni a mente un paio di cose:
    • Manda un’email di conferma per ogni ordine. Accertati di mandare anche un’email quando tutto è stato spedito. In caso d’imprevisti, tienili sempre aggiornati via email.
    • Chiedi le loro opinioni! Alla fine del processo, manda una rapida email chiedendo un feedback sulla loro esperienza. Più feedback avrai, migliore sarà il tuo business – e più aumenterà il passaparola!
    • Sentiti libero di fare un’offerta dopo il primo acquisto. Può spesso trasformare un cliente occasionale in un affezionato. Mostragli l’attenzione che meritano!
  6. 6
    Impara l’HTML e il CSS. Sebbene non sia indispensabile, è sicuramente una buona idea. Se avrai la capacità di gestire il design del tuo negozio, sarai anche in grado di tenerlo sotto controllo. Altrimenti, lasci tutto in mano ad altri. Imparare queste cose ti aiuterà a creare un prodotto in cui credi e a cui i clienti possano interessarsi. Senza intermediari, sarà tutto più fluido.
    • Conoscere i segreti del web non potrà che giovarti. Sarai in grado di tenere il passo coi vari aggiornamenti e restare sulla cresta dell’onda. Quando devi dipendere dagli altri, non è facile. Imparare l’HTML e il CSS è una garanzia per essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza.
    Pubblicità

Consigli

  • Se sei agli inizi, vendi i tuoi prodotti di persone. Ai tuoi amici, familiari, in fiera, agli eventi cittadini, mercatini delle pulci – vedi le reazioni in tempo reale. Otterrai moltissime recensioni utili.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 14 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Internet

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità